I miei Video clips furlans

Loading...

27 feb 2008

Le regjon dal Picolit d'invier.

In vino veritas...Se la veretât a é tal vin, il Picolit al é un vin enfre i plui nobils. No dome parcé che da simpri al fâs part des taulis di ducj i rès de Europe ma parcé che par tirâlu sù al ûl volontât, mistîr, pazience e savê. A si lu vendemie il plui tart pusibil ma prime ch'a rivin lis plois e po si lasse secjâ fin a Nedâl prime di invidâ ducj i vissins a selezionâ i âsints par fâ il vin e scartâ chei fraits zence scartâ chei cun le mufe nobil.
A si imbutilie dome un ant dopo, in tune sere frescje e zence lune.
A si dîs ch'al sedi di un colôr paierin cjariât, alcolic ch'al tire sui 12° e mieç, delicatamenti profumât, armonic, sut, dôlç e un pôc mol, di savôr speciâl, inconfondibil, gradevulissim e licuorôs da fâ invecjâ ma chestis serenadis passe-partout ae francês fatis da enologos ch'a no an voe di comprometisi a son da scartâ ancje parcé che chel ch'al impuarte di plui a nol é cun ce ch'al si bêf ma cun cui. 
Duncje, premurôs di fâ biele figure o ingordons par no lassâlu invecjâ, o vierzarín le butilie a pene comprade sperant di vê enfre di nô un poete ch'al nus disi le sô opinion par podê gjoldi di plui. Si parce che piturâ il Picolit, al sarès vê dome il colôr, scolpîlu al sarès vê dome le butilie e cjantâlu al sarès bevi le butilie di besôl e il vin, massime chest, al si a di bevi in compagnie. Ma cuâle compagnie? A si dîs ch'a no si a asolutamenti di ofrîlu a es feminis sot pene ch'a us disin di sí...
Duncje so frantumais chiste biele regule popolâr o sarês perdonâts. 
Se po o colais sun tune poetesse veneziane come Veronica Franco ch'a diseve che in Friuli se magna ben e se beve mejo o su Carla Bariffi ch'a puedarès dîus che il vuestri vin a no i fâs pensâ ae ùe ma al polin des rôsis diluît in te rosade, alore li, o stais frescs parcé ch'o vês e le femine e le poete e se al prin cin cin o jevarês il mignul cun distinzion daspó o ievarês dut il rest fint al ûltim ron ron.
Da ofrî in butilîs di un cuart parcé che i plasêrs plui curts a son simpri i miôrs.

La selezione degli acini
Se la verità é nel vino,
il Picolit é un vino tra i più nobili. Non solo perché fa parte da sempre dei vini selezionati nelle corti europee ma per farlo ci vuole volontà, mestiere, pazienza, sapere.Si vendemmia il più tardi possibile e poi si lasciano i grappoli appesi fino a Natale prima di selezionare gli acini scartando quelli marci ma lasciando quelli con la muffa detta nobile. Si imbottiglia solo un'anno dopo e si dovrebbe lasciare invecchiare ma noi siamo sempre vecchi abbastanza per non aspettare troppo e ingordi o premurosi di far bella figura, appena si ha una bottiglia in casa la si apre, la si gode e basta:-)
Si dice che sia di colore paglierino carico, alcoolico, delicatamente profumato, armonico, asciutto o dolce, un po' molle, di sapore molto speciale, inconfondibile, gradevolissimo, è un vino liquoroso da invecchiamento ma queste serenate passe-partout alla francese sono da ridere e sono solo fatte da gente che non si vuole compromettere.
Io direi che a ogni occasione avrà la sua storia e lo offrirei volentieri a un poeta per farmelo godere di più poiché se lo dipingo avró solo il colore, se lo sculpisco avró solo la bottiglia e se lo canto vuol dire che ero da solo per berlo e il vino, sopratutto questo, si deve gustare in compagnia.
Ma quale compagnia? Si dice che non sia da offrire né alle signore né alle signorine sotto pena che vi dicano sí. Ma chi, da maschiaccio non infrangerà questa bella regola?
Se poi vi succede di cadere sù una poetessa veneziana come Veronica Franco che diceva che in Friuli se magna ben e se beve mejo o una poetessa come Carla Bariffi che vi potrebbe forse dire che e' un vino che non fa pensare all'uva, ma al polline dei fiori diluito nella rugiada, allora, allora sí che avrete fortuna perché avrete la donna e la poetessa insieme e qualsiasi cosa vi dicano sarà comunque sufficente per farvi alzare con distinzione il mignolo col bicchiere per fare il primo cin cin prima di alzare tutto il resto e fare l'ultimo ron ron. Si offre in bottiglie da un quarto perché i piaceri più corti sono sempre i migliori:-)



4 commenti:

Furlans de diaspore ha detto...

Jajo o cognos al puest di chel quadri li' une vorone ben.
O fasevi in biciclete che strade li' amancul dos voltis ale setemane.


Mandi,

Jaio ha detto...

Bielisim puest. O ai vût le ocasion di stâ in te badie par trê dîs (Le badie a é dal vescum di Udin e al é doprât par ativitâts culturâls e a fitin ancje cjamaris)Al somee di sei in Toscane. De badie, par cîl seren a si viôt jù fint al mâr.Al é ore ch'a tu tornis a fâ un zîr:-)

Furlans de diaspore ha detto...

Cun co levi alis superiôrs dopo scuele cun cal timp al jere biel o fasevi al "zîr dal Colio" partint di cjase ( Pavie ) passant pe culinis di Buri, su bande Ipplis e dopo ju bande de badie.

Al probleme al jere simpri dopo chel di passâ bande de zone industriâl di Manzan cence jessi cjapâts sot di un Camion :-)

Mandi

Jaio ha detto...

Can da l'ostie, a tu sês un bon sportîf!:-)