I miei Video clips furlans

Loading...

28 feb 2008

Capis / Conchiglie


Spirali d'avorio deposte
le venature accese nella sabbia
- accostare -
l'orecchio e sentire
l'abisso dentro un suono
eterna sospensione
Chapucer


Robis
ch'a vegnin fûr stant achi sù chest blog. L'autôr a si dilete a poetâ dopo vê vidût le piture. Chiste vôlte lu veve fat prime. Cemût îsal pusibil? Po ben o ai piturât dopo.
Us saludi e o torni le setemane ch'a ven.

27 feb 2008

l'ûf daur / L'uovo doro

L'imagjinazion e varès di cjapâ il podê. Dutcâs, so in vês avonde, al sarès pecjât di no doprâle par fâ lâ indenant le societât. Pecjât che a scuele a no si insegni a svilupâ le imagjinazion dai fruts come ch'a si varès di imparâ lis rôbis elementârs da savê 'te etiche o 'te medisine invesit di chês materîs che il 90% dai students a no dopraràn plui par dute le vite.
Duncje, cun tun ûf, ce si puedial fâ? Une vôlte ingrandît a si puès fâ 100 fracs di rôbis. Il plui divertent al é stât bateât: Le nape ûf ch'o viodês achi dut di àur vistît parcé che se le idee a é buine a i dà plui valôr. Inutil dî che il gno client ch'al fabriche cusinis di marcje Eggo al é interessât. Al bastave juste ch'o le fasedi par me e cumó a puès fâ il gîr dal mont.


L'immaginazione dovrebbe prendere il potere. In ogni modo, se avete immaginazione e fantasia, sarebbe peccato di non adoperarla per far andar avanti la società. Un'idea, sovente ne genera un'altra ed é peccato che a scuola, non si insegni a sviluppare l'immaginazione dei bambini come del resto i rudimenti di base di etica o di medicina al posto di quelle materie che fuori dalla scuola il 90% degli studenti non adopererà più per tutta la vita.
Dunque, una volta ingrandito, cosa si puó fare con un uovo?
Il più divertente l'ho battezzato il K uovo. L'ho vestito in oro perché cosí l'idea di cappa sembri aver più valore. E adesso? Poiché da me funziona cosí bene, la fabbrica di cucine Eggo dovrebbe esserne interessata (Gli ho appena fatto un uovo di 2,30). Bastava solo farne uno per me. Adesso puó fare il giro del mondo.

Le regjon dal Picolit d'invier.

In vino veritas...Se la veretât a é tal vin, il Picolit al é un vin enfre i plui nobils. No dome parcé che da simpri al fâs part des taulis di ducj i rès de Europe ma parcé che par tirâlu sù al ûl volontât, mistîr, pazience e savê. A si lu vendemie il plui tart pusibil ma prime ch'a rivin lis plois e po si lasse secjâ fin a Nedâl prime di invidâ ducj i vissins a selezionâ i âsints par fâ il vin e scartâ chei fraits zence scartâ chei cun le mufe nobil.
A si imbutilie dome un ant dopo, in tune sere frescje e zence lune.
A si dîs ch'al sedi di un colôr paierin cjariât, alcolic ch'al tire sui 12° e mieç, delicatamenti profumât, armonic, sut, dôlç e un pôc mol, di savôr speciâl, inconfondibil, gradevulissim e licuorôs da fâ invecjâ ma chestis serenadis passe-partout ae francês fatis da enologos ch'a no an voe di comprometisi a son da scartâ ancje parcé che chel ch'al impuarte di plui a nol é cun ce ch'al si bêf ma cun cui. 
Duncje, premurôs di fâ biele figure o ingordons par no lassâlu invecjâ, o vierzarín le butilie a pene comprade sperant di vê enfre di nô un poete ch'al nus disi le sô opinion par podê gjoldi di plui. Si parce che piturâ il Picolit, al sarès vê dome il colôr, scolpîlu al sarès vê dome le butilie e cjantâlu al sarès bevi le butilie di besôl e il vin, massime chest, al si a di bevi in compagnie. Ma cuâle compagnie? A si dîs ch'a no si a asolutamenti di ofrîlu a es feminis sot pene ch'a us disin di sí...
Duncje so frantumais chiste biele regule popolâr o sarês perdonâts. 
Se po o colais sun tune poetesse veneziane come Veronica Franco ch'a diseve che in Friuli se magna ben e se beve mejo o su Carla Bariffi ch'a puedarès dîus che il vuestri vin a no i fâs pensâ ae ùe ma al polin des rôsis diluît in te rosade, alore li, o stais frescs parcé ch'o vês e le femine e le poete e se al prin cin cin o jevarês il mignul cun distinzion daspó o ievarês dut il rest fint al ûltim ron ron.
Da ofrî in butilîs di un cuart parcé che i plasêrs plui curts a son simpri i miôrs.

La selezione degli acini
Se la verità é nel vino,
il Picolit é un vino tra i più nobili. Non solo perché fa parte da sempre dei vini selezionati nelle corti europee ma per farlo ci vuole volontà, mestiere, pazienza, sapere.Si vendemmia il più tardi possibile e poi si lasciano i grappoli appesi fino a Natale prima di selezionare gli acini scartando quelli marci ma lasciando quelli con la muffa detta nobile. Si imbottiglia solo un'anno dopo e si dovrebbe lasciare invecchiare ma noi siamo sempre vecchi abbastanza per non aspettare troppo e ingordi o premurosi di far bella figura, appena si ha una bottiglia in casa la si apre, la si gode e basta:-)
Si dice che sia di colore paglierino carico, alcoolico, delicatamente profumato, armonico, asciutto o dolce, un po' molle, di sapore molto speciale, inconfondibile, gradevolissimo, è un vino liquoroso da invecchiamento ma queste serenate passe-partout alla francese sono da ridere e sono solo fatte da gente che non si vuole compromettere.
Io direi che a ogni occasione avrà la sua storia e lo offrirei volentieri a un poeta per farmelo godere di più poiché se lo dipingo avró solo il colore, se lo sculpisco avró solo la bottiglia e se lo canto vuol dire che ero da solo per berlo e il vino, sopratutto questo, si deve gustare in compagnia.
Ma quale compagnia? Si dice che non sia da offrire né alle signore né alle signorine sotto pena che vi dicano sí. Ma chi, da maschiaccio non infrangerà questa bella regola?
Se poi vi succede di cadere sù una poetessa veneziana come Veronica Franco che diceva che in Friuli se magna ben e se beve mejo o una poetessa come Carla Bariffi che vi potrebbe forse dire che e' un vino che non fa pensare all'uva, ma al polline dei fiori diluito nella rugiada, allora, allora sí che avrete fortuna perché avrete la donna e la poetessa insieme e qualsiasi cosa vi dicano sarà comunque sufficente per farvi alzare con distinzione il mignolo col bicchiere per fare il primo cin cin prima di alzare tutto il resto e fare l'ultimo ron ron. Si offre in bottiglie da un quarto perché i piaceri più corti sono sempre i migliori:-)



26 feb 2008

La telarine / La ragnatela

Al sucêt che lant ator pe telarine a s'incuintre ancje int interessant:-) Achi dongje, une composizion di Elio Copetti ch'a podarès sei in relazion cun le telarine web ma che lui al a intitolât: Losing your face.E che cualchidun al a comentât disint:That's right. I lost my face and even my temper to try to find a key to enter, a way to stay, a day to understand and a night to think about:-) Ce ch'al é interessant al é cê che un artist al puès suscitâ in tun âltri. Si sà che i artiscj a son come spiêlis indulà che dut ce ch'al va dentri une dí, un indoman al orne fûr a so maniêre siervît in tun plat, incuadrât o no, e che in front di lui, artist o no a tu disarâs ancje tu, cual ch'a sêti le to istruzion, ch'al cji plâs... o no secont dal to gust.Forsit une dí un psicologo al podarès cjapâ chest disegn par doprâlu in tes sôs analisis e dînus i segrets dal cjâf dal autôr come dal comentatôr par viodi cui di lôr ai puedarès spiegâ ce che nancje lui nol a capît:-) Ars longa vita brevis
Presto, via da Elio Copetti a vedere cosa succede di nuovo. Saró assente per via di lavoro.

24 feb 2008

El strop / l'Incontro

Une lampadine brusade e une butilie a pene screade. Une butilie, sa no si é in companie, a va facilmenti dal misdi ae sere par une dí o dôs, ma il strop di sughero al é masse dificil di tornâ a meti drenti. Parcé dâsi fastidi? Baste une biele lampadine brusade par fâ un biel strop.
Da anni questa lampadina aspettava l'occasione per saltar sulla bottiglia ma le bottiglie andavano avanti e indietro senza sosta ignare che a poca distanza ci fosse una lampadina che aspettasse di bruciarsi l'anima per rinascere sotto una nuova identità. Naturalmente, per l'occasione avrei potuto vestirla di nuovo ma chi l'avrebbe riconosciuta? Da un mezzogiorno all'altro farà bella figura anche nell'angolo più remoto di una cucina.

21 feb 2008

Dio ti vede e anche io / E jó compagn

Il vôli al sintile tal scûr. Al a l'iride fat cun plui di cent puntins di fibris otichis che cambin i colôrs cidins cidins. Al é nassût une dí as 7 di buinore. Tal laboratori o vevi cjatât un toc di vôli ch'al ere stât taiât fûr da une mûse il dí prime. Le sere al ere pront. Al é un vêr eyecatcher. Al tire i vôi. Nol é il "dio ti vede ch'al si crôt", al é il contrari.
Dopo chest di 60x60cm o in fasarai un di 120x120 cul vôli ch'al si mûf s'al passe devant une femine.

