I miei Video clips furlans

Loading...

31 gen 2008

Il tiri tiri de vuere dopo

video
Cualchidun a lu sa ma no ducj. Tai agns 20, a ma l'à dite me agne Lene, un grum di furlans dopo de vuere a erin cussí di presse e di voe che sa lavin a messe di buinore, a lavin simpri a foncs tal dopo misdi invesit di lâ ai gjiespui. Risultât: Un grum di furlans nassûts in chei agns a erin stâts concepîts o tai boscs, o tai prâts. Ator di Udin a nol in d'ere boscs avonde e alore, disse Agne Lene, i murôs a si davin apontament di fûr ator dal Cormôr indulà ch'al in d'ere avonde gleriis e cîsis par platâsi. Le Line a ere une ch'a ere cognossude pe sô vivacitât di spirit amancul ce tant ch'a lu ere pe sô golosece di omps fint che une dî a é deventade mâri e come un grum di mulis d'in chê vôlte e a bailât a maridâsi. A no si sà cemût che il pâri le a cjapade ma al si sà che al é stât il prin furlan a volêi bon ae frute ch'a é nassude le setemane dopo di sei maridâts. I nons e i sorenons in chê vôlte a si u dave a di ducj e al é cussí ch'al é nassût subite chel de Line che plui tart, e a scuignût gambiâlu par vie che so pâri a nol voleve plui ricognossile.
Par no fâle masse lungje, disin che se chei âltris e lavin tal Cormôr so mâri a no lave plui in là che le roe e al é cussí che il sorenon a i é vignût di sô mâri. Mâri+Line = Marylin. Daspó: Mâri + Roe = ???
O vês indovinât! Sul serio, eh?
Nissun a lu sà ma cumó o scuen diussal: Vêso zà sintût che cjançon ch'a cjante in cjargniel? Ah bon, o eri sigûr ch'o no lu vevis nancje rimarcât. par fuarce, o vês dome raps tal cjâf. Ma so capîs il merecan o vês di capî amancul alc di cjargniel no?
Dopo dal ritornel di chê famôse cjançon a dîs : ti tiritu, tiritu tiritu tiritu tu...Po a torne a scomençâ : I wanna be love by you, just you, nobody else but you, I wanna be love by you alone. Vidût? Ducj i vecjos furlans a cognossin le espression: Ti ritiritu tu che in fat a é nassude tai agns 20 cuant ch'a non d'ere goldons e dutis lis mulis a scuignivin dî le sacrosante domande: Ti ritiritu tu?
Ma si sêso amancul domandâts parcé che Marylin no a mai vût fruts? Vidût? Dut al clope come in tun arloi. Daugherty,Kennedy,Sinatra e Di Maggjo a si ritiravin, dome chel vecjo scritôr ch'a le a maridade a no si sà s'a lu a fat o no e lis lengatis a disin ch'a nol vedi nancje mai fat l'amôr cun jê par pôre di restâ drenti e no savê scrivi plui.
Le mâri di Marylin, ancje jê, diplomatiche, a no diseve "tiricji vie e vonde". Delicade e ben educade come ch'a ere a faseve dome le domandine: Ti ritiritu tu?
Se po un a nol capive a i diseve che s'al veve voe di tornâ a scomençâ a nol podeve stâ drenti fin tal indoman. So, fie, biel indevant sù lis usancis dal so timp, e a volût insome trasmetinus un mesagjo cun bon umôr che nissun american a nol a mai capît ancje se cul so tiri tiri di une vuere dopo e a fat lâ in gjugjulis dutis lis Americhis.
Sa fos ancjemó vive, e varès juste 81 agns chest mês achi. Cuissà tropis storiis ch'a varès podût contânus sa vès vût un blog. Iustamenti: in blog we trust, e alore: Cui le ae copade? E parcé?
Dutcâs, vuê o le fâs rivivi. Ancje sa no fos nassude in Friûl, aé di sigûr jê, che ducj i furlans zovins e vecjos, a fasarès esclamâ cun enfasi: Ce frice!
Sei scultôr, al é soredut palpâ dut il palpabil cui vôi e cui dêts e o mi disarês vuâltris se cheste ae une biele palpade. Nol é ch'o vedi stât plui ecitât cun jê che cun chês âltris, parce che oramai o ai plui i vôi di un miedi che d'un mat ma tant ch'a si lavore sù cualchidun a si fâs par fuarce cualchi pensade . Si, no ere mâl.
Nô omps, o si figurin a tuart che plui al é biel di fûr e plui il plasê al a di sei fuart di drenti. Al é di sigûr une quistion di imagjinazion. Duncje, imagjinait, imagjinait so vês voe di gjoldi:-)
Le prossime Marylin le metarai a genôi e o fasarai un taulin ancje cun jê. Non d'é nissune rason d'imponi privazions a i soi amiradôrs e di vê ce che nancje Kennedy o Sinatra a no varessin mai pensât di podê fâ cun jê...E si ch'an d'ân fatis di sigûr di dutis i colôrs, eh.
Ma alé, vêso zà vidût le Marylin cuant ch'a cjantave al Medison square al president: Happy birthday? Francamenti, so fos stât jó il Kennedy o no varès podût fâ alcâltri.
Vie. Tal jet. Subite:-) E cui saresial vignût a copâmi dopo?
Vualtris? O sai ch'o no sês gjelôs par nuje:-)
Il tiri tiri del dopo guerraQualcuno lo sà ma non tutti.Negli anni 20, me l'ha detto La zia Lena, un mucchio di friulani del dopo guerra, erano cosí pieni di voglia e di premura che se andavano a messa la domenica mattina, non andavano mai ai vesperi ma andavano a funghi. Risultato: Un mucchio di friulani, tra i cuali uno dei loro discendenti sono io, sono stati concepiti in quegli anni sia nei boschi che nei prati.
Vicino a Udine non c'erano molti boschi e allora, mi ha detto zia Lena, gli innamorati si davano appuntamento lungo il torrente Cormor dove trai i mucchi di ghiaia o i cespugli, c'era sempre qualche posto per nascondersi. Lina era molto conosciuta per la sua vivacità di spirito alquanto per la sua avidità di uomini tanto che quando é diventata mamma, come un mucchio di ragazze di allora, s'é spicciata di sposarsi. Non si sà, come il padre l'abbia presa ma si sà che é il primo friulano ad aver amato La figlia della Lina quando é nata, una settimana dopo il matrimonio.
In quell'epoca, si usava subito dare un sopranome ed é cosí che é nato quello della bambina, che più tardi, per via che suo padre l'ha disconosciuta, ha dovuto cambiarlo.
Senza andar per le lunghe, diciamo che mentre tutti gli altri andavano al Cormor, sua madre (Mâri in friulano) non andava più in là della roggia ed é cosí che il sopranome della bambina gli viene da sua madre. Infatti roggia in friulano si dice roe, allora Mâri+line = Marylin
e mâri+roe= Monroe Ossia Marylin Monroe :-) Logico no?
Poi, ancora una cosa che nessuno sà ma che vi devo dire: Avete già sentito quella bella canzoncina dove canta in friulano carnico, no? Ma si, dai, dove aggiunge, quasi come se fosse un'onomatopea dopo il ritornello: ti ritititu ritititu ritititu ritititu tu... Ero sicuro che non l'avevate notato. Per forza, avete solo rap in testa! Comunque poi torna a incominciare in inglese:: I wanna be love by you, just you, nobody else but you, I wanna be love by you alone.
Visto che vi ricordate? L'espressione friulana tiritiritu tu che tutti i vecchi friulani conoscono é nata infatti negli anni 20 quando non c'erano contracettivi. In quell'epoca, tutte le ragazze dovevano saper ricordare al loro ragazzo di ritirarsi facendo la sacrosanta domanda : Ti ritiritu tu?
Vi siete forse già domandati come mai Marylin non ha mai avuto bambini? Ebbene appunto, Daugherty,Kennedy, Sinatra, Di Maggio, tutti praticavano il coito interrotto salvo lo scrittore Arthur Miller morto lo scorso anno che si sospetta di non aver mai fatto sesso con Marylin per paura di rimanerci dentro e non poter più scrivere.
La madre di Marylin, anche lei era diplomatica. Non diceva: - Tirati via e basta. Lo chiedeva con educazione: -Tiritiritu tu? cioé: Vuoi tu ritirarti gentilmente? Se poi il ragazzo non capiva un mazzo allora aggiungeva che se voleva incominciare di nuovo era meglio non rimanere dentro fino all'indomani.
Sua figlia Marylin, molto in avanzo sulla mentalità americana di quei tempi, ha insomma voluto trasmetterci con un pó di humor quello che nessun americano ha mai capito anche se col suo tiri tiri ha fatto andare in giuggiole tutte le Americhe.
Se fosse ancora viva, avrebbe 81 anni questo mese. Chissà quante storie potrebbe raccontarci. se avesse avuto un blog. Appunto: In blog we trust, chi l'ha ammazzata? E perché? Comunque oggi la faccio rivivere. Anche se non é nata in Friuli é di sicuro quella che tutti i friulani giovani o vecchi, farebbe esclamare con enfasi: Ce Frice! (Espressione tipica friulana per dire che bella che al maschile si dice: Ce frico;-)
Essere scultore é sopratutto essere un palpatore che palpa tutto il palpabile con gli occhi e con le dita e mi direte voi se questa é stata ben palpata. Non é che fossi più eccitato con lei che con le altre perché ormai guardo più da medico che da matto ma quando si lavora su qualcuno si fa per forza qualche pensierino. Si, non era male.
Noi uomini, ci figuriamo a torto che più l'esterno é bello e più l'interno ci darà piacere. E di sicuro una questione d'immaginazione. Dunque, immaginate, immagginate, godrete di più!
La prossima Marylin la metteró in ginocchio per fare un tavolino anche con lei. Infatti, non c'é nessuna ragione di privare i suoi ammiratori di avere ció che neanche Kennedy o Sinatra non avrebbero mai pensato di poter fare con lei. Sebbene ne abbiano di sicuro fatte di tutti i colori:-)
Ma andiamo,avete già visto la Marylin Monroe qundo cantava al Madison Square per il presidente Kennedy il suo happy birthday? Francamente, se fossi stato il Kennedy non avrei potuto fare null'altro: A letto, e subito! E chi sarebbe venuto poi ad ammazzarmi? Voi? Lo so che non siete gelosi per niente:-)

Voe di Marylin Monroe ?


Il gno mistîr al ûl che i miei clients a pôsin pe foto finâl dome par me ma tantis vôltis a nol sucêt parcé che vie pe gnot o no ai plui ni le voe, ni le lûs, ni un fotografo par fâ le foto al gno puest. Achi al é un câs che Marylin a si sedi fermade avonde timp prime di lâsint e tignîmi cun jê ancjemó un minût dopo une gnot turbulente cun jê tal laboratori. Ancje jê e a otignût sucès par fâ un videoclip, como chest.
Cumó a mi restin 3 setemanis par covâ un ûf di 2m50. Di sigûr o no fasarai fotos cun lui parcé ch'o soi avonde ûf cussí di besôl ( ûf= egg = ego:-) Ma se par Pasche o vês chê di fâ une biele sorpresone a cualchidun, ordenait il vuestri a timp ch'o us sciari dentri:-)
Psst: Cun chê âltre man a si ten le cotule cuant ch'o met un ventiladôr sot:-)
Da viodi alc in merit par furlan achi 

Il mio mestiere vuole che i miei "clienti" e le mie "clienti" posino per me per la foto finale ma molte volte non succede perché alle ore notturne non c'é più né la voglia né la luce né il fotografo. Qua é un caso che Marylin Monroe, si sia fermata abbastanza tempo da tenermi ancora un minuto dopo una ultima notte turbolenta con lei...Nel laboratorio:-)
Anche con lei comunque molta gente s'é fatta sorprendere come nel videoclip.
Adesso avró tre settimane per covare un uovo di 2m50. Di sicuro non faró foto con lui perché sono abbastanza uovo cosí ma se per Pasqua volete fare una sorpresona a qualcuno, ordinate il vostro a tempo e venite qua a farvi chiudere dentro:-)
Psst: Con l'altra mano si tiene la gonna quando metto il ventilatore sotto:-)

30 gen 2008

Misteris d'internet


the furlanâr: Vittorio Cadel, the miôr from the furlans
http://somacheapwithoutrx.blogspot.com/ 2008/ 01/ furlanr-vittorio-cadel-mir-from-f...
It You want it, we got it. General information about soma cheap without rx What everyone is saying about. Information and sales knows nol fos muart in vuere such 17 to sarès deventât plui Grant from the siecul.Every vôlte ch' or you pull fûr the Fueis books of lèria or stoi cun he ' of setemane or dôs. Or tegnarès the books simpri ator from the jet know nol fos that par finî or you do not know plui nancje cjaminâ enfre he and chei âltris.The sintiments from he to son simpri clârs and nets.
I misteris di Internet
Metint le peraule "furlan" sù google o ai cjatât chest articul miscliçât d'inglês e furlan da cualchidun o da cualchi computer. Divertent di viodi indulà ch'a vadin a finî i scrits ch'a si met sui blogs:-) Ancjemó un pôc e a si scuignarà stâ atents prime di meti le spine.
Digitando la parola "furlan" su google, mi é uscito fuori questo articolo d'inglese-friulano fatto da qualcuno o qualche computer a partire dall'articolo messo sul blog. Ancora un pó e bisognera stare attenti a cosa puó succedere mettendo la spina.

Sfurtune de furtune


A si dîs che le furtune a é svuarbade. Chel zovin achi dongje a disin ch'al sedi nassût cun le cjamêse, come par dî ch'a nol puès rivâi nuie di brut. Po ben, o scuen dî ch'al a le 30ine e ch'al vîf ancjemó cun chei mones di sô pâri e mâri, dissal lui. Come che so pâri al a i 80 sunâts...
Ben, dôs setemanis indaûr al cjaminave trancuilamenti sun tun marcepît e al s'impense di vê dismenteât alc. Al si ferme gratantsi il cjâf e al ricêf un madon sù le man invesit di vêle sul cjâf. In tune setemane, al veve zà dut dismenteât e par screâ le sô gnove machine ch'al veve a pene ricevût in regâl al và a fâ un gîr in sitât e al si bute cuintri un autobus par distrazion e seben che le machine a é irecuperabil, al salte fûr zence une sgrifignade.
O iessivi di cjase, e o mi preparavi a montâ in machine e al é vignût a domandâmi s'al podeve vignî cun me. Parcé che i soi parints a mi fâsin dûl, o ai lassât stâ il riscjo ch'al mi puarti sfurtune vignint cun me e cuant ch'al mi a domandât di lâ a bevi un tai cun lui savint ch'al é simpri zence bêz o stavi par dî, no grazie, ma lui pront: O pai jó.


Si dice che la fortuna sia cieca. Qual giovanotto qua vicino dicono che sia nato con la camicia e che non gli puó succedere niente di male. Devo dire che v^sui 30 e che vive con quegli idioti di genitori, come dice lui. Due settimane fa camminava tranquillamente su un marciapiedi e accorgendosi di aver dimenticato qualchecosa, si ferma, si gratta la testa come per decidere se continuare o tornare indietro e riceve un mattone sulla mano, salvando la testa. Una settimana dopo, aveva tutto dimenticato e andando in città con la macchina appena ricevuta in regalo, si schianta contro un autobus ma sebbene la macchina non sia più recuperabile, lui esce indenne e senza un graffio. Uscendo di casa, mi dirigo verso la macchina e mi rincorre per chiedermi se lo posso lasciare in città. Siccome i suoi genitori mi fanno pena, sormonto l'idea di dire no per scaramanzia e lo prendo con me ma quando mi chiede se voglio andare a bere un bicchiere, sapendo che é sempre senza soldi stavo per dire di no. - Pago io. Mi disse:-)

fortune e sfurtune

A si dîs che cuant ch'a ven le sfurtune a vegni dute in tun colp. Chê amie dal gno post di dicembar in tune setemane a i é rivât di fâsi robâ il tacuin tal metro, di fâsi sturcjâ un plat di mignestre sul capot, di ripierdi il tacuin ch'a veve a pene comprât e di pierdi l'ocasion di vê une promozion tal so lavôr a cause dal so caratar di çuite. Po a mi telefone par dîmi che veve stât in glesie a preâ par che chest carosel al si fermi: - ...E satu ce ch'al mi a dite il prêdi? a mi domande.
- A cja dite ch'a no tu vâs in glêsie avonde. O i ai dite.
- Cemût lu satu? Disse jê:-)
A quell'amica, in una settimana, gli é successo di farsi rubare il portafogli nel metro, di farsi sporcare il cappotto da un piatto di minestra al ristorante, di riperdere il portafogli nuovo per sbadatagine, di perdere un promozione per via del suo carattere...Mi telefona come per dire che spera che adesso andrà meglio perché é andata in chiesa a pregare.
- E sai cosa m'ha detto il prete? mi chiede.
-Che non vai in chiesa abbastanza. Dico
- Come lo sai? Mi chiede...

29 gen 2008

Struturis

Tal inprin, o cirivi une vernîs pal gno aerografo. Une vôlte cjatade o ai provât a viodi ce ch'al sucedeve se no le diluivi. A nol passave. Alore o ai aumentât le pression da l'aiar e a si é mitude a passâ come un fîl, come un spâli. O eri talmenti ecitât ch'o ai passât scuâsit dute le zornade a zujâ. O vevi in te man un zugatul interessant. Une pistole spudeliniis ch'o podevi colorâ incurvâ e rompi, leâ e sleâ, scurtâ à le gruesse e vê come une telarine o slungjâ sù doi metros come sa fos une spacadure.
Ae mostre seguent, o vevi zà mitût sù une tecniche par decorâ e piturâ cualsiasei rôbe zontant ancje fruçons di aur e d'arint e par fuarce, no vevi fat dome lis mês sculturis in poliester ma ancje i mûrs e il paviment, il banc, lis cjadreis, il telefono, lis copertinis des cartelis, il stamp, il puarte-cinîse, e parfin lis penis par scivi i ordins:-)
D'in chê vôlte al é deventât come il gno stamp di fabriche e ancjemó vuê so no vès il coragjo di dî vonde, o scuignarès fâ il piano di chel pianist, le machine di chel stilist, lis scjalis di chel miedi, lis scarpis di chê mate, le discoteche di chel di Rimini, il studi di chel architet, il negozi di chel inglês di St.Albans in te sô cjase dal 1600, lis cartelis das mês niecis e o finarès par scuignî piturâ la Tour Eifel o il ciscjel di Udin, lâ in Americhe a piturâ in dolaros o in Japon a a fâ il manovâl di lusso cui vôi a mandule. Whoops, o mi rint cont ch'o soi daûr a scrivi achi le mê biografie.Faseit come s'al fós il gno diari e ch'o lu léeis di nascuindon:-)
Mi sto rendendo conto che in questo blog sto scrivendo la mia biografia in vece di parlar di tutto e di niente. Dovrete fare come se non ci fossi, anche se ci sono. Aggiungo cualche quadratino ripreso qua e là in casa. Solo per far vedere ció che si riesce a fare quando non si é contenti di un colore unico steso a pennello o a spruzzo. Gli oggetti, i muri, tutto quello che ci circonda, é importante che siano cose che piacciono ai nostri occhi. Se il nostro paesaggio quotidiano é limitato a soli 4 muri e un soffitto, sarebbe peccato limitarsi a far bello solo il pavimento. Vivere tra le belle cose é gratificante. Ci dà l'abitudine del bello, del piacere di vivere la vita. I colori, si sà, giocano sul nostro morale senza che ce ne accorgiamo. Ma a partire da un colore, quanti altri se ne possono fare...
Poi, un colore diventa più interessante se é messo in contrasto con un'altro. A pertire da lí, un verde puó avere mille altri colori più ricchi o più poveri, più belli o più brutti, scuri e chiari, veri o falsi. Ci sono da decenni sul mercato mille pigmenti diversi con i quali si puó spendere una vita in sorrisi e canzoni prendendo una vernice trasparente o dell'olio di lino e misciandoli a queste polveri colorate in mille toni differenti. Michelangelo, come Leonardo e tutti gli altri, da apprendisti dovevano passar le giornate a triturare pigmenti a base di terre, ossidi di metallo, piante, sangue, uova e altri ingredienti tra i quali certuni sono andati dispersi. Al giorno d'oggi, l'industria ci ha fatto dei regali con i quali conviviamo senza accorgercene. Con un pó d'immaginazione, si puó prendere due prodotti ed inventarne un terzo. Qua appresso, qualche esempio ottenuto con vernice per carrozzerie, pagliuzze di metallo, e madreperla aggiunti con gocce o fili spruzzati sui colori di base.
In questo mondo dove tutto diventa lineare, ghiacciato dal luccichio delle vernici trasparenti e dove tutto dev'essere unicolore per via dei modi di produzione, si puó ancora trovare un modo di raggiungere la natura con le sue strutture e di farsi un mondo personale e ricco di scorci, vibrazioni colorate che secondo la luce o l'angolo del punto di vista, stupiscono, sorprendono piacevolmente come se fossero dei marmi o dei metalli rifatti per l'occasione e per il nostro unico piacere.


























Culture triestine

No met frontiêris in te culture e alore o scuen dî alc di Triest. O vevi preparât cualchi alc da publicâ in tal câs di esi masse ocupât come ch'al sucêt pal moment e alore us zonti chest articul prime di fâ colaseon (Uf, mi soi ponet tart iar sere:-):
E je une antologjie di poets triestins voltâts par furlan l’ultin libri de golaine "Piccola biblioteca di autori friulani", publicât de Biblioteche civiche di Pordenon, par cure di Ofelia Tassan Caser. Lu fâs savê il sît de Patrie dal Friûl. La gnove contribuzion a lis letaris furlanis e ven di Zorç Faggin, autôr dal "Vocabolario della lingua friulana" dal 1985. L’operazion di voltâ Umberto Saba, Virgilio Giotti, Carolus L. Cergoly e Claudio Grisancich e je scrutinade, te prefazion, dal critic leterari Rienzo Pellegrini, che al marche la direzion fissade di Faggin cun cheste gnove operazion culturâl: la necessitât dal dialic, un esercizi di stîl e un model di lenghe «a tutto campo»
Il nome Friuli, basterebbe cosí ai friulani ma bisogna dire Friuli Venezia Giulia. Visto da un italiano medio, ci si abitua. Visto da uno straniero, sembra anche ridicolo. Ma tinfatti il Friuli
se prima era unificato dalla lingua, poco a poco s'é diviso in culture diverse. I baricentri, per semplificare, rimangono Trieste, Udine e Pordenone. Questo FVG sarebbe in realtà un TUP. E vero che il friulano prima si parlava dappertutto, anche a Trieste. Ormai, bisognerà fare i conti sui punti più influenti. E bello che ci sia concorrenza ma é anche bello di condividere ció che si ha, anche se per far cosí bisogna tradurre da una lingua all'altra. Qua, appunto, delle pubblicazioni di autori Triestini in lingua friulana, provano che l'animosità tra le due comunità non é sempre quella che si crede.

28 gen 2008

Cjalant pal balcon dal gno studi o ai viodut ch'al neveave sù lis mês bielis mitudis tal teracin e us ai mitût 'ne foto.
Le manie di decorâ il teracin, a mi é vignude une vintine di agns fa parcé ch'o no savevi indulà meti le rôbe ch'a tornave da une mostre. D'in chel di, o no mi soi mai fermât e o cambi di tant in tant cuant ch'o ai timp o cuant che une idee gnove mi ven tal cjâf. Dome une vôlte o ai ricevût doi poliziots mandâts dal sindic par dîmi che il gno balcon a nol ere in regule cun le leç e o ai scuignût tirâ vie dut.Une setemane dopo, un fotografo ch'al ere vignût a fâmi une interviste al é vignût a mostrâmi il manifest ch'al veve fat pe so mostre di fotografîis. Il manifest al ere stât fat cun le foto de mê cjase e il titul de sô mostre al ere :127 Boulevard Lambermont. O soi alore lât al comun a disi che le mostre a ere impuartant e par me e pal fotografo (Al a fat ancje une mostre a Udin) e a mi vevin dât le permision di podê rimeti sul balcon ce ch'o volevi par un ant. Daspó, il sindic al é muart (No lu ai copât jo:-) e nissun âltri sindic al si é mai insumiât di disimi alc sul gno balcon.
Cussí, ogni setemane, a in d'é int ch'a passe, a si ferme tal miec dal boulevard e al tire une foto e o finis par cjatâ le me cjase, sui gjornâi dal mont intîr. O sai ben ch'o ai furtune parcé che dôs amiis di Forlí e di Parigji e an vulût fâ compagn in Italie e in France e aé rivade subite le polizie.
O varès plen di stôris da contâ li parsôre ma no puès fâle lungje ch'o stoi lavorant ma so lais achi on savarês che o ai dât il gust di fâ compagn a di chei âltris e cussí no finís mai di fâ e disfâ.


Guardando dalla finsetra dello studio ho colto una nevicata e vi aggiungo la foto del mio terrazzino. La mania di decorarlo m'é venuta une ventina di anni fa quando, non sapendo dove mettere la roba che tornava da una mostra, ho pensato di metterla lí. Da allora non mi son più fermato e cambio il tema secondo l'idea o le cose che ho disponibili. Solo una volta, un sindaco mi ha mandato due poliziotti a dirmi che se non tiravo via tutto mi avrebbe dato una multa. Una settimana dopo, un fotografo che aveva fatto un reportage su di me, venne a mostrarmi il manifesto che aveva preparato per la sua mostra, il quale comprendeva, la foto della casa e il titolo della mostra era il mio indirizzo. Andai allora al comune e ottenni di rimettere quello che volevo per un anno. Da allora non ho più smesso e il sindaco é morto (Non che lo abbia ucciso io, eh?) I nuovi sindaci sembrano apprezzare, e con tutti i fotografi che passano ogni settimana, finisco per trovar la mia casa sui giornali del mondo intero. Lo so che ho fortuna perché due amiche, una di Forlí e l'altra di Parigi, avrebbero voluto fare la stessa cosa e si sono urtate alla polizia fin dal primo giorno. Avrei un sacco di storie da raccontare su questo, ma non ho tempo, sto lavorando.

InquiNazion


Ancje sa nol é scrit di nissune bande, le culture medie de int aé basade sul cé ch'a rive a tignî a ments cui vôi o cun lis vorêlis e duncje aé soredut calcade sù ce che un al viôt ae TV o sui gjornâi e ce ch'al scolte come cjançon. O dîs ben cjançon parce che zà le musiche cualchi vôlte a no conte plui. Da vincj ans in ca, le culture popolâr a é daûr a colâ simpri plui in bas tant ch'a no si sà cuant ch'a finirà di colâ. Ch'al sedi l'efiet Berluscon? Di sigûr che ancje zence al sarès compagn parcé ch'al é un fenomeno mondiâl. O sin como lis plantis. Par cressi ben o vin di vê avonde sorêli a avonde âghe. Baste ch'a no sedin inquinâts.

Casa dell'immacolata

Se ogni tre o 4 anni ci fossero stati 70 nuovi arrivati, in 50 anni si arriverebbe a circa 1000 giovani che bene o male hanno trascorso tre o 4 anni della loro giovinezza in questo centro che alcuni chiamano istituto ed altri Casa. Fra tutti loro, forse anche voi siete passati di là. Se eravate fra i primi (nel 53) forse leggerete quest'articolo dall'aldilà o forse, solo i vostri figli o nipoti sono ancora in grado di rispondere nel caso siano collegati a Internet.
Il blog rimarrà aperto per tutti quelli che hanno qualcosa da dire sul loro soggiorno nella Casa dell'immacolata. Niente paura per le cose che non sono immacolate. Qua si puó dire tutto, anche quello che don Emilio de Roja non avrebbe mai voluto sentire:-)
Ovunque voi vi troviate, se avete dei ricordi da condividere oppure se volete ritrovare degli amici, lasciate un messaggio.
Casa dell'Immacolata

Qua alcune foto e alcuni nomi :Di Biasio Franco, Gregoris Giuseppe, Grazioso Giuseppe, Peres Luigi, Pellizzari Giovanni, Bogaro Roberto, Macor Giordano, Bartolussi Umberto, Cudicini Giovanni, Gentilini Francesco...



Don Emilio de Roja al é restât istès in tes memoriis di cualchi furlan. Le ûltime vôlte ch'o lu ai sintût nomenâ al é stât in tal video clip dal sindic Furio Honsell. Al faseve publicitât pes elezions. Al diseve che il Friûl ch'al voleve lui al ere un Friûl di inovazions e fat di omps vêrs e al nomenave enfre di lôr Don Emilio de Roja ch'al é muart bielzà 10 ains fa. Strani. Strani ch'al disi che le tradizion dai furlans a é l'inovazion e nó l'immobilism. Dutcâs, secont Eligjo Zanier , nissun a nol s'interesse al so Musical intitulât L'inferno é vuoto ch'al a fat sù Don de Roja parcé che da vîf al a dât fastidis a ducj.

25 gen 2008

Il mont in stuart



Ogni vôlte ch'o ai voe di lèi o mi met a scrivi e ogni vôlte ch'o ai voe di cjantâ o mi met a sunâ e cuant ch'o no ai voe di fâ nuje o fâs ancjemó alc:-)
Achi aé le ultime masturbazion colorade fate cun tun spiêli par cjalâmi drenti e cul PC par tirâmi fûr dal cuâdri ch'o vês zà vidût. Chiste vôlte
o sparís de circulazion par lâ a piturâ. O mi sieri drenti in tal gno busigatul e no ven fûr fin cuant ch'o no ai finît ce ch'o ai di fâ.

Il pâri, le mâri e i parints dal tiramisù


L'espression a é dute cjargnele: Bêf un tai ch'al ti tire sù. Bêf un café ch'al cji tire sù. E vie vie. Di aí al é nassût il dôlç plui cognossût dal mont. Il Tiramisù.
Ancje s'al é plen di talians ch'a lu rivendichin, il tiramisù al é nassût a Tumieç tai ains 50 in te cusine dall'albergo Roma tignût de famee Del Fabbro che par contentâ i turiscj de domenie al veve pensât di fâ alc di sostanziôs, ch'al tiri sù, ch'al sedi facil da conservâ e da taiâ par siervî in porzions cun tun café a dutis lis oris e soredut ch'al si podeve preparâ in anticipo par vuadagnâ timp. Pôc a pôc, ducj chei ch'a passavin par Tumieç a lavin al Roma par vê le lôr fete e dopo chel invier dal 51-52 a in d'ere ancje int ch'a lave a pueste a Tumieç a tirâsi sù cun tun dôlç ch'a nol pedeve plui clamâsi che Tiramisù e al é cussí ch' al si é scomençât a fâlu dapardut.
Il comun al varès di promovi le sitât fasint une celebrazion anuâl dal Tiramisù e fâ cognossi le Cjargne tal mont intîr ma tant che il sindic a nol sarà un napoletan a nol in d'é nissune chance:-)
Al si disarès ch'a lu tegnin platât. Cê il tiramisù? Cui, nô? Indulà? a Tumieç?Noooo. Laiso via di cjâf? Cjargniei po!

