I miei Video clips furlans

Loading...

01 apr 2008

Spring feelings

Vuê, tornant a cjase, no ai podût fâ di mancul che fâ un macet di rôsis di cjariesâr ch'o contavi meti in tun vâs e forsit ancje piturâ. Sul marcepît, une siore, a vignive fûr di cjase e cjalant lis mês rôsis a no a podût impedîsi di dîmi:
- Ce bielis rôsis ch'o vês, sior.
E jó no ai podût impedîmi di disi: A son par jê, siore. E jes ai dadis.
No us dîs ce plasê ch'al mi a fat di viodi ce tant ch'a ere sorprêse jê e ce tant ch'o eri sorprês jó.
Le siore a ere biele, elegante e profumade ma al sarès stât masse facil cjoli le ocasion par leâ un idilio e alore o soi lât dret zence voltâmi.


Oggi tornando a casa, camminavo sul marciapiedi ed avevo un mazzo di rami di ciliegio fioriti che contavo mettere in uno dei miei vasi e forse anche dipingere quando una signora che usciva di casa mi disse: - Che bei fiori che ha, Monsieur.
- Sono per lei, Madame. E glieli tesi.
Inutile dirvi il piacere che ho avuto vedendo quanto era sorpresa lei e quanto lo ero io per l'improvvisazione.
La signora era bella, elegante, profumata e forse mi bastava poco per annodare un idillio ma sarebbe stato troppo facile approfittare dell'occasione e me ne sono andato senza voltarmi.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Gia'tempi di ciliegi..dolcissimo animo il tuo..del resto chi è artista deve esserlo di necessita'..come si potrebbe dipingere se non si trova l'anima in cosa si sta dipingendo? e l'anima si sente,non certo si vede...
adoro i fiori di ciliegio simbolo di bellezza immortale e purezza..

Maryanna1982

Anonimo ha detto...

dolcissimno e generoso...

così te ne sei andato
portando via la scia di quel profumo...
:-)
chapucine