L'occhio scintilla nel buio. Ha l'iride fatto con cento punti luminosi di fibre ottiche che cambiano di colore in silenzio. E nato una mattina alle 7. Nel laboratorio avevo trovato un occhio tagliato fuori da un viso il giorno prima. La sera era pronto. E un vero eyecatcher. Attira gli sguardi. Non é il "dio ti vede" che si crede, é il contrario. Dopo questo di 60x60cm ne faró uno di 120x120cm con l'occhio computerizzato che segue con lo sguardo la donna che lo guarda incredula:-) Prometto che ne faró un videoclip:-)

Franco Dragone

O sai, o sai, i assents e a simpri tuart ma chiste vôlte o ai rason. Ai omps, s'al é une cuistion di cûr o une cuistion di lavôr a si é obleâts di scusâiu. Duncje o sin daûr a fâ il stampt dal ùf ch'al sarès un uvon di 2m30. e ch'al a di lâ in tune fiêre par lunis. Alore ducj sot ancje le gnot. O mi concêt une pause doman di sere par lâ al vernissage de mostre "Sartôr di siums" fate da Franco Dragone ch'o cognossês, no? Ma si mo si, al é un poete particolâr ch'al a fat sù le scenografie dal Cirque du soleil, chel ch'al a fat le scenografie a Celine Drion, chel ch'al a fat un an di spetacul a Las Vegas, che ch'a...Insome, so no sês invidâts al ûl dî ch'o us invidarai jó ae prosime. Ae prosime:-)
------/-------
Lo so, lo so, gli assenti hanno sempre torto ma questa volta ho ragione. Agli uomini, se c'é una questione di cuore o una questione di lavoro bisogna scusarli. Dunque stiamo facendo lo stampo dell'uovone (Strano che in spagnolo uevon voglia dire fesso...:-) Che deve andare a una fiera lunedí. Allora tutti sotto anche la notte se occorre. Mi concederó una pausa domani sera per il vernissage della mostra Tailleur de rêves di Franco Dragone che conoscete, no? E quel poeta che ha fatto la scenografia per Le cirque du soleil, per Celine Drion e che era per un anno col suo spettacolo a Las Vegas (12 milioni di turisti all'anno:-) Insomma, se non siete invitati é solo perché non gli avete fatto i manichini per la mostra:-) Non vado quasi mai a queste mondanità perché non ho tempo ma domani avró bisogno di un break.
Storiette extra:
- Una ragazzina che abitava qua sul boulevard, andando a scuola si chiedeva sempre cosa succedesse da me. Un giorno spinse la porta e oggi si trova come assistente da Dragone:-)
- Un certo Elio , che usa il papillon come cravatta, era stato coinvolto in uno scandalo perché era omosessuale. Ha perso allora le elezioni e da ministro che era é diventato sindaco ma farà l'apertura della mostra perché come Dragone é d'origine italiana e abitano tutti e due la stessa regione di Mons-La Louvière
- La mostra si tiene nel vecchio mattatoio della città appena ristrutturato. Ammazzate!
Alé op vado. Seguito domani se non sono troppo sbronzo...Meglio dopodomani perché lo saró di sicuro:-)
-

20 feb 2008

Concors leterari / concorso letteraio


In un sito sanmarinese tenuto da una friulana, troverete la storia di un tesoro di una principessa gota scoperto nel 1897 da un contadino mentre lavorava in un campo. Il tesoro fu venduto e sparpagliato in diversi musei ma questa volta é stato ricostituito e sarà in mostra a san Marino fino al 2 giugno.Il più important per colui o colei che si sente di scriverci sopra, é il concorso letterario che troverete nel sito.

In tun sito sanmarinês tignût par une furlane o cjatarês le storie dal tesaur di une principesse gote cjatât par un contadin ch'al lavorave un cjamp tal 1987. Chest tesaur al é in tune mostre di san Marin fint al 2 di giugn ma il plui impuartant al é il concors. Cui ch'al si sint di scrivi une storie sù chest tesaur ch'al ledi a lèi ce ch'al a di fâ.

19 feb 2008

Think big

Ogni paîs cun tun tic di caratar al a alc ch'a lu identifiche. In Italie, ogni sitât e à il so simbul ch'a si asimile cul passâ dai agns come ch'a fos dome chel. Cualchi vôlte l'imagjine e gambie. O m'impensi che Triest, prime a veve simpri le glêsie di san Just. Cumo invesit, a mostrin il ciscjel di Miramare. Cui no cognossial il plui grant simbul dal mont? Pe sô altece sui 300m a é deventade il simbul di Parigji da plui di 100 agns. In chei agns, ogni paîs al si sfondrave di debits par fâ il so padiglion a esposizion universâl. Cumó a nol é plui compagn. Le Americhe te ûltime Expo di Hannover no ere nancje vignude. L'Italie e mostrave praticamenti dome la Ferrari, le mode e Napoli. Insome nuje di viodi. Le ûltime grande esposizion di chest gjenar aé stade tal 1958 a Bruxelles. Come a Parigji, il padiglion dal paîs organizatôr al é deventât il simbul de sitât e al é a pene stât ristruturât. Par chest o ai scuignût fâ chiste cartuline...Surealiste. A la Magritte. Par fuarce, al stave achi un te stesse strade!

Ancjemó un progjet finît tal âghe come il progjet de tor coniche di Gjenove di 20 ains indaûr (Foto mê). Ch'al sedi stât il Grillo a oponisi?


Ogni paese ed ogni città che ha un pó di carattere ha anche il suo emblema, la sua immagine che l'identifica. Ormai, la tour Eifel fa pensare a...? Il colosseo a... ? L'Empire state building a...?
La torre di 750m nella foto sopra a...? Hahaaa:-) E Udine a...? Niente, ci sono cosí dei paesi che non hanno niente. Visto la Svizzera? Ebbene siamo un po svizzeri anche noi.Ma anche a Genova. 20 anni fa le forze politiche e un grande trust privato stavano per fare sul porto una torre di 262m con un grande centro commerciale e culturale sul disegno dell'architetto americano John Portman (vedi foto). Che sia stato Grillo ad opporsi? Comunque Genova non ha ancora il suo simbolo. Invece Bruxelles ha l'Atomium che é il padiglione Belga costruito per una delle ultime grandi esposizioni universali (1958) .
Adesso che é stato rimesso a nuovo, dovevo dirlo, a me piacerebbe trasformarlo cosí. Alla Magritte. Non abitava forse qua vicino a casa mia nella stessa strada come Jacques Brel?

Progetto di Portman per il vecchio porto di Genova

Altro articolo correlato a René Magritte:

Vuê alcaltri / Oggi quancosa d'altro

Une zovine russe di buine famee a si spôse enfre dôs setemanis a Moscje.
Là, a son convints che le lenghe taliane a sêdi la plui biele par cjacarâ d'amôr e ancje par cjacarâ tout court. O varès chê di fâ une cjançon in talian par cheste biele mule. Di nascuindon. No dal so omp ma da chei furlaniscj ch'a infestin la rêt achi ator:-)
Il fat al é che chiste zovine a no sa nancje che le lenghe furlane a esist e a impare il talian. Duncje, come che in Russie i matrimonis a son fats di ritos e di tradizions, jê, come dutis lis principessis di une dí, e à di viergi il bal cun tune cjançon sielzude pe ocasion e che jê, convinte che par talian a sune miôr che in chês âltris lenghis, a voleve cjatâ enfre dutis chês ch'a esistin. Ma no le a cjatade. O ch'a son masse dramatichis o masse pôc romantichis, o masse complicadis, o masse pôc serenis e, insome nuje.I bastarès alc di semplic, otimistic, dôlç par balâ parsôre enfre i braçs dal so principin cjalantlu in tai vôi o cisicant alc di biel in te vorêle. Ma a é ancjemó daûr a cirî. Sul che, o varès di rivâ jó cul gno otimismo di canai par ch'a no crodi che le cjançon taliane a é dome napoletane. Duncje o ai fat vuê di buinore un schizzo e lu met achi par cirî qualchidun ch'al meti parsôre lis peraulis. Al mi fasarès veramenti plasê par chiste mule se Chapucer, ch'o cognossês, a rivi adore a scrivi parsôre.Le struture principâl in pîts a é cheste:
6-6-6-6 / 4-4-8-5-8-5 / 7-6-7-17 / 3-3-3-3-3-7-3-3-4 . Il dut, fat dôs vôltis.
Scoltait il schizo e viodêt s'al us ispire.
Mandi


Oggi qualcosa d'altro. Una giovane russa di buona famiglia si sposa fra 2 settimane a Mosca.
Là, sono convinti che la lingua italiana sia la migliore per parlare d'amore e anche per parlare tout court. Dunque, i matrimoni in Russia sono ancora fatti con i tradizionali segni che dal primo all'ultimo momento di questa giornata sfiorano le emozioni e perpetuano le tradizioni. Una di queste tradizioni ormai in uso dappertutto, viene di sicuro dalla grande Russia degli zar dove ancora si parlava francese e dove il ballo di matrimonio era aperto dagli sposi su un'aria scielta per l'occasione dalla sposa, oggi principessa d'un giorno per tutti i presenti e forse principessa per sempre per il marito.
Questa ragazzina, s'era già sposata l'anno scorso e dopo il divorzio, questa volta si risposa per sempre con un'altro ragazzo. Racconteró forse la storia più tardi ma per ora é lei che importa. Non vuole nessuna nuvola di dubiti, di pessimismo, di tristezza. Solo ottimismo, serenità, amore eterno, romantico, sentimentale, puro, schietto, bello e chiaro e tondo:-)
Dunque dal mio schizzo fatto stamattina ho chiesto al più prolifico di voi di provare. Quest'esperienza é forse troppo personale per farla in pubblico, ma noi non abbiamo paura dell'avventura:-) Quelli che non partecipano possono assistere. La struttura in numero di piedi é questa: 6-6-6-6 / 4-4 / 8-5-8-5 / 7-6-7-17 / 3-3--3-3-3-3-3-7-3-3-4 . Fatto due volte (Magari, una volta per lui e una volta per lei:-) Poi se c'é bisogno si adatta o si cambia dove occorre. Un suggerimento: L'hook cade sul 3-3-3- e dovrebbe essere il titolo, ma viva la libertà.

PS: Le immagini sono messe solo per non lasciare lo schermo nero perché sui blog é più facile caricare video che MP3.

18 feb 2008

Une place a câs / Una piaza a caso

Proseguo nel bello che incomincia adesso. Questo é il municipio del comune dove mi trovo(Bruxelles é formato da 19 comuni).
In mezzo a quest'aiuola, ho notato che non sanno mai cosa mettere. Pasqua é il mese prossimo e sarebbe ora di pensarci. L'uovo sarà di 2m50. I fiori dipinti corrispondono alla stagione ma anche all'emblema di Bruxelles che é l'Iris. Il sindaco é giovane e aperto. Dovrei convincerlo ad utilizzare questa aiuola come punto di riferimento mettendolo alla disposizione degli scultori che lo vogliono. Spero solo che ce ne saranno abbastanza...Non vorrei esser obbligato di farne una al mese:-) Se vedete un piazza o un posto, tipo una rotonda, che avrebbe bisogno di una scultura, mandatemi la foto.

O voi indenant cul gno progjet di imbielî lis placis ch'a mi capitin cun tune sculture provisorie- definitive. Achi o ai cjatât un puèst indulà ch'a no san mai ce meti. Cun le primevere e Pasche o speri ch'an varan avonde di chest ûf di 2m50. Se po a vuelin, a podaressin dâ l'ocasion a ogni artist di meti une sô opare. So viodês une place o un puest indulà ch'al larès ben une scultûre, faseit une foto e mandaimile. O cjatarai simpri alc di meti.

Al criche il dí


Un cjanton di cjase al cricâ dal dí.
O ai le furtune che cuant ch'o no ai timp di scrivi al mi baste cjalâ ator di me e o cjati subite alc di interessant di mostrâ.
Si viodin. Mandi



Un'angolo dello studio all'alba.
Non ho tempo di scrivere ma prima di accendere la luce vi metto la foto di un angolo di casa presa all'alba.
Ci sentiamo.
Mandi

17 feb 2008

Dîs paromp / Dieci ciascuno


No si puès sei poetas zence un tic di folie (Ciceron)
Le raze dai poetas a posseit le libertât. (Orazio)
Nol é ogni ant ch'a nassin poetas e rés. (Lucius Florus
La poesie a é il vin dal djaul (St. Augustin:)
I cjavai e i poetas e an di sei nudrîts, no ingrassâts (Carlo IX re francese)
L'art a no fâs âti che lis rimis. Il cûr al fâs il poete (André Chênier)
Le societât e a bisugne di poesie come le gnot e a bisugne di stelis (Chevalier de Bouftlers)
A no si puès cjatâ poetas di nissune bande cuant ch'o no in vin un in sé.(J.Joubert
La poesie a si cjate dapardut ma dome pôcs a san viodile. (Léon-Paul Fargue)
La poesie a no cîr discepui a cîr amants (Federico Garcia Lorca)
Le foto a ven da un mûr venezian
Pavese, Cesare:
Far poesie è come far l'amore: non si saprà mai se la propria gioia è condivisa.
Baretti, Giuseppe:
La poesia consiste nel dire studiatamente una cosa comune.
Claudel, Paul:
La poesia non è fatta di queste lettere che pianto come chiodi, ma del bianco che resta sulla carta.
Soldati, Mario:
Il vino è la poesia della terra.
Leopardi, Giacomo:
Tutto si è perfezionato da Omero in poi, ma non la poesia
Sentita alla radio:
Un bacio crea una bella storia d'amore, ma la poesia la rende infinita!

Neruda, Pablo:
La poesia è un atto di pace. La pace costituisce il poeta come la farina il pane.

Ashbery, John:
Esiste la possibilità che la poesia migliori la nostra vita. Penso che la gente confonda tale possibilità con l' esercito della salvezza.
Chesterton, Gilbert Keith :
Tutti i dialetti sono metafore e tutte le metafore sono poesia
Frost, Paul:
La poesia è il modo di prendere la vita per la gola.
Woolf, Virginia :
È proprio vero che la poesia è deliziosa, infatti la prosa migliore è piena di poesia.
La foto viene da un muro veneziano.

16 feb 2008

Il biel di bant

O fasarai cussí: Indulà ch'o passarai e ch'o viodarai une place, un tet, une cjase o un luc che a an bisugne di une statue o le metarai gratuitamenti come ch'o fâs sù internet cui clips e lis fotos. O lavorarai le gnot.Ator dal computer o cjatarai avonde fotos par soreponi i miei monuments ai lucs ch'o varai scielzût. Chiste a é une place di Vignesie. So vês une place o alc ch'a us somee mone, mandaitmi une foto ch'o us rangji jó alc. Quant ch'o in varai 100 o fasarai une mostre. Se lí, lis autoritâts a no lis vuelin, ch'a si rangjin. Il biel al comence cumó. Tal cjâf!


Funzionerà cosí: Dove passeró e vedró una piazza, un tetto, una casa che hanno bisogno di una statua, la piazzeró gratuitamente nel posto più propizio come faccio coi clip e le foto su internet. Se poi, le autorità non la vogliono saranno affari loro. Lavoreró la notte davanti al computer per sopraporre la foto del monumento al luogo. Questa di Venezia é la prima. Quando ne avró cento faró una mostra. Il bello incomincia adesso:Nella testa.

Poetas al podê / I poeti al potere

Al si varès di podê scolpî lis peraulis...Ma no dome in bas riliêf senó al bisugnarès scolpî i monts. Veramenti scolpîlis fur par fûr da podê girâ intor. A si scuignarès cussí scartâ dut ce ch'a nol é necessari par fâ dome ce ch'a no si puès no fâ e i poetas e laressin al podê. Le politiche e deventarès un teatro a la Shakespeare plen di gentelmans e di bielis maniêris. Al parlament invesit di fâ i paiassos a mangjâ mortadele e dâsi scufiots a si scuignarès prime fâ le rime, e dopo scolpîle par fâle deventâ leç. Al vatican, invesit di doprâ chel tubet di cjamin a scuignaressin doprâ l'aereo e scrivilu tal cîl. Daspó, un al fasarès une proiezion gigant sui nûi e lis aparizions a saressin finalmenti declaradis fâlsis un volte par simpri.

Si dovrebbe scolpire le parole... Ma non solo in basso rilievo ma verament scolpirle per girar intorno. Si dovrebbe cosí poter scartare tutte le parole inutili per lasciare solo quelle più belle o più buone e i poeti andrebbero al potere. La politica diventerebbe un teatro alla Shakespeare pieno di gentiluomini con belle maniere. Al parlamento, invece di fare i pagliacci a mangiar mortadella o darsi sberle, si dovrebbe prima far la rima e poi scolpirla prima che diventi legge. Al vaticano invece di quel camignolo adopererebbero l'aereo per scriverlo nel cielo. Poi magari uno farebbe delle proiezioni sulle nuvole e questa volta le apparizioni sarebbero veramente dichiarate false per sempre.

15 feb 2008

La stretta

Ogni trê agns, pe mostre di Düsseldorf, o presenti alc di gnûf cun tune o dôs mans mitudis in posizion inaspetade.
Le ûltime a é stade chê achi dongje ch'o puedarès intitolâ "Le strete" ma come che achi a ere vistide di Benetton on no podevi dai un'âltri titul che "United colours of... " Pe prosime mostre, o ai decidût. O varès di fâ une man ch'a fâs i cuars par chei di aventi jù o ben une man ch'a mostre il dêt medio par chei di achenti sù come ch'al é di mode stant al fat che jar, une frute di trê o cuatri agns a mal mostrave par zouc in te machine denant di me.

Ogni tre anni per la mostra di Düsseldorf presento qualche cosa di nuovo con delle mani.
L'ultima é stata questa sopra intitolata La stretta ma vestito con Benetton non potevo che intitolarlo cosí: United colours of...
Per la prossima expo sono indeciso. Dovrei fare una mano che fa le corna che in Italia avrebbe fortuna. La mano che mostra il medio é alla moda (Vedi questa trovata su internet) e poiché ieri, perfino una bambina di tre o quattro anni me lo mostrava nella macchina davanti a me, mi son promesso di fare anche quella.

14 feb 2008

Feminizazion dai furlans

Niels Skakkebaek al é un miedi danês ch'al veve notât che i disturbos tai gienitâi dai omps a erin in aumentazion e par sei sigûr di ce ch'al pensave al si ere mitût, prime a cirî tai archivios dal so ospedâl, daspó tai ospedâi dal so paîs e finalmentri, udât da âltris ciridôrs e sinziâts, tal mont intîr. Conclusions: Le fertilitât dai omps a é diminuide dal 50% in 50 agns. Ce vuelial dî? Che i spermatozoides a son smiezâts dal 2% par an e che se a continue cussí, l'omp a nol savarà plui
riprodusisi achi di 50 agns !!!
Causis : I pesticides e i prodots chimics ch'a si cjate dapardut. Il plui cognossût al é il Ftalât (Phthalate) ch'al si cjate in ducj i imbalagjos di plastiche e in tes cremis pe piel.
Altris gnovis: Le distance anogjenitâl a é daûr a diminuî. e sa continue cussí o si cjatarin cun sès enfre lis gjambis come lis mulis:-) (Da no podê nancje sentâsi:-)
Dopo vê analizât lis pantianis e an cjatât che i crots e lis ranis a son daûr a sparî par vie che i prodots chimics ch'al in d'é in tes âghis al fâs deventâ dutis lis ranis feminis o zence sès. Nue di pericolôs pal nestri Crot nazionâl pal moment ma forsit, a si varès di bailâ a controlâ se dut al funzione ancjemó ben:-)
Nue di periculôs invesit pes feminis, dome un cancro des tetis ogni vot invesit di ogni vincj come quarante agns fa... Mâgre consolazion: Se i mascjos no son plui fertiles a no varan plui bisugne di cjapâ le pilule.
Il biel al é che second lis statistichis, so pensais di essi mancul espost parcé ch'o stais a la campagne al é il contrari. In tes grandis sitâts a si é mancul tocjâts.
Vêso capît il parcé che in Friûl a no si fâs plui fruts?
Esperiment: Metêit un dedâl di creme su le taule e un dedâl di creme in te man par spalmâle sui braz o lis gjaambis. Un'ore dopo, chê su le taule a é simpri compagne ma chê su le piel a é sparide e il ftalât al é tal sanc.


Niels Kakkebaek è un dottore danese che, avendo notato che i disturbi ai genitali dei maschi erano in aumento s'é messo a far ricerche prima negli archivi del suo ospedale, poi negli altri ospedali danesi ed infine, aiutato da altri ricercatori, nel resto del mondo.
Conclusioni? La fertilità degli uomini é diminuita del 50% in 50 anni e se questo continua con l'aumento di circa 2% l'anno, tra cinquant'anni non sapremo più riprodurci.
Cause? I pesticidi e i prodotti chimici tra i quali uno già trovato per caso: Lo Ftalato che si trova in tutti gli imballaggi di plastica e nelle creme per la pelle.
Altre segno inquietante. La distanza anogenitale diminuisce del 15% nei ratti sottoposti a un regime chimico dopo aver notato che i rospi le rane stavano scomparendo a causa che con l'inquinamento, le nuove bestioline nascono o senza sesso, o di sesso femminile.
Tutto bene per le donne, invece di un cancro al seno ogni 20 di quaranta anni fa, adesso sono al uno sù otto...Secondo le statistiche, si rischia più nei piccoli centri rurali che nelle grandi città.
Esperimento: Prendi una nocciolina di crema e spalmala sul tavolo. Prendi un'altra nocciolina e spalmala sù di te. Un'ora dopo, quella sul tavolo si trova sempre sul tavolo mentre quella che avete spalmato sulla pelle é sparita all'interno e lo ftalato si trova nel vostro sangue.
Si salvi chi puó.:-)

In blog we trust

Da cuant che l'Dree al é diretôr di cualchi bande al fâs come s'al fos istitutôr dapardut:-) Cheste vôlte a nol ven da me a fâmi le lezion ma al ven a convocâmi sul so blog come so ves di lâ dai carabinîrs o al tribunâl ma in realitât o varès di là a lecâi un tininin il comedon, a lustrâi lis scarputis, a puartâi un tiramisù, a confessâmi, a dî un'ave e mieze e amancul un cuart di monadis:-)
Furlans o no, il blog a é dome une question di vanitât. Di publicitât, al disarès DS. Di furlanitât al disarès cualchidun par no dî di furlanist. Ognun al a il so. E al é ben cussí. O riviii.

