I miei Video clips furlans

Loading...

2 giu 2008

Etichetis / Etichette

L'Aroma l'ho sentito bene quando l'ho avuto in bocca e m'ha fatto dubitare un momento dandomi una sensazione acidella acuminata che m'ha sorpreso ma che per fortuna spariva subito nel fresco-amaro che mi restava in bocca quando, da ingordo, l'ho mandato giù.Una volta che ho sentito quella sensazione di caldo nelle pareti dello stomaco per me vuol dire che non sentiró più niente fino al prossimo sorso. Allora mi metto a preparar la bocca per lui. Il Borgo.
L'insalata, l'ho già presa incominciando il pasto e ormai posso essere sicuro che l'aceto non interferirà col vino. Un pó di legumi cotti o fritti e quasi mai pane ma pasta, patate, riso e da qualche tempo, come ieri, grano saraceno o fagopino passato in padella e che col rosa del salmone mi rendeva la bocca impaziente di rinnovare l'esperienza. Si, il Borgo Tesis é un buon vino.
Se ho un sapore carnoso o una sensazione oleosa che mi rimane in bocca anche quando in bocca non c'é più il vino, per mé vuol dire ché é buono. Naturalmente, questo non vuol dire niente. Se prendi un sorso di vino col boccone sbagliato, anche il miglior vino ti sembrerà una schifezza. Per questo, no mi fido di nessuno e solo di me. Lo spirito d'avventura non mi manca ma infondo cosa si rischia ?
Niente, se il vino ti sembra aver cambiato di gusto tra un pasto e l'altro o qualche volta anche tra un boccone e l'altro, puoi sempre sospender la cerimonia e trovare il piacere in un'altro modo.
Il piacere del vino é nella tavola del pranzo. A cena lo gradisco di meno e ne faccio senza da quando ho scoperto che il mangiare la sera mi tormenta il sonno e mi fa venire il pancino che se fa un bel cuscino d'amore, m'ha detto un tondo che non era renzo, (Renzo Tondo é il presidente del Friuli) lascio questo piacere per lui e mi tengo il mio. Col pesce per tre o quattro volte alla settimana, ho sempre due bottiglie aperte. L'avventura si rinnova ad ogni pasto. Il vino di ieri non é mai lo stesso il giorno dopo. Questione di bocca. D'aria, di compagnia, d'umore...Umore? Avrete già notato come sono tristi quelli che bevono solo acqua? Il vino, diceva Pasteur, é la miglior bevanda che ci sia, basta bere con moderazione. Cin cin. Attenzione alla versione friulana:-)

Frache par ingrandî le foto/Fai clic per ingrandire

Como ch'o cjacari di rôbe foreste par furlan, o mi lassarês cjacarâ di prodots furlans ai forescj che tant il vin furlan o lu cognossês e no vês bisugne de mê opinion, no?
No rivavi a lèi ben le etichete de butilie parcé che le scriture a é piçule e fate cun tun ingjustri grîs clâr che sul zâl de etichete al é dificil da lèi. Va ben, al sarà par no mostrâ che tal vin andé
sulfite ma ce îsal di mâl di volê conservâ il vin dome cun tun sôl conservant?
Par contrast, us met une marmelade inglêse ben cognossude ch'a 'n d'à 10.
La Chivers a é talmenti cognossude ch'a é deventade scuâsi un sinonim di marmelade. Tant al é vêr ch'a no tu compris plui le marmelade a tu compris la chivers. Alore par mostrâ ch'a é plui vecje di ce ch'a tu crodis al é scrit olde invesit di old parcé che da lôr, come da nô, dut chel ch'al é vecjo al fâs naturâl, tradizion, genuín. Ma sêti da lôr che da nô, o sin freâts. So cjalais le formule o viodês ch'al é plen di prodots chimics ch'a son scrits in piçul piçul enfre lis scuarcis di nerant...
Duncje, o capiis che so vês i vôi avonde boins par lèi, o sês di sigûr di chei ch'a no us interesse, se invesit o sês di chei ch'a vuelin simpri meti il nâs dapardut o lassais pierdi parcé ch'o no vês voe di mostrâ ce ch'o vês pierdût di plui (o i ocjâi o le viste o le voe:-).
Insome, come tal nestri paneton, o mi domandi ce ch'al nus reste da mangjâ dopo i 10 prodots chimics elencâts in te etichete enfre il 66% di sucar e il 27% di scuarcis di nerant...
Se le Marmelade Chivers e à le ricete origjinâl dai timps di Shakespeare, a ere stade fate par un alchimiste.
La veretât a no é duncje tal vin ma in te etichete. Ma le etiche indulà îse?

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Buongiorno Jaio!
trovo questo dire, questo tuo esposto dire di un erotismo sfacciato, la bocca (impaziente) non va nominata così...
abbondantemente!
p.s.,
cos'è il fagopino?:-)

Cin Cin!
Capucine

Jaio ha detto...

:-) Infatti, son contento di vedere che la malizia che c'ho messo puó essere, se non condivisa, almeno notata:-)
Cin cin

Jaio ha detto...

Il fagopino é la stessa cosa che il saraceno ma in più carino tanté che aver il saraceno ad ogni pasto sarebbe un gioco d'azzardo mentre il fagopino passerebbe più facilmente...Ambedue, sono usati come mangimi per le bestie tra le quali le galline ma ero impaziente di provare il fagopino prima che sia trasformato in uova:-)