I miei Video clips furlans

Loading...

31 lug 2008

Cjisciei pal aiar / Castelli in aria

Al mi plâs di sfueiâ lis vecjis rivistis e cirî di imagjinâ le vite di chei timps.Leínt une colezion di rivistis dal touring Club talian dai ains 20 al somee bielzà di jessi in tun âltri mont. Al é lí ch'o ai cjatât chiste foto dal vecjo cjisciel di Magnan. Vuê a si lu clamarès forsit villa ma invesit a no si lu clame plui parcé che tal 1976 il taremot lu veve danegjât e al ere stât decidût di no riparâlu ma di fâlu saltâ pal aiar a l'esplosîf e daspó, di splanâ dut cui machinaris, tant al é vêr ch'a no si saveve nancje plui indulà ch'al ere.
Al é ce ch'a si cjate lant ator pal Web e Mariasanta di Prampero incaricade de regjon di dirigi le scuâdre di archeologos mandâts de universitât, tal 95 a no veve podût dî se chest cjisciel che i soi parints e an acetât di butâ jù al vedi stât fat sù tal medioevo. I Pramperos mi somein masse illustris par fâ polemichis e alore us doi juste le foto ch'o ai cjatât e vonde. Ma cun chiste logjiche a si puedarès butâ jù il cjisciel di Udin e splanâ ben fint ae place prin di mai par podê complicâ il compit dai archeologos tra 20 agns.
°°° *
Mi piace sfogliare le vecchie riviste e cercar d'immaginare la vita di quei tempi. Sembra di essere in un'altro mondo. Leggendo una collezione di riviste del touring club italiano degli anni 20 ho notato un giornalista friulano che non mancava mai di aggiungere qualche foto del Friuli tra le quali ho scoperto questa foto della vecchia casa della contadinanza di Magnano che allora si chiamava castello di Prampero. Infatti, sembra piuttosto ad una fattoria che oggi forse si chiamerebbe villa ma non si chiama più poiché nel 1976 col terremoto aveva subito danni e la decisione fu: Demolizione all'esplosivo e spianatura con mezzi meccanici e il lavoro fu fatto cosí bene che non si sapeva neanche più dove si trovava e questo, spiega Mariasanta Di Prampero ha rovinato le tracce della struttura fino alle fondamenta e non é stato ancora accertato se l'edificio datasse del medioevo. Non só cosa sia più importante ritenere:
Il fatto che prima nessuno se ne interessava ed é stato deciso di farlo esplodere e sepellirlo o il fatto che adesso sia diventato urgente di saperlo mandando sul posto una squadra di archeologi
a spese della regione.La logica sarebbe che per dar lavoro agli archeologi tra vent'anni si potrebbe distruggere il castello di Udine e per complicar la cosa spianare la collina. Ma se la foto puó servire: Eccola qua.

1 commento:

Anonimo ha detto...

anche a me piace molto immaginare la vita di quei tempi, in quei castelli così misteriosi...
bella foto!
ciao Jaio :-)
capu