I miei Video clips furlans

Loading...

1 feb 2008

La poesie dai vâs par câs


Al sucêt cussí, O tài fûr une slepe di argile cun tun spâli metalic come s'al fos une porzion di polente. Le cjapi a sberlis e a papins par gambiâi le muse prime di domandai perdon e di scomencâ a cjareçâle cun le man e cui dêts. Normalmenti, l'argjile a mi dimostre le sô gratitudin cooperant as mês vois di caprizis ma cuâlchi vôlte a si ribele e se veramenti o no rivi a fai capî ce ch'o ûl, al ûl dî ch'o soi masse niervôs o masse impazient e alore o le sfrachei cun tun puign e le lâsi li cun le panse pal aiar fin ch'o mi soi calmât:-)
Cuant ch'al va ben, dopo le prime idee, al mi reste simpri un tant di argile ch'o m'impegni di doprâ fint a l'ultin gram e al é cussí che invesit di fâ un vâs on fâs trê o cuatri, un plui piçul di chel âltri. Al sarès interessant di podê fâ le stesse rôbe cun le musiche o cun le poesie. Al si tirarès fûr un chilo di notis e doi etos di peraulis e dopo vê fat une cjançon e une poesie, cun lis notis e lis peraulis ch'a restin al s'in fâs un'âltre composizion plui piçule e cussí, vie vie fin quant ch'a nol reste che une peraule: Mandi:-)



Achi, un vasut di 8cm. L'ûltim di une serie. Al é da tignî te sachete cuant ch'a si và fûr cun tune femine. Ae prime rôse a si si ferme. A si si cjale. A si le cjol sù e a si le met tal vasut ch'al rive come par miracul par che âltre man. A si lu dà ae nestre biele e a si sbasse i vôi par no impaçâle tal câs ch'a vares voe di dânus une bussade:-)





Succede cosí: Taglio fuori una fetta d'argilla con uno spago metallico come se fosse la mia porzione di polenta. La prendo a schiaffi e a pugni per cambiargli i connotati prima di chiedergli scusa e di farmi perdonare dando qualche carezza prima con la mano intera e poi con la punta delle dita. In genere, l'argilla mi dimostra la sua gratitudine e docilità ma qualche volta si ribella e se veramente non riesco ad ammaestrarla vuol dire che son troppo nervoso allora la rischiaccio con un pugno e la lascio lí col ventre in aria finché mi son calmato:-)
Quando và bene, dalla prima fetta realizzo un'idea, e con i pezzi rimanenti realizzo una seconda o una terza cosetta utilizzando tutta la plasticità dell'argilla nuova finché, non ne ho più un solo pezzettino. Sarebbe interessante di poter far cosí con la musica o la poesia. Si tira fuori un chilo di note o due etti di parole e si compone una canzone o una poesia. Con le note o le parole che rimangono si fa un'altra composizione più piccola e via via finché si arriva a non avere più che una sola parola: Mandi:-)



Ecco l'ultimo vasetto di una serie fatta cosí. Solo 8cm di altezza.Vasetto da tenere in tasca quando si esce con una donna. Al primo fiore ci si ferma, ci si guarda, si coglie il fiore con una mano e lo si adagia nel vasetto che , come per miracolo, gli arriva incontro dall'altra mano. Si offre e si sbassa gli occhi per non turbare quella che di sicuro ti darà un bacio:-)

4 commenti:

furlan ha detto...

Jo o ai une scriture insigure. O scrîf, o scanceli, o torni a scrivi, gambii. Un pôc come la to slepe di argile. O patafi la mê scriture fin a strengile e alassale sbrocâ in ce che vûl jê, cuant che à une sô fisionomie le lassi. Un pôc come la to slepe di argile.

Anonimo ha detto...

sai essere dolcissimo, Jaio...
è affascinante (quasi come vederti) sapere come tratti l'argilla...:-)

è l'urgenza dell'amore
che ci fa sentire vivi.

Buon Week end
capucine

Jaio ha detto...

- Qui se ressemble s'assemble.
A disin in francês. Se chei ch'a si somein a si metin insiemit, o sin dome trê gjats ma contents:-)
Mandi Furlan

Jaio ha detto...

Ma, sai Capucine, senza voler spegnere l'effetto, devo essere onesto,lo faccio per obbligazione. L'argilla contiene delle bollicine d'aria che bisogna far uscire a suon di schiaffi di ogni specie in modo che quando và nel forno non si rompi o non esploda e mi piaceva descrivere il contrasto fra le botte e le carezze (obbligatorie anche quelle:-). Naturalmente quando si incomincia a scrivere non si sà dove si và a finire, specie se la fantasia ti porta a spasso, e questa volta é finita con una sola parola: Mandi
Lasceró comunque il blog per seguire l'esempio di Elio. Scrivere stimola...L'appetito di far qualcosa di più.
Buon week end