--------------------- ^^^^--------------------


Il padre, la madre e i parenti del tiramisù
L'espressione é tipicamente carnica: Bevi un caffé che ti tira sù
Vieni qua a bere un bicchiere che ti tira sù.
Da quest'esspressione é nato il Tiramisù. Anche se in molti in italian lo rivendicano, questo dolce é stato inventato a Tolmezzo negli anni 50 nelle cucine dell'albergo Roma gestito dalla famiglia Delfabbro che per contentare i turisti di fine settimana aveva pensato di fare qualchecosa di sostanzioso, che "tiri sù subito", che sia facile da conservare e da tagliare in porzioni da servire con un caffé o un té a tutte le ore e cosí si poteva prepararlo in anticipo per guadagnar tempo in cucina. Poco a poco, tutti i turisti che passavano per Tolmezzo prima di andare nelle altre valli della Carnia andavano al Roma per gustarne una fetta. Andavano a "tirarsi sù". Cosí il dolce non poteva che chiamarsi Tiramisù
.
Foto cjatade sù Cjargnie.it

Dôs peraulis sot de nape


La fiesta tal bosc
Tornâ a fâ una fiesta
Tar una capana enfra i pez
Stâ un pôc in compania
E dismenteâ i fastidis
Mangjâ e bevi in alegria
Polenta rustida e frico
Las boras ch'a sclopetin
Sot da gradela das lujanias
Fra un cjant e una ridada
A si fâs una biela balada
E capî di essi ducj amîs
Tabajâ dal plui, dal mancul
E zença mai petegulâ
E lâ ogni tant di fûr
A cjalâ un pôs las stelas
A sintî l'odor dal bosc
E dongja il fûc cualchidun
Cui vôi plens di nostalgja
Al pensâ ai timps passâts
Acuant che la vita nesta
A era ogni dí 'na fiesta

Traduzione
Tornare a far una festa
In una capanna fra gli abeti
Stare un pó in compagnia
E dimenticare le preoccupazioni
Mangiare e bere in allegria
Polenta arrostita e frico
Le braci che scoppiettano
Sotto la griglia delle salsicce
Fra un canto e un'altra risata
Si fà una bella ballata
E capire d'essere tutti amici,
Chiacchierar del più, del meno
Ma senza mai pettegolare,
E andar ogni tanto fuori
A guardar un pó le stelle
E sentir l'odor del bosco
E vicino al fuoco qualcuno
Con gli occhi pieni di nostalgia
Pensa ai tempi passati
E quando la vita nostra
Era ogni dí una festa.
Danilo Romanin

24 gen 2008

I furlans di vuê


O vevi talmenti sintût i vecjos cjacarâmi dai casins di vie Postumie di Udin che sintint cjacarâ des grotis di Postumie o vevi decidût di passâ il confin a Triest. Dut ben. Jó ch'o ai za fat speleologjie un tic dapardut, o soi restât meraveât. Di sigûr aé le grote le plui impresionant ch'o vedi mai visitât ancje s'al ere dome come turist.
Tornant a cjase, o volevi tornâ par Gurizie e mi soi cjatât a lâ sù par une mont par une mulatière in plene gnot. O crodevi ch'a mi vessin mal indicât le strade chei vecjos ch'a cjacaravin talian di chê âltre bande e invesit cuant ch'o eri insomp o ai cjatât le strade asfaltade che lave jù fint a Nova Gorica. O eri tant mone che no mi ere vignût tal cjâf ch'a podeve sei le stesse sitât che Gurizie e o volevi tornâ indaûr. Par furtune no lu ai fat parcé ch'o soi rivât al confin prime di miezegnot, e s'al fos stât cualchi minût di plui, a mi an dite, a no mi lassavin passâ. Insome dut un casin parcé ch'a si ere a l'ere de Jugoslavie e il doganîr dut di vert vistît, al mi tirave a siment par ch'o i pâi il lasciapassare. Chest ricat, a nol mi é mai lât jù ma o soi content che finalmenti enfre nô e le Slovenie a nol in sedi plui doganis. Viodêt pluitost ce ch'al sucedût le sere che a an vierzût le frontiêre. Lu ai cjatât tal blog di un jazzman furlan Riccardo Chiarion http://jazz.blogs.it/ ch'al é stât a imparâ il jazz al cors di Glauco Venier al conservatori Tartin di Triest e ch'al insegne cumó al Tomadin di Udin.

Cûr glaçât


La poesie a no é nujâltri che une sucesion di peraulis ispiradis dal cûr tai moments plui biei o tai moments plui bruts. Le voe di pojâ jù dôs peraulis in rimis o zence, a ven spès da l'amôr, de bielece de nature, da l'esaltazion di un moment ispirât de nestre sensibilitât.
Chê altre dí, cjacarant di Cadel, un ch'al passave al si ere pontât sul valôr di un poete in front di un'âltri e al ridiculizave il Cadel parcé ch'al doprave lis rimis.
Sù ce ch'al a dite dopo, no mi soi fermât ma al mi é someât batocjo il so disdî.
Come se par sei poete al bisugnarès butâ vie dutis lis maniêris di sintî sa no son di mode.
Il libri di 170 pagjinis intitulât: Poetando al é stât fat tal 78 a Davar. Lu ai parcé che drenti al ind'é alc di famee par cjargniel e par talian e al mi plâs di fâ sunâ cualchi strofe par fâ rime a ducj chei ch'a volaran zontâ alc, ancje so sai che in Cjargne come in Friûl, di nature al si tâs.
Impressioni d'inverno
Ovattati fiocchi di neve
che come mille ballerine
impegnate in un morbido balletto
vestiti di candide purezza
scendete volteggiando armoniosi
per adagiarvi silenti al suolo,
aiutati dal lieve scopiettio
che giunge dal fuoco del camino
saziate il mio cuore di poesia
.

Danilo Romanin

23 gen 2008

Aghe, âga, âgo, acqua, agua, voda, eau, water, wasser...


Nue vâs zence rôsis dentri e nue rôsis zence âghe. Al baste pôc par che il Dean al ledi in plene e che il Tiliment al plâti lis sôs gleriis. Doi trê dîs di ploe e vonde. Ma l'ûltime vôlte ch'o ai vidût il Nadison al mi a fat pene, juste un ciminin di âghe par dî che il puint dal djaul al veve ancjemó rason di stâ a Cividât.Le voe di piturâlu a mi é passade vie. Daspó, o ai cjatât cheste foto sul
nadison.it e scuâsi al mi ven voe di rigleti ce ch'o eri daûr a spudâ fûr.Trop paiaiso le âghe da vuâltris? achi, 2.64€ il m3. Cul jacuzzi ch'o mi soi paiât o si metin simpri drenti in doi par paiâ di mancul o durmî di plui. No sai plui. Ce vino di fâ par ch'a costi mancul? Trai cualchi porco par fâ plovi di plui o cjantâ cualchi litanie par ringraziâ chei lassù di lassâ le bore triestine fâ il so lavôr e sburtâ sù in cjargne ducj i nûi ch'a van pes lungjis ator dal mâr?
Niente vasi, senza fiori e niente fiori senza acqua. Basta due tre giorni di pioggia e il Degano si mette in piena mentre il Tagliamento nasconde le sue ghiaie, ma l'ultima volta che ho visto il Natisone m'ha fatto pena.C'era solo acqua abbastanza per dire che il ponte del diavolo di Cividale abbia ancora ragione di rimanere dov'é. La voglia di dipingerlo s'é svanita. Poi ho trovato questa foto su natisone.it ed ora potrei ringhiottire la mia saliva. Quanto pagate l'acqua da voi? Qua é a 2.65 il metro cubo. Col jacuzzi che mi son pagato ci mettiamo sempre in due per pagar di meno o per dormir di più, non so più. Cosa dovremmo fare per far calar il costo?
Tirar qualche bestemmia per far piovere o dir qualche litania per ringraziare quelli di lassù di lasciar far alla Bora triestina il suo lavoro e spinger sù in Carnia tutte le nuvole che vanno per le lunghe in giro al mare?

Il vâs de setemane


Il vâs de setemane al é pluitost un vâs pai mascjos. Dai obeliscos in ca, il simbul fallic al é simpri esistût. Cumò, cun le libertât di espression e le benedizion de glêsie o no riscji di fâmi brusâ vîf sù nissune place e alore ancje so no cór daûr a chestis pretuberancis a nol sarà di sigûr l'ûltim. Ce nus menial a esagerâ tar chescj grafitis tridimensionâls? No sai. A ven dal dentri. Forsit le bielece di sintîsi pal aiar tar chei moments nus lasse une trace tal cernêli e o vin asolutamenti bisigne de butâ fûr l'idee par viodi s'a é dome un alc di astrat o ben alc di vêr. Boh.
------------- .. ^..-------------
Il vaso della settimana é quasi un vaso per maschi. Dagli obelischi in qua, il simbolo fallico é sempre esistito. Adesso, con la libertâ di espressione e la benedizione della chiesa non rischio di farmi bruciar vivo sù nessuna piazza e allora, anche se non corro dietro a queste pretuberanze, non sarà di sicuro l'ultimo di questo genere. Ma cosa ci spinge ad esagerare facendo queste graffiti tridimensionali? Non lo so. Viene dall'interno. Forse la bellezza di sentirsi per aria in quei momenti ci lascia una traccia nel cervello ed abbiamo assolutamente il bisogno di buttar fuori quest'idea per veder se é solo un'idea astratta o qualche cosa di vero. Boh.

