I miei Video clips furlans

Loading...

27 mar 2008

Il gjaul, il barôli, o il Tita da Cividât?

Margherite da Prât a veve stade rapide dal gjaul e tignude in tune caverne dongje de crete forade par une setemane. Po a mi an contât che une dí ducj i abitants di Prât a si erin cjatâts a lâ in mont fint che un di lôr ch'al veve un orloi a nol vedi dite che as erin lis dôs di gnot. Tar chel, e an sintût le vôs sarcastiche dal gjaul ch'al rideve ch'a vignive fûr dal bosc e jù pe mont.
Le Svuâlde jé a contave che il gjaul a lu veve vidût une sere tart tornant a cjase. Al ere saltât jù de mont sul stradon e a i veve sbarât il pas ma jê a ere rivade a fuî passant sot de manteline ros e nêri. Daspó, une di ch'a ere in mont cun "las cjâras e la gugja" a si ere indacuarte che lis cjâris a erin sparidis e cjalant jù pe mont a lis a viodudis ch'a erin da pé. Alore a ere corude jù par no pierdilis e cuant ch'a ere rivade jù, lis cjâris a erin tornadis insomp de mont...e a lis veve pierdudis istès a cause dal scherzo che il gjaul a i veve fat.
O vês di lèi il libri su lis indemoniadis di Verzegnis tirât da fats vêrs sucedûts enfre il 1878 e 1879 e scrit da un gjornalist napoletan ch'al lavore al Piccolo di Triest.
Il libri ch'al é scrit un tic cun l'acent napoletan in tun italian scior di peraulis, sinonimos a profusion e duncje ancje avonde ben documentât a su lis usancis dai cjargniei d'in chê vôlte. Ma so volês savent di plui lait a meti il nâs su internet par cjatâ che plui in sù che Verzegnis, in Val d'Arzin, i furlans, cjargniei, slovens e venetos ch'a vevin un indemoniât in te famee, a lu puartavin alà sù par fâlu esorcizâ fin dal 16im siecul.
Duncje i indemoniâts, fâls o vêrs, a no mancjavin in chê vôlte e lis indemoniadis di Verzegnis a sarès une storie mediatizade indulà che il vêr al é forsit platât di cualchi âltre bande.
Par fuarce che so no crodês al gjaul o no varês le furtune di incuintrâlu di nissune bande ma s'o crodês, alore, al puès sucedi che une dí o vedis bisugne di lui par contâ chê dal ors.
A no si sà cemût ch'al é sucedût ma dopo le prime indemoniade, ch'a contave di vê il gjaul te panse ch'al si clamave Tita da Cividât, in tun an, a Verzgnis a si son indemoniadis une cuarantine di feminis e fintramai un carabinîr. Lis glêsiis a mandarin sù i lôrs esorciscj ma nuje da fâ. Dopo miedis di ogni sorte, finalmenti, lis dîs plui indemoniadis a fuerin cjapadis pai carbinîrs e puartadis a Udin tal manicomio. Al dí di vuê, storiis cussí a no sucedin plui ma a son sucedudis un grum tai îltins 700 agns e a si dîs che plui di 40.000 feminis a sedin stadis brusadis, picjadis, torturadis e sacrificadis crodint che veramentri a jerin indiauladis.Cumó, i psichiatrics e clamin demonopatie chiste sorte di epidemie. Ma o savin che i psichiatrics a son specializâts tal inventâ malatiis cuant che a no san ce dî.
Dutcâs lis storis a son straordenariis e a mi plaseve chê di Margherite ch'a veve stât su le Crete Forade par une setemane cul gjaul, che secont jê a ere une persone un grum elegant e gjentil ch'a vignive a puartai bonbons e che di sigûr a veve a ce fâ cui cuatri fruts che agne Margherite a veve vût zence sei maridade come che le prime indemoniade che forsit a veve a ce fâ cul carabinîr.Ma chest nissun no lu a dite ancjemó. O lu dîs jó:-) Scherzos mitûts de bande, o savin che invezit lis feminis di Verzegnis a jerin juste intossicadis dal pan che a vevin mangjât e che al jere contaminât da un fonc che al crès dome tal orz e tal forment cuant che al fâs cjâlt e ch'al é umit.
Il libri o lu ai ordenât achi. Al é un sito ch'al funzione a l'americane cun lis cjartis di credit, il track e il recapit via Feedex.

