I miei Video clips furlans

Loading...

09 mar 2008

I .....miei


Cualchi vôlte al sucêt ch'a si tache a fâ une rôbe e a si finís par fant un'âltre. Ma no îsal biel di podê gambiâ di direzion se le ocasion a somee buine? Ancje cui colôrs ch'o pensavi plui neutros a son vignûts fûr plui francs. Ognun al fâs i sois. Chescj a son i miei. Giorgio Baffo, poete venezian, s'al tornàs vuê al mal comprarès. Lui ch'al si lamentave di vent dome un e ch'al varès volût vent un devant e un daûr (Viodêt achi sot) achi al in da 4:-)
Qualche volta succede che si incomincia con una idea e si finisce con un'altra. E successo qua. Se l'occasione si presenta perché non cambiar d'idea? Anche coi colori che vedevo più neutri, finalmente sono più sonori. Ognuno fa i suoi. Questi sono i ... miei:-)
Se Giorgio Baffo, poeta barone veneziano tornasse me lo comprerebbe. Lui che si lagnava di averne solo uno, adorerebbe :-)
Esempi:
...Un solo mal ghe xe in sto sollazzo;
Che più bisognerave ch'el durasse,
Oppur che l'omo avesse più d'un cazzo,
che, quando mola l'un, l'altro tirasse,
Oppur la man e 'l piè, la gamba, e 'l brazzo,
La bocca e 'l naso, e 'l cul, tutto sborasse.
E ancora:
...Che gran gusto el saria, caro monsù,
Invece de due man aver due cazzi,
E tutti de poderli parar su
Che contento, che spasso, si per Dio
seria in t'un tempo provar due sollazzi,
chiavar davanti e buzzarrar de drio

1 commento:

Jaio ha detto...

Si, o sai, cualchi vôlte o voi fûr dai semenâts...Furtunatamenti!
Il pape al rive in friûl e jó o cjacari di Baffo, un poete ch'al a tolet pal cûl i prêdis e i frâris, i vescui e i papes...A nol é indicât, no mo? Justamenti, se dusinte e cinquante agns dopo o no le vin ancjemó capide al sarès ore di pensâ sù. Indulà vano i papes in visite? Tai paîs sotsvilupâts indulà che le int a crôt ancjemó ai miracui. Da politic, al disarà forsit un mandi a cualchidun par furlan e nô o lu cjaparin par un sant mandi. Disin pluitost che se le visite a coste cent mil euros, cualchidun, ancje sa son pôs, al scuignarà pur paiâiu, no?
Come un nochier in mar senza timon
Un pelegrin che xe fora de strada
Un orbo che la guida ghe scampada
Un che abbia da star sempre in preson
Un che sia licenzià del so paron
Un che in una busa profondada sia andà per quanto el cria una buzzarada, nessun sente de lui compassion
Un che più de magnar, gusto non sente,
Un che abbia perso qualche cossa bona,
Uno che sia accusà benché innocente,
Un che gà un nemigo e no ghe la perdona, Un che tutto vorria e no ga mai gnente,
Cussí son mi, quando no son in mona
Giorgio Baffo