I miei Video clips furlans

Loading...

31 mar 2008

Il Ménage a trois di Félicien Rops






















Cuissà, forsit Cadel pitôr furlan, al veve sintût cjacarâ di Félicien Rops ma la belle époque parigjine in Italie a ere ancjemó masse filtrade pe glêsie baste ricuardâsi des indemoniadis di Verzegnis dal post achi sot. Cuissà po ce ch'al sarès stât sa si vès savût che il pitôr al stave cun dôs sûrs. Al sarès stât scomunicât, puartât in prason:-) Ma vidût plui di cent ains dopo, nue no nus scioche plui. On vin zà vidudis di ducj i colôrs enfretimp. Alore chest Belga cun tun non ch'al sune furlan e ch'al stave a Parigji al ere deventât il plui grant ilustratôr di France tant e si ben ch'al a fat disegns e incisions par Mallarmé, Verlaine, Baudelaire, De Musset, et Gautier. Plui che piturâ, al disegnave. Quant ch'o voi di fûr, al scriveve une di, le nature mi fâs tremâ il lapis. Alore di fûr al cjapave il pinel e al piturave bielzà da impresionist.
Al veve cognossût Baudelaire a Bruxelles e come che Baudelaire al ere zence un franc a lu veve ospitât in cjase sô fint che dí ch'a i vignût un colp e che Baudelaire al é restât paralizât. Tant ch'o passavi par Namur, o soi lât a viodi le glêsie indulà ch'al ere sucedût par imagjinâmi le scene.
Alore, ancje s'al ere tart, o soi lât a visitâ il museo Félicien Rops. Nancje a dîlu, cun le vite ch'al faseve, ducj i soi disegns a cjacarin di feminis, ansit, in te ûltime sale, al ere proibît di lâ cui fruts.Cumó che in Olande une leç a permet di fâ l'amôr tai parcos ancje sot dai vôi dai fruts, forsit chest al puedarès sameâus strani. La mê visite aé stade curte ma il plasê al é stât grant. O tornarai.Ormai, a ogni pas ch'a si fâs in te vite, al corispuint a une sgarfade fate prime o dopo sul net e so no vês le pusibilitât di lâ a viodi il museo o cjatarês avonde leterature e fotos sù chest personagjo. Leínt il diari di Delacroix, o mi eri interessât ae sô opare parcé ch'al mi ere simpatic quant ch'al scriveve lis sôs rôbis intimis par talian. Finalmenti, s'al mi plâs i soi colps di pinel, i sogjets pompôs tirâts fûr de Arabie che in chê vôlte a ere di mode a mi plasin mancul che il diari:-) Come che i doi pitôrs a si sameavin ancje fisicamenti, o scuignivi lâ une dí a viodi chest gjaul di Rops. Un ch'a i plaseve gjoldi le vite e ch'a nol in veve mai avonde. Zà vecjo, al scriveve che ogni dí ch'al si ievave a i someave di sei come a pene nassût.E seben ch'al viveve da ains cun dôs sûrs parcé ch'a nol rivave a scielgi ni une ni chê âltre, al rivave ancjemó adore a svualâ cun âltris amôrs come s'a fos stade le sole condizion par podê vê le voe ancje di lavorâ. E al lavorave ben. I disegns ben scierâts tes linîs finis e sensuâls a erin magari scuâsi simpri remenâts ator des feminis, ansit, cualchi vôlte o mi domandavi il parcé ch'al ere cussí scalmanât parcé che lis faminis a no erin simpri zovinis e bielis come lis dôs sûrs Leontine e Aurelie Duluc.
Ma cuissà indulà che le curiositât di cognossi a puès fermâsi cuant che d'in che bande o sin cussí atrats? Sa nol fos che le gjelosie nus paralize, e forsit le educazion cristiane, cuissà di ce ch'a si sarès boins di fâ? Cui puedaressial dî che un ménage a trois a nol é plui democratic e plui interessant che un da doi?
Dutcâs, so no ai ancjemó vût le ocasion di siervî le colazion tal iet a dôs feminis insiemit o sarès pront a scometi che ancje vuâltris o sarês pronts a siervî no dome le colaseon ma ancje da marinde e da cene...Magari ancje sa fós le ûltime:-)
Intant o torni tal gno cjanton e o dîs come Félicien Rops: O entri in te religjon de Art, O pituri e no cjali plui lis feminis. Leam par viodi il ciscjel indulà ch'al stave e che vuê a é une fondazion fate par ospitâ pitôrs.

