I miei Video clips furlans

Loading...

03 apr 2008

I vâs par câs / I vasi per casi

O ai scomençât cussi. O eri sentât a taule pal café e no eri ancjemó rivât a dî ce ch'o vevi da dî a chê siore ch'a mi veve invidât. Lis rôsis ch'o i vevi puartadis a erin li in tal vâs e o cjalavi lis fueis cun curiositât zence savê cê dî. Une fuee a ere mal mitude e alore o ai volût dreçâle.
- Ce in d'êsial? A mi dîs jê, su le diestre pronte a viergi magari une conversazion.
E jo, come cjapât in fal o no savevi ce dî. Forsit a viodeve ch'o eri impaçât e o ai fat finte di vê discuviert une fuee particolâr e di vê dificoltâts a decifrâ ce ch'al ere scrit daûr de fuee ch'o vevi in man.
Ce in d'êsial tar chê fuee?
- Nuje, , o...cji... o cji... vuei bon, al é scrit o cji vuei bon!
Naturalmenti no i ai dite ch'o vevi dut improvisât e jê no é lade a controlâ s'al ere scrit veramenti daûr de fuee ma us siguri ch'a ere le prime vôlte ch'o eri rivât a dîlu e che d'in chê vôlte no ai plui vût pôre di mostrâ i miei sentiments...A mê mâri!
Ho incominciato cosí: Ero seduto a tavola per il caffé con quella signora che mi aveva invitato a casa sua. I fiori che le avevo portato erano nel vaso. Ce li avevo messi io perché non si punga con le spine. Guardavo i fiori e le foglie con curiosità come per trovare l'ispirazione per dirle ció che volevo dirle da sempre mentre lei tagliava la torta appena fatta. Una foglia era mal messa e la presi tra le dita per raddrizzarla.
-Cosa c'é? Mi disse lei, forse per incominciare una conversazione.
Come se fossi preso in fallo, non sapevo cosa dire. Dovevo sembrarle impacciato e feci finta di essere attratto dalla foglia, come se avesse qualcosa di particolare.
-Cosa c'é in quella foglia?
Come se volessi tenere la scoperta solo per me, nascosi la foglia con la mano e poi abbassando le sopraciglia incredulo mi misi a leggere la frase che non sembrava molto chiara ma che decifrai ad alta voce: Ti... Ti voglio... Ti voglio bene!
Naturalmente, non le dissi che avevo tutto improvvisato e lei non volle controllare se era veramente scritto cosí dietro la foglia ma vi assicuro che era la prima volta che arrivavo a dirlo e d'in quel giorno non ebbi più paura di mostrare i miei sentimenti...A mia madre:-)

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Buon giorno mio tenerissimo principe,di un'epoca ormai passata...
quando racconti questi brevi pezzi della tua vita,mi sembra di viverli in prima persona,con te..e cio'è dovuto al fatto che la tua sensibilita' mai celata dalle tue parole,mi ricorda tanto la mia..
spero che la tua giornata sia radiosa...:)
Maryanna1982

Anonimo ha detto...

possedere un'animo sensibile è raro, è una virtù da coltivare...
Baci
Chapucine

Jaio ha detto...

...Siamo come le piante. Si cresce secondo il sole e la terra che si ha.Basta che il seme abbia la possibilità di svilupparsi. Ho molta fortuna di aver scoperto in tempo quello che prima ignoravo. In fondo sono un OGM (organismo geneticamente modificato:-)