I miei Video clips furlans

Loading...

13 dic 2008

La patahaya di Nedâl / La patahaya di Natale

Alc di rós ch'al lêti ben cul vert di Nedâl. Alc di gnûf ch'al lêti ben par cambiâ. Alc di fresc par gambiâ le bocje o da maridâ cul prossut di san Denêl al puèst dal melon. Par doi euros, l'aspiet strani di chiste pome scuâsit a si puedarès ancje no mangjâle ma cemût fâ cuant ch'a si é curiôs? A si le vierç in doi, a si plante une sedonute e a si le offrís come un gjelato in te sô barcjute. Infat lis semencis ch'o viodês in te bocje a no si lis sint. Le polpe e somee a chê dal melon o de angurie ma in plui neutro. Diderot, tal 1840 al disève che la Patahaya a veve il savôr di un fîc ma cun le polpe plui mole e plui bagnade. Ch'a sêti stade in chê vôlte le pome plui popolâr in Californie jó o no crôt.La mê a ven dal Vietnam e scuâsit a somee a une bombe a man traviestide di cartufule e tinzude di rós. Par Nedâl e varès di fâ biele figure sù lis taulis. Viodêt vuâltris. A esist ancje cun le scuarce zâle.

Qualcosa di rosso che vada bene col verde di Natale. Qualcosa di nuovo per cambiare. Qualcosa di fresco per cambiar la bocca o da abbinare col prosciutto di san Daniele che é più secco se stagionato di più. Per due euro, vale già la pena di averlo in mano e di guardarlo ma essendo curiosi, si taglia in due e si pianta un cucchiaino prima di servire a mó di gelato nella sua barchetta. I semi che vedete, in bocca non si sentono per niente. La polpa assomiglia a quella del melone o dell'anguria ma il sapore é più neutro. Diderot nel 1840 diceva del Patahaya che era l'alimento di base dei californiani e che il suo sapore assomigliava a quello dei fichi freschi ma con una polpa più molle e bagnata. La mia viene dal Vietnam e sembra a una bomba a mano travestita da patata tinta di rosso. Pare si trovi in tutta l'Asia e nel sud America. Per Natale potrebbe far bella figura sui tavoli. Vedete voi. Esiste anche con la buccia gialla.

Nessun commento: