I miei Video clips furlans

Loading...

22 mar 2008

Pushkine

Al pitôr Oreste Kiprensky a i a dite: Al mi somee di viodimi in tun spiêli e che il spiêli al mi lusinghe.
Al vernissage di une mostre o pensavi di vê vût il privilegjo di incuintrâ l'ûltim nevôt di Pushkine ch'al sta a Bruxelles et ch'al é maridât cun tune belga. Nue di particolâr, al someave plui impaçât di me scierantmi le man e plui timit dime cuant ch'o vevi 20 ains. Cjacarant di chest a cualchi russofono, imediatamenti, a si son mitûts a ridi. Impossibil par lôr di crodi ch'al sedi l'ûltim nevôt cun dutis lis feminis che Pushkine al a vût. Come ch'al ere un aristocratic, al timp dai zars, al ere come da nô al medio evo e il paron al veve il dirit di vite o di muart sui abitants des sôs tiaris e duncje ancje il dirit di cjapâ lis plui bielis puemis dome pal so plasê. E al é ce ch'al a fat ma golôs e avit di vite, lui al si inamorave simpri di cualchidune tant al é ver che l'an passât, a vevin fintramai fat un lunari cun lis dodis plui famôsis aristocratichis ch'al veve cognossût e cjantât tai soi poemas. Le storie, nus plate parfin le relazion d'amôr ch'al veve cun so sûr tant ch'al ere maridât cun le plui biele femine di Mascje ma ce vino di savê di plui? Nol nus bastie di savê ce ch'o savin?
O cji amavi cussí sinceramenti e cussí teneramenti ch'o varès podût domandâ a Diu un'âltri omp par amâcji come me.
A no si sà par cuâle biele al vêti scrit chescj versos ma di sigûr a nol ere gjelôs, dome ch'a nol podeve maridâ dutis lis feminis ch'al incuintrave.

PSsst: Come che tradusi peraule par peraule o cjati noiôs, us rivarà di cjatâ che lis mês traduzions a no son simpri regolârs.

Al vernissage di una mostra, pensavo di aver avuto il privilegio di dar la mano all'ultimo nipote di Pushkine che, sposato a una belga, abita a Bruxelles. Niente di particolare, lui sembrava più impacciato di me adesso, e più timido di me quando avevo 20 anni.
Parlando di questo con cualche russofono, immediatamente, ne vennero fuori delle risate.
Impossibile per loro di credere che questo fosse l'ultimo nipote sapendo quante donne Pushkine ha avuto nella sua vita. Da aristocratico, al tempo degli zar, anche lui aveva il diritto di vita o di morte su tutti gli abitanti delle sue terre e si dice che già da giovane si fosse innamorato di qualche bella contadina. Goloso di vita e di donne, lui era sempre innamorato di qualcuna anche se già sposata ed é cosí che morí in duello per salvare il suo onore da un'accusa non giustificata...Altri tempi. Oggi, si fanno dei calendari con le foto delle dodici più belle donne dell'aristocrazia per le quali, se non ha avuto rapporti provati, ha almeno composto dei versi per loro. La storia ci nasconde i dettagli della relazione amorosa che aveva con sua sorella mentre pertanto era sposato con la più bella ragazza di Mosca ma perché dobbiamo saperne di più, cosí non basta? Una vicina di spirito, al vernissage parlando di questo, mi recitó con tanta passione e di memoria l' estratto di uno dei poemi di Pushkin che gli chiesi di tradurmi in inglese e dunque in italiano dovrebbe all'incirca suonare cosí: Ti amavo cosí sinceramente e teneramente che avrei potuto chiedere a Dio di darti ancora un'altro uomo per amarti quanto me.
Non só, di quale suo poema provenga, né a quale suo amore questi suoi versi siano stati dedicati.
Forse lo sapró al prossimo vernissage. Altrimenti, ne inventeró uno:-)

2 commenti:

Profondoceano ha detto...

Grazie per la traduzione!
Felice Pasqua.

Anonimo ha detto...

Serena Pasqua mio caro Jaio...
Capucine