I miei Video clips furlans

Loading...

24 gen 2008

Cûr glaçât


La poesie a no é nujâltri che une sucesion di peraulis ispiradis dal cûr tai moments plui biei o tai moments plui bruts. Le voe di pojâ jù dôs peraulis in rimis o zence, a ven spès da l'amôr, de bielece de nature, da l'esaltazion di un moment ispirât de nestre sensibilitât.
Chê altre dí, cjacarant di Cadel, un ch'al passave al si ere pontât sul valôr di un poete in front di un'âltri e al ridiculizave il Cadel parcé ch'al doprave lis rimis.
Sù ce ch'al a dite dopo, no mi soi fermât ma al mi é someât batocjo il so disdî.
Come se par sei poete al bisugnarès butâ vie dutis lis maniêris di sintî sa no son di mode.
Il libri di 170 pagjinis intitulât: Poetando al é stât fat tal 78 a Davar. Lu ai parcé che drenti al ind'é alc di famee par cjargniel e par talian e al mi plâs di fâ sunâ cualchi strofe par fâ rime a ducj chei ch'a volaran zontâ alc, ancje so sai che in Cjargne come in Friûl, di nature al si tâs.
Impressioni d'inverno
Ovattati fiocchi di neve
che come mille ballerine
impegnate in un morbido balletto
vestiti di candide purezza
scendete volteggiando armoniosi
per adagiarvi silenti al suolo,
aiutati dal lieve scopiettio
che giunge dal fuoco del camino
saziate il mio cuore di poesia
.

Danilo Romanin

5 commenti:

Jaio ha detto...

Si o sai, o varès di fâ neveâ par dâ plui fuarce.
Si, lo so, dovrei far nevicare per dargli più forza:-)

Anonimo ha detto...

Come è bella ...!
:-)
Chapucine

Jaio ha detto...

Roba semplice ma che và bene con una fetta di polenta:-)

Anonimo ha detto...

Mandi...soi chel ch'al ma mitut dongje i viers di Cadel cun chei Pasolini..e no jeri tal blog parvie che o passavi di lì come che tu scrivis tu...ma parvie che la puisie mi interesse, ce tant e di tant. No ai nuie cuintri lis rimis, e lu ai parfin dite... resonavi dome (?) su la sostanze di chel che a sostegnin. La puisie a bisugne di alc di plui di un "sunor ninin" par svuelà. Ognun al à i siei guscj e chest al è normal..ma meti dongje doi test a je une operazion plui che juste cuant che cualchuidun (in chet cas tu) al met a confront doi autors e al dà il so judizi.. Che al sarà biel, sintuut, come no, ma simpri e par definizion ugnul. Tant che il me.

Jaio ha detto...

Ben dite. O m'inclini. Come ch'al é pitôr, o mi eri trasformât in Cadel e le vevi cjapade come une piçade personâl rispuindint pes rimis...:-)