I miei Video clips furlans

Loading...

7 lug 2008

Verlaine e Rimbaud

Versione in italiano in fondo pagina
O varès chê di tradusi in furlan il Verlaine dai Hombres
Par dâ une sdarnade ai lechecûi e ai leche tout court.
Masse gjespui a son stâts fats pes traduzions dai prêdis
Rivadis in ritart di doi mil agns e ch'a si pree in Friûl
Di pôre di no savê preâ plui di nissun.
Ma o colarès in tun casin plen di bigots
Ancjemó lí a crodi chê di cent agns prime di lui
Quant ch'o sin bielzà plui di cent dopo di nô
In tune glêsie plene di blestemadôrs
Alore, come che l'inglês dai mac Donalds al é dut ce ch'o savês
E che il furlan us stente a saltâ fûr dal cûl
Us doi dome une cerce e m'in stoi tal gno francês
E vualtris o stais indulà ch'o sês:-)

Le bon disciple
Je suis élu, je suis damné !
Un grand souffle inconnu m'entoure.
Ô terreur ! Parce, Domine !
Quel Ange dur ainsi me bourre
Entre les épaules tandis
Que je m'envole aux Paradis ?
Fièvre adorablement maligne,
Bon délire, benoit effroi !
Je suis martyr et je suis roi,
Faucon je plane et je meurs cygne !
Toi le Jaloux qui m'as fait signe,
Oui me voici, voici tout moi !
Vers toi je rampe encore indigne !
- Monte sur mes reins, et trépigne !

Il bon Dissepul
O soi elet, o soi danât
Un grant respîr scognossût al mi circonde
O terôr! Parce, Domine!
Ce agnul dûr cussí mi menial
Enfre lis spâlis tant che
Tant che jó m'in svuâli tai paradîs?
Fiêre adorabilmenti maligne
Bon deliri, pôre benevole
O soi martar e o soi ré
Falco o svuali e o mûr cign
Tu , il gjelôs tu mi âs fat segno
E vemi achi, vemi dut me
Viars di te o mi rimpini indén
Monte sù di mé e spacjentiti

Il buon discepolo
Sono l'eletto, sono il dannato
Un grande alito sconosciuto mi circonda
O terôr, Parce, Domine!
Quale angelo cosí m'imbottisce?
Tra le spalle mentre
Mentre ch'io m'involo nei paradisi?
Febbre adorabilmente maligna
Buon delirio, paura untuosa
Sono martire e sono ré
Falco che plana e muore cigno
Tu il geloso mi hai fatto segno
Ed eccomi qua, eccomi tutto io
Verso te mi arrampico indegno
Monta su di mé e spazientati

All'hotel dove Verlaine abitava con Rimbaud prima che baruffandosi con lui lo colpisca di striscio con un colpo di rivoltella, la polizia trovó questa poesia manoscritta ed é per questo che per lungo tempo non fu mai pubblicata. Perché costituiva una prova contro Verlaine.
Il procuratore del ré ordinó a un medico legista di esaminare Verlaine ed ecco il rapporto
1) Il pene é corto e poco voluminoso. La ghianda é piccola e và stringendosi verso la punta a partire dalla corona. Questa ha poco rilievo ed é poco voluminosa.
2) L'anus si lascia dilatare facilmente con un movimento moderato delle chiappe a una profondità di circa un pollice. Questo movimento mette in evidenza un infundibulum svasato, una specie di cono troncato di cui la cima sarebbe in profondità.
Le pieghe dello splinter non sono lese e non portano tracce di lesioni e la contrattibilità resta più o meno normale.
Il risultato di questo esame é che Verlaine Paul, porta su di sé le tracce di abitudini omosessuali attive e passive. L'una e l'altra di queste non sono molto apparenti da far pensare che il soggetto abbia delle abitudini inveterate e anziane ma solo per pratiche più o meno recenti.
Bruxelles, 16 luglio 1873 (Circa l'anno delle indemoniate di Verzegnis:-)

Ps: Secondo le teorie di Tardieu, l'infundibulum era il sintomo che i legisti dovevano trovare per provare che il soggetto era un omosessuale oppure che aveva subito dei danni con dei clienti involontari. Sto discorso ci fa pensare a quanto, in quei tempi, l'omosessualità era difficile da vivere in pubblico benché Verlaine e Rimbaud abbiano tentato di farlo.
Verlaine fu condannato a 17 mesi di prigione mentre Rimbaud se ne ritornó a Charleville con sua mamma che era venuto a prenderlo. Qualche anno dopo, lungo una strada che và in Germania, i due erano ancora insieme ma dopo una ennesima bisticciata, Rimbaud riempí Verlaine di botte e da quel giorno non si videro più.
Pasolini che venne ucciso e disprezzato anche lui per questo, arrivó praticamente cento anni dopo ma in Italia, Rimbaud e Verlaine erano ancora tabù.
Ed oggi?
Le gay pride annuali sono appena finite e c'é già chi prode e fiero di aver fatto il pagliaccio su un carro colorato si soddisfa di questa libertà ma sappiamo che la battaglia non é ancora finita.
Infatti, di sicuro che se aggiungessi il Sonetto del buco del culo scritto insieme da Verlaine e Rimbaud vi farei scappare.
Finiamo allora con un racconto gaio e che denota comunque che i tempi sono cambiati. Una coppia di gay desiderava con tutto il cuore aver un bambino e decisero di chiedere a una loro amica se accettava di far loro un bambino. L'amica accettó ma chi dei due sarebbe stato il donatore? I due decisero di misciare il loro sperma e cosí tutti e due potevano rivendicare la paternità. Nove mesi dopo andarono a trovar la mamma alla maternità. Il bebé non si trovava con lei perché era un prematuro e andarono nel reparto dei prematuri. Là, mentre cercavano l'infermiera, notarono che tutti i bambini piangevano mentre ce n'era solo uno che sembrava sorridere. -E il vostro. Disse l'infermiera quando arrivó. - E come mai lui sorride e gli altri piangono? Chiesero.
-Gli ho messo il ciuccio nel sederino! :-)

Altro post sù Verlaine

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ti sembrerò sfacciata, Jaio, ma io gradirei molto leggere il sonetto del buco del culo di cui brevemente accenni qua sopra...(tradotto in italiano se possibile)

:-)
Capucine

Anonimo ha detto...

Fatto:-) Se ne vuoi ce n'ho ancora:-)
Jaio