I miei Video clips furlans

Loading...

12 dic 2008

Il Bepi dal Presepi - Giuseppe del presepe

Il crist al jere un arabo, dutcâs un palestinês forsit ancje brut e antipatic s'al sameave a Yasser Arafat.
Cjavei nêris come le madone e di sigûr cui vôi asortîts.
Altri che blù e blont a le russe o le svedêse.
Pussibil ch'a no si vêti vût nujâltri diu che chel da tacâ a preâ? 
Al dí di vuê, dut al é pussibil e in chê vôlte ancje di plui.
Ce no si fasial par un franc in plui? Il Bepi, l'omp de madone, so ai ben capît al é come il duche di Edimburc cun le regjine d'Inghiltere. Al é aí dome par fâ da pâl come un mone.
Ma chiste vôlte o ai vulût vendicâ ducj i omps opprimûts e scjafoiâts tal nassi dal lôr fi. A é ore di finîle di fâ crodi che le madone e a vût un frut zence che il Bepi al vedi fat nuje e che le Elisabete a si fasi cjapâ par Marie.
 Alore, da artist, a mi an domandât di fâ 5 manichins par fâ un presepi sù le Grand' place di Bruxelles e us presenti achi i lôrs buscj.Us fasarai notâ plui tart che Nancje Leonardo da Vinci a nol crodeve masse a chiste storie e in te ûltime cene di Milan il so san Zuant a nol sarès âti che une mule ch'a si clamave Madalene e ch'a no ere âltri che le concubine dal Christ. 
Ma chiste a é un'âltre storie che forsit une dí cualchidun us contarà. Lassin pal moment passâ un Nedâl come chei âltris zence pensâ tros fruts ch'al à vût il Christ e le Madalene s'a nol doprave il preservatîf.
 Ogni ant al é compagn ma chest an, il gno Bepi di l'an passât al é lât a finîle in France par un mês e alore o ai scuignût fant un'âti. Da bon cristian,  ch'al predicje dome pe sô religjon e duncje pai soi interès, o mi soi mitût al puèst dal Bepi. 
Si, chê mûse di lavatîf aí o soi jó. 
Le barbute arabute o ebreeute o ai scuignût metile par fâ plui esotic e i cjavei a son un compromès par no meti ducj cui cjavei nêris. Naturalmenti, o mi soi scielzût jó le madone e no ai lassât chest lavôr a nissun Piêri o Jacum. Mi soi cjapât sù une zovine friçute ma par no fâmi cjapâ da pedofilo o no ai fat come Allah ch'al si é cjapât sù une zovine di 15 agns cuant ch'al veve 75 agns. Achi al si disarès scuâsit i personagjos di un film dai agns 50.
 I rès magjos, e somèin divertîts da mê sielte e come vuâltris a cirin di no ridi. A son personagjos ch'a son passâts pal gno studio. Il nêri al é un fatorin ch'al lavore da UPS e al si viôt ch'al é plui content di chei âltris. Pensait: Doi agns fa al stave in tune barache de jungle africane e cumó al sarà ae television e in tes fotos di ducj i turiscj ch'a passaran ae Grand Place di Bruxelles.
Forsit al é lui ch'al puartave le mire come regâl. So varès di fâ un presepi in cjase mê, o i metarès in man une butilie di Fernet Branca. Parcé?
Parceche le mire al é il component ch'al us lasse chel gust amâr in te bocje e ch'al us scjalde il stomi dopo il bicjarin. Ma chiste a sarà le storie ch'o us contarai doman. Salute et salut!

Il san Giuseppe, non si sà veramente chi l'abbia santificato poiché ha sempre fatto la figura del tonto come se fosse il duca di Edimburgo accanto alla regina d'Inghilterra. Fattostà, che dovevo prendere la difesa degli uomini oppressi, dimenticati, o messi da parte.Per caso, il san Giuseppe che và ogni anno  a far il palo nel presepe della Grand' place di Bruxelles , quest'anno é invece andato a finire in Francia. Dovevo dunque farne un'altro e allora, non avendo sottomano altre facce che la mia, mi son divertito a mettermi al suo posto. 
Che faccia tosta eh? La barbetta arabetta-ebbreotta dovevo metterla per dare un pó di colore locale ed i capelli grigi e giusto per non mettere solo capelli neri. Si , perché Gesù non era ne svedese ne russo e nessuno era biondo e blu ma moro o nero come tutti gli arabi. 
Ma erano arabi o ebbrei? 
A quei tempi, comunque si assomigliavano tutti e comunque, si dice che presto diventeremo tutti di tinta scura.
La madonna me la sono scielta io senza andare a chiedere al parroco quella che avrebbe messo lui. Semmai dirà qualcosa, lo consoleró dicendo che non ho preso una ragazza di 15 anni come pare abbia fatto Allah a 75 anni.
Il negro l'ho messo alla moda americana coi capelli lisci ed il re magio pelato alla moda europea da quando Yul Brinner e Kojack se ne sono andati. Se il negro sembra più divertito degli altri é forse perché é convinto che il suo regalo sarà il più apprezzato. Che sia la mirra?
Comunque, in realtà, il nero si chiama Jean, ed é un fattorino della UPS che passava da me e si sà, da me tutti quelli che entrano finiscono nel gesso. Sarà comunque fiero di figurare in tutte le foto dei turisti che passeranno di là, nonché di passare nientepopodimenoche: Alla tivù!
 Se facessi un presepio in casa, gli metterei in mano una bottiglia di Fernet Branca che al giorno d'oggi, é l'unico prodotto dove ci sia ancora la mirra. La mirra é quel additivo-apero-digestivo che vi scalda lo stomaco mentre vi lascia in bocca quel tipico amaro...
 Ma questa é un'altra storia che continueró domani. Buona giornata.

2 commenti:

Anemone Viola ha detto...

Ostiment...tu las scjelte propite frice la Madone, cun dut il rispiet par je!
Beh, sul Bepi a l'è mjor no fa comens!!! il nerut...tralascin...a l'à un gei di cjavej su chel cjaf!!!
comunque complimens, a son veramenti bieles.
Je in particolar.

MAndi e bon lavor!!!

Anonimo ha detto...

la mirra la portavano i re magi!
oro incenso e mirra,
quasi come le tre grazie!:-)

Mandi
Cappuccine:-)