I miei Video clips furlans

Loading...

10 apr 2008

Sboradis lirichis / L'art nouveau


Aromai ce che prime al ere volgâr cumó al devente distinguish. Il cjacarâ furlan al sarès un grum di mode a Parigji se dome cualchidun al fasarès le promozion. Mi spiêghi. Mandâ une mule in mone disint :Va caghe sborade di une mule, al sarès plui sonoro che dî : Va chier sale éjaculée.
Inutil vaî, o lu dîs par ridi.
Da doman e fint al 7 di lùi il pitôr belga Jan Fabre al a ricevût cjarte blancje dal Louvre par fâ ce ch'al ûl e alore al organize une mostre dal titul :L'agnul de metamorfosis. Dut un program ancje sa nol ûl disi nuie stant al fat, che le mostre a ûl meti in contrast le piture clasiche e religjôse cun le sô... So us invidi da me une dí, us menarai a visitâ il palaç dal gno vissin il re e us mostrarai une forme sui trê metros picjade tar un sufit dal palaç ch'a é dute fate di cuarps di scarabeos verts. L'efiet visuâl al é insolit e avonde fuart in tun palaç neo classic. Vidût il sucès, o crôt ch'a nol cjatave plui scarabeos avonde da copâ jù pes Africhis e alore al si é mitût a disegnâ cul so sanc e cun le so sbore che, da doman, al espon al Louvre.
Fabre al spiegave al gjornalist di Euronews che prime al sbore sun tune pagjine e dopo vê spietât qualchi minût che le sbore a s'inliquidi al scomence a tirâ cualchi linie cun pinei o a slungjâ lis gotis semenadis ai pêi di cûl.
Se chest al é volgarizâ l'art par fâle diventâ plui popolâr, a mi al mi somee come une storie d'amôr ch'a devente porno.
No soi rivât a timp a fâ une foto di une des sôs sboradis ma so volês o us met achi une des mês. Volêso une opare espressionist plene di energjie?
O scuignîs spietâ amancul quindis dîs ch'o fasi astinence par cjariâ lis batariis, cjapâ le corse, e duncje us costarà di plui parcé che so no sai a ce distance meti une A4 o scuignarai meti une A3, A2 o A1 e pierdi il plasê par concentrâmi sul tîr.
Se invesit une sborade primaverîl fate a le svuelte ma plene di spontaneitât us baste us fasarai un bon prêsit. Us garantís une man che tricule di emozion incjantade in te ciulade contignude de mê firme finâl.
Par une vôlte, invesit di sintîmi mone o mi sintarai fiêr.
Distrigaitsi prime ch'a mi secjin lis balis. Se po no soi stât avonde volgâr e ch'o no finís tal cesso dal Louvre, o cjatarês simpri un cjanton par metimi in mostre tal vuestri.
Come ch'o no rivi a fâ netâ le cjase che cuant ch'o invidi cualchidun, so vês chê di viodi il palaç cul Fabre, us dîs bielzà che dal 29/4 al 29/5 o ai zà cualchi ospit e che dal 19 al 22 o soi ancjemó a zonzo. Duncje, o ben o vignîs prime o enfre, o dopo o cuissà cuant ma so puartais un linsûl par vê lis mês macjis garantidis, o scuignarês forsit dâmi une man par cjatâ l'ispirazion:-)

Dunque, non faró la traduzione esatta anche se il friulano in questo caso spacca di più.
Volevo dirvi che da domani c'é un avvenimento che lascierà il segno. Con i cinquanta milioni d'entrate annuali del Vaticano, la Gioconda di Leonardo al Louvre non bastava e allora
da domani ci sarà l'angelo della metamorfosi di Jan Fabre. Tutto un programma di buongusto ideato da lui per mettere in contrasto le opere dei primitivi fiamminghi e altri di sua scielta con le sue proprie opere. Nel palazzo del mio vicino il ré, in una grande sala senza scopo c'é una macchia verde iridescente di tre metri sul soffitto. E fatta con gusci di scarabei ideata dal Fabre. Dopo questo successo, di sicuro ne avrebbe potuto farne molte altre ma aveva forse difficoltà per trovar le materie prime o un'altro palazzo reale, non so, comunque ora sarà al Louvre fino al 7 luglio con altre opere ed altre materie prime tali il sangue e lo sperma. Si, lo so, ci sono anche quelli che lo fanno con la propria merda. Scusate del poco. So che la volgarità é di moda, anzi , diventa poesia, alta letteratura, da cantare all'opera da appendere nei musei tra tutti gli altri poveri impiccati.
Lo so, é come una storia d'amore che diventa pornografica ma Fabre sembra serio nel volgarizzare l'arte e al giornalista di Euronews, spiegava che per fare queste opere, si masturbava ejaculando con arte sul foglio. Poi lasciava che lo sperma diventi più liquido prima di tirar dentro qualche linea o allungare una pennellata con ciuffi di peli personali.
Non son riuscito a registrare una delle sue ejaculazioni allora ve ne metto una delle mie.
Inutile piangere per me, lo faccio per ridere.
Questa é la prima, ho messo poi dei pigmenti blu ed ho misciato al medium che non era mai sufficente e perció ho dovuto farmi aiutare per trovar l'ispirazione.Per questo sembra un pó molle. Forse sembra anche un po cupo ma chi ha mai goduto facendosi una risata invece di lamentarsi del dolore? Io no.
Adesso, dovrei provare a far almeno 15 giorni di astinenza per fare un'opera impressionista in formato gigante, alla Van Gogh, piena di energia e di tocchi stampati, inzaccherati, poi magari leccati prima di esser gridati nella firma finale. Costerà cara.
Per gli amici invece, ho in progetto una nuova collezione di opere in formato ridotto frutto di ejaculazioni fatte alla svelta qua e là, certo, ma piene di espressione dove l'emozione della mano tremante si leggerà nelle macchie leggere negli orli arrotondati e superposti da aureole delicate e appena visibili.
Per una volta invece di sentirmi schiavo umiliato mi sentiró sciocco ma fiero di esserlo.
OK, basta. Se venite da me vi porto a vedere la macchia scarabeica di Fabre, per il resto, improvviseremo:-)

2 commenti:

Isabel Santos ha detto...

Olá Jaio!
Obrigada, merci...
Kisses

Anonimo ha detto...

è proprio interessante...