Le indemoniate di Verzegnis é un romanzo scritto da Pietro Spirito, un giornalista del Piccolo di Trieste che sebbene sia napoletano, conosce bene la regione, anzi, ci si domanda come nessun friulano abbia avuto voglia di parlarne dopo più di cent'anni. Infatti le indemoniate sono veramente esistite. Nel 1878, la prima delle cosí dette indemoniate, una bella ragazza di Chiaicis, borgata di Verzegnis, cominció a lagnarsi con grida, bestemmie, imprecazioni di ogni genere e bava e svenimenti dicendo che aveva il diavolo nel ventre e, poco a poco, altre ragazze, donne anche più anziane, incominciarono ad avere gli stessi sintomi. Questa isteria collettiva attiró molta attenzione nella nuova Italia e giornalisti, dottori, esorcisti e preti di ogni genere si recarono a Verzegnis per studiare il fenomeno che, dopo un'anno, si era sviluppato su una 60ina di donne e perfino un carabiniere ma cessarono con la deportazione di una quindicina di ragazze al manicomio di Udine.
Ho letto il libro ma guardando su internet ho visto che c'é ancora un'altra inchiesta di una dottoressa che analizza i fatti tenendo conto della situazione sociale dell'epoca e che non porta nessun lume a questa vicenda, anzi la complica forse per niente.
Infatti, non ho visto da nessuna parte mettere in evidenza il fatto che il diavolo servisse e serve tutt'ora a molti carnici a spaventare i bambini o gli adulti creduloni.
Peggio, nella stessa valle, ma un pó più in sù, nella valle d'Arzino, fin dal 16° secolo si usava ricevere gli indemoniati portati là dai parenti che venivano da tutto il Friuli e anche dal veneto e dalla Slovenia.Dunque, non poteva essere eccezionale perché là il diavolo era come in casa sua.
Per me, i sintomi dovevano avere un'altro motivo. Nel mio paese di Prato Carnico, ricordo la vecchia Margherita che diceva di esser stata rapita dal diavolo e portata in cima al monte per una settimana. Aggiungeva per far più vero che il diavolo aveva l'apparenza di un bel signore elegante e gentile che gli portava caramelle nella grotta dove l'aveva messa...Ed é di sicuro cosí, aggiungo io, che uno dei suoi 4 figli ebbe la luce benché non si fosse mai sposata:-) Strano che la prima indemoniata abbia detto che il suo diavolo si chiamasse Titta da Cividale e che tutte le altre indemoniate abbiano detto un nome differente per dire il diavolo. Chissà poi se il carabiniere indemoniato anche lui, non avesse qualche cosa da vedere con i mal di pancia delle ragazze possedute dal diavolo:-)
Comunquessia, ci sono ancora dei riti che non hanno niente a che vedere con la religione ma con la superstizione che continuano ancora oggi. Es: Quando un parente muore si apre la finestra per lasciar uscire la sua anima e si chiude il gatto in cantina perché non si trasformi in diavolo. Naturalmente, chi ci crede, puó vedere sia il diavolo che la madonna e chi non ci crede puó benissimo far qualche scherzo per divertirsi un pó.
Si sa da poco che le cosidette indemoniate di Verzegnis erano solo intossicate da un fungo allucinogeno che cresce nel grano e nell'orzo in certe condizioni climatiche e che se si potesse fare ancora l'autopsia dei corpi di quelle povere donne messe in manicomio per tutta la vita, si troverebbe che si trovava nel pane che avevano mangiato. 
Psst: Seguite i link qua sopra nel testo in friulano per saperne di più.

9 commenti:

Profondoceano ha detto...

Molto interessante questo post, i misteri sono la mia passione!

http://veritasegrete.splinder.com

gelostellato ha detto...

bielissim chest libri!
e bielissime le storie.
mandi mandi

Anonimo ha detto...

Ciao,ho letto molto attentamente l'ultima parte di questo post,e vorrei farti una domanda...
tempo fa andai a casa dello zio di una mia amica,che era morto,stava nel letto e notai,che oltre alla immancabile finestra aperta,c'era anche un pezzo di pane indurito sul davanzale,sempre della stessa finestra..sai quale signiicato potrebbe avere quel pane..

Maryanna1982

Jaio ha detto...

Secondo le credenze popolari,se la prima persona che vedi al mattino ha un pezzo di pane, questo é di buon augurio. L'ho trovato qua:http://www.esotericarchives.com/solomon/Il_Grand_Grimoire.pdf
Che spiega la magia nera e un sacco di altre cose tra le quali:
-Come far sesso senza rischio di essere incinta:-)
-Come far oro col rame:-)
-Come far venire tre ragazzi in camera tua la notte:-)
- Come...Se non hai ancora fatto il clic sul link, fallo adesso:-)

Ma non ti lasciare impressionare.

Jaio ha detto...

http://www.esotericarchives.com/solomon/Il_Grand_Grimoire.pdf

Rimetto il link

Jaio ha detto...

http://www.esotericarchives.com/solomon/Il_Grand_Grimoire.pdf

Verosimilmente, il link non vuole uscire al completo. Che sia la magia nera?:-)
Comunque dopo il com/solomon/
aggiungi: il-grand-grimoire.pdf

Anonimo ha detto...

sarebbe interessante capire con quale artefizio far venire 3 ragazzi in camera mia...pero' i ragazzi devono uscire dalle statue di michelangelo..con la fortuna che mi ritrovo escono solo da Poggioreale...:):)

Maryanna1982

Jaio ha detto...

Dalla prigione? Noo, scherzi:-)

Jaio Furlanâr ha detto...

Finalmente l'enigma di Verzegnis l'ho risolto. Si tratta di un avvelenamento causato da un fungo che cresce nella segola e nell'orzo con il quale, all'epoca si faceva il pane. Questo fungo si chiama Ergo e si diffonde particolarmente nell'umidità ed il calore. Non so ancora se l'anno prima o l'anno stesso era stato un anno piovoso durante la raccolta ma lo stesso fatto é successo negli stati Uniti nella cittadina di Salem nel 1692 ed anche in Francia nel villaggio di Pont saint Esprit nel 1951. Gli stessi sintomi, convulsioni, apparizioni, allucinazioni e formicolio e le stesse reazioni delle autorità e della chiesa che ha mandato degli esorcisti. Il risultato più grave é stato portato alla luce dalla ricercatrice Linda Caporael che ha trovato la relazione e le prove tra gli sintomi e la presenza del fungo. A Salem, la reazione fu di impiccare più di una ventina di abitanti indemoniati per paura della contagione! A pont saint Esprit, se ne parla ancora oggi dei morti e degli intossicati che secondo le analisi, provarono che il pane conteneva delle tracce di ergotamina.