I miei Video clips furlans

Loading...

15 mag 2008

Il plui bon pagnut ch'o vedi mai mangjât mal veve comprât mê mâri a Tumieç une dí ch'a si spietave le coriere par lâ in sù.O ai ancjemó chel gust e chel profum te bocje e tal nâs.
D'in chê vôlte, o ai simpri cirût di cjatâ chel plasê e o ai da dî che se cualchi vôlte o i rivavi dongje, o mi cjatavi simpri in Friûl. Il pan par me al a di sei il pan dal dí. A nol m'interesse se cuant ch'al é fresc al si digjerís mancul ben. Che le croste a sedi crocant come un biscot e ch'a si disfi in te bocje o no, le gletarai cun plasê par fâ puèst in te bocje al bacon ch'al ven. Acompagnâ il pan cun tun toc di formadi e un tai di vin sentât in somp di une mont al sarès l'ideâl ma spès, al mi mancje il timp di lâ sù la mont e alore o cîr di fâ zence.
Indulà ch'o mi cjati cumó, a é une vile plene di forescj di ogni bande che a son rivâts cun lis lôr specialitâts e par fuarce cul lôr pan. Cussiché, a volê, o puedarès vê ogni dí une sorte di pan difarent ma dopo vent provât une cinquantine, o ài aromai lis mês preferencis. Il pan turc al mi veve atirât une dí par vie des semencis di sesamo sparniçadis parsôre ma il pan in sé al ere masse flap e le consistence a someave plui a chê di une gome americane che a un pan di cjase.
Il pan francês sot forme di baston ma clamât "baguette" o ai savût, ch'al ere francês dome parce che un panetîr austriac emigrât a lu veve mitût di mode a Parigji ma sicome ch'o no vevi cjatât di miôr, o mi eri adatât cun chel ancje se le croste, un grum dure, a mi sbregave i cjantons dai lâvris cuant che ingort o afamât o muardevi drenti par distacâ un bacon. La ciabatta, a sarès un pan talian vignût fûr achenti par fâ concurince al francês ma par me al é ancjemó piês parce che le croste a é masse spesse e sa no tu lu mangjis a pene fat, cualchi ore dopo, al devente cussí dûr ch'a tu scuens seâlu cun le circolâr parce che il curtís a nol cji baste.Il pan Belga al sarès une pagnote di un Kg plen di molene e scuâsi zence croste ch'a tu scuens taiâ cun le see dal panetîr senó a cjase a no tu rivis a tajâlu cul curtís.Finalmenti, da un piès o ai sielzût il pan integrâl parcé che il blanc o lu cjati zence gust e cun dutis lis sortis di pan o ai cjatât chel ch'al mi dâ plui plasê di ducj e al é chest in te foto. Al é dividût in trê. Une part cun lis sepis di gjirasol, une part cun chês di lin e une part cun chês di sesamo che passant tal for a cjapin un gust di rustît deliziôs ma il gust al é soredut chel dal pan che, ancje sa nol vès sù lis semencis al sarès distès il miôr. Ce ao da dîus? Il gno gjoldi a nol é di nissun âltri e spiegaus il gust al sarès come tradî invesit di tradusi. Vignît da me a fâ colaseon e o mi contarês le vuestre impression.

***
Si potrebbe chiedere ai sommeliers di giustificare il loro sapere per il vino col pane ma nessuno sarebbe interessato di dare un voto a un pane che soltanto il 10% di una via o di un quartiere potrebbero apprezzare. Dunque: ognuno ha il suo pane. Paese che vai, pane che trovi. Pensavo per molto tempo che le migliori varietà si trovassero in Italia e continuo ancora d'esplorare le possibilità e fin'ora, il miglior panino che abbia mai mangiato era un panino fatto a Tolmezzo nella regione delle alpi carniche.
Certo era un panino di farina bianca che ormai non apprezzo più peró il suo gusto ed il suo profumo non li ho solo nel la bocca e nel naso ma nella testa. Nel Belgio, non é come negli USA dove tutto viene industrializzato e gli immigrati che arrivano con le loro abitudini importano anche le loro specialità e prima di tutto il pane. Non ci sono molte maniere di cuocere il pane ma quanta differenza tra un pane e l'altro! Il pane turco mi aveva attratto per la sua forma di ciambella seminata con il sesamo ma il pane in sé é molle e senza gusto. Mi piace il pane croccante ma non come il francese che ha la crosta cosí dura che se non stai attento ti ferisci le labbra. Speravo aver trovato il mio pane quando ho trovato il pane italiano chiamato La Ciabatta ma francamente, sebbene quello con le olive abbia un gusto interessante, il pane invecchia malissimo e diventa subito duro e difficile da apprezzare.Il pane belga sarebbe la famosa pagnocca di un chilo fatta sopratutto di mollica e da mangiare a fette tagliate preferibilmente con la sega del panettiere. Troppo molle e insipido.Invece quello che ho trovato é questo nella foto. Il pane trio. Se non arrivo prima delle 11 non lo trovo più. Certo che costa 2€65 il mezzo chilo ma almeno con lui godo.E diviso in tre parti. La prima parte é quella che mi attira sempre di più con i semi di girasole arrostiti con la cottura del pane ma anche la parte coi semi di lino e di sesamo é sempre
un regalo con tutti i cereali incorporati, sono riusciti a fare un pane delizioso che conserva le sue qualità anche quando si é raffreddato tanto che punirmi a pane ed acqua, con lui sarebbe un premio.



9 commenti:

Furlans de diaspore ha detto...

So sarai a Bruxels un di' ti fasarai savè e o larin ator par pancôrs. :-)

Brâf Furlan ha detto...

Mi plâs la idee di gjoldi cul pan. Si po gjoldi di altri ma ancje di pan. Ancje jo o gjolt di pan, fat a lens, mi pâr che la fuarce e la magjie dal fûc i dedin un savôr speciâl, dut câs in Friûl no 'ndi è tant di bon, ma pan di cjase al à chel savôr...

Jaio ha detto...

O sês i benvignûts ancje cun le famee. Nue bisugne di albergos, us met al tierç plan di bant e us garantís il pan fresc ogni di:-)

Rainwoman ha detto...

Oh dio.....el pan che mi faseve me none.... cumò no rive, ma i robarai le ricete, ancje se le man no je le stesse....

Anonimo ha detto...

Buongiorno Jaio!
è il mio pane preferito, quello con i semi di sesamo...:-)
Chapucine

Jaio ha detto...

Non so perché ma ho un sacco di gente che viene a leggere l'articolo sull'ombelico...Chissà perché?

Jaio ha detto...

Ciao Capucine.Contento di vederti apparire. Appena posso vengo da te.

Anonimo ha detto...

Sicuro di aver visto bene, Jaio?
;-)))
Chapucer

Jaio ha detto...

:-) Mai sicuro di niente ma sempre affermativo:-)