Da quando Dree é direttore da qualche parte, si conduce da istitutore dappertutto:-) Questa volta non viene a farmi la lezione ma mi "convoca" sul suo blog come se dovessi andare dai carabinieri o in tribunale. In realtà dovrei andarci per leccargli il gomitino, lustrargli le scarpette, portargli un tiramisù, confessarmi e dire un'ave e mezza e almeno un quarto di cazzate. Arrivooo.

13 feb 2008

Di ce bande il prin pas?

Prime di chest siecul, a ere l'art ch'a dave simpri l'impulsion e a tirave cun jê dut il rest. Cul omp sù le lune, a nol conte plui che le tecnologjie e le sience, tant al é vêr ch'o sin talmenti cuvierts pe techniche che so no stin atents, a si riscje di no controlâle plui. Al sarès ore, che l'art a torni in prime file par umanizâ le societât prime che le sience a finisi par glâçâle. I politics, che no san plui ce fâ par restâ al podê e varessin di pensâ un tic parsôre e promovi lis arts ma i artiscj, e son lôr che an di fâ il prin pas. Cui vegnial sù Marte cun me?


Prima, era l'arte che dava sempre l'impulso attirando con lei tutto il resto. Dopo l'uomo sulla luna, non conta più che la tecnologia e la scienza, tant'é che se non stiamo attenti,si rischia di non poterla controllare più. Sarebbe ora che l'arte torni in prima fila per umanizzare la società prima che la scienza la agghiacci.I politici, che non sanno più quello che devono fare per rimanere al potere dovrebbero pensarci sopra, ma gli artisti,sono loro che devono fare il primo passo. Chi viene su Marte con me?


Il reostât di gno fradi

Jó e gno fradi a si veve cjatât dôs sûrs, ansit trê ma no stin a fâ confusion,hm?
In chê dí a si ere al cine sentâts une si e un no in mût che tal mieç al si ere jo e lui.
Tal vecjo cine, lis lûs a si studavin benplan benplan passant dal sorêli ae lune e cheste delicatece a m'ispirave subite e jó e le mê sûr a si partive in quinte e no si si fermave che l'indoman buinore cuant che le lûs dal sorêli a tornave.
A erin anorums ch'a si lave tar chel cine e ogni vôlte, cuant che le lûs e lave jù, gno fradi, ch'al studiave par sei ingegnîr, al mi domandave: - Satu cemût ch'a si fâs chest efiet? Jo i rispuindevi simpri di no e lui simpri pront al mi diseve alore: - Al si fâs cun tun reostato.
In che dí, che-gno-fradi-al-fasi-ce-ch'al-ûl-cun-so-sûr, o i vevi a pene voltât lis spâlis premurôs di viodi ce che le sûr de sô murôse a veve di dîmi sù le bocje ch'al mi toche sule spâle...
-Cê ? O i domandi secjât.
- O ai zà savût cemût ch'al si fâs chest efiet cun lis lûs ma no m'impensi ce ch'al si clame.
- Cul reostato. O i dîs rabiôs.
- Cemût lu satu? Ch'al mi domande.
...E d'in che dí no sin plui lâts al cine insiemit.
Io e mio fratello avevamo trovato due sorelle, anzi tre ma non facciamo confusione...
Quella sera, eravamo seduti nei primi ranghi di un cinema in modo che nel mezzo ci fossimo io e lui. Nel vecchio cinema, le luci si spegnevano come in un teatro passando dal sole alla luna e questo effetto delicato m'ispirava subito e come al solito partivo in quinta con la mia sorella per fermarmi solo l'indomani mattina al ritorno della luce del sole.
Da anni, si andava sempre nello stesso cinema o da soli o in compagnia e quando ero con lui, ogni volta, al calar del sole, mi chiedeva: -Sai come si fa quell'effetto di luce calante?
Io rispondevo sempre di no e lui da futuro ingegnere sempre pronto: - Si fa con un reostato.
In quella sera, faccia-pure-quello-che-vuole-con-la-sua-sorella, gli avevo appena voltato le spalle premuroso di vedere cosa avesse la sorella della sua ragazza da dirmi sulla bocca che lui mi batte sulla spalla...
-Cosa ? chiedo.
-Ho già saputo come si ottiene quell'effeto speciale di luce calante ma non mi ricor...
- Con un reostato. Rispondo stizzito.
- Come lo sai ?
...E da quel giorno non siamo più andati al cinema insieme.

12 feb 2008

E cumó l'ore / E ora l'ora

Passâ il timp o cjalâlu passâ. Lu ai vidût cussí.

Passare il tempo o guardarlo passare. L'ho visto cosí.

11 feb 2008

Furlanadis

Aromai le peraule "furlanade" a é deventade sinonim di scherzo, di fredure, di monade, di une rôbe furlane tipiche indulà che magari ognun di nô al a le so maniêre di fâle o di dîle. Sa nol fós cussí, a lu deventarà di sigûr dopo chest clip ch'o ai centrât sui discors di sorts o di orbos de nestre societât indulà che, sa no si varès di vaî a si varès forsit di ridi di mancul. Como ch'o no sarín mai ni avonde catalans ni avonde bascos e forsit nancje avonde furlans, parcé no fâ i curdos?
Da lôr al ven chest proverbi: Un stranîr ch'al cjacare la mê lenghe al mi é plui cjâr che un compaesan ch'a no l'ûl cjacarâle...
A partî di aí, e cjalant ator di me i furlans ch'a passin di chestis bandis e tai blogs dongje o ai notât lis difarencis ch'o vin enfre di nô e par esempli:
-Chei ch'a cjacarin furlan e ch'a ridin di chei ch'a an pôre di cjacarâ.

-Chei ch'a lu capissin ma no ôlsin cjacarâlu
-Chei ch'a lu capissin e ch'a lu cjacarin e ch'a no ôlsin di scrivilu
-Chei ch'a lu capissin ma ch'a no an voe ni di cjacarâlu ni di scrivilu ni di leilu
-Chei ch'a son simpri pronts a dâ lezions di furlan ai furlans ch'a lu cjacarin ma ch'a no lu scrivin
-Chei ch'a son simpri pronts a coregi chel ch'al fâs un sbalio cul pedâl dal so PC
-Chei ch'a cjapin dut a le lizere e che par butâle in ridi a tolin pal cûl chel ch'al capite.
-Chei ch'a crodin di sei plui furlans di chei âltris par vie ch'a stan di ca o di là de strade. --Chei ch'a cjacarin le stesse lenghe ma ch'a no si capissin enfre di lôr
-Chei ch'a no met achi ma ch'a si riconossaran o tal ridi o tal pensâ e chei ch'a no son furlans ma ch'a s'interessin ae nestre lenghe...Al sucêt ancje chest, e, da bon curdo ch'o soi, a son chei ch'a mi plasin di plui:-)
Ch'o sêti un furlan di tant in tant como chescj chi sôre al é sigûr ma o vevi voe di fâ une autocritiche par mostrâ trop che magari o no si indacuargin cetant ch'a si puès sei mones crodint di fâ i furbos.

Il clip:
Cun dut ce ch'al si cjate vuê sù internet al baste cjapâ ce ch'al nus covente e trasformâlu a nestri gust e al é cussí ch'o ai fat chiste "ricreazion" da cjalâ, apont, a l'ore dal café di chest lunis.
Il clip o podês metilu ancje sul vuestri blog parce ch'o lu ai mitût sù Youtube baste cirî furlanadis.

Par chei forèscj che s'interessin ae nestre lenghe o scuen fâ le traduzion:

Traduzione del testo del videoclip:
Signora straniera: Oh signore, scusi parla friulano?
Biondino : No, niente di niente, mi dispiace.
Signora: Ma saprà almeno dirmi dove potrei trovare un garage?
Biondino: No niente, non capiesco niente, mi piacerebbe aiutarla ma non capisco.
Signora: Ma non siete di qua?
Biondino: Si, ma... Scusa parli friulano tu?
Moro: Friulano? No, Perché?
Biondino: Per questa signora straniera che non so cosa vuole.
Signora: Forse lui sa dove potrei trovare un garage...
Moro: Garage...Ma non capisco niente del suo friulano.
Signora: ...Ho capito, grazie. Forse se vado da quella parte...
Biondino: Se va giù di là, arriva in paese e là di sicuro troverà qualcuno che parla in friulano.
Signora: Ma orpo, se non parlate in friulano forse parlate in carnico?
Biondino: No niente. Parli carnico tu?
Il moro con l'accento carnico: Oh, in carnico, ma se non parlo neanche friulano?
Biondino: Non parla né carnico né friulano.
Signora: Insomma non sapete indicarmi niente?
Moro: Niente...Chi mai capisce il friulano qua?
Biondino: Non capisce proprio niente.
Signora: OK, ...Ho capito ...Mandi
Biondino: Che cos'era quella, una triestina?
Moro: Non lo so, non parlo friulano.
Uno straniero che parla la mia lingua m'é più caro che un compatriota che l'ignora. (Proverbio curdo)

09 feb 2008

Rimis spierdudis / Rime sperdute

Coltile, coltile chê poesie
Coltile ben vistît di rimis
Cun tune biro, cun tune bire
Ma no sta fâ il tenteanimis
Fasile ben e par da bon
Ancje s'al é di nascuindon:-)

Mi soi sveât une dí e o ai cjatât chestis riis tar un computer. No sai di undulà ch'a vegnin.
Forsit a son mês.

Al mi plasarès dî come Paul Mal Cartney: Mi soi sveât une dí cun tune melodie tal cjâf e mi soi mitût al piano par provâ a indovinâ cui ch'al veve podût fâ cheste melodie cussí biele...E cussí a é nassude Yesterday.

Coltiva, coltiva quella poesia
Coltivala bene vestito di rime
Con una biro, con una birra
Ma non fare il seccascatole
Falla bene e falla sul serio
Anche se la fai di nascosto

Mi son svegliato una mattina ed ho trovato queste righe in un computer. Non só da dove vengano. Forse sono mie.

Mi piacerebbe poter dire come Paul Mac Cartney: Mi sono svegliato un giorno con una melodia nella testa e mi son messo al piano per cercare di indovinare chi fosse quel compositore che aveva fatto una melodia cosí bella... Ed é cosí che é nata Yesterday

08 feb 2008

ICQ (I seek you) O cji cor daûr

Mi annoiavo aspettando di uscire.Il PC era ancora acceso e mi son messo a navigare a caso.Metti giù una parola e ti trovi in capo al mondo. Dal sito di una bella professoressa fiorentina amante dell’arte e dei gatti mi son trovato su ICQ.com Ho caricato il programma ed ho cominciato subito le esplorazioni. Il motore di ricerca ti presenta i connotati a caso del primo membro che trova in linea e, guarda il caso, gli italiani non si trovano quasi mai ma siccome parlo qualche lingua straniera non c’era difficoltà per incominciare una conversazione… ma per dire che cosa? Sto’ per uscire e non posso rimanere molto? Invece, secondo quello o quella che trovavo, se mi ispirava, mandavo un messaggio cercando di far lo spiritoso con una battuta o spesso con qualche rima o qualche parola gentile. In questi casi uso il cuore perché sono un sentimentale, pero’, trovavo molto più divertente di non rimanere in linea ad aspettare la risposta ma di dileguarmi subito per passare al seguente. Và cosi’ presto che ne trovi sempre uno, ma mi soffermo quasi sempre sulle donne, (Chi l’avrebbe detto?) o che hà l’onomastico o il compleanno in quel momento oppure che t’ispira una cazzata , una parola dolce, una felice trovata o niente di niente ma, a dieci mila Km di distanza quando non sei pieno di risorse puoi essere anche senza rimorsi.
Al mattino ci sono gli asiatici, nel pomeriggio e la sera gli europei e la sera e la notte gli americani. 130 milioni di iscritti! Di ché farti girar la testa, ed infatti a un certo punto non sai più gestire. Appena apri il PC vedi che c’è un messaggio che lampeggia e lo stai appena leggendo che te ne arriva un altro…Già, perché appena sei in linea lo sanno tutti!Tutte…
Proprio anche quelle che non vuoi più sentire? No, c’è un trucco. Puoi trovare nelle opzioni il modo di non farti vedere quando sei on line mentre tu invece lo vedi perché il suo nome cambia di colore. Si, pero’, se anche lei fa la stessa cosa, come la mettiamo? Puoi sempre cambiare il nick e scappi via con un clic. Si, ma se lei fa la stessa cosa? Bé, allora cambi ancora di nome e cerchi di squagliartela cosi’ … se ci riesci, ma molti non sanno tutto cio’ che si puo fare su ICQ e te la caverai. Il fatto più evidente è che parlando con uno sconosciuto, non ti nascondi, non ti travesti, non ti mascheri e ti apri completamente nel giro di pochi minuti e poi ti rendi conto che te ne stai andando troppo in là.
Perdi un sacco di tempo in chiacchere, non vedi più nessuno al di fuori che lo schermo.
C’è la designer coreana delle 8 e la cinesina melanconica delle dieci, poi c’è la psichiatra tailandese delle 12 e qua, magari fai la pausa perché sei in ritardo per il pranzo. Acc….Ma c’è ancora l’australiana e poi la rumena, la russa, la polacca… partendo dall’est passi in Germania, in Inghilterra( molto attivi su icq) e via via in Spagna.
Ah la Spagna! Ti trovi subito a tuo agio, impari lo spagnolo e te ne vai subito in week end. Ma ecco che arrivano le argentine, le brasiliane, le messicane e li’ cosa fai senza Ryanair?
Scappi via nell’America del nord ma quà, sono tutti in rete continuamente dal Texas all’Alaska. Spaventoso! Mi son trovato nella cucina di una signora infelice della Georgia. Una grande bionda che posa con un cagnolino in braccio davanti alla collezione di rifles di suo marito…
Quà ti senti subito Clide che fa la corte a Bonnie pero’ non diro’ come è andata a finire ma suo marito si chiamava Johnny .
-Son tornato con l’argentina dolce e innamorata ma che gode solo con la mano… Quà ti senti il compito di dover rimediare a questa intemperanza ma non vi daro’ l’e-mail perché sarebbe una grave mancanza.
-L’infermiera sempre stanca che metto a letto ogni mattina dopo il suo turno all’ospedale. Poverina, più ci penso e più mi fa male…
-La misteriosa bionda che vuole solo che le parli di sesso in l’italiano e mi manda foto intimissime…Ah si? Si ma troppo spesso, meglio andarci piano.
-E la turca? Ah la turca diventava troppo gelosa e siccome ero sempre in rete, il resto lo sapete…Non vi diro’ tutto, benché so’ già che vorreste sapere quante, come, quando, dove e poi, ma dai, eh si’, è già…Pensavo che mettendo un altro PC vicino al mio per la mia amica mi sarei calmato. Ma no’. Poco a poco, mi sono sprofondato dentro fino al collo. Non parlavo più con lei che tramite icq … Bella maniera da darsi del tu allorché abitavamo insieme da 4 anni…
Bé, ci siamo lasciati. Si’ sono matto. Adesso ho lasciato anche icq e mi sono sposato. Ah si?Bé questa è un’altra storia. Ora sono sul blog e cerco di non fare il bullo e scrivo cosi’ su questo grande muro virtuale tutto quel che mi viene in testa: Grafiti e affini. Più di tutto,cerco di leggere ma se mi parlate solo di sapone, di caramelle o di kinder cioccolato, me ne ritorno di nuovo sul sito del fiorellino e incomincero’ i miei messaggi all’incirca cosi:
When my flower is green
Your flower is red
Where have you been?
You are still in bed?
I’m not in sorrow
I will see you tomorrow
Guai a farlo di nuovo. Uf!

-Mi scûsi cui furlaniscj, ma o soi masse ocupât cun las mans pal moment e o puès meti dome robe zà pronte ch'o ai fat timp indaûr par talian. Us promet un biel clip par furlan a pene ch'o puès.

07 feb 2008

Studio sull'ombelico (Cui ch'a nol lèi al a tuart)


