I miei Video clips furlans

Loading...

31 mar 2008

Il Ménage a trois di Félicien Rops






















Cuissà, forsit Cadel pitôr furlan, al veve sintût cjacarâ di Félicien Rops ma la belle époque parigjine in Italie a ere ancjemó masse filtrade pe glêsie baste ricuardâsi des indemoniadis di Verzegnis dal post achi sot. Cuissà po ce ch'al sarès stât sa si vès savût che il pitôr al stave cun dôs sûrs. Al sarès stât scomunicât, puartât in prason:-) Ma vidût plui di cent ains dopo, nue no nus scioche plui. On vin zà vidudis di ducj i colôrs enfretimp. Alore chest Belga cun tun non ch'al sune furlan e ch'al stave a Parigji al ere deventât il plui grant ilustratôr di France tant e si ben ch'al a fat disegns e incisions par Mallarmé, Verlaine, Baudelaire, De Musset, et Gautier. Plui che piturâ, al disegnave. Quant ch'o voi di fûr, al scriveve une di, le nature mi fâs tremâ il lapis. Alore di fûr al cjapave il pinel e al piturave bielzà da impresionist.
Al veve cognossût Baudelaire a Bruxelles e come che Baudelaire al ere zence un franc a lu veve ospitât in cjase sô fint che dí ch'a i vignût un colp e che Baudelaire al é restât paralizât. Tant ch'o passavi par Namur, o soi lât a viodi le glêsie indulà ch'al ere sucedût par imagjinâmi le scene.
Alore, ancje s'al ere tart, o soi lât a visitâ il museo Félicien Rops. Nancje a dîlu, cun le vite ch'al faseve, ducj i soi disegns a cjacarin di feminis, ansit, in te ûltime sale, al ere proibît di lâ cui fruts.Cumó che in Olande une leç a permet di fâ l'amôr tai parcos ancje sot dai vôi dai fruts, forsit chest al puedarès sameâus strani. La mê visite aé stade curte ma il plasê al é stât grant. O tornarai.Ormai, a ogni pas ch'a si fâs in te vite, al corispuint a une sgarfade fate prime o dopo sul net e so no vês le pusibilitât di lâ a viodi il museo o cjatarês avonde leterature e fotos sù chest personagjo. Leínt il diari di Delacroix, o mi eri interessât ae sô opare parcé ch'al mi ere simpatic quant ch'al scriveve lis sôs rôbis intimis par talian. Finalmenti, s'al mi plâs i soi colps di pinel, i sogjets pompôs tirâts fûr de Arabie che in chê vôlte a ere di mode a mi plasin mancul che il diari:-) Come che i doi pitôrs a si sameavin ancje fisicamenti, o scuignivi lâ une dí a viodi chest gjaul di Rops. Un ch'a i plaseve gjoldi le vite e ch'a nol in veve mai avonde. Zà vecjo, al scriveve che ogni dí ch'al si ievave a i someave di sei come a pene nassût.E seben ch'al viveve da ains cun dôs sûrs parcé ch'a nol rivave a scielgi ni une ni chê âltre, al rivave ancjemó adore a svualâ cun âltris amôrs come s'a fos stade le sole condizion par podê vê le voe ancje di lavorâ. E al lavorave ben. I disegns ben scierâts tes linîs finis e sensuâls a erin magari scuâsi simpri remenâts ator des feminis, ansit, cualchi vôlte o mi domandavi il parcé ch'al ere cussí scalmanât parcé che lis faminis a no erin simpri zovinis e bielis come lis dôs sûrs Leontine e Aurelie Duluc.
Ma cuissà indulà che le curiositât di cognossi a puès fermâsi cuant che d'in che bande o sin cussí atrats? Sa nol fos che le gjelosie nus paralize, e forsit le educazion cristiane, cuissà di ce ch'a si sarès boins di fâ? Cui puedaressial dî che un ménage a trois a nol é plui democratic e plui interessant che un da doi?
Dutcâs, so no ai ancjemó vût le ocasion di siervî le colazion tal iet a dôs feminis insiemit o sarès pront a scometi che ancje vuâltris o sarês pronts a siervî no dome le colaseon ma ancje da marinde e da cene...Magari ancje sa fós le ûltime:-)
Intant o torni tal gno cjanton e o dîs come Félicien Rops: O entri in te religjon de Art, O pituri e no cjali plui lis feminis. Leam par viodi il ciscjel indulà ch'al stave e che vuê a é une fondazion fate par ospitâ pitôrs.