Il boulevard Lambermont é attraversato dall'avenue Eugene Demolder. Nome di uno scrittore simbolista che abitava qua vicino ed ha avuto il privilegio di sposare una bellissima donna nata dagli amori di Felicien Rops e Leontine Duluc. Allora,per forza, scrisse anche la biografia del suocero.
Nel 1887 erano già più di sei anni che Felicien abitava con due sorelle una delle quali, quella che vedete qua che và a spasso col maiale e quella sul crocefisso é la mamma e la zia... Infatti, questo ménage a trois, é stato il più duraturo benché Félicien non la smettesse mai di farfallare fra un letto e l'altro.Questa introduzione, giusto per dirvi che il museo Rops di Namur ha una sala dove i bambini non sono ammessi. Strano, direte voi quando si pensa che in Olanda, una nuova legge permette alle coppie di far l'amore nei parchi sotto gli occhi dei passanti.
Dunque, siamo alla belle époque. Rops, é l'illustratore più pagato di Parigi. Baudelaire, Alfred de Musset, Théophile Gautier, Verlaine, Mallarmé e un sacco di altri se lo contendono e lui più felice che mai lavora per tutti ma sopratutto per sé e scrive nel 1878 (Anno delle indemoniate di Verzegnis:-) scrive che ha ...un si grand amour de la vie qu'il me semble chaque matin que je viens de naître (..Un amore cosí grande della vita che mi sembra che nasco di nuovo ogni giorno). Vent'anni prima, mentre serviva da guida a Baudelaire, che ospitava in casa sua, Baudelaire stramazzó per terra in una crisi che sembrava d'epilessia ma che infine, era follia e morí pochi mesi dopo.
Sono andato sul sagrato di quella chiesa per immaginarmi la scena. Poi per forza, sono andato al museo. Era già un pó tardi ma comunque, come il primo sorso di vino, é sempre la prima impressione che conta e quando si ha poco tempo, il piacere é più intenso. Dunque un disegnatore sensuale, dove il sesso é sempre presente. Avevo già letto il diario di Delacroix, il quale mi era simpatico perché tutti i momenti intimi erano annotati in italiano ma la sua pittura epica dopo un pó mi annoia sebbene i colpi di pennello siano pieni di sensualità. Rops e lui si assomigliavano anche fisicamente ma da Rops, tutto si vede nei disegni mentre nella pittura lui é già un impressionista.La matita, davanti alla natura gli trema, dice. Allora di fuori prende il pennello e di dentro disegna. Il gesto é amoroso, fine, qualche volta provocatorio e qualche volta troppo bello per il modello che ti sta a guardare come se lo avesti dipinto tu. Tutto parte dal sesso.Alle volte diventa scabroso ma se non c'é sesso non c'é niente. Sarà una cosa senza anima. Rops non l'ha scritto ma l'ha di sicuro detto qua e là. Le due sorelle che vivevano con lui sembravano apprezzare il personaggio e tollerare perfino gli scarti. Io, non ho ancora avuto l'occasione di servire la colazione a letto a due donne, ma di sicuro servirei anche il pranzo e la cena anche se dovesse essere l'ultima.
E voi?
Intanto torno al museo:-)
"... J'entre en religion d'art.Je peins et ne regarde plus les femmes..."
Entro nella religione dell'arte.Dipingo e non guardo più le donne...
Felicien Rops
Link per il castello dove abitava e che oggi ospita pittori alle spese della regione.