22 gen 2008

Ridi di chei âltris e di nô

Il ridi al é ce ch'al nus difarenzie dai nemâi ma so vès di menâ le code come ch'a fasin i cjans cuant ch'a son contents jó ridarès come un mat dut il di.
No si sint plui lis barzeletis sui cjargniei ator de supierbie Udin né forsit, smentîtmi sa no é vere, ne forsit in Cjargnie sui udinês.
Pierin oramai a nol é come prime il mone ch'al vignive de campagne o da Sicilie. Al é un mone cualsiasei. In France invesit i pierins a son i belgas o i svizars. Pai svizars o mi domandavi alore cui ch'al podeve essi par lôr i mones di siervizi e o soi restât sorprês. Par lôr i mones a son i austriacs. Cuissà alore in Austrie cui ch'a son? O soi ancjemó daûr a girâ pal mont e o lu savarai ben une dí sa no son i furlans:-)
In inghiltere e an simpri ridût dai irlandês ma da un pôc in ca a ridin di mancul. L'Irlande a é deventade il paîs indulà ch'a và miôr in Europe e Ryanair e a freât ducj i clients da British airways. Al est, forsit i ungherês, par no trai sui austriacs a ridin sui rumens e i ceks che prime a erin ancje slovacs cumó a no san plui di cui ridi. I polacs a ridin dai rùs ma no masse e i rùs a ridin di dut e di ducj ma specialmenti da un popul di eschimês ch'a clamin ciukcià. Vé achi une tipiche barzelete vignude fûr tai ains 50 cuant ch'a vevin mandât sù i prins sputniks tal spazi cun cjans e cjagnis e... Viodeit pluitost:
Il centro spaziâl ai ocupants dal sputnik:
-Laika, poe le talpe sul baton rós.
-Streika, poe le talpe sul baton vert.
-Ciukcià, no stâ fa nuie, nuie di nuie...atu capît?
In Gjermanie al si disarès ch'al é proibît di ridi al di fûr de Oktoberfest ma un todesc mi a contât ce tant stùpits ch'a erin i soldâts merecans durant de vuere. Tes trinceis vie pe gnot l'american al impiave un furminant par impiâ un sigaret. Il todesc di che âltre bande al cjapave le smicje e cuant che le flame a lave viers il secont sigaret al ere pront a tirâ e, secont il todesc. Le tecniche a funzionave a ogni colp.
In Belgjo, cuant che un francofono a no se cjape cui fiamingos al é il fiamingo ch'a se cjape cul francofono o ben a si metin dacuardi par ridi dai francês tant che i olandês a ridin di lôr e di gust sù le mentalitât primitive dai fiamingos. Esempli: Un belga al passe pe strade e un olandês al dîs a un'âltri: Domandigji ce ore ch'a é...dai, domandigji. Chel ch'a nol cognós le barzelete alore al domande al fiamingo ce ore ch'a é e ancje se le rispueste aé normâl a tachin a ridi come mats pensant a chê barzelete, forsit inventade, di chel belga cun le bire in te man che par viodi l'ore al gire le canôle e al sturcje le bire par tiare. Le ûltime aé cheste ch'a và contade a un francês in visite.A si lu invide al ristorant indulà ch'a nol pues dî ch'a nol sedi bon e cuant ch'a lu dîs a si gire l'educazion par tornaî il compliment disint, si, che le cusine francês aé le miôr dal mont. Po, a si lu lasse lâ sù di fierece e a si lu sfrede zontant:In Belgjo:-) ...chês dal vatican?

Gargarismos


Le difonie a ven di mode. Bielzà in Americhe a fasin concors di cjant difonic ancje clamât
throat songs. Vôs di gole. Gole di cê? Al sares un son enfre il rugnâ di un purcit e il sivilot d'un treno che cumó al devente popolâr tae TV ,ch'o savin, a rimplace plui il circo che il teatro.
Duncje, so ai voe di vinci il premi Friûl pa l'ant ch'al ven al é timp ch'o tâchi a gargarizâmi.

21 gen 2008

Imigrazion

Lant al marcjât, une domenie o passi par une strade gnove e ce viodio? Une gnove glesie dute frescje di no sai ce sant. Cun dutis lis glêsiis che sciarin o che si dan in spetacul par no murî, o scuignivi entrâ a dâ une cjalade. E ben a jère plene! Plene di africans di ogni sorte. Emigrâts a pene rivâts de Afriche o dal di là de strade. Mi soi impensât di chei cjargniei e furlans che fint tai agns 60 e lavin ator pal mont. Enfre chei, ancje gno barbe ch’al ere stât parât indaûr dopo 6 mês parce ch’a nol voleve lâ a fâ il minadôr tes miniêris di Charleroi e ch’a nol veve capît che par vê il permes di stâ al scuignive vê le mûse nêre e lâ in glêsie fintramai ch’a si ricêf i documents.

Batêsim in te Lêdre


A Moscje, cun le religjon ch'a torne al galop o viodarin di sigûr ancje Putin al Cremlin cun le man sul cûr come ch'o vin vidût il Bush dal mùs un pôc pardut. Ce ch'al mi plâs a son i 19 puescj asegnâts dal comun di Moscje par celebrâ i batêsins par imersion in tal flum Moskva.
Ch'a sedi l'âghe inquinade o no, le idee mi somee divertent e o larès a fâmi bateâ dome par chel. O tornarès a deventâ cristian.
A cuant i batêsims par imersion in te roe di Udin?
Naturalmenti a saran di chei che subite a volaressin il riscjaldament, l'âghe filtrade, il miedi par ravivâ un ch'al si nee, le crôs rosse par asisti il miedi, le pulizie par tignî da bande i curiôs, la TV par fâiu vignî, i pompîrs in câs che un al cjapi fuc tal âghe, il pampers firmât e consacrât par fâ drenti une pissade sante o une sante pissade, il plevan garantît no pedofilo, il sorêli garantît no nûlât, e il visto dal pape garantît dal vatican. A Udin no cognos un grum di puescj indulà che le âghe a cor ancjemó sane e libare zence che li dongje a nol in sedi un puest indulà che i porcos a perturbaressin le cerimonie enfre il passâ di une moto ch'a puce o ch'a sbare o il passâ di une miarde o un goldon in te âghe inquinade ma jo o mi adatarès. Baste ch'o cjati un puest e un plevan ch'a nol a pôre di bagnâsi lis santis.
Volêso viodi ch'o scuignarai fâmi ortodos juste par podê metius le foto tal blog?
Intant ch'o spietais di vê le foto pensait di sei te âghe fint te cinturie... Sêso drenti? Sintîso il frêt de âghe ch'al cor ator des gjambis? Po ben sa no us é ancjemó vignude le voe di molâ le âghe, a mi si:-)

20 gen 2008

L'epoche di Cadel





Te descrizion des sôs oparis, a figurin un grum di studis fats al carboncin, a matite, a pene o a pinel che di sigûr al a fat tant ch'al ere tes academiis.
Di cuant che lis scuelis di piture e sculture a son nassudis tal 600 a son simpri compagnis. Un model crot tal mieç e duç i cavalets torator cui students ch'a cuchin di tant in tant. Il disegn, al é soredut il risultât de oservazion. Tes scuelis d'art, al si scomence a imparâ a oservâ e le rôbe ch'a si cjale di plui al reste ancjemó vuê il cuarp uman. Un disegn al vâl mil peraulis a disin i cinês. I pitôrs prin a erin scuâsi dome omps e alore ce studiavino di plui? Lis feminis. In te cjançon La Bohème, Charles Aznavour, al descrîf benissim l'epoche de vite dai artiscj da l'epoche e di sigûr Cadel ch'a nol ere siór al veve fat cheste vite enfre Vignêsie, Firenze e Rome indulà ch'al a studiât.
Chi sot, il ritrat de stesse persone ch'a si viôt di profîl parsôre. Cadel al veve un grum di talent pai ritrats

Aznavour:

Je vous parle d'un temps que les moins de vingt ans ne peuvent pas connaître
Montmarte en ce temps là, oubliait ses lilas jusqu'à sous nos fenêtres
Et si l'humble garni qui nous servait de nid ne payait pas de mine
C'est là qu'on s'est connu., moi qui criait famine et toi qui posait nue.
Traduzion:
Us cjacari d'un timp che i mancul di vincj a no puedin cognossi
Montmartre in chê vôlte al dismenteave lis sôs rôsis fin sot dai nestris balcons
E se il nestri puar apartament ch'al nus siervive di nît a nol someave a nuje
Al è aí ch'o si sin cognossûts, jó o crepavi di fan e tu ch'a tu posavis nude.
Po ben, d'in chê vôlte, lis rôbis e an cambiât un tininin. Ansit, al si disarès ch'a si son ribaltadis. Viodêt pluitost:
Un condisepul ch'al si é incrostât come profesôr in tune academie di Bruxelles al mi descriveve le scene de setemane passade.
Come che cumó, tai cors artistics a son spès plui frequentâts pes mulis che pai mui, al veve domandât di vê un model mascjo e al veve otegnût un biel zovint spagnûl che probabilmenti al ere le prime vôlte ch'al posave nût.
Imagjinait un zovint poiât o ponet, impins o sentât ch'al a di stâ trê oris sot dai vôi inquisidôrs dai students massime sa son vôi feminins...Al sucêt alore che i vôi a s'incrôsin e che le nature a no rivi a platâ le emozion dal cjalât cuant ch'al viôt ce che chei âltris a i cjalin e ,forsit par chel, in chê dí, nissune studentesse a someave di vê notât che il campanel de fin dai cors al veve sunât...


O varês ricognossût il ritrat di chest biel barbût tal patriarche ch'al insegne al frut dal post precedent.

Vittorio Cadel.L'artist e l'omp.




