I miei Video clips furlans

Loading...

06 ott 2008

Blestemis / Bestemmie

Forsit, sui 8 agns,Gjerman Moscon como me, al é stât butât par tiare da une muinie che montade su di lui a lu a emplât di sberlis parce ch'a crodeve ch'al vés blestemât e... D'in chê dí, al a scomençât a blestemâ par vendicâsi des berlis ch'al veve cjapât di bant...
Jó invesit o ai vût plui furtune di lui, o soi lât a stâ fûr da l'Italie e tant ch'o cjacari un'altre lenghe nancje no sai plui ce ch'a son. Une des rôbis ch'a si piert subite lant pal mont a é chê manie ch'a si à in Italie di meti le religjon in ben o in mâl, in dut ce ch'a si fâs e ce ch'a si dîs. Par contagjon o par necesitât, cjacarant un'âltre lenghe a si piert, sêti le voe di lâ a messe che tal stès timp le manie di blestemâ, tant al é vêr che lis blestemis dai talians ch'o cognós di fûr, a lis doprin dome par talian parcé che in chês âltris lenghis a somearèssin strambis, stupidis e cence sens come che lâ a messe al somearès ingjenuo stant al fat che le glêsie a no à nissun podê politic o economic come in Italie.
Daspó, se un a nol crôt in diu parcé passaressial il timp a ufindi cualchidun ch'a nol esist e che dutcâs a nol é responsabil de sô stupide nervositât? Se amancul al insultàs Allah o budda a si puedarès ancje capî:-)
A part i spagnûi cui lôrs oribils cago un dios e i francês cui lôrs plui distints nom de dieu o i merecans cui lôrs gjentîls oh my god, nissun a nol và plui in là che i talians cun lis blestemis e a si contentin di dî cualchi peraulate. Un colmo sa si pense che i stranîrs a considerin le lenghe taliane come le plui armoniche ch'a sêti e che Carlo Quint al diseve che lui le doprave il talian par cjacarâ a es feminis come ch'al doprave il todesc par cjacarâ ai cjavai e a nol à mai dite ch'al doprave il furlan dome par toli pal cûl i triestins:-)
Achi il Gjerman al fâs il todesc ma nus mostre une rôbe tipiche taliane che sa fâs ridi tal inprin parcé ch'a si crôt ch'a i sedi scjampade, a si capís subite ch'a nol sà dî une peraule zence trai un porco e al piert subite in considerazion.Cussí al si svilís. Al anule dutis lis cualitâts ch'al puès fa crodi di vê sint un personagjo public...




Forse, come me, Germano Mosconi da piccolo é stato buttato giù per terra da una suora che credeva di averlo sentito bestemmiare e dopo esser stato accavallato da lei per impedirlo di muoversi, s'é fatto rimpire di pugni e di sberle. Ed é forse da quella volta che ha incominciato a bestemmiare come un carettiere coi cavalli per dimenticare le sberle che aveva preso per niente.
Io invece ho avuto più fortuna. Sono andato all'estero e finché parleró un'altra lingua le bestemmie non só cosa siano. Infatti, uscendo dall'Italia, automaticamente si perde la mania di misciare in bene o in male la religione in tutto quello che si dice o si fa e per forza, se non si bestemmia più, non si và neanche più in chiesa tant'é vero che gli italiani che conosco, di fuori, semmai bestemmiano ancora lo fanno solo in Italiano. Un colmo per uno straniero che considera la nostra lingua una lingua piena di armonici suoni fatta come diceva Carlo Quinto per parlare alle donne come il tedesco lo considerava per parlare ai cavalli!
A parte gli spagnoli con i loro orrendi me cago un dios, i francesi con i loro aristocratici nom de dieu o gl'inglesi con i loro gentili oh my god, nessuno và cosí in là con le omprecazioni come si fa in Italia.
Qua Germano Mosconi fa il tedesco illustrandoci bene come siano le cose. In principio forse noi ridiamo pensando che gli sia scappato un'imprecazione poi si capisce che non sà dire una parola senza aggiungere una bestemmia e più il videografo accatasta i casi e più il personaggio si svilisce e perde il valore che crede di avere essendo un personaggio pubblico.

Nessun commento: