I miei Video clips furlans

Loading...

29 set 2008

Il gjat di agne Lene / Il gatto di zia Lena

-Vedi la versione in italiano sotto.
Daspó une gnot di lamentazions ch'o crodevi di vê insumiât, une domenie buinore da me agne Lene o ai vidût un tuiut sun tun arbul di là de strade. Alore o soi lâ vie cun le scjale, ma plui o cirivi di udâlu a vignî jù e plui lui al lave in sù.Siché par fâle finide lui ai cjapât pal copin e lu ai butât jù enfre il vosâ di Agne Lene ch'a rivave in chel moment e ch'a no ere dacuardi sul gno metodo speditîf. Naturalmenti jê tant ch'a cridave su di me a cjapave il tui tal grimp e il tui impaurît des sôs vosarîs al cirive di scjampâ.
E cussí, il tui, da piçul mone al é deventât grant e cumó sa tu i contis le storie dal arbul al fenç di no impensâsi o al si ufint come agne Lene sa tu rits des sgrifignadis che 'l tui i veve dât. No si disial tâl gjat e tâl parone como ch'a si dîs tâl mâri e tâl fie?
Cul so pêl rós come chel di un leon, par fuarce che cuant ch'al jès al si dà ariis di maço e al cjale ducj cun indifarence.
Chei âltris gjats a no si fidin di vignî a cavilâ cun lui ni i lôrs parons cun agne Lene ch'a pretint ch'a son lis gjatis ch'a si barufin cun lôr par cirî di sei favoridis dal so ros di gjat.
Baste viodilu traviersâ le strade cuant ch'a passe chê visine par menâ a spas i soi 5 cjans. Il prin al si bute diretamenti sul gjat come par muardilu ma al si ferme dut tun colp come mortificât. Il gjat al si volte a pene, a lu cjale cun disden dal bas in âlt tant che agne Lene a cjale dal âlt in bas le parone dai cjans e al continue di lâ indenant cun le stesse calme zence fâ atenzion al baiâ dai cjans al pivetâ des machinis, al cridâ de parone dai cjans o a agne Lene che a à simpri pôre che une dí al si fasedi cjapâ sot o parsôre da cualchidun e ch'al sà che ancje vuê a é lí cun le scove in man par fâ scjampâ chel mone di cjan ch'a nol capís mai nuje.
Di là de strade al si ferme come s'al ves voe di tornâ indaûr par provocâ il destin o fâ pôre a agne Lene ma di nascuindon al misure le distance e cun tune elegance indolent che dome lui al cognós, al salte sù su la mê machine, so soi aí, o su le prime ch'al cjate avonde nete par lâ a poiâ il so cûl di aristogjat e lassâ il stamp di cualchi talpe. Là sentât, al zire il cjâf come par mostrâ ducj i soi profîi e i soi vôi di lazaron, po al si distire come par mostrâ i muscui o lis ongulis, al sossède par mostrâ i dincj e finalmenti al si ripoe jù ae egiziane dopo vê dât une cjalade, une nulide e une esplorade di vorêlis tor ator.
Naturalmenti Agne Lene a i fâs notâ che chê çuite ch'al à a pene cjapât daûr de cjase a é bielzà aí daûr a lecâsi tal balcon di devant e lui al fâs finte di no viodi chei doi cjavuts ch'a spontin fûr de cîse e ch'a cirin di fâsi viodi.
Lui al al siare i vôi come par durmî tant che agne Lene a poe le scove e a siare le puarte par lâ a fâ le masarie ma a si viôt ben che s'al à i vôi scierâts al à lis vorêlis ch'a sbisíin ce ch'al sucêt ator. Ma nuje a lu fâs movi. I doi cjavuts a saltin fûr e si mostrin fint in te code. No sono dôs mulis? A si disarès ch'a son prontis par passâ il lôr prin esamp cun lui ma no san ce ch'a ur spiete e agne Lene ch'a spie dut pe bûse de sieradure a cîr di viodi ce ch'al sucêt.
A lui, lis mulutis ch'a cíulin par nuie e ch'a fasin tantis smorfis prime di lasâsi fâ a no i vadin masse. Lui al à lis sôs preferencis e ai plâs le gjate dal ecologjist o chê dal plevan. Chês sí ch'a son fricis, ve! Simpri prontis e simpri plenis. Par furtune i lôrs parons e an argoments cuintri la contracezion e avonde cognossints par plaçâ i tuis ch'a nassin. Dutcâs, se propit a insistaran, o a une o a chê âltre, o a dutis dôs, al cjaparà chês dôs friçutis par daûr e, como ch'a si devi, tant ch'a lis tegnarà fermis cun lis talpis di devant a i muardarà il copin par che no si zirin a fâ scherzos e prime ch'a vedin dite un bee o un miao a ur fasarà la sô rabit injection e mandi.
Daspó, se le lôr parone a lis puartarà dal veterinari a fâlis spadâ lui al fasarà como agne Lene, como l'ecologjist e como il plevan cun lis lôr paronis: A no lis cjalarà mai plui.
°°° *