Il boulevard Lambermont é attraversato dall'avenue Eugene Demolder. Nome di uno scrittore simbolista che abitava qua vicino ed ha avuto il privilegio di sposare una bellissima donna nata dagli amori di Felicien Rops e Leontine Duluc. Allora,per forza, scrisse anche la biografia del suocero.
Nel 1887 erano già più di sei anni che Felicien abitava con due sorelle una delle quali, quella che vedete qua che và a spasso col maiale e quella sul crocefisso é la mamma e la zia... Infatti, questo ménage a trois, é stato il più duraturo benché Félicien non la smettesse mai di farfallare fra un letto e l'altro.Questa introduzione, giusto per dirvi che il museo Rops di Namur ha una sala dove i bambini non sono ammessi. Strano, direte voi quando si pensa che in Olanda, una nuova legge permette alle coppie di far l'amore nei parchi sotto gli occhi dei passanti.
Dunque, siamo alla belle époque. Rops, é l'illustratore più pagato di Parigi. Baudelaire, Alfred de Musset, Théophile Gautier, Verlaine, Mallarmé e un sacco di altri se lo contendono e lui più felice che mai lavora per tutti ma sopratutto per sé e scrive nel 1878 (Anno delle indemoniate di Verzegnis:-) scrive che ha ...un si grand amour de la vie qu'il me semble chaque matin que je viens de naître (..Un amore cosí grande della vita che mi sembra che nasco di nuovo ogni giorno). Vent'anni prima, mentre serviva da guida a Baudelaire, che ospitava in casa sua, Baudelaire stramazzó per terra in una crisi che sembrava d'epilessia ma che infine, era follia e morí pochi mesi dopo.
Sono andato sul sagrato di quella chiesa per immaginarmi la scena. Poi per forza, sono andato al museo. Era già un pó tardi ma comunque, come il primo sorso di vino, é sempre la prima impressione che conta e quando si ha poco tempo, il piacere é più intenso. Dunque un disegnatore sensuale, dove il sesso é sempre presente. Avevo già letto il diario di Delacroix, il quale mi era simpatico perché tutti i momenti intimi erano annotati in italiano ma la sua pittura epica dopo un pó mi annoia sebbene i colpi di pennello siano pieni di sensualità. Rops e lui si assomigliavano anche fisicamente ma da Rops, tutto si vede nei disegni mentre nella pittura lui é già un impressionista.La matita, davanti alla natura gli trema, dice. Allora di fuori prende il pennello e di dentro disegna. Il gesto é amoroso, fine, qualche volta provocatorio e qualche volta troppo bello per il modello che ti sta a guardare come se lo avesti dipinto tu. Tutto parte dal sesso.Alle volte diventa scabroso ma se non c'é sesso non c'é niente. Sarà una cosa senza anima. Rops non l'ha scritto ma l'ha di sicuro detto qua e là. Le due sorelle che vivevano con lui sembravano apprezzare il personaggio e tollerare perfino gli scarti. Io, non ho ancora avuto l'occasione di servire la colazione a letto a due donne, ma di sicuro servirei anche il pranzo e la cena anche se dovesse essere l'ultima.
E voi?
Intanto torno al museo:-)
"... J'entre en religion d'art.Je peins et ne regarde plus les femmes..."
Entro nella religione dell'arte.Dipingo e non guardo più le donne...
Felicien Rops
Link per il castello dove abitava e che oggi ospita pittori alle spese della regione.


Foto del castello di Rops

5 commenti:

Anonimo ha detto...

E' bellissimo...portare pranzo e cena a letto ad una donna,sarebbe la cosa piu'dolce al mondo,prendersi cura di una donna in ogni momento,nelle piccole cose,piccoli gesti quotidiani che renderebbero unico un rapporto che a me sembra utopia..
complimenti,beata la tua principessa!!

maryanna1982

Anonimo ha detto...

quindi...nell'espressione dell'arte, vige un certo distacco...?

interessanti quadri, interessanti considerazioni!

Buongiorno Jaio!:-)
Chapucer

Jaio ha detto...

Credo che il distacco sia obbligatorio altrimenti ci si perde per strada. Il mio maestro mi raccomandava di far l'amore solo dopo aver dipinto, mai prima.Ma lui non serviva la colazione a letto a nessuna:-)
Scherzi a parte, grazie per la visita e Buona Giornata. Ho un sacco da fare col sole che mi abbaglia.

Serenity VH ha detto...

Ammiro Rops non solo come artista ma anche per un suo dato biografico: è nato il 7 luglio, come me.
Però vorrei precisare che Ch. Baudelaire nella chiesa gesuita di Namur venne colpito da un attacco emplegico ( un'ictus in pratica), e non scaturì da alcuna follia; Baudelaire era già malato da tempo.
La mia passione per Charles Baudelaire mi ha fatto conoscere Felicien Rops, e la cosa più bella è che uno degli amici di Baud. è nato il mio stesso giorno :)

Jaio Furlanâr ha detto...

Hola Serenity, Grazie per la tua opinione. Baud. si potrbbe almeno comparare a Van Gogh ? Dico cosí perché lo scarto tra il genio e la follia mi sembra cosí tenue che loro due, chi più chi meno,ne sono un esempio.