I miei Video clips furlans

Loading...

6 feb 2008

il vaso per caso


Il vaso per caso di questa settimana é un vaso greco. La foto é mia. Viene dalla mostra che c'era in luglio al colosseo. Si pensa generalmente che questi vasi venivano cotti tre volte.
La prima cottura, all'incirca 900° per l'argilla, la seconda volta verso i 950 gradi per ottenere il nero. Si dice sia ottenuto provocando del fumo nel forno. La terza volta a 850° per fissare i colori dei personaggi. Si suppone, grazie all'analisi di altri vasi simili, che non fosse facile riuscire ad ottenere una qualità costante. Spesso il nero svaniva durante la terza cottura nel caso la temperatura fosse troppo alta. Nessuno é ancora arrivato ad imitare questa tecnica benché oggi ci siano mille modi e mille tecniche differenti ma io ci sono riuscito con un tegame...Dimenticando il riso sul fuoco per 4 ore dopo una telefonata:-)
Pssst: Le prosime furlanade a sarà par te:-)

2 commenti:

Anonimo ha detto...

interessante...
ma dimmi,
la cottura prolungata influisce anche sulla resistenza del vaso?
ciao Jaio, buona giornata
Chapucer

Jaio ha detto...

Non proprio, secondo l'argilla, una volta ottenuta la temperatura, si riscende poco a poco (Almeno 12 ore prima di poter aprire il forno). Ciao Capucine e buona giornata