I miei Video clips furlans

Loading...

28 feb 2008

Capis / Conchiglie


Spirali d'avorio deposte
le venature accese nella sabbia
- accostare -
l'orecchio e sentire
l'abisso dentro un suono
eterna sospensione
Chapucer


Robis
ch'a vegnin fûr stant achi sù chest blog. L'autôr a si dilete a poetâ dopo vê vidût le piture. Chiste vôlte lu veve fat prime. Cemût îsal pusibil? Po ben o ai piturât dopo.
Us saludi e o torni le setemane ch'a ven.

6 commenti:

Anonimo ha detto...

O Jaio, è bellissimo!
per ora non ho parole...
Grazie
Chapucer

Luche ha detto...

Mandi! Al è pardabon biel! Scuse se i dopri cheste vie par altris fins, ma o spieti ancjemò une tôt rispueste pe interviste... che lis mês mail a ledin pierdusi? podaressitu scrivimi tu alore par prin? furlansdibaviere@yahoo.de... maman!

Anonimo ha detto...

Mandi Jaio, ovunque tu sei!
questa è per te, per il tuo dipinto che sprigiona una luce densa e malinconica...

Vorrei mi portassero
la tua voce, con gli accenti
ed i colori sparsi
compagni del cuore che
piange una luce d'avorio
se non lo si ascolta

Chapucer

Anonimo ha detto...

Mandi!
ma quando torni?
Ciao Jaio
Chapucer

Jaio ha detto...

Infat, essi pitôr a nol dî âltri che vê furtune di sintî ce ch'al sucêt in se o ator di se. Il rest, se une piture a ven fûr ben, aé dome une question di furtune e chiste vôlte a no mi a dome soridût. Si viôt ch'o vevi voe di colôrs e ch'o vevi voe di plasê.

Anonimo ha detto...

Buon giorno Jaio :-)
non mi ricordavo più di questa mia.....