I miei Video clips furlans

Loading...

18 gen 2008

Vittorio Cadel, il miôr dai furlans


Sa nol fos muart in vuere tal 17 al varès podût deventâ il plui grant dal siecul.
Ogni vôlte ch'o tiri fûr il libri Fueis di lèria o stoi cun lui 'ne setemane o dôs. O tegnarès il libri simpri ator dal jet sa nol fos che par finî o no sai plui nancje cjaminâ enfre lui e chei âltris.
I sintiments da lui a son simpri clârs e nets. A si capissin subite e zence sbaliâ.
Si sint che lui a nol veve nue da platâ e al lave dret su le peraule juste.
Pasolini, di sigûr lu veve lèt, parce che il prin libri Fueis di Léria al ere vignût fûr tal 1908 e il secont tal 26. Forsit par chel il Pasolin al si ere mitût a piturâ ancje lui tant c'al si noiave a Cjasarse. Nue di comparâ enfre i doi sù le piture. Il Cadel al ere un maestri comparabil pluitost a un neoclassic pal risultât. Pe maniêre ch'al veve di menâ il pinel e le pene come une spade al sarès invesit di comparâ a un muschetîr a un Dartagnan che in 5 e 4 vot al cji fâs un 7 in te cjamêse :-)tant che lui in dôs trê pineladis a cji faseve sù il cuarp di un omp e s'al lave ben ancje le anime.
Al veve le piture tal sanc. Il Pasolin al a piturât un pôc, juste par provâ, po al é colât tal cine come che nô o sin colâts tai computers e il Cadel al colave dal so aereo.
Te poesie il Pasolin al é dut un torment là che invesit il Cadel al massim al a juste nostalgie. Le muart dal prin a sarès plui onorabil parcé ch'al é muart tal cîl e sot de vuere ma nissun al puès dî cemût ch'al é miôr di sei sot tiere parce che là o sin ducj compagns. Al mi displâs plui dal prin che dal secont, chel sí.
Al meretarès di sei cjantât e scuignarai fâ alc se nissun lu a ancjemó fat e se 'ne dí o sparís di achi, al puès dâsi ch'o sedi a lavorâ cun lui. O ai cirût sù internet e o ai cjatât 20 sitos cul so non e ducj dome par inglês. Nissun par talian e ancjemó mancul par furlan. Al si disarès veramenti che se nô o fasin culture o sin te agriculture.
Il so autoritrat us da l'idee dal pinel ch'al veve ma us zonti ancje il so autoritrat fat cun le pene:

I soi pitost bassut comi statura
Ma cencia gobis, dret comi un fusiel
No soi ne biont ne moru par natura
Ma di colôr c'al à dal bastardel

La bocja e il nâs taiâs justa misura
E il ciùf 'na cuarta lunc sot dal cjapiel
Tal cjacarâ, tal fâ, ta l'andatura
jó no mi scjaldi e i soi benon parchel

Doi vôi tai e cuâi la limadura
Just, vanitous, sinceir, dispetosel
Bon una vôlta sola e fin ch'a dura

Dûr e ustinât, al dopli dal cjargniel
Apasionât a muart da la pitura
Inamorât di dut ce ch'al é biel.
Vitorin Cadel

Traduzione
Sono piuttosto basso di statura
Ma senza gobbe, diritto come la fusaggine
Non son né biondo né moro per natura
Ma d'un colore che non é puro
La bocca e il naso tagliati su misura
E il ciuffo lungo una spanna sotto il cappello
Nel parlare, nel fare, nel camminare
Non mi affanno e sto bene proprio per questo
Due occhi grigi e lucenti (Come la limatura, la polvere metallica che cade limando)
Giusto, vanitoso, sincero e un pó dispettoso
Buono una sola volta e fin che dura
Duro e ostinato, due volte più di un carnico
Appassionato da morire della pittura
Innamorato di tutto ció che é bello.

Pagina web sul Cadel: <----fai un clic su questo link

10 commenti:

furlan (di planure) ha detto...

Ti dîs la veretât chest to cjâr Cadel di Fane, se no leievi alc di te, no varès savût nancje che al fos stât in chest mont.

Cirint o ai cjatât alc a chi http://www.natisone.it/furlanis/pagjne01.htm
Mi lu lei vulintîr, graziononis de segnalazion.

Jaio ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Jaio ha detto...

O consêi a ducj di lâ a lèi chiste pagjine dal Aldo sul natisone.it.indulà ch'o cjatàis ancje altris poesiis. O no m'inpensavi di vêle zà lete. Da meti da bande e lâ a netâ il cernêli cuant ch'al é masse incuinât di policadis.

Anonimo ha detto...

Grazie per la traduzione!
:-)
Chapucer

ILfurlanist ha detto...

biel ricuart. o ai cjatât alc li dal Dizionari Biografic di Nazzi:

CADEL Vittorio
pittore, poeta (Fanna 4.10.1884 - Salonicco 1917). Studiò all'Accademia di Venezia, a Firenze e a Roma. Si diplomò a Firenze nel 1908. Fu insegnante di disegno. Pilota militare, cadde nel cielo della Macedonia. Nel 1908 ha pubblicato Fueiz di leria, un libro di versi, scritti nel friulano di Fanna, di notevole valore, che ha già avuto sei edizioni (1908, '29, '68, '74, '84, '90). Le sue poesie sono state tutte tradotte in francese da A.Vallan e parzialmente in inglese.Anche come pittore rivelò ottime capacità. Suoi dipinti nel Museo di Udine e nella parrocchiale di Fanna.

ILfurlanist ha detto...

une biele figure, chê dal pitôr-aviatôr. sarès di aprofondîle

Jaio ha detto...

Infat, cuissà cemût ch'al si é fat butâ jù...Al ere forsit daûr a disegnâ alc tal cîl o ben al cirive une rime sul sorêli ch'al cucave dai nûi:-)

Jaio ha detto...

So sês in vene di poetâ, lait achi:http://www.youtube.com/watch?v=c9hG-oJnCh0&feature=channel_page

Anonimo ha detto...

Hello,nice post thanks for sharing?. I just joined and I am going to catch up by reading for a while. I hope I can join in soon.

Jaio Furlanâr ha detto...

You'r welcome. Where are U from?