Foto del castello di Rops

30 mar 2008

Chateau / Ciscjiel/ Castello












Gofrêt di Buion, al é chel ch'al é rivât a cjapâ Gjerusalem tal milecent. Lu vin ducj studiât a scuele ma nissun a nol nus veve dite che par finanziâ le sô spedizion al veve vindût il so ciscjel al vescum-princip di Liegi. Ma par lâ in jù cun 40 mil omps ch'al scuignive mantignî al a tacât a sachegjâ ducj i ebreos e forsit ancje i sciors ch'al cjatave pe strade. Rôbis normâls pe epoche.
Al é muart aventi jù zence vê eredes e dopo vê rifiutât le corone di re parcé che nol voleve vê aur sul cjâf tal puest indulà che il Crist al veve vût une corone di spinis. Strani che ancjemó nissun papa a lu vedi santificât. O scuignarin domandâ a Bush s'al é dacuardi:-)
Vuê, il ciscjel al ere li devant di me simpri tal so puest. Scûr, sevêr come une fortece insomp de so coline, il flum Semois a i gire ator prime di lâsint. Al sarès un dai 400 ciscjiei vierts al public sui 3000 ch'al in d'é in Belgjo. Infat, al é il paîs indulà ch'a ind'é plui ciscjei tal mont. S'a si vés di comparâ cul Friûl, al é come se a si varès 1000 ciscjei ...E cuissà tropis vilotis in plui.
Vidût il ciscjel, par tignî i clients un tic di plui, e an mitût sù un spetacul cun tun falconîr ch'al si divertís a mandâ ator un falco, un condor, une aquile e un gufo par fâiu tornâ a un pêl dai nestris cjâfs par dâ cualchi emozion as mulis. Tornant a cjase o soi lât a viodi le cjase di un pitôr dal 900 grant amîc di Baudelaire ma chest al sarà il prosim post.
Goffredo di Buglione fu il condottiero della seconda crociata promossa dal papa Urbano II.
L'abbiamo imparato durante le elementari mai nessuno ci ha detto che per finanziare la spedizione vendette il suo castello al principe-vescovo di Liegi e con il ricavato formó un'armata e si mise in marcia il 15 agosto 1096 per Gerusalemme che prese tre anni dopo.
scendendo per la Germania, Austria,Ungheria, Yuogoslavia e via via fino in Palestina coi suoi 40 mila soldati. Tre anni di strada ? C'era bisogno di viveri e perció, l'unica cosa da fare era di ammazzare tutti gli ebbrei che trovava per strada e forse, saccheggiare tutti quelli che erano abbastanza ricchi per essere derubati ma abbastanza poveri per non poter difendersi.Tanto, il papa garantiva l'incolumità...Morí senza eredi a Gerusalemme.Strano che non sia stato ancora santificato almeno da Woitila ma forse non aveva chiesto il parere di W.Bush per rischiare le rappresaglie degli integristi arabi:-)
Oggi, il castello di Bouillon (Buglione) era lí sempre impiedi davanti a me e fa parte dei 400 castelli belgi aperti al pubblico. A proposito di castelli, il Belgio é il paese che ha il più gran numero di castelli al Km2
(circa tre mila). Per avere un'idea delle proporzioni é come se in Friuli ce ne fossero 1000 e in Lombardia 6000:-) Niente di speciale.Il castello é piuttosto un forte molto cupo e severo da dove si domina la vallata col fiume che gira intorno alla collina.
Nel castello c'é un'attrazione interessante per tre volte al giorno. Dopo la visita ci si siede nel cortile che si affaccia sulla vallata e un falconiere fa qualche dimostrazione con un falco, un condor, poi un'aquila e un gufo. Niente male.Li manda a far un giro poi li richiama eal ritorno
sono ammaestrati per far paura alla gente volando a due palmi dalle loro teste.
Tornando a casa son passato a vedere la casa di un pittore del 900 amico di Baudelaire.
Ma questo sarà il nuovo post