L’idea di dipingere un corpo di donna mi aveva già sfiorato nel mio girovagare mentale fin dai tempi remoti dell’accademia.
Poi, un giorno che mi trovavo in un negozio di parrucche, incontrai Creezy. Una modella molto simpatica che sfilava qua e là con la testa pelata come la mia ma anche con parrucche di ogni colore e che, sul finire della carriera, s’era fatta una ditta specializzata in "events". Cosi’ lei diceva. Io invece ero là per comperare delle parrucche per i miei manichini.
Per l’inaugurazione di una discoteca, aveva organizzato delle sfilate di moda e mi chiese se non avessi un’idea per fare i make-ups dei suoi dieci models. Cosi’ lei diceva.
- Se li sai fare sui manichini per vetrina, li sai fare anche sui veri. Mi disse col suo accento inglese
Dovevo decidere subito e dissi ok. Come se l’aspettava. Appuntamento per il venerdi sera seguente giusto una settimana prima di Natale.
Sul posto, bisognava fare in fretta, perché mentre 5 di loro sfilavano a suon di musica c’erano solo tre o 4 minuti a disposizione per truccare le altre 5 ragazze…Mi venne l’idea dell’aerografo…Ideale per fare gli sfumati e ideale per un fumato come me.
Ma chi di voi me lo ha già detto?
Anche con l’aerografo, fare il trucco a 5 di loro in 4 minuti non é molto facile.
Per fortuna c’era Gino, un truccatore da set TV e forse anche da TV7 al quale Creezy, mi aveva presentato e, detto fatto, mentre lui faceva le labbra io facevo gli occhi.
Avevo trovato dei colori a base d’acqua, gli stessi che si usano per i bambini. Facili da togliere e innocui per la pelle. Dopo aver dato un’occhiata alla nuova collezione dei vestiti da sera (Tutta roba per cenoni e veglioni) appesi o in fase di essere indossati dalle modelle di turno, preparavo le tinte da utilizzare.
Avevo anche trovato una vernice che, mescolata con pagliuzze e polvere di madreperla aumentava l’effetto "glamour".
Con dei cartoncini, avevo preparato delle sagome per accentuare o disegnare piccoli motivi, delle linee curve o spezzate, dei cerchi, dei petali, ecc.
La sfilata di moda in una discoteca permette più fantasia e più libertà.
Creezy ci teneva, bisognava utilizzare anche le parrucche e tutte le stravaganze erano permesse.
Cosi’, incominciavo con un grigio blu all’esterno dell’occhio e lo allungavo fino ai capelli che, se non erano già colorati lo diventavano. Poi sottolineavo o accentuavo con un colore più sodo e in generale più scuro per finire con un eye-liner che Gino aggiungeva dopo il blush e il rossetto.
In principio, le modelle avevano paura ma poi, chiudendo gli occhi, trovavano anche piacevole di sentire l’aria accarezzare le loro palpebre o i loro zigomi riscaldati dalle sfilate a suon di musica in una sala piena zeppa di gente.
Il lavoro era abbastanza piacevole, anzi divertentissimo.
Tra i decibels che venivano dal palco dove c’era la sfilata, per guadagnar tempo, incominciavamo a truccare mentre le modelle si stavano ancora cambiando e, lo ammetto, dopo un po’, uno spruzzo d’aria mi scappava qua e là (pur sempre cercando di rimanere al di sopra della cintura) e con Gino, ci facevamo un hit-parade del grido più carino e sensuale che usciva tra le labbra che lui, coi pennelli, cercava di rimodellare coi suoi rossi distratti.
L’aerografo, come sapete, è una specie di pistola a spruzzo di precisione che sembra ad una biro munita di un grilletto con il quale si dosa la pressione dell’aria e la quantità di colore.Con un po’ di pratica, si riesce ad ottenere un getto colorato più o meno concentrato o solo aria più o meno pressurizzata.
–Non ti tocco. Dicevo…Ma le pieghe a onda fatte dal getto d’aria concentrato dai 2 ai 10millimetri sulla pelle sembrava interessare tutti.
Dapprima, era solo una cosa intima tra me e la modella. Poi, invece diventava una specie di gioco pubblico. Tutte si mettevano attorno per vedere cosa potesse succedere e se riuscivo a far qualche cosa di buono allora dovevo ripeterlo sul viso seguente.
Cosa che non facevo mai perché ripetermi mi ha sempre annoiato.
Tenevo in mano un vero pennello magico ad aria compressa e per mostrare a Gino (Sempre più interessato) tutto quello che si poteva fare, mi misi a dipingere farfalle e corolle di fiori sul busto incantato e ansimante di Marina, piccola stella nascente che, per non deludere le compagne che stavano li a guardare, fu la prima a ritornare in scena col viso truccato fino all’ ombelico!
Come era carina. Oggi é sposata, poverina.
Con lui, accarezzavo e dipingevo nello stesso tempo. Non toccavo niente ma era come se lo facessi. Rinfrescavo la pelle sudata con l’aria fresca e la massaggiavo dolcemente facendo dei movimenti concentrici che,nei momenti più hot, sulle punte dei seni, facevano andare in bestia Gino che, in disparte coi suoi pennelli, sbavava sempre più spesso e non ce la faceva più a concentrarsi sul suo lavoro.
Povero Gino. Si e sposato con Marina, e adesso non sbava piu con nessuno.
Con lui ( Non con Gino ma con l’aerografo) diventavo subito amico intimo con tutte. Più nessuna aveva paura ed era un vero peccato che, per mancanza di tempo, non potevo approfondire oltrepassando l’ombelico.
Povero me, pochi mesi dopo, mia moglie chiedeva il divorzio!
Mi ero gia fatto un hit parade degli ombelichi piu belli e piu sensuali e stavo gia mettendo a punto la teoria ombelicale basata sulla relazione fra l’aspetto fisico di un ombelico e il suo valore metafisico, la sensibilità ai soffi d’aria del soggetto e la reazione piu o meno accentuata ai soffi d’aria sospetti, insidiosi, provocati e provocanti di primo, secondo, terzo, quarto e quinto grado sulla scala Jaio che, come sapete, equivale ben poco alla scala Mercalli e alla scala tout court.
A proposito di gradi e misure, nel Kamasutra, se sei di tipo gazzella ti si consiglia di accoppiarti con una gazzella e di lasciar stare le elefantesse. In Turchia, in modo piu brutale, il rapporto si basa sulla grandezza del piede ma non ho mai creduto che una donna che ha un 41 possa essere soddisfatta solo con un cavallo.
Non so quanti altri modi ci siano di valutare una donna. Sto ancora cercando.
Comunque potrei già dire: Dimmi come é il tuo ombelico e ti diro chi sei.
-Come? Ti sei già fatta un piercing e te lo porti in giro perfino d’ inverno rifiutando di chiudere il cappotto? Ma allora perché chiudi la bocca e non ci mostri anche quello che hai sulla lingua?
Ma di che labbra stai parlando? Non mi dirai mica che...Davvero?
Vorrei proprio vedere... Il tuo ragazzo dove ce l’ha?
-Come? A un soffio di primo grado hai una reazione di terzo grado?
Mbé, se il tuo ragazzo non si piglia un’erezione immediata dovresti pensarci sù.
A Rio de janeiro, due innamorati che si baciavano come vampiri sulla spiaggia sono finiti in ospedale incastrati dai loro fili di ferro messi a trabocchetto tra i denti dal loro dentista.
-Come? Hai l’ombelico molto ben assortito con la punta dei seni?
Allora non c’é due senza té e dimmi dov’é il tré.
Come? Hai un ombelico nodoso e nervoso con i seni all’insù piu che all’ingiù?
Oops, anch’io. Ma no i seni.
Non parliamo dell’ombelico tatuato.
No.
Dimmi come hai l’ombelico e ti diro chi sono!
Discorsi cosi e anche più salati avrebbero potuto finire trà le quinte sopratutto che il padrone della discoteca aveva paura che si morisse di sete e che dopo un po’ eravamo tutti più brilli che la Brilli.
Invece no. Da quel giorno, ora ve lo dico, faccio la collezione di ombelichi e spero di finire i miei studi sul blog per poi pubblicare un libro in basso rilevo con tutti gli ombelichi più celebri, più strani, più belli, più anonimi, più folli, più esotici, più magri, più negri e finire poi nel Guinnes dei records.
Ecco perché sono tornato. Chi mi manderà la foto del suo ombelico? Speriamo bene.
Intanto sorveglio il mio ombelico.
Il mio ombelico é li, sull’orlo del mio pancino che io chiamo cuscino (d’amore of course) e mi fà l’occhiolino circondato da una siepe di peli disegnati a spiga che mi spazzano dentro tutti i peli morti di fame o di stress tra la polvere di canottiera,di letto e di strass. Ogni microscopico corpo senza nome o senza vita che si trova tra il collo e l’uccello é preso tra un pelo e l’altro e finisce sempre nel mio ombelico che serve da cestino.
Come una spiga infilata in una manica al polso e che finisce sempre sotto l’ascella.
Ne nasce cosi’ un batufolo fatto di peli e cotone e alle volte anche di peli di gatto e briciole del pane preso a colazione nel letto, che riservo, (Non il letto ma il batufolo e la colazione), ai collezionisti di batufoli d’ombelico.
A me mi fanno schifo ma chi é che me l’ha fatta quella canzone che dice "L’ombelico del mondoooo" ?
Non riesco più a togliermela dalla testa.
Ombelicamente vostro

06 feb 2008

il vaso per caso


Il vaso per caso di questa settimana é un vaso greco. La foto é mia. Viene dalla mostra che c'era in luglio al colosseo. Si pensa generalmente che questi vasi venivano cotti tre volte.
La prima cottura, all'incirca 900° per l'argilla, la seconda volta verso i 950 gradi per ottenere il nero. Si dice sia ottenuto provocando del fumo nel forno. La terza volta a 850° per fissare i colori dei personaggi. Si suppone, grazie all'analisi di altri vasi simili, che non fosse facile riuscire ad ottenere una qualità costante. Spesso il nero svaniva durante la terza cottura nel caso la temperatura fosse troppo alta. Nessuno é ancora arrivato ad imitare questa tecnica benché oggi ci siano mille modi e mille tecniche differenti ma io ci sono riuscito con un tegame...Dimenticando il riso sul fuoco per 4 ore dopo una telefonata:-)
Pssst: Le prosime furlanade a sarà par te:-)

Lûf dal agnul (L'uovo dell'angelo:-)




















- O soi daûr a svualâ ator dal gno ûf .

- Se trovo un ramo mi poso sennó continuo a volare ingiro al mio uovo.
- Pas d'omelette sans casser les oeufs:-)
- I'm sitted on my eggs:-)
- Estoi ocupado con mis uevos:-)
- Jaio jest dla iaiko:-)

05 feb 2008

Il diaul e l'agnul

Tar chest mont di furlaniscj, furlanârs e furlanats di ogni sorte di diu, o vin cualchi furlan di grande cualitât ch'a somein lavorâ in te ombrene ma invesit o sin nô ch'o sin te ombrene. Chest artist di Venzon : Elio Copetti al é di sigûr chel ch'al lassarà tai museos ce che i furlans di doman a nus rimproveraran di vê lassât de bande. Al sarès ore di sveâsi prime che il braç dal diaul al trasformi chel ridicul agnulut in polvar e nus lâssi zence identitât. Ma no lu sino bielzà?
Cjapait un moment, ma un moment sul serio e lait a dâ une voglade al so sito su Arteadesso.
Se po, o no vês vergogne di viergi i vôi, di pôre ch'a nol capissi ce ch'o disês cun le lenghe, o podês dî le vuestre sul so forum ancje par furlan. No stait a fami pensâ che se i furlans e an i vôi come ducj a no cjalin che cui parevôi. O che se an une lenghe dite mâri a no le doprin che par tasê cuant ch'al si trate di sentiments e di art.
Dopo Cadel e Pasolin, un al a tirât fûr Afro...Po ben, so no tiràs fûr ancjemó une vôlte Copetti, nol sarès ben e no sarès jó. So no savês ce dî, al baste une peraule par che un artist al sedi incoragjât forsit par dute le sô vite. Lait a dî un bondí, un mandi, un alc ch'al vegni dal cûr o dal cjâf. Al baste un clic.
Frache!
Far l'elogio di un artista, non é la cosa che un friulano sà fare di meglio anche perché molte volte, già incominciando, rischia di urtarsi all'indifferenza o all'apatia . Se fosse solo cosí, potrebbe ancora scriverlo sui muri dei gabinetti o nel cielo che sarebbe la stessa cosa ma resterebbe forse una traccia. Il bello viene quando le obbiezioni si trasformano in polemiche oziose e vane dove uno ti dice, guarda che hai dimenticato un punto sù una i, o una virgola tra una U e una A e che il discorso scivola via sù Berlusconi o chissà che soggetto uscito dal canale a senso unico di un vicolo gorgo TV.
Ma se dovessi essere l'ultimo, saró quello.
In principio, mi ero proposto di scrivere solo in friulano. Come se fossi ancora nel ventre di mia madre. Mia madre é morta l'altro ieri e prima che muoia io, dovrei dirne ancora un milione in qualsiasi lingua. Questa di Copetti, la dico già per la seconda volta sebbene non conosco personalmente quest'artista, me lo son preso per me.
Ma forse é lui che mi prende, che mi tira, che mi mira, che mi offende...Sí perché lui é come Gaudí. Come non essere offeso quando scopri che quello che volevi fare tu lui lo ha già fatto prima di te? E mi offende come Gaudí.
Dovrei dirgli quattro insulti, anzi, andare a Venzone in kamikaze e distruggere lui e questa città romana di mura con quattro mummie in una cantina, un leone veneziano sul palazzo che 'sto pittore lí vicino si diverte a far rinascere come una fenice dopo il terremoto del 76 quando forse non era neanche nato.
Don...Don... Le grosse campane del campanile romano suonano per la messa delle sei. Io ci andrei. Anche se in chiesa sarei solo in compagnia delle ultime vecchie locali. Giusto cosí. Per far dispetto. Sarei venuto a Venzone per visitare Elio Copetti. E dove si trova? Sussurrerei alla mia anziana vicina: -Cognosseiso Elio? Lei, tra un ave, un pater e i nodi delle sue dita mi farebbe segno di sí ma che dovrei aspettare la fine della messa. Ok aspetto fuori, sono le 7...

