I miei Video clips furlans

Loading...

6 mag 2008

Puartis jaieschis / Le porte jaiesche

O disevi che cuant ch'o no fâs nuje o fâs ancjemó alc. Chiste aé l'ûltime di íar.
Une puarte par une scarpiêre ch'o ai fat sù in tun pianerotul par fâ cjacarâ le int in portinerie:-)

No ai cjatât nujâltri par meti in contrast il glaçât geometric des piastrelis e il disordin contignût dal drapegjo.




Dicevo nel mio profilo che quando non faccio niente faccio sempre qualcosa e questa é l'ultima di ieri: Una porta per una scarpiera fatta di piastrelle in un pianerottolo. Esattamente quello che ci vuole per far parlare la portinaia:-) No ho trovato niente di meglio da opporre alla geometria ghiacciata delle piastrelle che questi drappeggi in verde rame. Ma questo é solo un piano. Adesso devo continuare con gli altri. Se sparisco dal blog mi troverete tra un piano e l'altro.



6 commenti:

Jaio ha detto...

Ah si.
Quant ch'al é ore de marinde, le parone a sune le cjampane e il paron ch'al lavori indulà ch'al ûl in te cjase, al rispuint cun tun âltri campanel e al baile a lâ a mangjâ:-) Il concet al é un concet di colegjo, di seminari, di convent o di caserme ma al funzione ben:-)

Jaio ha detto...

Il campanello é per suonare l'ora del pranzo a quelli che si trovano per la casa ma ci sono altre ore che possono essere interessanti:-)

Anonimo ha detto...

:-)))
sembri un vampiro!
non oso immaginare cos'altro potresti fare...

Chapucer

Jaio ha detto...

Oh, ciao Capucine. Osa, osa, non si osa mai abbastanza:-)
Infatti, la notte la porta fà paura ma non potevo non shockare e sedurre contemporaneamente.

Anonimo ha detto...

Cuant che tu duarmis pensitu une ancje chê volte? E cuietâ la coce cuant?
Dut câs chê puartele a mi plâs.
BF

Jaio ha detto...

Eh si. tant ch'o duàr a continue a boli:-)