Rosso, leonesco, indolente ma sempre pronto a saltar su una gatta che non faccia troppe smorfie, questo é il gatto di Zia Lena. L'avevo trovato che piagnucolava sù un albero una domenica mattina che stavo da lei.
Per non farmi graffiar troppo, l'avevo preso per la pelle del collo e buttato giù mentre zia Lena che accorreva mi sgridava come se l'avessi messo io sull'albero.
Per forza che il gatto adottó la zia anche se spaurito dalle sue grida contro di me la graffiava mentre cercava di tenerlo in braccio.
Adesso, il gattino é diventato grande e se gli racconti la storia dell'albero o non ti crede o si offende come zia Lena che pretende che i gatti non si fidano a baruffarsi con lui ma si baruffano con le gatte che vorrebbero tutte andar con lui.
Del resto, tale é la zia tale é la bestia, eccolo che attraversa la strada noncurante e solo un pó insolente mentre passa quella vicina per la passeggiata dei suoi 5 cani.Il primo cane che non ha mai il guinzaglio, appena vede il gatto si getta su di lui e come ogni volta prima di azzannarlo si blocca e torna indietro. Il gatto lo guarda con disprezzo dal basso in alto come zia Lena con la scopa in mano guarda dall'alto in basso la padrona dei cani. Lui, consapevole della sua superiorità continua il suo cammino senza curarsi dell'abbaiare dei cani, del suonar dei campanelli o clackson delle bici e delle macchine né delle paure di zia Lena che gli dice sempre che un giorno si farà prender sotto o sopra da una macchina.
Dall'altra parte della strada si ferma come se fosse indeciso sul continuare o sul tornare indietro per rifare la scena ma invece senza farsi vedere prende la misura e con un'eleganza tutta felina salta sul cofano della mia macchina se sono lí, o quella che gli capita se é abbastanza pulita per farci cualche impronta e posare il suo culetto di aristogatto.
La zia, gli fa notare che la gatta che lui s'é appena preso dietro casa, si sta già facendo vedere dalla finestra di fronte ma lui non ci fa caso. Si siede girando la testa a destra e a sinistra come per far vedere tutti i suoi profili ed i suoi occhi hollywoodiani e con un'indolenza tutta sua si stiracchia come per mostrare tutti i suoi muscoli e le sue unghie, sbadiglia sfacciatamente per mostrar tutti i denti e tutta la lingua e si accovaccia giù alla egiziana dopo aver dato un'ultima occhiata in giro, socchiude gli occhi, poi li chiude del tutto e drizza il naso e le orecchie per vedere se quelle due testoline che aveva visto spuntare dalla siepe si fanno avanti.
Infatti, zia Lena, posa la scopa e chiude la porta per andare a lavare i piatti ma invece guarda cosa succede dal buco della serratura e loro si fanno avanti. Adesso potrebbe vederle fino alla coda ma lui preferisce tenere gli occhi chiusi e far girar le orecchie comme un radar per confermare al suo naso quando saranno arrivate a portata di zampa.
Sa già che sono due nuove ragazzine. A lui le ragazzine che fanno tante smorfiette e tante storie prima di farsi acchiappare gli danno fastidio. Preferisce le adulte e specialmente la gatta dell'ecologista e quella del parroco che sono sempre pronte quando non sono incinta.
Quelle si che sono gatte! Per fortuna, i loro padroni hanno tante relazioni che non hanno mai difficoltâ per piazzar la prole ma, se le due ragazzine insisteranno, forse le prenderà anche quelle. Una alla volta e mai di più. Loro non se ne rendono neanche conto del pericolo che corrono quando lui fa finta di dormire sul cofano di una macchina.
Quando succederà sarà troppo tardi, lui sarà piombato giù, le avrà immobilizzate tenendole sotto di lui con le zampe anteriori e per impedirle di fare scherzi, con determinazione, terrà ferma la loro testa azzannandole per la pelle del collo mentre come i conigli fanno la loro iniezione lui farà la sua. Poi se il loro padrone le farà operare per non esser più in cinta, lui farà come il parroco, come l'ecologista e come zia Lena, non guarderà più ne le gatte né i loro padroni.

3 commenti:

elio ha detto...

Tu varesis propit di faa un biel librut par furlan, Jaio, ti fasares qualchi ilustrasion ancje jo :-)

Jaio ha detto...

Ben, pes ilustrazions a tu puès scomençâ subite ch'o tas cjolarès ancje zence:-) Pal rest, o spiêti di vê plui timp e plui o cîr di sparagnâlu e plui al fùi:-)
Si sintin.

Anonimo ha detto...

Miao notte...:)
capucin