03 feb 2008

Il BoingBoing dal net


- Cuant che lis copiis a son super abondantis, le rôbe ch'a no si puès copiâ a devente plui rare e a cjape plui valôr.
- Cuant che une rôbe a é super copiade o a é tirade in serie a devente zence valôr.
In principi, al é cussí ma cun internet al é ancje il contrari. --
-Ce ch'a no si puès copiâ a nol interesse. Infat, parcé si varessial di paiâ s'a si puès cjatâlu gratuitamenti? ...E sa si cîr alc a si rive simpri a cjatâlu.
Cun chest, dut ce ch'al sucêt tal nestri piçul mont furlan , s'al và sù internet al và par simpri. Il fat di mandâlu da un pont a chel âltri dal net al ûl dî ch'al devente incancelabil e al si cjatarà simpri di cualchi bande a galegjâ o a svualâ.
Il mont al é ormai fat cussí.Prest, sa no tu stâs atent ancje il to minim coreot al sarà regjistrât e par cjatâ un lavôr il to gnûf paron al varà bisugne dome dal to non parcé che dut il rest lu cjatarà di besôl e guai sa nol cjatàs nuje, a nol cji cjolarès.
Ogni sbit di bit s'al é in contat cun internet al reste tacât par dute le vite. Ce vite? No dome le nestre ma le vite de societât umane dute interie. O podês oramai murî doman, dut chel ch'o no vês mitût su internet al riscje di pierdisi plui adore che chel ch'o vês mitût.
Internet a é une machine a copiâ formidabil e ce ch'o vês mitût, al puès simpri interessâ cualchidun. Le sbitiade dal Prodi sule tassazion dai blogs aé colade in tal ridicul parcé ch'a nol sarès pusibil di controlâ nuie. Il sisteme di distribuzion ch'al regule oramai il svilup de nestre economie al é basât sù internet e par chest, chei ch'a son plui indenant a fasin ancje plui afârs. In Americhe, ancje un ch'al sta in tun paisut di 50 abitants al a l'adsl e le difarence di funzionament a si viôt subite quant ch'a si rive in tun sito american. A pene ch'a tu rivis a cji disin subite clic here, ordene achi, download là, pae achi e a tu lu fasis parcé ch'al é esatamenti ce ch'a tu sâs ch'a tu âs voe di fâ.
- In Italie, o sin ancjemó al medio evo. I sitos a scomencin cussí: Chi siamo. E a scomencin a fâcji le liste di dute le famee fin al cjan di vuardie. Po a cji disin cemût che il sito al é otimizât tal câs ch'a tu âs bisugne di un pâr di binocui, a cji metin in vuardie ch'a sa tu copiis ce ch'a disin a tu vâs in prason tal câs che par lèi al cji bisugne un avocat e a finissin par declarâ che lôr a son in regule cun le leç, ch'a son regjistrâts, tal câs ch'a tu sedis un finançot e vie vie... Ma vendino alc, ce fasino? A no si sà, il sito al é simpri in costruzion. Piês, tu cji sês sbaliât di pagjine e a tu lu viôts dome cumó ch'al é zà miez'ore ch'a tu sês aí a sgarfâ come un poleç. A tu i disarès ben a chel webmaster dal asilo nido ch'al ledi in mone ma chel al cji a mitût l'e-mail ch'a nol funzione o no cj'al a mitût par nuje par pôre di vê une publicitât. Come vê une machine tal parchegjo e no doprâle par pôre di pierdi il puest tant ch'a tu sês vie...Alore vie di aí. Ma sa tu crodevis di svignâte cussí, a no tu rivis a cambiâ le pagjine ancje fracant il grilet di une mitrae.
Francjamenti jó no blestemi mai tar chês âltris lenghis ma so lu fâs in Italie al é ancje par chel.
Oramai, un creadôr, un artist, o ben al sta tal so cjanton zence che nissun al savedi ce ch'al fâs e al si ten dute le produzion par sé, o ben a lu fâs savê par internet indulà ch'al puès metilu a disposizion dal mont intîr e naturalmenti fâssâl copiâ. E alore? O crôt che a i restarà simpri l'origjinâl, e che il concert dal vêr al varà simpri il so valôr e al sarès ore che in Italie a si gambii di mentalitât. Vonde sitos di musiche indulà ch'a no in d'é nancje une note, o cessos di sitos indulà ch'a no in d'é nancje le cjadene par tirâ l'âghe.
Par calmâmi o soi lât dal miedi. Un ch'al é il plui grant blogarin dal mont. Cory Doctorow, un rus dal Canada istalât a Londre (come dî un cjargniel di Udin istalât a Triest) e ch'al dimostre ae trentine sunadissime ch'a si puès vendi best sellers (Al a scrit 6 a 7 libris di fantascienze) ancje se lui ju a mitûts gratuitamenti sù internet. Secont Berluscon, chel ch'a nol passe a la TV a nol esist. Secont Doctorow, sa no tu sês sù internet a no tu sês di nissune bande. Cui aial rason? Il fat al é che, lu ai sintût dî par lui stès: -Par sei popolâr a tu âs di cjacarâ dome di rôbe popolâr. Guai a fâ l'inteletuâl. A nol cjape. Of course, dissal, chest al dipent dal livel d'istruzion dai letôrs. Ce ch'al é popolâr di une bande al puès sei ridicul di un'âltre e dut al sta tal cjatâ il livel ch'al covente. Come che da nô il livel al é chel de television ch'a si à, ce sucedial?
So lais tal blog dal Grillo, o viodarês che ancje le sô version par inglês a é frequentade dome pai talians parcé ch'al cjacare dome des rôbis popolârs talianis. Ch'a sedin miardis par chei âltris? Dutcâs, par fâ ancjemó plui confusion, vé achi cualchi numar (Technorati):
Boingboing - 19.157 (Ancje plui di 10 poscj in di)
Grillo - 13.410 (Un post in dí)
Furlanist - 92 (Ancje 4 poscj in di)
Furlanâr - 19 (Ancje zero poscj in dí:-)
Continuait vualtris e diseitmi so cjatais alc di plui divertent da copiâ che la tor Eifel made in China.

02 feb 2008

Il sant dirít


Rivant ae stazion di Waterloo di Londre, o vevi dome di cjapâ a diestre lant di fûr, pó, a lâ fin tal angul, cjapâ a diestre e cjaminâ par vincj minûts e là, o varès cjatât a diestre o a ciampe la Circle road o la Circle line, o no sai plui. Lu vevi vidût sù Google maps. O vevi parfin vidût il tet de cjase. Le strade no ere chê ma le ai cjatade distès dopo trê oris. La mê biele mi veve racomandât: - No sta a vê pôre di domandâ ae int ch'a tu stâs mancul a rivâ indulà ch'a tu âs di rivâ e, come simpri, o i vevi dite di sí ma o vevi fat il gîr dal mont prime di rindimi cont che invesit di cjapâ a diestre o vevi di cjapâ a ciampe e che, dutcâs, la Circle a no ere ni road ni line parcé che une a é chê ch'a fâs il gîr di Londre parsôre e chê âltre chê ch'a fâl il gîr sot tiare cul tube che, cheste vôlte a nol ere il you dai videoclips, ma il gno metró par tornâ al pont di partince. Mi staiso daûr? OK.
Insome, o soi lât a cirî une Police station. Une siore inglêse nêre, gjentilissime a voleve savê d'indulà ch'o vignivi cul gno acent platât daûr dal comonwealth e o ai scuignût dîal che normalmenti, cul treno TGV, da Bruxelles a Londre a si veve di meti dôs oris ma, a partî de Mànie dal tunnel, si, insome a Calais, i binaris inglês a no permetevin di lâ a tresinte a l'ore ma dome in cuarte invesit de cuinte.
A no veve capît le sciore bobby e nancje jó no ai capît il parcé ch'a no podeve dîmi se le persone ch'o cirivi a fos regjistrade tar chel district o no ma o ai capît che le privacy inglês al cji permet di stâ indulà ch'a tu ûls zence diclarâlu al comun e duncje, par jê, cul gno acent, o no vignivi da Bruxelles, o no someavi par nuje a Hercule Poirot di Agata Christie e no podevi sei cussí mone di crodi che chel foreigner ch'o cirivi a stàs indulà ch'o vevi crodût di viodi il tet sù Google.
Insome, ancje jó o ai la mê privacy e no i ai dite il parcé ch'o vignivi e o ai cjatât che circle strade dopo vê traviersât un prât taront invesit di fâ il gîr come ch'a mi veve dite jê. O vevi girât avonde.
Il pub al si cjatave dongje de glêsie e o vevi sen di pissâ. Sul puarton de glêsie un prêdi vistît ancjemó ae vecje cun tune tonie nêre e un colet ront inamidât al mi cjalave sospetôs cun tun pac di broshures in te man. Di sigûr che lui al crodeve ch'o no mi sarès fermât par entrâ ma o sarès lât dret.
In fat, par fâi dispiet, o sarès invesit lât drenti parcé che so cjapi a sinistre cuant ch'o ai di cjapâ a diestre, o podarès benon fâ il contrari cuant ch'o ai di lâ dret; Logic no?
Ma o vevi une di chês sens di pissâ ch'o sarès stât bon di domandaî di confesâmi par lâ a pissâ tal so confesionâl. Ma confesino i anglicans? O sintivi i cjants ch'a vignivin fûr de glêsie e o m'imagjinavi che forsit i fedêi di vuê a son chei che jâr a lavin a copâ cun Ricardo Cûr di leon,. Insome chei che Bush al và a copâ vuê ma o no vevi coragjo di fâ mateçs ne il timp par fâmi le domande e cussí, enfre le vite e le muart, un tantum ergo e un sacramentum, le puarte de church e chê dal pub o soi lât dret disint un I'm coming back tant che il prêdi al mi sivilave vie un dai soi depliants di rimprovero cun le time table e cualchi estrat de bibie. Le entrade dal pub a ere tal coridôr. So lavi dret o lavi jù pes scjalis tai cessos e so lavi a cjampe o entravi tal pub. Miôr di cussí si mûr. Ancje pai distrats come me.
Ma i vêris de puarte trasparints mi an tradît cuant ch'o passavi devant e o ai scuignût sberghelâ ancje a chel dal bar un 'm coming back caz d'un boy... e lâ jù di corse zence pensâ di controlâ se cheste vôlte o no mi sbaliavi di strade o d'intenzion o di puarte... Uf! Gentlemen. Le puarte juste.
Ahhh. Ce plasê. Cjale il cîl, cjale une mule, nûl une rôse o palpe une tete, fâs dut ce ch'a tu ûls e mangje, bêf, fâs l'amôr ma cuant ch'al é ore al é ore e un plasê un plasê e di sere o di buinore a tu lu gjolds di cûr.
Lant fûr o varès scuignût lâ a bevi une bire tal pub parsôre di me e ancje s'al ere plui adore pe bire che par lâ a messe o lu varès fat. Par educazion. Guai a lâ a pissâ prime de bire in Inghiltere. Dopo de bire tant ch'a tu âs voe ma mai prime. E puedin dî ch'a tu sês un di chei ch'a vadin a fâ il plen di une bande e a disvueidâ di chê âltre e po sule puarte dal cesso al ere scrit Gentlemen e jó, ancje se in situazion precarie, o mi sintivi zà plui nobil che sul continent.
Enfre le man dal depliant e le man dal pindulant, o no savevi indulà meti i vôi e par finî o ai let le publicitât di chei fenôi che li drenti a vegnin a fâsi benedî forsit dal prêdi de glêsie lí dongje e ch'a scrivin sui mûrs...
No, ce disio, i prêdis anglicans a si maridin, a no an bisugne di lâ pai cessos dai pubs e... Toc toc toc. -Porco... Bielzà? Un al tocave ae mê puarte e al cirive di entrâ.
-Buzy. O dîs zence masse poiâ. S'al fos in Italie, magari a tu scuens dîlu a âlte vôs trê vôltis prime di mandâ il rompiscjatulis sul ostie stant al fat ch'a no tu puedis mandâlu tal puest indulà ch'a tu sês zà tu. Ma achi e capissin subite che il to dirit al é il to dirit.
Cussí o ai podût continuâ a fâ valê il gno sant dirit prime di dîus : I'm coming back.
...Soon:-)