Cumó che l'Europe aé unide, no varin masse riscjos di fânus invadi da chei sacrabolts di todescs come che a simpri fat tal passât. Sperin ch'a duri.
Cuant che un paîs al a da difindisi, al cjape dutis lis fuarcis ch'al à
e al mande in vuere ancje chei ch'al sarès miôr di preservâ pal paîs.
Vitorin Cadel al ere un di chei e cuant ch'a i é tocjât a lui ancje s'al veve le trentine sunade, al a juste volût sei te aviazion di ricognossince.
Ogni dí, da bon aviatôr al lave sù armât dome dai soi vôi di pitôr par cjapâ une foto e po al tornave jù par fâ il ritrat de situazion al so comandant. Ogni vôlte ch'al passave tal cîl a lu cjapavin di mire chei d'abàs e al rivave simpri a schivâ i tîrs fin che une dí, di sigûr avonde strac, sul cîl ch'al va dal Friûl ae Grece a nol é rivât a schivâ i tîrs di chei doi caccias ch'a lu vevin cjapât di mire. Lui ch'al zuiave cui pinei come un spadacin, al varès podût faur il ritrat cun le mitragliatrice ma a nol veve âltri che dôs svualis sbusadis e al si é fat freâ dal stupit colp di grilet di un mone che s'al varès savût cui ch'al copave, da bon todesc, o da bon serbo, cui saial ancjemó, a lu varès ricopât dôs vôltis di plui par dî di vê fat un lavôr di vandal pulît. Po ben, oramai, o vin ancje furlans ch'a son deventâts todescs e forsit ancje cualchi slâf ch'al é deventât furlan, ma nissun di lôr, o crôt, a nol sarà come il Cadel.
A 15 agns, al é rivât a imponi a so famê ch'al veve di continuâ a studiâ e dopo doi agns a scuele arti e mestieri di Udin al é rivât a 17 agns a iscrivisi ae academie di Vignêsie . A 21 al ere zà professor di disegn a Modena e dopo doi agns di nae a Torin, tant ch'al continuave a piturâ, al insegnave in tune scuele tecniche fin che une dí al sedi clamât di gnûf a fâ il militâr cun le entrade in vuere da l'Italie.
Un ant dopo, in te batae di Gurizie al riceveve une medae al valôr militâr cussí motivade: Osservatore d'aeroplano, dimostró calma e ardire in varie ricognizioni riportando utili informazioni, volando con l'aereo disarmato, osservando con cura i tiri delle nostre batterie e ció benché avesse avuto più volte l'apparecchio colpito e fosse attaccato dai velivoli nemici. Cun dutis lis medais ch'al veve zà ricevût a Vignêsie, a Firenze e a Rome pas sôs virtûts d'artist, a no si sà se cheste medae a i faseve o no plui plasê, dutcâs l'ant dopo, a in d'é stade dade un'âltre pressoché compagne ma ch'a mi fâs ironizâ parcé che a ere motivade cussí: Osservatore d'aeroplano, seguiva numerose ricognizioni, dando prova di singolare ardimento. Durante un'osservazione di tiro eseguita tra violente raffiche dell'artiglieria nemica e attaccato da due apparecchi di caccia nemici, impegnava un violento combattimento, finché, colpito a morte, precipitava al suolo. Macedonia serba, 29 aprile 1917. Il fat al é ch'al ere partît di buinore par lâ in Grece, e ch'al é stât atacât pe strade forsit zence nancje ch'al savès da cui, e le medae aé une tipiche medae di consolazion fate pai parints.
Nue da dî su chest premi di consolazion ma il fat di scrivi ch'al si é batût cun tun aereo disarmât chest al mi fâs cagâ. Chê vuere, a no varès vût di rivâ e o savin ch'a é stade nêre par un grum dai nestris vons massime a cause de incompetence dai gjenerâi ch'a ju an mandâts in vuere come sa vessin vût di mandâju a fâ une partide di balon.
Te stesse vuere, La poetesse Achmatova russe a scriveve: In tune ore o vin invecjât di cent agns. Ma il Cadel a nol a vût il timp di scrivi di plui di ce ch'al a scrit cun le pene o cul pinel e nol à vût timp di invecjâ di une dí di plui. Forsit par chel a nol é cognossût come la Achmatova. Come jê, al varès podût continuâ a fâ poesiis sentimentâls, lâ a Parigji e incuintrâ Modigliani e sei al dí di vuê il nestri plui grant non furlan. Invesit nue, cent agns dopo, o scuâsi, il Cadel al a simpri 33 agns. Come un crist. O crôt ch'a cheste etât sa no tu cji sês fat une posizion o sù le crôs o sù le tiere a no tu cje fâs plui e lui s'a ere zà biel fate, dome ch'a i an robât prime 4 agns cun le nae e dopo il rest de sô vite.
Alore resuscitinlu.
Dal post precedent, il furlanist al a pensât di dâ une sburtade par fâ cognossi chest artist furlan scuâsi dismenteât e lu ringrâzi pe intenzion. O soi dacuardi. Se vuâltris o savês o ben o vês alc di lui, faseitlu savê e meteitlu in mostre. O sai che tal cjisciel di Udin a in d'é 140 oparis dal Cadel e âltris un pôc semenadis pal Italie. O no capis ce ch'o spietin par gughelizâ chest furlan. L'unic libri, fueis di Lèria ch'al é stât publicât sul Cadel al é zà stât rifat une disine di vôltis dal 1926 in ca e s'al é scrit che le rirpoduzion ancje parziâl aé vietade, forsit par chel le fame dal Cadel aé simpri stade dome limitade a chest unic e piçul libri di 80 pagjinis. Al sarès ore che le regjon a declari che le opare dal Cadell e fâs partide dal patrimoni nazionâl furlan prime ch'a lu fasi l'Unesco. Une gnece dal Cadel , si disarès ch'a vueli continuâ a fâ brusâ le flame e le ai vidude invidade tai fogolârs furlans dal Canada. Ma o crôt che cualchidun al vedi di fâ un sito sù internet par fâlu cognossi di plui e se pal moment us zonti dome cualchi âltre riproduzion, a nol é dite ch'o mi fermarai achí.


Chest cuâdri intitulât il Rammendo al é chel che fin cumó al mi plâs di plui.Si viôt che al é stât piturât cun sveltece e sigurece tal menâ il pinel. Il Vecjio e il Zovint plui in âlt al é il progjet di une piture ch'a nol a mai finît. Il cjâf dal vecjo al si cjate tar un dai ritrats dal libri Fueis di Léria. Al cjisciel di Udin o ai let ch'a in d'é ancje paesagjos ma jo no ju ai cjatâts ni al cjistiel ni al museu di art moderne. Al sarès ben se cualchidun al fasès un libri cui soi disegns e lis sôs pituris (Ator dai 150 tocs).


18 gen 2008

Alexei Puskin


Vuê al é il dí plui frêt dal an in Russie e ancje il dí ch'al é stât bateât il signôr. Par lôr:-)
Alore da lôr, chel ch'a nol pree di sigûr al bêf.
Ancje là, tant che lis feminis a son a messe i omps a son 'te ostarie
E par dâsi coragjo, sule strade par lâ in glêsie a si son fats cualchi rime che us tradûs como ch'o puès zence doprâ l'alfabet cirilic par no fâsu pâti ancjemó di plui e par no fâmi mâl tai dêts cirint lis letaris ch'o cognós a pene:
Sto ta stalo haladàç,
Nie parà li nam paddàç
?
(Alc al rive par sfredânus
No îsal timp di lâ scjadânus?)
Se un al a capît al rispuindarà pressoché le stesse rôbe:
Sto ta vieter dùiet v spinu
Nie para li t magazinu?
(Un sofli frêt al ven te schene
No isâl timp di lâ tal negozi?)
Naturalmenti, da lôr a no si va tal bar par bevi ma a comprâ une butilie tal negozi.
Lord Byron al veve scrit un librut cun tune poesie lungje un kilometro ch'a no finive mai e indulà ch'al veve dedeât doi metros e mieç al nestri Friûl (Viodêt le setemane passade).
Al mi a fat pensâ a Puskin ch'al a fat dut un romanzo dome in poesie e ch'al sta ben in cheste pagjine cun Cadel e Pasolin parcé ch'al é sparît ancje lui di muart violente batintsi in duel par une femine.
Le sô. Tant biele che par meti fin a un petegoeç al a sfidât un baron francês a fâi le piel. E chel je a fate.
O noski, noski, gzié vi nigne?
O gjambis, gjambis, indulà sêso?
Al diseve cussí cjacarant des bielis gjambis vidudis di nascuindon une sere in tun bal e ch'a erin cussi bielis ch'a nol podeve dismenteâlis e, cazzo, no sai vuâltris, ma jó lis viôt!
Indulà îsal chel mone di francês che cumó i fâs jó le piel!

Vittorio Cadel, il miôr dai furlans


Sa nol fos muart in vuere tal 17 al varès podût deventâ il plui grant dal siecul.
Ogni vôlte ch'o tiri fûr il libri Fueis di lèria o stoi cun lui 'ne setemane o dôs. O tegnarès il libri simpri ator dal jet sa nol fos che par finî o no sai plui nancje cjaminâ enfre lui e chei âltris.
I sintiments da lui a son simpri clârs e nets. A si capissin subite e zence sbaliâ.
Si sint che lui a nol veve nue da platâ e al lave dret su le peraule juste.
Pasolini, di sigûr lu veve lèt, parce che il prin libri Fueis di Léria al ere vignût fûr tal 1908 e il secont tal 26. Forsit par chel il Pasolin al si ere mitût a piturâ ancje lui tant c'al si noiave a Cjasarse. Nue di comparâ enfre i doi sù le piture. Il Cadel al ere un maestri comparabil pluitost a un neoclassic pal risultât. Pe maniêre ch'al veve di menâ il pinel e le pene come une spade al sarès invesit di comparâ a un muschetîr a un Dartagnan che in 5 e 4 vot al cji fâs un 7 in te cjamêse :-)tant che lui in dôs trê pineladis a cji faseve sù il cuarp di un omp e s'al lave ben ancje le anime.
Al veve le piture tal sanc. Il Pasolin al a piturât un pôc, juste par provâ, po al é colât tal cine come che nô o sin colâts tai computers e il Cadel al colave dal so aereo.
Te poesie il Pasolin al é dut un torment là che invesit il Cadel al massim al a juste nostalgie. Le muart dal prin a sarès plui onorabil parcé ch'al é muart tal cîl e sot de vuere ma nissun al puès dî cemût ch'al é miôr di sei sot tiere parce che là o sin ducj compagns. Al mi displâs plui dal prin che dal secont, chel sí.
Al meretarès di sei cjantât e scuignarai fâ alc se nissun lu a ancjemó fat e se 'ne dí o sparís di achi, al puès dâsi ch'o sedi a lavorâ cun lui. O ai cirût sù internet e o ai cjatât 20 sitos cul so non e ducj dome par inglês. Nissun par talian e ancjemó mancul par furlan. Al si disarès veramenti che se nô o fasin culture o sin te agriculture.
Il so autoritrat us da l'idee dal pinel ch'al veve ma us zonti ancje il so autoritrat fat cun le pene:

I soi pitost bassut comi statura
Ma cencia gobis, dret comi un fusiel
No soi ne biont ne moru par natura
Ma di colôr c'al à dal bastardel

La bocja e il nâs taiâs justa misura
E il ciùf 'na cuarta lunc sot dal cjapiel
Tal cjacarâ, tal fâ, ta l'andatura
jó no mi scjaldi e i soi benon parchel

Doi vôi tai e cuâi la limadura
Just, vanitous, sinceir, dispetosel
Bon una vôlta sola e fin ch'a dura

Dûr e ustinât, al dopli dal cjargniel
Apasionât a muart da la pitura
Inamorât di dut ce ch'al é biel.
Vitorin Cadel

Traduzione
Sono piuttosto basso di statura
Ma senza gobbe, diritto come la fusaggine
Non son né biondo né moro per natura
Ma d'un colore che non é puro
La bocca e il naso tagliati su misura
E il ciuffo lungo una spanna sotto il cappello
Nel parlare, nel fare, nel camminare
Non mi affanno e sto bene proprio per questo
Due occhi grigi e lucenti (Come la limatura, la polvere metallica che cade limando)
Giusto, vanitoso, sincero e un pó dispettoso
Buono una sola volta e fin che dura
Duro e ostinato, due volte più di un carnico
Appassionato da morire della pittura
Innamorato di tutto ció che é bello.

