I miei Video clips furlans

Loading...

28 gen 2008

Cjalant pal balcon dal gno studi o ai viodut ch'al neveave sù lis mês bielis mitudis tal teracin e us ai mitût 'ne foto.
Le manie di decorâ il teracin, a mi é vignude une vintine di agns fa parcé ch'o no savevi indulà meti le rôbe ch'a tornave da une mostre. D'in chel di, o no mi soi mai fermât e o cambi di tant in tant cuant ch'o ai timp o cuant che une idee gnove mi ven tal cjâf. Dome une vôlte o ai ricevût doi poliziots mandâts dal sindic par dîmi che il gno balcon a nol ere in regule cun le leç e o ai scuignût tirâ vie dut.Une setemane dopo, un fotografo ch'al ere vignût a fâmi une interviste al é vignût a mostrâmi il manifest ch'al veve fat pe so mostre di fotografîis. Il manifest al ere stât fat cun le foto de mê cjase e il titul de sô mostre al ere :127 Boulevard Lambermont. O soi alore lât al comun a disi che le mostre a ere impuartant e par me e pal fotografo (Al a fat ancje une mostre a Udin) e a mi vevin dât le permision di podê rimeti sul balcon ce ch'o volevi par un ant. Daspó, il sindic al é muart (No lu ai copât jo:-) e nissun âltri sindic al si é mai insumiât di disimi alc sul gno balcon.
Cussí, ogni setemane, a in d'é int ch'a passe, a si ferme tal miec dal boulevard e al tire une foto e o finis par cjatâ le me cjase, sui gjornâi dal mont intîr. O sai ben ch'o ai furtune parcé che dôs amiis di Forlí e di Parigji e an vulût fâ compagn in Italie e in France e aé rivade subite le polizie.
O varès plen di stôris da contâ li parsôre ma no puès fâle lungje ch'o stoi lavorant ma so lais achi on savarês che o ai dât il gust di fâ compagn a di chei âltris e cussí no finís mai di fâ e disfâ.


Guardando dalla finsetra dello studio ho colto una nevicata e vi aggiungo la foto del mio terrazzino. La mania di decorarlo m'é venuta une ventina di anni fa quando, non sapendo dove mettere la roba che tornava da una mostra, ho pensato di metterla lí. Da allora non mi son più fermato e cambio il tema secondo l'idea o le cose che ho disponibili. Solo una volta, un sindaco mi ha mandato due poliziotti a dirmi che se non tiravo via tutto mi avrebbe dato una multa. Una settimana dopo, un fotografo che aveva fatto un reportage su di me, venne a mostrarmi il manifesto che aveva preparato per la sua mostra, il quale comprendeva, la foto della casa e il titolo della mostra era il mio indirizzo. Andai allora al comune e ottenni di rimettere quello che volevo per un anno. Da allora non ho più smesso e il sindaco é morto (Non che lo abbia ucciso io, eh?) I nuovi sindaci sembrano apprezzare, e con tutti i fotografi che passano ogni settimana, finisco per trovar la mia casa sui giornali del mondo intero. Lo so che ho fortuna perché due amiche, una di Forlí e l'altra di Parigi, avrebbero voluto fare la stessa cosa e si sono urtate alla polizia fin dal primo giorno. Avrei un sacco di storie da raccontare su questo, ma non ho tempo, sto lavorando.

7 commenti:

Anonimo ha detto...

Quando avrai tempo, ti prego di raccontarle, queste sono storie che tanto catturano la mia attenzione, la mia curiosità...
sei forte!
Mandi
C.

Anonimo ha detto...

certo che lo hai affollato, quel terrazzino!;-)
Capucine

Furlans de diaspore ha detto...

Cjale se o fos stat jo, chi in Americhe o vares puartat il cas denant de Cort Supreme, cu le scuse che le pulizie e jere in violazion dal mio dirit di libare espression.

So passai pal belgjo mi tocjara' passa di che bandis :-)

Jaio ha detto...

Un giorno, per mettere sulla facciata di un negozio, dovevo fare un razzo di 3m di altezza tratto dalle storie di Tintin. Il razzo aveva il fusto che girava su se stesso, lampade lampeggianti e fumo che usciva dal reattore...Per il fumo avevo comperato una macchina computerizzata di quelle usate nelle discoteche e volevo provarla per vedere come funzionava prima di istallarla. Cosí decisi di metterala sul balconcino per non esser troppo disturbato all'interno. Dopo cinque minuti di osservazione sono stato chiamato al telefono e poi al piano terra e cosí dimenticai la macchina. Quando un'ora dopo cualcuno suonó alla porta d'entrata non avrei mai immaginato di trovare una decina di camion di pompieri con già le scale contro la facciata pronti a chissà cosa fare.Tutto finí nei migliori dei modi. Il capitano mi disse che aveva lo stesso modello per fare gli esercizi di soccorso e il mio cliente, per tre mesi fece l'attrazione giornaliera animando la sua strada da fumi inattesi. Poi dovette tirar via tutto per un'altro motivo. Ma questa é un'altra storia:-)

Ciao Capucine

Jaio ha detto...

Norman,
Tu sês il benvignût. O ti mostrarai il simbul de libertât di espression dai abitants di Bruxelles ch'al il manneken pis. Sa no tu lu cognos o ti dîs subite che le storie a é piçule piçule. Piçule come un mignul:-)
Senó và achi:http://www.terragalleria.com/europe/belgium/brussels/picture.belg10446.html

Anonimo ha detto...

:-)))
credo che non ti sarebbe difficile costruire anche un'astronave!;-)
ciao Jaio
Capucine

Jaio ha detto...

Potrei incominciare a farla ma quando incomincio non só mai come finirà:-)Le vie di scampo sono infinite;