29 mar 2008

O ai votât / Ho votato

Alore jó o ai zà votât. No us dîs par cui parcé ch'o puedarès influenzâ i miei amiratôrs e sburtâ ducj chei âltris a votâ contrari:)
Tal forèst, a si ricêf dut par pueste. Prime lis letaris dai candidâts ch'a no tu âs mai sintût nomenâ ma ch'a scomencin cun "caro amico" e cji contin chê dal ors come sa fossin çarlatans ch'a van a cirî clients puarte par puarte (Achi sôre i ûltins rivâts)
Ma cemût ano cjatât il gno indiriz? Par fortune che la privacy a é rispietade. Daspó nus rivin lis schedis eletorâls e dôs bustis par mandâlis indaûr dopo vêlis empladis. Come ch'a é le prime vôlte ch'o vôti, o scuignivi viodi cemût ch'al funzionave. Cumó, ch'o lu ai fat, o puedarès ancje cjapâmi sù e lâ a votâ a Udin par radoplâ il plasê, ma îsal veramenti un plasê? Aromai,a si vote plui par mostrâ ch'a si é cuintri cualchidun che di votâ pe mûse favoride. A si fâs l'estimazion di chel ch'al conte mancul bausiis e a si fâs le crôs. Daspó, come dapardut, a tornin fûr simpri chei parcé che le democrazie a no é âltri che le sigurazion ch'o no sarin governâts miôr di ce ch'al si merite.

All'estero, si riceve tutto per posta (Qua vicino gli ultimi arrivati). Dopo le lettere dei candicati che non hai mai visto loro sperano incominciando la lettera con un "Caro Amico" di convincerti che sono i migliori e che voterai per loro.Poi ti arriva un involucro con le schede e le buste per rinviarle al consolato. A dire il vero mi fanno un pó pietà. Sembrano a dei rappresentanti di commercio che vanno porta a porta a vendere aspiratori.
Ma come hanno trovato tutti il mio indirizzo? Per fortuna che la privacy é rispettata!
- Comunque ho votato. Non vi dico per chi perché non vorrei influenzarvi. Siccome é la prima volta che voto, volevo vedere se avevo un'emozione qualsiasi. No, niente. Forse vado a Udine per votare una seconda volta per vedere se il piacere é più grande:-)
Ma sarà veramente un piacere?
Ormai, si vota più per far vedere che siamo contro qualcuno che per un muso favorito. Per il resto, come dappertutto tornano sempre quelli perché la democrazia non é altro che l'assicurazione che non saremo governati meglio di quanto si merita.

27 mar 2008

Il gjaul, il barôli, o il Tita da Cividât?