Pagina web sul Cadel: <----fai un clic su questo link

17 gen 2008

Maichel Otty ;-)


Radio head, come Madonna e altris, e an decidût di no lavorâ plui cun lis cjasis di edizion ma di vendi i lôrs discos diretamenti su internet magari fasint une dite di distribuzion personâl.
Secont i prins calcui, i Radio head e varessin guadagnât di plui fasint scjariâ i lôrs tocs par 4 a 5 euros in dôs setemanis che in tun an passant par une cjase di edizion che impon un prêsit sui 11 o 12 euros. Le societât a cambie. Ancjemó un pôc e i artiscj e fasaran come i programmatôrs cuant ch'a tu vâs sul lôr sito e tu cjatis il baton dal Download. Là a tu daunlodis, e daspó, ogni vôlte ch'a tu lu viergis sul to PC al cji rive l'invît:
Donate, donate, donate...
Come ch'o ai simpri vude le manie di no fâ come chei âltris, jo o fasarai part dai sciors di spirit o mones di nassite e cuant ch'o vignarês da me us darai 5 euros. ju volêso subite?
Senó, tant ch'o spietais di savê se si o no o volês ch'o us pâi dut in tun colp ae fin dal mês ducj i tocs dounlodâts, lait a sintî cheste biele more furlane. Si, al é ancjemó dome gratuît e no si vuadagne nujâltri che le sô vosute di agnul che cualchi vôlte a nus fâs l'effiet crawnberry ma che par furlan al é simpri di plui che in nissun âltri luc.

Polentadis


Che âltre setemane o cjacaravi de plui grande polentade dal mont fate in val dal Ostie-ancje-lôr-ch'a-le an-fate-prime-di-nô.
Une polentade, aé simpri miôr cuant ch'a si é in compagnie. Nuie di plui lancurôs che bevi un tai o fâ le polente dome par sè. Alore o invidi simpri cualchidun par dividi e le polente e il plasê.
Mai fat polente e osei. Al massim o ai condividût cualchi fruçon di polente cui ucei ch'a vegnin ogni dí a viodi sù le terace ce ch'o vin fat da marinde ma o ai zà fat polentis cun dut ce ch'al mi capitave das mês bandis. Le luanie nostrane cualchi vôlte o le cjati ma plui facilmenti o cjati le luanie francês ch'aé tant grasse, ma tant di chê grasse che le polente a mi somee simpri masse sute. Pal prin dal ant rùs, o eri invidât a fâ le polente da une copie di mongui che si erin ocupâts dal companatic sbrovant in padjele lis fetis dune luaniote di scuâsi 10 centimetros di diametro ch'a vevin comprât in Bielorussie. .Insome dut ben, grazie.
O vevi cun me il cjalderin di ram ch'a mi a regalât mê sûr ch'a sta tal Piemont dal Barolo... Ch'a nol a nue di viodi cul nestri borôli e al si clame paiolo... Ch'a nol nue di viodi cul nestri puiûl ma nancje cui nestris cjalderins...Joii ce rimis ch'a mi vegnin simpri fûr!
Il ram, al é di sigûr biel da viodi e o ai fat biele figure. Po o savin ch'al é ancje un bon condutôr di calôr e duncje le polente a é buine ancje lí. Po ben, no é propit triste. Ma...A indé un ma.
Le copie di mongui, scienziâts in biologjie a mi an fat rimarcâ che le polente restade, dopo dôs trê oris a ere deventade dute vert torator. Il ram, cun le âghe al si oside e al prodûs il vert di ram che, sa si lu lasse osidâ al devente vert come un monument a Garibaldi.
Osco can. Ce erial sucedût? Par fâ plui svuelt, o vevi comprât di chê farine precuete e a si ere cuete cussí a le svuelte ch'a no in d'ere nancje le croste. Se le polente a no fâs le croste, al sarés miôr di mangjâ dome chê ch'a si cjate tal mieç ma cuâl îse chê tal mieç se par fâ une buine polente al bisugne tignî massedât?
Po ben, cul vin spagnûl puartât da une copie messicane e la lôr Aguardiente mascedade a la vodka e ae sgnape o vin vût avonde par disinfetâ il stomi tal câs che il vert dal ram al sedi nocîf e nissun al a butât fûr.
Ma fin cumó, chest djaul di paiolo,al mi veve simpri tirât a siment. Al veve un braç cul mescul eletric ch'al si fissave cun pene sul bort de pignate, alore o vevi cambiât le vît cun tune plui pratiche. Daspó, une vôlte che le farine a ere poiade jù sù l'âghe mascedant par no fâ grums, al bastave meti sù il motorin, inescâ il mescul e, le polente a si massedave par 40 minûts di besole. Di besôle? Po ben, se le polente a deventave masse dure alore il motorin a nol rivave plui a girâ e dopo trê polentis, il motorin a nol lave plui. Naturalmenti da bon secje scjatulis o ai fat il gnôgno e o soi lât a domandâ al fabricant un motôr di ricambio e lui da bon talian al no mi a rispuindût.

15 gen 2008

Rompeitle !!!

Oramai, le nestre informazion a si le fâs sù misure. I nestris pâris a si erin abituâts a plantâsi devant de scjatule parlant che, cuant ch'a si é vistude di fieste cul video a colôrs, o vin crodût di sei privilegjâts, di sei plui siórs e jù sul divan fint a une di gnot par pôre di no viodi dut, di no sintî ben, o di pierdi alc dal blù dal cîl che in te TV al someave plui vêr che il vêr di fûr dal balcon..
Pôc a pôc o si sin stacâts par no lâ a mangjâ devant di jê che as oris dai nestris programs, ma ancje lí, al si scuignive contâ cun le publicitât e cun tune scorte di porcarîs da mangjuçâ e bevi spietant simpri di plui che i programs sa no erin ce ch'a si spietave, forsit, in te ore dopo o le setemane dopo al si sarès ameliorât.
Invesit nuie. Alore o vin tacât a regjistrâ i programs e cussí, in cas ch'a no fossin stâts boins avonde a si podeve butâ vie ce ch'al nol coventave. Cul lâ dal timp, internet al deventave simpri plui impuartant e fnalmenti, lis ûltimis videocasetis regjistradis o no lis vin ancjemó no viodudis e di sigûr no lis viodarin plui.
. Une rôbe ch'o cirin su internet o le cjatin prime ch'a rivi in te bocje dal sbergheladôr dal telegjornâl. O alore, vino di lâ a viodi duç i telegjornâi par viodi sa concordin? Lis novitâts dai gjornâi e telegjornâi a vegni dutis des stessis agjenziis. Il rest, a son dome storiutis di gjats spierdûts o di cjans sfracheâts e a si sta miôr zenze. Nue cuotidians. O alore dome sù internet e di sigûr nó chei ch'a volaressin fânus paiâ ancje chel come ch'a sucêt spes in Italie.
Oramai, le informazion sul Friûl a si cjate di plui in Americhe che no sui medias nostrans.
Baste lâ sù You tube o sù Google. Fâ ancje une TV suplementâr par furlan? S'al é par sintî informazions une setemane dopo di chei âltris a nol sarès nue atraént...Ma al sucedarà forsit doman che par vie di une compensazion politiche o une relazion sesualmenti corete ma politicamenti oportune o varin une tv furlane ch'a fasarà ancjemó piês che chê taliane che, viodude di achi, a é la piês dal mont e viodude di là a é la piês ch'a puedi rivânus.
Oramai, o ben un gjornalist al fâs scandui par tirâ le atenzion sù di lui o al fâs pene fasint le leture dai gjiornâi concurints par viodi ce ch'al puès contânus che chei âltris a no lu an dite prime o dite avonde. Naturalmenti, ancje sù internet o pierdin timp a frequentâ sitos ch'a no valin le pene ma cun le abitudin, al baste spès une nulide, par savê cui ch'a nol merete nancje un clic.

Furlans zence diu


A fuarce di sintî cjacarâ di lui achi ator, o mi eri dite che forsit o podevi cjatâ un videoclip di Toni Beline sù You. Invesit nuie. Ch'al sedi cussí pôc aprezât al di fûr de curie furlane? Ma. I furlans, al si disarès ch'a preferissin le rôbe lizere, ch'a no strache masse e si mostrin di plui cuant ch'a bevin un tai che cuant ch'a gletin un'ostie.
------------------------------------------------------------------------------------------------
A forza di sentir parlare di lui qua in giro, m'ero detto che forse avrei trovato un videclip di Antonio Bellina su You. Invece niente. Che sia cosí poco apprezzato al di fuori della curia friulana? Ma, i friulani, si direbbe che preferiscono le cose leggere che non stancano troppo e si mostrano meglio quando bevono un bicchiere che quando inghiottono un'ostia.

La befane a ven di gnot


O ai spindût trê oris a fâ pulizie. Al mi é bastât un secont di esitazion e o ai ricevût plui d'un centenâr di vierms, virus e cjicolatins di ogni sorte. Cumó le tecniche a é cussí:
Un al rive a entrâ tal to PC ancje cuant ch'a tu crôts di sei blindât. A pene drenti al si vierç une balconete Microsoft ch'a cji dîs che cualchidun al a cirût di entrâ e ch'al é conseât di agjornâ il to sisteme di sigurece. Un tic sospetôs, o ai duncje fat il clic e a pene ch'o ai vidût ch'o rivavi in tun âltri sito che chel de Microsoft, o ai taiât internet...Uf! Juste in timp, ma in tun secont o vevi bielzà il computer plen di porcarie. Ch'a sêti le befane?

