I miei Video clips furlans

Loading...

27 giu 2008

Ucéi / Uccelli / Oiseaux / Birds / Vogels


Le cheche a é la plui elegant ma ancje le plui triste e no a pôre di atacâ un piçon par puartai vie il pan dal bec. A no an pôre nancje dai cuarvs sa son in dôs. Une a tire a siment il cuarv e tant che il cuarv a i cor daûr che âltre a i puarte vie il formadi di La Fontaine. Ma sul cjariesâr, la cheche a no sà fâ miôr che il piçon. Lis primis cjaresiis a son ancjemó verdis che i piçons a tachin bielzà a colaseon. Ancje par lôr, dome une rôbe, sa vuelin mangjâ a scuegnin gletilis intîrs. Daspó, cuant che une a rive a madurî, o ch'a si cjate in somp di un ramaçut o ch'a é colade in te jarbe âlte e nissun a no le viôt plui. Cussí, le cheche, come il piçon e cirin di lâ ben plan ben plan a cjoli chês cjarêsis indulà che il ramaç al si plee sot dal lôr pês e cuant ch'a son cul cjâf in jù e il cul in sù a san tignî dome cualchi secont e a scuegnin molâsi par svualâ vie. Alore al rive il mierli e lui, lizer lizêr , al rive a dâ cualchi becade cul so bèc spiçot. Baste che le cjarêsie no coli prime. Seno, al lasse stâ e al ven 'ca te mê terace a mostrâmi il so bec zâl sporc di ros, al cjape un toc di pan e al scjampe vie a mangjâlu indulà che chei ipopotamos volants di piçons a no i dan fastidi e ch'a nol riscji di tacâ a fâ scherme cun lis chechis.
Ma cuant ch' al Rive il Ronaldo dal Brasîl al é un spetacul. Chel, dut di vert e celestin vistît, prime di rivâ al vise come une cheche: Vie ch'o rivi jó, vie! Alore al si poe sul ramaç ch'a i poe a lui. Cun tune talpe al cjape il ramaç dongje e si lu met tal bec e in cinc e cuatri vot al tire dongje la fin dal ramaç indulà ch'a é la plui biele cjaresie . A le stache delicatamenti, al lasse lâ il ramaç ch'al tignive cul bèc che magari al fâs suste e al và a fâ dispiet ai vissins. Po prime di tacâ a roseâle al sta là cun le cjarêsie in te talpe alçade come par mostrâ a di ducj cemût ch'a si a di fâ.Par lui al é cussí facil ch'al rosee dome le metât e dopo an cjape un'âltre tant che il piçon al va jù a mangjâ il rest par tiare.
Cent chilometros e 6 agns dopo ch'a é scjampade une copie di papagai in tun zoo dongje le France, Il cîl di Bruxelles al é oramai sfreçât par miârs di papagai verts ch'a si son adatâts ancje ai inviers di achenti. Come a Barcelone, a si ju viôt dapardut svualâ âlt e cridâ: Vie, vie, cie cie cie cie cié. Rivâts lôr, a son sparîts i passars ma a si dîs ch'a sedin lis chechis ch'a son ladis a mangjâ i ûs. A mi al mi plasarès deventâ amîc cui cuarvats e des chechis ma a son ancjemó plui difidents dai mierlis. I piçons invesit a son simpri achi e da doi mês a van a mangjâ sul cjariesâr dal vissin e po a vegnin a cagâ i noçui da me. Une di, al indere un ch'al mi veve cjapât tant in simpatie ch'al vignive a spietâ da mangjâ in te cusine e so no bailavi a dâi alc, al si meteve a becâ in te pagjele. So cjati le foto us e mostri. Pecjât che le gjate un dí ai a fat tant pôre ch'a nol é vignût plui.

videoMetti in moto il video:-)


La gazza é la più elegante ma é proprio una ladra e non ha paura di attaccare un piccione per portargli via il pane dal becco. Non ha paura neanche del corvo, sopratutto se sono in due. Allora una stuzziaca il corvo e mentre lui gli corre dietro per minacciarla, l'altra gli porta via il formaggio di La Fontaine. Ma sul ciliegio, la gazza non sà far meglio del piccione. Alle prime ciliegie ancora verdi i piccioni sono sull'albero già per colazione. Come per le gazze, se vogliono mangiar ciliege, le devono inghiottire intere ma sono cosí goffi che prima di inghiottirne una ne fanno cadere dieci. Quando le ciliege sono mature, é solo perché nessun uccello é ancora arrivato a beccarla, ció vuol dire che si trovano in cima ai ramoscelli inaccessibili, le gazze ed i piccioni non si danno per vinti e passo dopo passo si spostano sui ramoscelli finché si piega. A questo punto, se non riescono ad acchiappare la ciliegia si devono spostare ancora di più e si trovano col becco in giù e la coda in aria...Solo per qualche secondo perché poi non sanno stare in equilibrio e volano via indispettiti.
C'é chi peró ha visto il maneggio ed arriva qua, vestito di nero ma più leggero e più vispo, tira qualche beccata e poi se la ciliegia cade viene qua sul mio terrazzo a mostrarmi il suo bel becco giallo tinto di rosso. Io, nascosto lo vedo prendere un pezzo di pane e volar via a mangiarselo dove quegl' ippopotami volanti di piccioni non vengono a seccargli le scatole e dove le gazze non vengono a far scherma.
Quando peró arriva Ronaldo dal Brasile, lo spettacolo incomincia. Quello, tutto vestito di verde prima di arrivare fa come le gazze quando vogliono far scappare qualcuno: Avvisano.
-Via, via che arrivo io!
Poi si posano sul ramo che gli garba. Con una zampa afferra il ramo vicino e se lo mette nel becco per tenerlo a bada mentre con la zampa riprende a tirare il ramo finché la ciliegia appare a portata di becco. Allora stacca delicatamente la ciliegia e lascia andare con rumore il ramo per far dispetto ai vicini. Ma prima d'incominciare a mangiare sta lí un momento con la zampa in aria che stringe la ciliegia come un trofeo. Quando tutti hanno visto come si deve fare, allora incomincia a rosicchiare la ciliegia. Ne mangia le metà e poi la lascia cadere per riprenderne un'altra mentre il piccione scende al suolo per finirla. Per lui é cosí facile...Sembra un gioco.
Da quando quella coppia scappó dallo zoo, cento chilometri e 6 anni dopo, ci sono migliaia di pappagalli che svolazzano sopra i tetti di Bruxelles. Come a Barcellona si vedono volare alti e spesso in gruppo schiamazzando: Via, via, via, ce, ce, ce, ceeee!
Arrivati loro, i passeri sono spariti. Si dice che siano state le gazze a rubare le uova e avendo già visto svolazzare una gazza attorno alla gabbia di Checo, ci credo.Checo é sopravissuto mentre il suo partner é volato via impaurito e non l'ho più visto. Mi piacerebbe diventare amico con le gazze e anche con i corvi ma sono ancora più diffidenti che i merli. I piccioni invece, se non li tieni a bada, entrano dentro in cucina e si mettono a mangiare anche quello che cuoce in padella.Basta che non ci sia la gatta...

2 commenti:

Anonimo ha detto...

lo sai come chiamo sempre mia figlia?
Gazza ladra!
:-)
capucine

Jaio ha detto...

E non s'ingazza? :-)