Margherite da Prât a veve stade rapide dal gjaul e tignude in tune caverne dongje de crete forade par une setemane. Po a mi an contât che une dí ducj i abitants di Prât a si erin cjatâts a lâ in mont fint che un di lôr ch'al veve un orloi a nol vedi dite che as erin lis dôs di gnot. Tar chel, e an sintût le vôs sarcastiche dal gjaul ch'al rideve ch'a vignive fûr dal bosc e jù pe mont.
Le Svuâlde jé a contave che il gjaul a lu veve vidût une sere tart tornant a cjase. Al ere saltât jù de mont sul stradon e a i veve sbarât il pas ma jê a ere rivade a fuî passant sot de manteline ros e nêri. Daspó, une di ch'a ere in mont cun "las cjâras e la gugja" a si ere indacuarte che lis cjâris a erin sparidis e cjalant jù pe mont a lis a viodudis ch'a erin da pé. Alore a ere corude jù par no pierdilis e cuant ch'a ere rivade jù, lis cjâris a erin tornadis insomp de mont...e a lis veve pierdudis istès a cause dal scherzo che il gjaul a i veve fat.
O vês di lèi il libri su lis indemoniadis di Verzegnis tirât da fats vêrs sucedûts enfre il 1878 e 1879 e scrit da un gjornalist napoletan ch'al lavore al Piccolo di Triest.
Il libri ch'al é scrit un tic cun l'acent napoletan in tun italian scior di peraulis, sinonimos a profusion e duncje ancje avonde ben documentât a su lis usancis dai cjargniei d'in chê vôlte. Ma so volês savent di plui lait a meti il nâs su internet par cjatâ che plui in sù che Verzegnis, in Val d'Arzin, i furlans, cjargniei, slovens e venetos ch'a vevin un indemoniât in te famee, a lu puartavin alà sù par fâlu esorcizâ fin dal 16im siecul.
Duncje i indemoniâts, fâls o vêrs, a no mancjavin in chê vôlte e lis indemoniadis di Verzegnis a sarès une storie mediatizade indulà che il vêr al é forsit platât di cualchi âltre bande.
Par fuarce che so no crodês al gjaul o no varês le furtune di incuintrâlu di nissune bande ma s'o crodês, alore, al puès sucedi che une dí o vedis bisugne di lui par contâ chê dal ors.
A no si sà cemût ch'al é sucedût ma dopo le prime indemoniade, ch'a contave di vê il gjaul te panse ch'al si clamave Tita da Cividât, in tun an, a Verzgnis a si son indemoniadis une cuarantine di feminis e fintramai un carabinîr. Lis glêsiis a mandarin sù i lôrs esorciscj ma nuje da fâ. Dopo miedis di ogni sorte, finalmenti, lis dîs plui indemoniadis a fuerin cjapadis pai carbinîrs e puartadis a Udin tal manicomio. Al dí di vuê, storiis cussí a no sucedin plui ma a son sucedudis un grum tai îltins 700 agns e a si dîs che plui di 40.000 feminis a sedin stadis brusadis, picjadis, torturadis e sacrificadis crodint che veramentri a jerin indiauladis.Cumó, i psichiatrics e clamin demonopatie chiste sorte di epidemie. Ma o savin che i psichiatrics a son specializâts tal inventâ malatiis cuant che a no san ce dî.
Dutcâs lis storis a son straordenariis e a mi plaseve chê di Margherite ch'a veve stât su le Crete Forade par une setemane cul gjaul, che secont jê a ere une persone un grum elegant e gjentil ch'a vignive a puartai bonbons e che di sigûr a veve a ce fâ cui cuatri fruts che agne Margherite a veve vût zence sei maridade come che le prime indemoniade che forsit a veve a ce fâ cul carabinîr.Ma chest nissun no lu a dite ancjemó. O lu dîs jó:-) Scherzos mitûts de bande, o savin che invezit lis feminis di Verzegnis a jerin juste intossicadis dal pan che a vevin mangjât e che al jere contaminât da un fonc che al crès dome tal orz e tal forment cuant che al fâs cjâlt e ch'al é umit.
Il libri o lu ai ordenât achi. Al é un sito ch'al funzione a l'americane cun lis cjartis di credit, il track e il recapit via Feedex.

