I miei Video clips furlans

Loading...

29 gen 2008

Culture triestine

No met frontiêris in te culture e alore o scuen dî alc di Triest. O vevi preparât cualchi alc da publicâ in tal câs di esi masse ocupât come ch'al sucêt pal moment e alore us zonti chest articul prime di fâ colaseon (Uf, mi soi ponet tart iar sere:-):
E je une antologjie di poets triestins voltâts par furlan l’ultin libri de golaine "Piccola biblioteca di autori friulani", publicât de Biblioteche civiche di Pordenon, par cure di Ofelia Tassan Caser. Lu fâs savê il sît de Patrie dal Friûl. La gnove contribuzion a lis letaris furlanis e ven di Zorç Faggin, autôr dal "Vocabolario della lingua friulana" dal 1985. L’operazion di voltâ Umberto Saba, Virgilio Giotti, Carolus L. Cergoly e Claudio Grisancich e je scrutinade, te prefazion, dal critic leterari Rienzo Pellegrini, che al marche la direzion fissade di Faggin cun cheste gnove operazion culturâl: la necessitât dal dialic, un esercizi di stîl e un model di lenghe «a tutto campo»
Il nome Friuli, basterebbe cosí ai friulani ma bisogna dire Friuli Venezia Giulia. Visto da un italiano medio, ci si abitua. Visto da uno straniero, sembra anche ridicolo. Ma tinfatti il Friuli
se prima era unificato dalla lingua, poco a poco s'é diviso in culture diverse. I baricentri, per semplificare, rimangono Trieste, Udine e Pordenone. Questo FVG sarebbe in realtà un TUP. E vero che il friulano prima si parlava dappertutto, anche a Trieste. Ormai, bisognerà fare i conti sui punti più influenti. E bello che ci sia concorrenza ma é anche bello di condividere ció che si ha, anche se per far cosí bisogna tradurre da una lingua all'altra. Qua, appunto, delle pubblicazioni di autori Triestini in lingua friulana, provano che l'animosità tra le due comunità non é sempre quella che si crede.

Nessun commento: