I miei Video clips furlans

Loading...

01 ago 2008

Gjoldi istès / Godere lo stesso



Duncje, o eri lí ponet sul divan cun le panse plene daûr a dîmi so vevi mangjât masse o durmît masse pôc.
Al mi ere restât un font di chel bon vin che normalmenti a si scree cuant ch'a si a voe di fâ biele figure cun tun invidât e par finî in bielece un Sauterne nol ere mâl. Il pesc o lu vevi rosolât benon e al ere tenar e crocant tal stes timp. O lu vevi acompagnât di une insalatine fate a la Orson Welles ch'o vevi schiribiçât di ài e di pevar par tirâle sù un tininin e meti in contrast cun le molece dal saracen ch'o vevi scuignût cuei in lès e cuinçâ dome cun tun tic di vueli parce ch'o no vevi in cjase ni spongje, ni formadi gratât.
Po ben, savêso cê? In tune setemane o ai smagrât di doi chilos. Chest, dome parcé ch'o ai cjapât le abitudin di no mangjâ da cene che frute o verdure. Alore, a misdí o mangji cemût ch'o ai voe e tant ch'o eri lí sodisfat a gjoldi ce ch'o vevi in te panse o ai ciapât il libri di Michel Montignac: Cemût smagrâ fasint pascj d'afârs.
Us lèi un paragrafo de pagjine 144: So bevês vin a digjun, l'alcol al và diretamenti tal sanc e al é metabolisât imediatamenti e trasformât in insuline e mitût da bande come lis materiis grassis par siervî in câs di bisugne. Esal il vuestri câs? Se invesit, l'alcol al incuintre aliments tal stomic, al é asorbît par lôr e al và tal cuarp plui ben planc. A si puès duncje dî ch'al é miôr di bevi vin il plui tart pussibil durant dai pascj e no bevi âghe cun lui. Infat, le âghe mascedade cul vin a puarte l'alcol tal sanc prime che le digjestion a scomenci e al é como sa si beves vin zence mangjâ. Cjapait duncje le abitudin di no bevi âghe mangjant ma di bevile enfre i pascj. Uf, Il timp di tradusi par talian e la mê digjestion a sarà finide.

Dunque, ero lí coricato sul divano con la pancia piena e stavo chiedendomi se avevo mangiato troppo o se avevo dormito poco. Avevo finito il pasto con un fondo di quelle bottiglie che stappi per far bella figura quando hai un invitato. Il pesce l'avevo rosolato per bene ed era soffice e croccante nello stesso tempo. Accompagnato con un'insalatina fatta alla Orson Welles ma schizzettata di aglio e pepe per tirala sù ed opponerla al sapore insipido e molle del saraceno
cotto in lesso e condito solo con olio perché non avevo in casa ne burro né formaggio gratuggiato. Ebbene sapete una cosa? In una settimana ho perso il cuscino d'amore che si era formato in tre chili di qua e di là della cintura. Tutto questo, seguendo il libro di Michel Montignac
che spiega che la sera, non si deve assolutamente mangiare pasti lordi da digerire ma solo roba leggera come frutta e verdura e possibilmente verso le 17,18 in modo che la digestione sia finita prima di andare adormire. Vi leggo un paragrafo dalla pag: 144:
Se bevete vino a digiuno, l'alcol và direttamente nel sangue ed é trasformato in insulina e messo in riserva come le materie grasse per servire in caso di necessità. Se invece l'alcol scende a stomaco pieno, é assobito dagli alimenti ed é metabolizzato poco a poco, con la digestione degli alimenti. Si puó dunque dire che più gli alimenti sono difficili da digerire e più l'alcol avrà bisogno di tempo per essere trasformato. Ber acqua durante il pasto, accellera l'assimilazione dell'alcol e non é per niente raccomandato. Anzi, più tardi si beve durante il pasto e meglio é. ...Ma dovevo assolutamente finire quella bottiglia:-)

2 commenti:

Anonimo ha detto...

la definizione di:'cuscino d'amore' riferita ai rotolini di ciccia intorno alla vita mi fa sorridere...:-)
ma quel "godere" del titolo è riferito alla cena leggera?
Buon Week end Jaio, e a presto
Capucine

Jaio ha detto...

Infatti, il cuscino era per riderci sopra:-) Per il godere, é solo per dire che si puó mangiare quello che si vuole al mattino e a mezzogiorno ma non la sera...Secondo Michel Montignac.
Buon WE