Le indemoniate di Verzegnis é un romanzo scritto da Pietro Spirito, un giornalista del Piccolo di Trieste che sebbene sia napoletano, conosce bene la regione, anzi, ci si domanda come nessun friulano abbia avuto voglia di parlarne dopo più di cent'anni. Infatti le indemoniate sono veramente esistite. Nel 1878, la prima delle cosí dette indemoniate, una bella ragazza di Chiaicis, borgata di Verzegnis, cominció a lagnarsi con grida, bestemmie, imprecazioni di ogni genere e bava e svenimenti dicendo che aveva il diavolo nel ventre e, poco a poco, altre ragazze, donne anche più anziane, incominciarono ad avere gli stessi sintomi. Questa isteria collettiva attiró molta attenzione nella nuova Italia e giornalisti, dottori, esorcisti e preti di ogni genere si recarono a Verzegnis per studiare il fenomeno che, dopo un'anno, si era sviluppato su una 60ina di donne e perfino un carabiniere ma cessarono con la deportazione di una quindicina di ragazze al manicomio di Udine.
Ho letto il libro ma guardando su internet ho visto che c'é ancora un'altra inchiesta di una dottoressa che analizza i fatti tenendo conto della situazione sociale dell'epoca e che non porta nessun lume a questa vicenda, anzi la complica forse per niente.
Infatti, non ho visto da nessuna parte mettere in evidenza il fatto che il diavolo servisse e serve tutt'ora a molti carnici a spaventare i bambini o gli adulti creduloni.
Peggio, nella stessa valle, ma un pó più in sù, nella valle d'Arzino, fin dal 16° secolo si usava ricevere gli indemoniati portati là dai parenti che venivano da tutto il Friuli e anche dal veneto e dalla Slovenia.Dunque, non poteva essere eccezionale perché là il diavolo era come in casa sua.
Per me, i sintomi dovevano avere un'altro motivo. Nel mio paese di Prato Carnico, ricordo la vecchia Margherita che diceva di esser stata rapita dal diavolo e portata in cima al monte per una settimana. Aggiungeva per far più vero che il diavolo aveva l'apparenza di un bel signore elegante e gentile che gli portava caramelle nella grotta dove l'aveva messa...Ed é di sicuro cosí, aggiungo io, che uno dei suoi 4 figli ebbe la luce benché non si fosse mai sposata:-) Strano che la prima indemoniata abbia detto che il suo diavolo si chiamasse Titta da Cividale e che tutte le altre indemoniate abbiano detto un nome differente per dire il diavolo. Chissà poi se il carabiniere indemoniato anche lui, non avesse qualche cosa da vedere con i mal di pancia delle ragazze possedute dal diavolo:-)
Comunquessia, ci sono ancora dei riti che non hanno niente a che vedere con la religione ma con la superstizione che continuano ancora oggi. Es: Quando un parente muore si apre la finestra per lasciar uscire la sua anima e si chiude il gatto in cantina perché non si trasformi in diavolo. Naturalmente, chi ci crede, puó vedere sia il diavolo che la madonna e chi non ci crede puó benissimo far qualche scherzo per divertirsi un pó.
Si sa da poco che le cosidette indemoniate di Verzegnis erano solo intossicate da un fungo allucinogeno che cresce nel grano e nell'orzo in certe condizioni climatiche e che se si potesse fare ancora l'autopsia dei corpi di quelle povere donne messe in manicomio per tutta la vita, si troverebbe che si trovava nel pane che avevano mangiato. 
Psst: Seguite i link qua sopra nel testo in friulano per saperne di più.

26 mar 2008

Incuintris / Incontri fortuiti


A ere entrade tal gno antro par curiositât e dîs minûts dopo tant ch'o i cjacaravi a é svignude.
Par furtune o vevi lis mans prontis e le ai sentade sul banc dal negozi. A veve di vê fan.
Nancje un minût dopo a si ievave sù e dopo un biscot e un café a s'in lave e no le ai plui vidude.
Visitant l'expo di Franco Dragone o eri curiôs di viodi che siore cussí simpatiche ch'a mi veve
mandât l'invitazion pal vernissage. A ere cul so omp, un atôr balerin ch'al mi a cjapât in man
tant che le sô femine a si ocupave di ricevi. Le mostre a ere une vôre interessant e lant di un disegn a une sculture, da un manichin a un video o scuignivi fâ compliments ancje a lui e a so femine ch'o vevi vidût in tun video.
-Satu, al mi a dite, so sin achi jó e le mê femine al é ancje grazie a ti.
-A mi?
E alore lui al mi conte che d'in chel dí ch'a ere entrade da me a 16 ains, le sô femine a veve decidût di gambiâ di scuele e l'an dopo a si ere iscrite ae academie.
Era entrata nel mio antro per curiosità e dopo dieci minuti, mentre le stavo parlando é svenuta.
Per fortuna che avevo le mani pronte e l'ho seduta sul banco. Doveva aver fame. Neanche un minuto dopo,
un pó imbarazzata, accettava un biscotto con una tazza di caffé e poi se ne andava e non la vidi più.
Visitando la mostra di Franco Dragone ero curioso d'incontrare quella signora cosí simpatica che mi aveva mandato l'invito per il vernissage.Era con suo marito. Un attore ballerino che mi prese in mano mentre lei continuava a ricevere gente. La mostra era molto interessante
e andando da un disegno all'altro, e da un manichino all'altro dovevo fare i complimenti anche a lui che vedevo in un video.
-Sai, mi disse, se sono qua con mia moglie lo dobbiamo anche a te...
-A me?
Ed é cosí che ho saputo che la ragazzina di sedici anni che era entrata da me, da quel giorno aveva deciso di cambiare scuola e l'anno seguente si era iscritta all'accademia.
Achi sot: Un cjanton de mostre Sotto: Un angolo della mostra
video

24 mar 2008

Alchimie o pastroçs? Alchimia o pasticci ?


