I miei Video clips furlans

Loading...

25 ago 2008

Tondo e le glêsie furlane/ Renzo Tondo e la chiesa

Ingrandisci con un clic
Da publicâ sù La Vita cattolica.
O vin vût, par furtune cualchi prêdi furlanofono e inteligjent che an fat alc tal lôr timp libar e al sà ben Diu trop timp libar ch'a àn i plevans dopo le messe ch'a tirin in tun cuart d'ore cuant ch'a son di presse o in dôs oris cuant ch'a Pasche il vescul al ven par fâ il so dominepatris.
O spieti alore cumó un plevan che enfre lis messis e i gjespui fats cun la pop music par tirâ i zovins al nus fasi un dizionari etimologjic o un dizionari des espressions furlanis par onorâ i vecjos. Dizionaris di lenghe o in vin avonde ch'a si cavilin tra di lôr e lis bibiis e i testaments a son talmenti noiôs ch'e di sigûr ancje un pape al si indurmidís parsôre ancjemó prime di vê finît 'ne pagjine.
Daspó, o ai simpri pensât che i prêdis e an masse studiât par fâ dome messis e ch'a puedaressin fâ alc di miôr pe societât e le nestre culture che benedî chest e maledî chest'âltri.
Vêso zà vidût il Pirona? Chel si ve ch'al é un biel dizionari!
Nus volarès un'âltri Pirona o Sedona, o Scurtissona par tirâ fûr alc di util invesit des solitis litaniis par fâ plasê a un pape o un vescul o a un redatôr intoneât.
O sai, lis vocazions a si fasin simpri plui raris ma so ai zà vidût un biel plevan nêri in tun paisut vallon a mi no mi displasarès se il prossim Beline al fos magari un plevan african o cinês. I ûltins vecjos a son daûr a lâ e a varessin un grum da contâ se dome al fós cualchidun par scoltâ e cui miôr di un plevan podaressial tirâ profit di chiste ocasion?.Duncje, sa no si lu fâs subite a no si lu fâs plui. Tondo par no zirâ in rondo al varès di fâ une circolâr da mandâ a ducj i plevans par fâiu pensâ sù a chiste pusibilitât zence che il vescul al si sinti ofindût parcé ch'a nol à pensât prime a fâle lui. O ben, par vê l'anime in pâs o sarin obleâts da fâ il solit sciopero par obleâ le glêsie furlane a fâ alcaltri pal popul o preâ par che, so lais tal infier no sedis obleâts a fâlu vuâltris chel dizionari parcé ch'o no lu vês fat da vîf:-)
Dutcâs, jó o ai fintramai mitût 'ne tonie par diussal.
Don Jaio



Abbiamo avuto, per fortuna, qualche prete intelligente "furlanofono" che hanno fatto cualche cosa di buono nel loro tempo libero e Dio sà quanto tempo libero loro possono avere quando una messa te la fanno in un quarto d'ora se sono in ritardo o in due ore a pasqua se c'é il vescovo che viene a dire un dominepatris.
Aspetto allora un parroco che fra le sue messe e i suoi vesperi ci faccia un dizionario etimologico e un dizionario delle espressioni friulane nonché un dizionario botanico illustrato e ... Ma chiedo forse troppo?
Dei dizionari e vocabolari friulani ne abbiamo comunque già abbastanza che si baruffano tra di loro e le bibbie e testamenti sono talmente noiosi che di sicuro anche un papa si addormenterebbe prima di aver finito la prima pagina.
Poi, ho sempre pensato che i preti hanno studiato troppo per passar la loro vita a far solo messe e potrebbero far qualcosa in più per la società che a dar benedizioni agli uni e maledizioni agli altri. Avete già visto il Pirona? Quello sí ché é un dizionario!
Insomma, ci vorrebbe un'altro Pirona* o Sedona o magari anche un Scurtissona per tirar fuori qualcosa di utile per i friulani bisognosi ed avidi di friulanità invece delle solite litanie per far piacere a un vescovo o a un papa o semplicemente al redattore in tonaca di servizio.
Lo so, le vocazioni si fanno sempre più rare ma se già ho visto un bel parrochetto africano in un villaggio vallone, non mi dispiacerebbe che il prossimo Bellina sia un congolese o un cantonese.
Gli ultimi vecchi se ne stanno andando ed avrebbero un mucchio da raccontare se soltanto ci fosse qualcuno per ascoltare e, chi meglio di un prete potrebbe tirarne profitto semplicemente ascoltandoli con attenzione? Anzi,Tondo dovrebbe fare una circolare da mandare a tutti i curati incuranti per chieder loro di pensarci sù senza che il vescovo si senta offeso se non ci ha pensato prima. altrimenti dovremo fare lo solito sciopero per aver l'anima in pace oppure pregare perché se andate all'inferno non siate obbligati di scriver voi quei dizionari che non avete fatto durante la vita. In ogni caso ho messo la tonaca per dirvelo.
Don Jaio

* Piron, sedon e curtis in friulano sono : La forchetta, il cucciaio e il coltello

Torna sù

4 commenti:

Anonimo ha detto...

BENTORNATO BENTORNATO BENTORNATO!
:-)
Capucine

Jaio ha detto...

Aspetta che mi organizzo la giornata e poi vengo da te:-)

Anonimo ha detto...

Don Jaio?
Tu parti per Parigi e ritorni con esto titolo...??:-)
Fantastico!

Capucine impaziente...

Jaio ha detto...

Nessun rischio che vada a Roma per diventar papa:-)