I miei Video clips furlans

Loading...

22 set 2008

El muezzin di Acuilee / Il muezzin di Aquileia


I concerts in tes glêsiis a deventin simpri plui frequents.Dutcâs, A Acuilee, sabide o eri tai prins bancs par assisti al concert cun grande orchestre e grancj coros di Marian dal Friûl anunçât come Concert pai Agnui. Naturalmenti, dopo il concert sù Edith Piaf in tune glêsie di Bruxelles, o eri pront a dutis lis pusibilitâts massime che il compositôr Karl Jenkins al é un inglês.Infat, al à mitût drentri dut ce ch'al podeve par fâ une sorte di messe miscliçade di classic e di pop dedicade ae pâs. Naturalmentri, da bon inglês zence complès, cualchi provocazion al é rivât a ficjale e, le plui strambe, a ere chê dal muezzin che dal âlt de scjalinade dal altâr al intonave le sô cantilene come ch'al fos stât in somp dal tor di une moschee disint che Allâh al ere il plui grant e ch'a nondere altri diu al di fûr di lui e vie vie.
Dut chest, cun le benedizion dal plevan locâl e des personalitâts ch'a vevin il lôr puèst riservât dongje dal gno in tune glêsie di doi mil agns.
In tal non de tolerance, o sin boins di fâ di dut e o mi spiêti sot pôc che 'l pape , s'a nol à vût ancjemó l'idee di fâ une messe sù le Tor Eifel tant ch'al ere a Parigji al puedarès forsit vê l'idee di invidâ Bin Laden ae messe di Pasche a San Piêri par dânus dopo le benedizion une maledizion urbi et orbi e che Diu lu svuarbi sa nol varà succès.
Si, ma cemût erial chel concert?
Par une vôlte al mi é plasût che i coros a no giravin simpri ator di chê manie ch'andé in Friûl di cjantâ cualsiasei rôbe cun le salse litugjiche come se dut al vès di plasê ai vescui e i plevans. I coros inglês e an simpri vût alc di speciâl ancje cuant che lis vôs a van a l'unisón e tar chiste messe sinfoniche a zuiavin di spès a nascuindon cui violins.Par une vôlte o ai podût crodi che se varessin cjantât La Ligrie a no varès someât a un Chirie Eleison. Daspó, i doi e cualchi vôlte ancje trê percusioniscj a vevin un dai plui biêi rôi de orchestre che menade cun gjentilèce dal maestri Fabio Pettarín a rivave distès insomp dai crescendos cun tune tonade sbarade cul tamburon tant da fâ cjapâ un spachet al gno vissin indurmidît sot di un pianissimo.
Insome, jenfri il so ronflâ e il gno fuinâ cui vôi e lis vorêlis, saltant fûr de basiliche a nol mi restave plui che lâ a durmî a Grado e naturalmenti, cul vint ch'al faseve sdarnâ le sarecinesche dal balcon e il sorêli ch'al mi svuarbave il dí dopo al ere come se il concert al tiràs a dalunc doi dîs invesit di dôs oris ma o ai voe di ricuardâmi dome de gulizion cjapade sul ôr dal mâr ch'al vignive a studâ le sô rabie aromai studade sule sbrume dal gno capucin.
*** °
S
e il papa, più o meno benedetto, non ha avuto l'idea di fare una messa sulla torre Eifel mentre era a Parigi in WE, forse par Pasqua ci farà la sorpresa di invitare Bin Laden a farci una predica a san Pietro con tanto di benedizione et maledizione urbi et orbi dall'alto della finestra che dà sulla piazza.
Dico cosí perché sabato ero a un concerto particolare nella basilica di Aquileia che secondo quanto mi diceva prima del concerto il mio vicino é l'unica basilica ad avere muri che incominciano 300 anni prima di cristo, che continuano 300 anni dopo per arrivare nel medio evo e poi lí, sul mio stesso banco, due mila anni dopo con lui che si fa svegliare di soprasalto da una tuonata portentosa data dal percussionista in cima ad un crescendo che con l'orchestra condotta da Fabio Pettarin interpretava un'opera dell'inglese Karl Jenkins appoggiata dai cori di Mariano del Friuli. Dico cosí per dire.
Ognuno puó fare in chiesa cosa vuole da quando nelle chiese si puó ormai far di tutto.
Infatti ho visto anche un concerto dedicato a Edith Piaf in una chiesa di Bruxelles.
Comunque, tolleranza! Comprensione! Ma mi chiedo fine a che punto si debba ancora andare. Alle volte ho l'impressione che per esibire la nostra tolleranza si dimentichi di chieder rispetto per la nostra cultura. Da nuovo ateo ho lo stesso ricevuto un insegnamento religioso, hé, in Italia chi ci scappa?
L'esempio di Jenkins mi dovrebbe allora far piacere ma mi é del tutto indifferente. Infatti per la pace o per sua scielta personale, Jenkins ha anche introdotto dei testi presi qua e là nella letteratura o nell'attualità ma il più interessante é il testo che qua,un vero muezzin apparso in cima alle scale che vanno all'altare, doveva declamare in arabo come se si trovasse in cima al minareto di una moschea: Allah é il più grande ed é il solo e unico dio, venite a pregare, ecc. ecc...
Al ché, il parroco di Aquileia e tutti gli invitati assieme al pubblico hanno applauso scrosciatamente alla fine del concerto mentre io mi muovevo a prender foto mosse dall'emozione per metterle qua prima che un chierico africano venisse a dirmi che non si puó come il giorno prima in una chiesa di Venezia mentre fotografavo un quadro di Tiepolo.
Ma com'era quel concerto? Per una volta ho potuto credere che i cori friulani potrebbero riuscire a cantare La Ligrie senza che sembri sempre a un Chirie Eleison anche se per poter introdurre qualcosa di nuovo nel campo della musica classica si debba andare in chiesa per ascoltare un muezzin.

2 commenti:

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Jaio Furlanâr ha detto...

Di sigûr che chest post a nol plâs a cualchidun parcé che regolarmentri cualchidun al cîr di meti un coment cun tune infezion. No sai cemût che al rivi drenti tal sit cence fâsi viodi e cence lassâ une trace dal so passaç e o puès dome scancelâ il coment a pene che al rive.