I miei Video clips furlans

Loading...

5 feb 2008

Il diaul e l'agnul

Tar chest mont di furlaniscj, furlanârs e furlanats di ogni sorte di diu, o vin cualchi furlan di grande cualitât ch'a somein lavorâ in te ombrene ma invesit o sin nô ch'o sin te ombrene. Chest artist di Venzon : Elio Copetti al é di sigûr chel ch'al lassarà tai museos ce che i furlans di doman a nus rimproveraran di vê lassât de bande. Al sarès ore di sveâsi prime che il braç dal diaul al trasformi chel ridicul agnulut in polvar e nus lâssi zence identitât. Ma no lu sino bielzà?
Cjapait un moment, ma un moment sul serio e lait a dâ une voglade al so sito su Arteadesso.
Se po, o no vês vergogne di viergi i vôi, di pôre ch'a nol capissi ce ch'o disês cun le lenghe, o podês dî le vuestre sul so forum ancje par furlan. No stait a fami pensâ che se i furlans e an i vôi come ducj a no cjalin che cui parevôi. O che se an une lenghe dite mâri a no le doprin che par tasê cuant ch'al si trate di sentiments e di art.
Dopo Cadel e Pasolin, un al a tirât fûr Afro...Po ben, so no tiràs fûr ancjemó une vôlte Copetti, nol sarès ben e no sarès jó. So no savês ce dî, al baste une peraule par che un artist al sedi incoragjât forsit par dute le sô vite. Lait a dî un bondí, un mandi, un alc ch'al vegni dal cûr o dal cjâf. Al baste un clic.
Frache!
Far l'elogio di un artista, non é la cosa che un friulano sà fare di meglio anche perché molte volte, già incominciando, rischia di urtarsi all'indifferenza o all'apatia . Se fosse solo cosí, potrebbe ancora scriverlo sui muri dei gabinetti o nel cielo che sarebbe la stessa cosa ma resterebbe forse una traccia. Il bello viene quando le obbiezioni si trasformano in polemiche oziose e vane dove uno ti dice, guarda che hai dimenticato un punto sù una i, o una virgola tra una U e una A e che il discorso scivola via sù Berlusconi o chissà che soggetto uscito dal canale a senso unico di un vicolo gorgo TV.
Ma se dovessi essere l'ultimo, saró quello.
In principio, mi ero proposto di scrivere solo in friulano. Come se fossi ancora nel ventre di mia madre. Mia madre é morta l'altro ieri e prima che muoia io, dovrei dirne ancora un milione in qualsiasi lingua. Questa di Copetti, la dico già per la seconda volta sebbene non conosco personalmente quest'artista, me lo son preso per me.
Ma forse é lui che mi prende, che mi tira, che mi mira, che mi offende...Sí perché lui é come Gaudí. Come non essere offeso quando scopri che quello che volevi fare tu lui lo ha già fatto prima di te? E mi offende come Gaudí.
Dovrei dirgli quattro insulti, anzi, andare a Venzone in kamikaze e distruggere lui e questa città romana di mura con quattro mummie in una cantina, un leone veneziano sul palazzo che 'sto pittore lí vicino si diverte a far rinascere come una fenice dopo il terremoto del 76 quando forse non era neanche nato.
Don...Don... Le grosse campane del campanile romano suonano per la messa delle sei. Io ci andrei. Anche se in chiesa sarei solo in compagnia delle ultime vecchie locali. Giusto cosí. Per far dispetto. Sarei venuto a Venzone per visitare Elio Copetti. E dove si trova? Sussurrerei alla mia anziana vicina: -Cognosseiso Elio? Lei, tra un ave, un pater e i nodi delle sue dita mi farebbe segno di sí ma che dovrei aspettare la fine della messa. Ok aspetto fuori, sono le 7...

3 commenti:

Anonimo ha detto...

molto bello e originale questo elogio!
Quasi quasi vengo a Venzone anch'io...
:-)
capucine

Jaio ha detto...

Aspetta che ne faccia uno per te. Te lo scrivo con un motoscafo sul lago:-)

elio-c ha detto...

Grazie Jaio, tu mi fas deventaa ròs! :-)