14 gen 2008

Un tant di Cjapiel


Al si tratarès ancjemó di doi Piêris e di doi Cappello ma no son ancjemó nó chei ch'o crodês.
Achi al si trate di Piervigji Cjapiel (Pierluigi Cappello) diretamenti nomenât erede di chel âltri poete furlan ch'al si clamave Pierpauli Pasolin. Un al sta a Trisêsin e chel âltri a nol sta plui che te nestre memorie. No sai cemût ch'in Friûl al si rive ancjemó a fâ poesie zence dâ fastidi.
Forsit parce che le poesie a si le dîs ben plan e che cisicant lis peraulis tar un cjanton a no si impedís nissun di cjalâ la TV. Po ben, enfre ducj chescj blogs politicamenti corets o coretamenti politics, al sarès ore di vê une pause poesie. No, no ai voe di fâus scjampâ cun lis mês piruetis. Juste voe di fâus condividi un moment. Un non. Un omp.Cualchi peraule tirade fûr dal cûr o dal impen di un ch'al cîr le bielece tal nuie, le lûs tal scûr, le rime in te vite di ogni dí e ch'a lis cjate.
Il videoclip chi parsôre, al é un tic lungjut ma al a il vantaç di fâ lis presentazions e di fânus sintî alc che forsit a no si lu varès savût in tune âltre maniêre. La Fallaci a scriveve a Pasolin...

12 gen 2008

Il clip dal mês

videoEco: Par vie da l'abondanze dal materiâl, o ai spindût un grump di timp a visionâ prime di decidi sul cê fâ. Il lavôr a nol é ancjemó perfet ma o sin enfre amîs no mo? O mi riservi di fâ un'âltre version plui tart. Come ch'a diseve me agne Lene :No sta spietâ ch'al esisti il mistîr: Invntilu! O speri che il clip us plasi. O ai cirût di maridâ le musiche e lis imagjinis ae mê maniêre. O fasarai une pagjine sul web cun plui informazions ma o soi achi ogni dí. Bon divertiment e buine domenie.

11 gen 2008

Le ûltime de setemane:-)

Il 13 di zenâr al é il prin dal ant pai rùs. Il Nedâl pai ortodós al ere il 7 de setemane passade. Dome che da lôr, dopo 70 agns di privazions religjôsis dutis lis scûsis a son buinis par fâ fieste.A scomencin a fâ fieste cul nestri Nedâl e un grum di lôr a finissin cul prin dal ant cinês che chest an al sarà il 7 di fevrâr.Pes fiestis, in Russie e an 10 dîs di vacancis.
Come che da lôr, par essi un omp al bisugne savê bevi e par essi une famine al bisugne savê vê un omp, dopo i dîs dîs, i uficis dai divorzios a son stracolms di copiis che finalmenti, dopo ains o mês ch'a no si cjacaravin forsit plui, a si si son dite dut ce ch'a vevin tignût platât fint lí e a si son decidûts di no rimandâ plui:-)
Duncje, par tignî lis fameis insiemit, i governos e varessin interès di no lassâ le int zence fâ nuje masse timp parcé che le noie, aé le mâri dai vizis. Dal rest, a si dîs che ancje i fruts, sa no si u ten ocupâts a scuele o a fâ sport o a fâ art, al é facil che deventin drogâts o voe di fâ nuie. Guai lassâiu zence fâ nuie:-)
Ma cui fasial fruts se bielzà ancje zence bevi e zence cavilâ lis copiis a doprin le pilule ancje cuant ch'a van a messe ogni dí?
Il 14 di lùi dal 1977, a New York al é sucedût che par dute une gnot a no in sedi plui eletricitât. Imagjinait ce casin s'al sucedès cumó. Nue internet, nue frigo, nue lûs, nue di nue. Veramenti nue? Dopo 9 mês, dutis lis maternitâts a erin straplenis e stracolmis.Trós trentenârs merecans sono nassûts a NY tal 1978? Al sarès interessant di savê tros di lôr ch'a son stâts concepîts tai ascensôrs blocâts, tes machinis blocadis ai passaçs a livel, tai metros, tai autobus, in ufizi cul coleghe o il capo di siervizi ma soredut, al sarès interessant di provocâ un black-out in Friûl par podé fâ montâ le demografie in tic e tacone tac:-)
Orpo, o soi incoregjibil eh?.
Se in Cjargne o in Furlanie une sere a saran zence la lûs us promet che no sarai jó a taiâ le curint ma, pai cinês, chest ant al é l'ant de pantiane... Jó no us dîs nuiâltri. Se un al cambie di idée pal eletrodot al puès dâsi ch'al vedi rason:-) Mandi

Psst: O ai pierdût dut ce ch'o eri daûr a cjariâ sù youtube a cause di une pane di curint. O scuen riscomençâ dut. Ma no paiais nuie par spietâ. O rivi.

Ogni paîs le sô borse

Cuissà parcé, il puest indulà ch'a si specule cui bêz a si clame le borse? Dutcâs, plui le borse a é grande e plui o savin che i afârs a son impuartants. Le plui grande a é simpri stade chê di Londre e ancjemó vuê il termometro dai prêsits di un grum di materîs primis al si cjate sot dai inglês ancje se i merecans a fasin lâ sù o jù i prêsits e che i cinês a sperin prest di cjapâ il lôr puest.
E nô? Chê di Milan, come chê di Düsseldorf a somee ch'a sedin bielzà sot control inglês. Chês âltris, a no an masse impuartance ancje se i francês a cirin di tignî dûr as lôr balis:-)
O podarèssin fâ alc dome di nestri ancje nô ma vino avonde cojons par meti dentri alc di serio in te borsute?
Cuissà, forsit cui sussidis ricevûts o metin sù une borse ancje nô. Po magari dopo o larin juste là par zujâ ae more:-)
Achi in te foto o vês le borse di Bruxelles in tecnicolor. Par Nedâl, ducj i monuments de sitâts a erin iluminâts di projezions coloradis e le int a lave a fâ une spasegjade par viodiu. Cussí al fâs lâ il comercio e par fuarce ancje lis tassis e ducj e guadagnin. I basoreliêfs di Rodin che achi a son sfumâts vie cun lis lûs a son visibils dome di dí.Bondí:-)
Psst: sa si frache sù le foto a si ingrandís:-)
Re-psst: O rivi prest cul rest:-)

10 gen 2008

Il vasut dal dí

Masse ocupât, o scuen daus apontament a doman e forsit ancje plui tart. O ai masse lavôr. Us promet une sorprêse par cuant ch'o torni e dutcâs pe fin de setemane. Alc di viodi e da sintî. Alc di sensuâl o birichin ma origjinâl, atuâl e spiritôs. No lu ai mitût ancjemó su youtube parcé ch'o saressis boins di lâ a cirîlu prime ch'o lu vedi finît:-) Dut câs, us doi le esclusive. Intant us doi doi amarillis cun tun gnûf vâs. Si sintín.

09 gen 2008

Solit Friûl

Io no sai, la mê biele a volarès ch'a si làs a stâ in Italie. O viôt ben che in Friûl a in d'é avonde moviment culturâl ma nue di viodi cun ce ch'al sucêt in tes grandis sitâts e ogni vôlte ch'o mi cjati a Udin o ai l'impression di sei in tune cjase di ricovero o in tune vilute borghêsute indulà ch'a nol sucêt mai nuie. Sí, dut al é ordenât, pulît, lustrât...Par pôc, o mi crodarès in Svizare ma tar chest solit Udin o sintarès plui la solitudin che indulà ch'o soi.
In font ce fasio. O cjacari furlan dome cun me e a Udin o scuignarès fâ le stesse rôbe.
Cemût stâtu? Ben? Si, e jó? o mi domandarès. Lâ a stâ fûr di Udin, juste par cjacarâ furlan cun cualchidun âltri? O ai ben cualchi amî chi e là ma so mi sint ben plui o mancul dapardut tal mont, in Friul, o mi sint stranîr. Al si disarès ch'o rivi di un'âltri pianete. O ai l'impression che plui mi vierç e plui le int a si siere. O varai un acent forest tal cjacarâ ma il gno furlan, so lu cjacari facilmenti, a nol dopre forsit il stès vocabolari e le int mi cjale come so fos un biât.
O varès forsit di doprâ il lengaç dai sorts e mutos e zujâ a fâ il mone dut il dí ch'a mi larès miôr.
Mi plasarès cjatâ cualchi artist par fâ un pôc di scherme cui pinei, cun lis ideis, condividi cualchi opinion o un tai di vin ma al mi somee che in Friûl le regule a é: Ognun par se. Bondí e Buinegnot. Si disarès l'omp de Niedertal ch'al a cjatât une caverne e di lí a nol ûl saltâ fûr.
Si, magari so cjacararès di politiche, alore, si. Ma Dio ce schifo. Massime in Italie. A son 500 agns ch'a si và indenant cun le stesse mentalitât di provinciâi e se ducj e son dacuardi sul cambiament da fâ, nissun si mûf. Il prin ministri íar al a dite ch'al si sarès ocupât des scovacis di Napoli e ch'al varès mandât l'esercito...Ce paîs, ce ministri, ce esercito! Tant che un ministri al varà di ocupâsi di meti fûr lis scovacis e l'esercit di puartalis vie no crôt ch'al sedi masse di sperâ tal paîs. Alé op, di sigûr al é il stomi ch'al mi brundule. Le marinde ae pronte. Achi a no si scherze. Cuant ch'a é pronte aé l'ore.

Pascjei di nêf e di glace


videoA Bruges, dopo doi mês, cheste setemane a finis le Ice Fantasy di sculturis di glace. O soi lât a dâ une cjalade le domenie e o ai cjapât chest clip e plen di fotos. I colôrs des lûs e le trasparince de glace al dave un aspiet magic e kitch tal stès timp. Le mostre aé fate par lâ in famee e duncje un grum di rôbis a son fatis pai fruts. O ai provât a montâ al prin plan e lassâmi sbrissâ jù tal tunnel fint in bas. A no si é mai fruts avonde e po cun le demografie ch'a si à a si scuen compensâ :-) A non dêre foreón ma a si sbrissâve sul cûl. Dopo chiste esperience, cul frêt ch'al faseve o no savevi plui nancje movi un pêl. Al bâr, a siervivin dome rôbe frêde parcé che la siervivin in tune tace fate di glace.O ai scuignût scjampâ fûr par lâ al bagno. Lis difarencis di temperature a mi an simpri fat spandi trê tàis par ogni tài bevût.Ma us ai fat ancje jó la mê Biancaneve. No îse biele? Piacere effimero parcé ch'o no vevi ni avonde nêf par continuâ ni avonde voe par fâ miôr ma le mularie ator di me a gjubilave.Cuissà cuâl di lôr, tal indoman, al vevê fat cuintri une pissade?




Psst:O ai doi biliets di entrade di bant...Baste ch'o rivais prime dal ûltin dí ch'al é il 13.