I miei Video clips furlans

Loading...

21 ago 2008

Vacancis a Positan / Vacanze a Positano

L'an passât in tune coriere che lave in sù des bandis di Positano viers le sere, daûr di me une zovine taliane e un zovin olandês a fasevin cognossince cjacarant par talian cuant che le mule a no saveve continuâ par inglês. No, l'olandês a nol stave in Italie,al vignive in Italie ogni ant di besôl da l'etât di 14 agns dal mês di zugn al mês di setembar. Al si cjatave un lavôr e al si faseve cualchi franc par podê continuâ i studis. Le mule a si meraveave. No podeve nancje imagjinâ che so pâri ai disi di cjatâsi un lavôr massime ch'a veve di ripassâ i esams in setembar. E cemût fâtu par cjatâ un lavôr, un apartament? L'olandês ai diseve che pal lavôr al ere plui facil parcé ch'al cjacarave 5 lenghis e pal alogjo i soi parons a i cjatavin spès un cjanton di cualchi bande cuant ch'a viodevin ch'al ere onest e lavoradôr ma cualchi vôlte, al diseve, ch'a i ere sucedût di scuignî durmî sot des stelis. Joi, disse le mule, spaventade, ma cemût durmivistu, po?
Eh, cui voi scierâts po, dissal lui.
O volevi voltâmi par dî a chel mul cualchi peraule simpatiche in olandês ma alore o varès scuignût mostrâ ch'o vevi sintût dut ce ch'ai disevin e mi soi tignût dal ridi cjalant fûr dal finestrin. Sperin che amancul chê mule a vedi vût tante compassion di lui par puartâlu tal so jet in chê sere.
°°° *
Gli occhi chiusi
L'anno scorso, in una corriera che andava verso Positano sentivo parlare due giovani studenti seduti dietro di me. Lei italiana e lui olandese. Parlavano in italiano quando la ragazza non ce la faceva a parlare l'inglese. Lui? No, non abitava in Italia, veniva solo durante le vacanze, per lavorare. Faceva cosí dall'età di 14 anni. Ma come faceva per trovarsi un lavoro, un alloggio... Chiedeva lei.
Spiegava lui che il lavoro era più facile da trovare visto che parlava 5 lingue ma anche per l'alloggio non era troppo difficile perché i suoi padroni finivano spesso per trovargli un'angolo per dormire. Comunque per lui si adattava facilmente ed era contento di poter far qualche soldo per pagare i suoi studi e conoscere un nuovo paese. La ragazza sembrava ammirarlo ma diceva che lei non potrebbe mai immaginare che i suoi genitori gli chiedessero o la lasciassero far cosi, sopratutto che doveva ripassare gli esami in settembre...
Naturalmente il ragazzo, le disse che nessuno gli aveva chiesto di farlo ma lo faceva da sé anche se qualche volta gli era successo di dover dormire all'aperto.
- All'aperto?
-Ma come dormivi? Chiedeva lei spaventata.
- Con gli occhi chiusi. Rispose lui sorpreso.
Ridevo guardando dal finestrino e avrei voluto voltarmi per dimostrargli la mia simpatia ma son rimasto quieto per non mostrare che avevo sentito tutto e spero proprio che quella ragazza abbia avuto tanta compassione di portarlo a letto con lei:-)

2 commenti:

Brâf Furlan ha detto...

Biele chê descrizion robade di un daur a un devant de sente di une coriere. Chest cuadrut al pant di cemût che i nestris fruts a vivin tal bombâs e chei forescj a àn plui chê di rangjâsi. E pensâ che i furlans a jerin chei che plui si adatavin vie pal mont...

Anonimo ha detto...

che bella ingenuità...:-)
Mandi Jaio,
e grazie per la tua presenza...
Capucine