Arrivando alla stazione Waterloo di Londra, bastava solo prendere a destra uscendo e poi fino all'angolo e ancora a destra, camminare per 20 minuti e là avrei trovato a destra o a sinistra, non mi ricodo più, la Circle road o la circle line. L'avevo visto sù Google Maps perfino col numero di casa ed il tetto. La strada non era giusta ma l'ho trovata tre ore dopo.
La mia bella me l'aveva raccomandato: -Non aver paura di chiedere ai passanti se vuoi arrivare prima. Io avevo detto di sí, come sempre, ma avevo fatto il giro del mondo prima di rendermi conto che avevo di sicuro preso a sinistra invece di destra e che la Circle non era né la road né la line perché una fà il giro di Londra sopra e l'altra fa il giro di Londra sotto terra col tube, che per l'occasione non era il you dei videoclips ma il metro che ho preso per ritornare al punto di partenza. Mi seguite? OK.
Insomma, sono andato a una Police station e là una signora negra molto gentile voleva sapere da dove venivo col mio accento nascosto dietro il comonwhealth ed ho dovuto dirglielo che normalmente con l'Eurostar da Bruxelles a Londra dovresti metterci due ore ma, a partire dalla manica, insomma da Calais, i binari inglesi non permettevano al treno francese di fare i suoi 300km orari ma di andare solo in quarta invece di quinta. Non aveva capito, comunque neanche io non avevo capito il perché non poteva dirmi se sí o nó la persona che cercavo era registrata nel suo district ma ho capito che la privacy inglese permette di abitare dove si vuole senza essere registrati e del resto non ci sono i nomi degli abitanti nei campanelli delle porte di entrata.
Dunque, lei, per via del mio accento, non credeva affatto che io venissi da Bruxelles, perché non assomigliavo per niente ad Hercule poirot di Agata Christie e non potevo essere sicuro che il foreigner che cercavo stasse veramente a quel indirizzo. Insomma, anch'io ho il diritto alla stessa privacy e non gli ho detto il perché ero a Londra. Uscendo, invece di fare il giro attorno di un grande prato circolare l'ho attraversato in sbiego per non fare come mi aveva consigliato la bobby e mi son trovato nella Circle strada dove dovevo andare.
Il pub si trovava vicino alla church e dovevo andar in bagno. Sulla porta della chiesa, un prete vestito all'anziana con la tonaca nera ed il colletto bianco mi guardava sospettoso arrivare verso lui. Di sicuro pensava che sarei andato diritto senza fermarmi. Ed infatti, par fargli dispetto, sarei invece entrato in chiesa perché se uno come me prende a sinistra invece di destra potrebbe benissimo entrare in chiesa invece di andar diritto. Logico no? Ma dovevo assolutamente andare in bagno. Al punto che sarei stato capace di chiedergli di confessarmi per poi far una pisciatina salvatrice nel confessionale. Ma gli anglicani confessano? Sentivo i canti dei fedeli uscire dalla porta aperta e mi chiedevo se i fedeli di oggi fossero gli stessi che andavao ad ammazzare la gente con Riccardo cuor di Leone laggiù dove il Bush li ammazza oggi ma non avevo il coraggio di farmi la domanda più di cosí né di far scherzi nel confessionale e cosí, fra la vita e la morte, un tantum ergo e un sacramentum e la porta della chiesa e quella del pub sono andato diritto dicendogli I'm coming back mentre lui prontissimo m'infilava in mano uno dei suoi depliants di rimprovero con la time table e cualche estratto di bibbia.
L'entrata del pub era nel corridoio a sinistra mentre se andavo diritto andavo giù per le scale ai WC. Meglio di cosí si muore, sopratutto per i distratti come me. Ma i vetri trasparenti della porta del pub mi tradirono, vigliacchi, mentre passavo davanti ed ho dovuto gridar via a quello del bar un I'm coming back caz d'un boy e giù di corsa senza pensare se facevo uno sbaglio di pronuncia,
d'intenzione, di strada o di porta. Uf. Gentlemen. La porta giusta. Dentro. Fuori. Ahhh. Che piacere. Guarda il cielo, guarda una ragazza, guarda un fiore, senti il suo odore, palpa una tetta, fai quello che vuoi, mangia bevi, fai l'amore ma quando é l'ora é l'ora ed un piacere é un piacere ed era ora di goderlo.Uf.
Uscendo, avrei dovuto andar a bere almeno una birra al pub di sopra anche se era troppo presto per la birra e non per la messa. Cosí, per educazione. In Inghilterra non puoi andare in bagno prima della birra. Guai. Solo dopo. Potrebbero dirti che tu vai a far il pieno da una parte e il vuoto dall'altra eppoi cosa c'era scritto sulla porta del gabinetto? Gentlemen. Ed io, anche se in situazione precaria mi sentivo già più nobile.
Tra la mano con il depliant e la mano col coso, non sapevo dove mettere gli occhi e beninteso ho letto tuti gli annunci pubblicitari dei gay che li dentro forse vengono a farsi benedire dai preti della chiesa vicina. Ma che dico? I preti anglicani sono sposati e non vanno di certo a zonzo per i cessi dei pub e ...
Toc toc toc... -Porco... Già qualcuno alla porta? Infatti uno cercava di entrare.
-Buzy, dissi come se fosse naturale. In Italia naturalmente se succedesse dovrei gridare almeno trè volte prima di mandarlo in chiesa a dire un'ave poiché non potevo mandarlo dove c'ero io.Invece qua, capiscono subito. Il tuo diritto é il tuo diritto. Ed é cosí che dopo il mio santo diritto
posso dirvi da qua: I'm coming back.
Soon

01 feb 2008

La poesie dai vâs par câs


Al sucêt cussí, O tài fûr une slepe di argile cun tun spâli metalic come s'al fos une porzion di polente. Le cjapi a sberlis e a papins par gambiâi le muse prime di domandai perdon e di scomencâ a cjareçâle cun le man e cui dêts. Normalmenti, l'argjile a mi dimostre le sô gratitudin cooperant as mês vois di caprizis ma cuâlchi vôlte a si ribele e se veramenti o no rivi a fai capî ce ch'o ûl, al ûl dî ch'o soi masse niervôs o masse impazient e alore o le sfrachei cun tun puign e le lâsi li cun le panse pal aiar fin ch'o mi soi calmât:-)
Cuant ch'al va ben, dopo le prime idee, al mi reste simpri un tant di argile ch'o m'impegni di doprâ fint a l'ultin gram e al é cussí che invesit di fâ un vâs on fâs trê o cuatri, un plui piçul di chel âltri. Al sarès interessant di podê fâ le stesse rôbe cun le musiche o cun le poesie. Al si tirarès fûr un chilo di notis e doi etos di peraulis e dopo vê fat une cjançon e une poesie, cun lis notis e lis peraulis ch'a restin al s'in fâs un'âltre composizion plui piçule e cussí, vie vie fin quant ch'a nol reste che une peraule: Mandi:-)



Achi, un vasut di 8cm. L'ûltim di une serie. Al é da tignî te sachete cuant ch'a si và fûr cun tune femine. Ae prime rôse a si si ferme. A si si cjale. A si le cjol sù e a si le met tal vasut ch'al rive come par miracul par che âltre man. A si lu dà ae nestre biele e a si sbasse i vôi par no impaçâle tal câs ch'a vares voe di dânus une bussade:-)





Succede cosí: Taglio fuori una fetta d'argilla con uno spago metallico come se fosse la mia porzione di polenta. La prendo a schiaffi e a pugni per cambiargli i connotati prima di chiedergli scusa e di farmi perdonare dando qualche carezza prima con la mano intera e poi con la punta delle dita. In genere, l'argilla mi dimostra la sua gratitudine e docilità ma qualche volta si ribella e se veramente non riesco ad ammaestrarla vuol dire che son troppo nervoso allora la rischiaccio con un pugno e la lascio lí col ventre in aria finché mi son calmato:-)
Quando và bene, dalla prima fetta realizzo un'idea, e con i pezzi rimanenti realizzo una seconda o una terza cosetta utilizzando tutta la plasticità dell'argilla nuova finché, non ne ho più un solo pezzettino. Sarebbe interessante di poter far cosí con la musica o la poesia. Si tira fuori un chilo di note o due etti di parole e si compone una canzone o una poesia. Con le note o le parole che rimangono si fa un'altra composizione più piccola e via via finché si arriva a non avere più che una sola parola: Mandi:-)



Ecco l'ultimo vasetto di una serie fatta cosí. Solo 8cm di altezza.Vasetto da tenere in tasca quando si esce con una donna. Al primo fiore ci si ferma, ci si guarda, si coglie il fiore con una mano e lo si adagia nel vasetto che , come per miracolo, gli arriva incontro dall'altra mano. Si offre e si sbassa gli occhi per non turbare quella che di sicuro ti darà un bacio:-)