I miei Video clips furlans

Loading...

24 mag 2008

Fisalis da gjoldi / Physallis frutto da godere



Us îsal zà sucedût di muardi une pome e di cjatâ te bocje l'etichete plastificade dal produtôr? So sês como me, o varê cirût di no comprâ plui pomis cun le spam stampade parsôre ma no sês rivâts parce che i produtôrs a le platin prime di imbalâlis par 6 sot de plastiche:-)
Ancjemó un pôc e a rivaran a meti il spam in tal aiar ch'a si respire:-)
Invesit su lis fisalis (Physallis peruvianis o Cape goosberry) no lis metin. Chiste pome cul nón ch'al sune cussí furlan a é tirade sù dapardut ma comercializadis in Colombie e a somee a une cjarêsie arançon involuçade in tune lanterne di fueis secjadis.
So no lis vês mai zerçadis o vês di cirîlis. Magari a Città Fiera. (Da me, un cestin al và sui 2 euros) O sai ch'a no si cjate facilmenti ma a si cjate.
Consei: cun doi dêts de man diestre o le piçais sot e cun le çampe o viarzês lis fueis come sa fos une banane e o metês le fisalie in te bocje zence tocjâ cui dêts. Infat, so le tocjais, i dêts a deventin cussí tacadiçs ch'a us tocjarà lavâiu cul savon. Invesit in te bocje e an un gust aciduts e rinfrescjants. Une muardude e al cji sclope in te bocje come une bufule plene di un licuit scognossût ma simpri biel da provâ. Cualchi granel dûr da rompi al reste in te bocje enfre i dincj. A son lis semencis ch'o podês gleti ma ancje ricuperâ par plantâlis in te tiare umide une dí di ploe e tirâlis sù in tun vâs al ripâr de glace. Cussí o podarês fâiu zerçâ ae vissine a l'ore dal té invesit dal solit caffé:-) ...Magari mitudis al puèst des freulis cun tun toc di torte fate in cjase.
* * *

Vi é forse già successo di mordere un frutto e di trovar poi in bocca l'etichetta di plastica del produttore? Se siete come me, da allora cercate sempre la frutta senza spam e non ci riuscite perché i produttori nascondono le etichette. Ancora un poco e lo spam si troverà nell'aria che si respira. Intanto, per un cestino di una cuindicina di Fisallis (Physallis del perù o Goosberry del Capo), lo spam non c'é. Questo frutto se ha un nome che sembra friulano é solo per caso perché viene dalla Colombia. Assomiglia ad una ciliegia arancione nascoste nelle sue foglie (Petali?) che assomigliano a delle lanternine. Non so se le avete già provate ma sarebbe ora di provarle prima che il costo della frutta salga come per i cereali.Per il momento, un cestino costa sui 2€. Si prende con una mano e si cerca di non toccare il frutto mentre si scosta le foglie prima di metter in bocca la pallina arancione e farla esplodere come una bolla tra i denti con un morso. Infatti sul piccolo frutto brillante c'é come un adesivo naturale che non sentirete per niente in bocca ma che sulle dita dovete togliere col sapone perché l'acqua non basta... Invece in bocca sentirete un sapore sconosciuto ma acidulo e rinfrescante sempre piacevole da rinnovare. Se tra i denti troverete dei piccoli granelli di 1 mm non sono altro che i semi che potete inghiottire o ricuperare per piantare in un vaso in un giorno di pioggia. Sí perché crescono facilmente se al riparo dal gelo. Cosí potrete offrire alla vicina all'ora del té...
invece del solito caffé:-) ...Magari sul dolce fatto in casa al posto delle fragole o le ciliegie? I bambini si divertiranno a sfogliare le lanterne e a mangiare la lampadina:-)

5 commenti:

Anonimo ha detto...

un frutto che esplode in bocca!
incredibile quante cose la natura ci riserva da scoprire ed assaporare, ancora...

Mandi Jaio
Capucine

Jaio ha detto...

Il verbo mi piaceva cosí:-)
Ciao Capucine, Vado in Lussemburgo a prendere un pó d'aria:-)
Buon WE

Luciana Bianchi Cavalleri ha detto...

Guardando la foto...somiglia all'alchechengio, che si trova anche spontaneo, qua e là nei nostri boschi e solitamente si mette sotto 'spirito'...(purtroppo a me non piacciono i fantasmi...ehm...)

sandri carrozzo ha detto...

Sì, al è de stesse famee dal alkekengi e e je propit biele la coincidence tra la tô descrizion e il non furlan tradizionâl: par furlan di fat lis pomis de Physalis si clamin feraluts.
Par altri a son une robe di mangjâ une vore sane, plenis che mai di vitaminis.

Jaio ha detto...

Ce plasê di savêlu.O scuen tirâ sù une plante di feraluts pal plasê di contâ chê dal ors ai fruts di doman:-) Mandi e grazie.