I miei Video clips furlans

Loading...

17 lug 2008

Singars / Zingari

A Viene, i singars a si erin inpadronâts de sitât. Tai cjantons des stradis plui frequentadis al sucedeve che le int, ch'a dave le caritât ae classiche mater dolorosa sentade par tiare a lamentâsi cun tun frutin tal grimp al si faseve po robâ le sporte o il tacuin e magari a s'indacuargeve ch'a i vevin robât fintramai lis mudandis cuant che, rivât in cjase, al cjatave l'apartament svueidât...Insome, a ere deventade nêre. Une asociazion caritative come ch'a indé un frac dapardut, forsit par metisi in mostre o forsit par legjitimâsi a veve tirât dongje un grum di volontaris par fâ campagne e in cualchi dí in ducj i negozis, stazions, puestis a si podeve cjatâ volantins ch'a disevin: So volês judâ i singars, dait lôr chist sfuei ch'a ur dà dirit a vê un past cjâlt al nestri centri.
I vienês alore, contents di podê ofrî un past ae spêsis dal comun ogni vôlte ch'a viodevin un singar pe strade, invesit di dâur un franc ur davin un volantin. Al bastave alore al singar di lâ al indiriz dal centro...I volantin e an vût tant di chel sucès che in pôc timp i singars a son... sparîts de sitât!
A si disarès ch'a ur bastave passâ le frontiêre e son rivâts a Udin. A san ducj, al estero che in Italie o sin plui umans che in nissun luc. Dutcâs, al somee che, chiste batae psicologjiche a colps di volantins a sta par scomençâ e i furlans, a scuignaran decidi se esi plui gnôgnos o plui umans o tirâ fûr un'altri proverbi par fâur cuintri. Dutcâs, o cognossês di sigûr le vecje espression furlane: Lâ singarant, là vatu singarant, lant singarant... Si disarès che da nô i singars a son simpri stâts. Altris fotos sù chest sito furlan.
°°° *

A Vienna, gli zingari avevano invaso la città e succedeva spesso che nelle strade più frequentate della città, la gente che dava la carità alla classica mater dolorosa seduta per terra col bambino in grembo si faceva poi magari rubare la borsa o le mutande accorgendosene forse solo quando rientrata in casa notava che qualcuno era arrivato prima ed aveva portato via tutto...Insomma, sebbene la mia frase sia fatta per aumentare l'impatto, Vienna aveva gli stessi problemi che molte città europee ma sopratutto italiane.
Una società caritativa, patrocinata dal comune, decise di prender le cose in mano e aiutata da volontari stampó dei volantini che mise alla disposizione della popolazione in tutti i punti nevralgici della città e nei negozi. Fattostà che i viennesi che volevano far la carità, invece di dare i 50c, erano contenti di poter invece offrire un bel pasto caldo gratis alle spese del comune. Infatti ogni volantino dava diritto agli zingari di avere un pasto caldo. Bastava andare col volantino al centro d'accoglienza...I volantini ebbero talmente successo che in poco tempo, gli zingari sparirono e da quanto sembra, attraversarono la frontiera per venire da noi. Ma a Udine, invece i volantini hanno un'altro tono. Che questo proverbio sia un proverbio zigano non c'é l'ombra di un dubito altrimenti colui che li incolla si firmerebbe.
La battaglia dei volantini sta per incominciare. Chi la vincerà da noi?
Altre foto in questo blog furlan
PS: Vecchia espressione friulana :Lâ singarant = Andare in giro (Zingherando)

1 commento:

Anonimo ha detto...

In fondo in fondo...siamo tutti zingari...

p.s., ho messo le maiuscole!
;-)
Capucine