I miei Video clips furlans

Loading...

15 dic 2008

Bush la cîse, Bush la siepe, Bush la haie...

Le gjate a fâs le mate
O vevi puartât un piçul paneton par tirâ da lunc le cerimonie dal té de mê visine ch'a voleve mostrânus le sô gjate. Le sô gjate a jere tal balcon ch'a cjalave di fûr e dut tun colp e a tacât a rimenâsi, a sgarfâ i vêris e a miulâ come une mate. Ce vevie? A veve vidût un gjat ch'al passave jù in te strade e a no si stacave nancje par lâ a bevi il so lat. Cussí, o vin pensât ch'al sarès stât miôr di puartâle jù in te strade. A pene di fûr, che çuite, ce fasie? A s'in và vie ben plan ben plan di un'âltre bande zence nancje cjalâ il gjat. Come ch'a no i interessàs nuje. Il gjat peró lui al a capît e dopo vê cjalât cemût ch'a menave il culet a diestre tant ch'a meteve le code a çampe al é lât vie daûr de cîse a spietâle. E al é propit aí che le gjate a veve voe di lâ. Ce frice, a dave di chei urlis! Un di nô al si é gjavât lis scarpis e lis a tiradis a chel assassin di gjat daûr de cîse. Nuje, il gjat nus a tirât lis scarpis indaûr e le gjate e a tacât a lamentâsi ancjemó plui fuart.
Al si varès dite che daûr de cîse a erin in dîs, altri che dome un gjat. Propit a chel moment, un gjornalist irachen, par fâsi viodi, dissal Bush, al tirave lis sôs scarpis cuintri Bush tant ch'al faseve il so discors. Strane coincidenze.

Rendez-vous galant
Avevo portato un piccolo panettone per far durar la cerimonia del té un pó più a lungo. La mia vicina voleva farci vedere la sua gatta. La sua gatta era alla finestra e guardava di fuori. D'un tratto incomincia ad animarsi, và a destra, a sinistra, si ferma, si alza, graffia i vetri, miagola...Cosa gli pigliava? Siamo andati a vedere alla finestra: Un gatto passava per la strada. Abbiamo allora pensato di portar giù la gatta per vedere cosa sarebbe successo.
Niente, lei camminando piano piano e senza guardar nessuno s'é messa a camminare verso la direzione opposta.Come se non fosse interessata di niente. Il gatto lui invece aveva capito tutto e dopo averla guardata menare il culetto come una timida sedicenne farebbe per la prima volta se n'é andato dietro la siepe ad aspettarla. Ed é proprio là che la gatta lo ha raggiunto.Poi, faceva di quei urli da far pietà.Uno di noi ha tirato fuori le scarpe e le ha tirate nella direzione del gatto per farlo scappare. Invece niente, il gatto ci ha tirato indietro le scarpe come per dire di occuparci dei nostri affari mentre la gatta urlava ancora più forte. Si avrebbe detto che invece di un gatto dietro la siepe ce n'erano 10...
Ed é proprio a quel momento che un giornalista iracheno ha tirato le scarpe a George Bush. ...Per farsi vedere, disse Bush. Strana coincidenza .

3 commenti:

Udine, Europa ha detto...

...no je coincidence... Bush l'e daûr a fa al popul irachèn ce che il gjat al faseve a la gjate... encje piês, daspò che i irachens no i àn mai menât il cûl...

Jaio ha detto...

Votu viodi che da doman a si scuegnarà gjavâ lis scarpis prime di entrâ tai mucipis, tes glêsiis, a la rai e vie indenant?:-)

Jaio ha detto...

Si, so vês cjatât chest articul ancje sù Cjargne on line al ûl dî ch'a si trate dal stès gjat e de stesse vissine:-)