I miei Video clips furlans

Loading...

12 apr 2008

La tolerance / La Tolleranza


Al circolo dei poliglotti ci vado per metter la lingua in vacanza. Si beve una birra e si parla con quello che capita. Ogni tavolo una lingua diversa. Al tavolo italiano ieri ho incontrato una russa con suo marito italiano e tutta la sua famiglia appena arrivata da Roma. Pensavo di poter imparare qualche bella espressione romana ma la discussione s'aggirava intorno della tolleranza e dell'omosessualità. La signora russa non sembrava molto contenta di dover dire che tra i presenti su quattro nipoti c'erano ben due lesbiche e un gay.
- Ma a te ti piacerebbe se tuo figlio fosse gay? Chiedeva al marito
- Su dai, le dice il marito, devi essere tollerante.
-Ma ti piacerebbe?
-Ma sù, dai...
-Ma che male cé? Dice una nipote. -Ormai é una cosa naturale, la società é cambiata,
non siamo più al secolo scorso. Dovresti aggiornarti.
-Va bene, allora perché non prendete un cane o un cavallo ? Dice lei. -Prendete una pecora, che cosí avrete anche un buon cuscino.
-Ma dai, cosa dici. Non é la stessa cosa. dicono tutti in coro
-Ma se si vuole essere tolleranti, dov'é il limite? non avete detto che la società cambia? Bisogna aggiornarsi!
Gulp, tra gli oh e gli ha di tutti gli altri, la mia birra era finita e comunque dovevo cambiar tavolo.

Al circul dai poliglots o voi par meti le lenghe in vacanze. A si bêf une bire cun cui ch'al capite. Ogni taule, une lenghe difarent. Nue taulis furlanis ma in te taule taliane iar o crodevi d'imparâ cualchi espression tipiche dai romans parcé ch'a in d'ere une famee di romans ch'a erin vignûts a cjatâ il barbe, a pene rimaridât cun tune russe . Le discussion invesit a girave ator de tolerance e de omosesualitât.
Le siore russe a diseve al so omp:
-Ma cji plasaressial a ti se il nestri fi al fos gay?
-Sù mo dai, al bisugne esi tolerants. al rispuindeve lui.
-No ma, cji plasaressial? Rispuindimi.
-Sù mo dai...
-Ma ce mâl in d'îsal, le societât a é cambiade, cumó a é une rôbe naturâl, a dîs une niece. No sin plui tal siecul passât. A tu âs di agjornâti.
-Alore parcé no cjapistu un cjaval o un cjan o magari une piôre che cun lis piôris a tu cji fâs ancje un bon cuscin...
- Eh ma ce vatu a cirî cumó mo, su mo sù.. Squasi ducj in coro.
- Ma indulà îsal il limit de tolerance? No vêso dite che le societât a gambie? Ogjiornatsi!
La mê bire a ere finide e o scuignivi gambiâ di taule.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

buona domenica poliglotta di principe... io conosco l'italiano,il napoletano una spruzzata di inglese..insomma il circolo penso non sarebbe contento per una mia eventuale candidatura :)...pero' posso far ridere e stare all'impiedi su un tavolo,contemporaneamente ovviamente....secondo te acquistero' qualche punto?
ma..secondo me diranno come tutti quelli che mi conoscono..
"marianna sei una pazza..!!!!!"

un bacio dalla bella Partenope..

Isabel Santos ha detto...

Olá!
Good week for you...
I don't undrestand this language, do you understand portuguese?
Kisses