I miei Video clips furlans

Loading...

25 lug 2008

Magritte e compagnia

Jacqueline Nonkels, prime a ere deventade amie cun Georgette ch'a vignive tal negozi di alimentârs dai soi parints e daspó, a ere deventade le amie di dute le compagnie. Ancje se scuâsi ducj a erin de etât dai soi parints, forsit par vie de sô frescje etât o forsit no dome par chel a ere deventade le compagne inseparabil dai Magritte. A viveve parfin cun lôr e cun lôr a ere lade a stâ a Parigji e forsit a ere cun lôr ancje cuant che Magritte al si é sindilât sbatint le puarte di André Breton parcé ch'al veve criticât l'anel de so famine.
Cussí, forsit zence indacuargisi, e a vivût da privilegjade il surealism. Ansit, a si puès dî che a à ancje contribuît a ispirâ Marcel Marien tai soi collages e tai soi scrits. Infat, il Marcel ch'al veve dome 17 ains al si ere inamorât di jê ch'a in veve 21 e par podêle incuintrâ a nol podeve che frequentâ ancje lui le cjase de copie Magritte e deventâ surealiste:-) Jê, seben a no vedi mai rispuindût che amicalmenti ae passion di Marcel, e a conservât gjelosamenti lis sôs letaris dute le sô vite .Come ch'a viveve di besole dopo le muart dal so omp a veve, sí, par sorevivi, scuignût vendi il so ritrat fat dal Magritte tal 44 ma pal rest, invesit di fâ cê che forsit ducj a varessin fat, e a tignût segretis lis sôs amiciziis e nissun nol saveve dai, disegns, dai cuâdris, dai regâi ch'a veve ricevût soredut da Magritte e des letaris inflamadis di passion scritis da Marcel Marien. Ma prime di murî, e a lassât dut ae fondazion Baldovin.
E al é propit aí ch'a si puès scuviergi chestis rôbis, juste dongje dal palaç reâl di Bruxelles fint al mês di setembar e gratuitamenti. Al mi é plasût cheste mostre. Si, par moments mi soi sintût un tic voyeur di stâ lí a spiâ enfre lis liniis le lôr l'intimitât. Le mostre no é grande, dome dôs stanzis ma sa si ûl léi, cjalâ, imagjinâ, indovinâ e sintî, andé avonde par passâ un biel moment fasint un viaç in tal timp.




PS: Il re baldovin a nol a podût vê fruts e forsit ancje par chest, tai agns 70 al a rifiutât di firmâ le leç su l'abort declarantsi in congjedo.




:-Jacqueline Nonkels divenne prima amica con la moglie Georgette che incontrava nel negozio di alimentari e poi amica di tutta la compagnia. Benché tutti fossero dell'età dei suoi genitori droghieri,con la sua freschezza e forse ingenuità, con la sua giovinezza e forse non solo, s'impose senza saperlo tra la banda di surrealisti più matti del suo tempo.



Visse cosí il surrealismo da vicino senza quasi accorgersene. Viveva con la coppia. Andó a Parigi con loro e di sicuro era con loro quando Magritte se ne andó sbattendo la porta da André Breton perché questo s'era permesso di criticare l'anello di Georgette. E proprio lí dalla coppia che Marcel Marien ancora 17enne s'innamoró di lei 21enne. Come si sà l'amore ispira, esalta, e ci rimane la testimonianza delle lettere, biglietti e cartoline scritte da Marcel a Jaqueline che, sebbene non abbia corrisposto ha sempre conservato questi ricordi finché alla sua morte l'anno scorso legó i suoi ricordi alla Fondazione Baldovino.



La mostra non é grande ma se si vuol guardar bene, c'é molto da leggere e vedere, immaginare, indovinare, sentire e girovagare col pensiero.M'é piaciuto questo viaggio nel tempo. Mi son sentito un pó come un voyeur che cercava di far la spia tra le righe intime di una signora che per sopravvivere dovette, sí, vendere il ritratto fatto di lei da Magritte nel 1944 ma riuscí, invece di fare come tutti avrebbero fatto e cioé, approfittare dell'occasione, a tenere segrete le sue amicizie con René Magritte e sua moglie Georgette e i loro amici tra i quali Marcel Marien e nessuno seppe dai disegni, pitture, lettere e regali che aveva ricevuto da loro né del fatto che anche lei, sotto la guida di René, si mise a disegnare e a dipingere finché prima di morire, legó tutto alla fondazione caritativa del re Baldovino. Tutte queste cose sono adesso esposte in un annesso del palazzo reale al Belvue fino al 14 settembre e beninteso tutto é gratuito. Mi é piaciuto il viaggio nel tempo.
PS: -Negli anni 70, il re baldovino si dichiaró in congedo, per non dover firmare l'atto di legge che consentiva l'aborto.



-Il ritratto di Jacqueline serví poi alla campagna di pubblicità di una marca di sigarette



- Le bottiglie sono state fatte da Jacqueline anche se sembrano di Magritte


-Magritte fotografo mette in scena gli amici con Georgette e Jacqueline. 1935




- Magritte in quell'epoca
http://www.lesoir.be/culture/arts_plastique/exposition-magritte-marien-2008-07-01-611890.shtml
http://www.opt.be/informations/events_bruxelles__magritte__marien__my_accomplices_/en/E/55497.html
http://clochart.blogspot.com/2007_04_01_archive.html
http://www.lalibre.be/culture/arts-visuels/article/430327/amities-surrealistes.html

Vedi altri articoli correlati con Magritte: 

1 commento:

comoinpoesia.com ha detto...

Jaio, commentando il post del mio blog(http://www.lucianabianchicavalleri.com/2009/03/donne.html)
mi hai fatto sorgere il dubbio di un'involontaria e clamorosissima gaffe...
Ho visitato settimana proprio scorsa l'esposizione a Palazzo Reale di Milano dedicata a Magritte(fantastica = letteralmente imperdibile!), emozionandomi come una bimba...

Sull'onda emotiva, per illustrare i miei versi avevo istintivamente scelto quell'immagine, trovata in web: Magritte ha ritratto Georgette in diverse occasioni ed ero convinta che quella trovata in web fosse una di queste.

Ti ringrazio molto, del tuo gentile suggerimento: e cambio subito ed completamente il soggetto!

(Eccolo immediatamente trovato, in un altro pittore che io amo molto, è Giovanni Segantini...!)

Un grandeCIAO, da Como!

Luciana - www.comoinpoesia.com