Lant a spas cui vôi ator di me mi soi cjatât in tun cjanton a pensâ a une sberle da meti in foto sui viers cjatâts pe strade sul web:


Sberlimi il cernêli
e platimi i vôi
-Libare o ai dome le bocje-
par zerçâ ogni tô consistence
e ogni sens
spleât como dêts
sule piel ch'a tu mi ofrís

Andando a spasso con gli occhi attorno a me stesso mi son trovato in quest'angolo a pensare a una sberla da dare in foto ai versi trovati per strada sul web.
.
Schiaffeggiami
la mente
e gli occhi bendami
- libera ho solo la bocca -
per saggiare ogni tua consistenza
ed ogni senso
dispiegato come dita
sulla pelle che mi offri.
C. Bariffi

Elucubrazions jaieschis / Elucubrazioni jaiesche

Aromai, cun internet, dal moment ch'a tu viergis le puarte di cjase, al é come sa tu viargèssis un tiro a segno.- I anti-spams vendûts par Eurosoftware, dite americane afidabilisime, ch'a mi mande dîs spams a le vôlte par trê vôltis in dí e in dutis lis lenghis a son un esempli.No é la Rai ch'a mal disarà, ansit,le informazion de TV a no baste plui.So sês come me, a pene ch'o sintîs cjacarâ di cualchidun o cualchialc o di cualchibande o lais imediatamenti su internet a controlâ. So leèis un articul sun tun gjornâl, su internet, a cji dan subite i links e hyperlinks par controlâ imediatamenti di ce ch'al si trate. Risultât: Prime a cji bastavin trê minûts e cumó, sa no tu stâs atent a tu sês aí trê oris dopo e tu saltis fûr cun tune sporte plene di rôbe ch'a no tu vevis bisugne di comprâ:-).Par furtune che in glêsie, lis predicjis a no son ancjemó fatis cui hyperlinks senó guai.Guai? Forsit no tant, al mi plasarés ben se un plevan, par ilustrâ le sô predicje di Pasche, al tiràs fûr chel film di Pasolin dal vanzeli seont san Mateo ch'o no soi mai rivât a viodi. Ma o scometarès che ancje il plevan al profitarès de ocasion par fâmi il so spam o cuintri Bush o cuintri vint o pro Vatican e alore o no saltarès fûr plui di aí che par lâ tar...Chel puèst indulà ch'a si reste ancjemó libars di pensâ e indulà ch'o mi cjati cumó:-)E al é di aí ch'o mi domandi alore so no vês voe di organizâ le campagne anti spam cun me...Tar chest mont indulà che il bon al devente trist e il trist al devente bon il vêr al é fâls e il fâls al é ancjemó plui fâls,al sarès l'ideâl! Come che ancjemó tai cessos il spam a nol é rivât al sarès timp di pensâ a lanciâ une cjarte igjeniche anti-spasmo.I slogans a sarèssin:-Doprait le cjarte anti-spam. - Mostrait le vuestre personalitât. - Ribelaitsi! - Fate il gjesto gjusto:-) - Cui no saressial pront a adotâ le idee? Daspó, par fuarce, chel ch'a nol varès capît il parcé che sù le cjarte igjeniche al é scrit vive Berluscon o vive Veltron, al savarès subite ce ch'al a di fâ:-) - Joiii, la int a larès a cagâ ancje zence vê bisugne:-)A si deventarès cussí sciors che finalmenti la nestre cjarte igjeniche a sarès fate di biliets da cent...Anti-spam garantîts:-)Daspó visitant i musei vaticani, enfre lis madonutis fosforescents e i CD di Voitila, ancje il toilet paper sant e benedet pai cûi delicâts, consacrâts o da sconsacrâ.
Al parlament, dopo chei de mortadele o vin di pensâ ai aversaris che a doi pàs di dîlu a no domandaressin miôr di fâ le lôr cagade par mostrâ cun ce cjarte ch'a si sùin:-)
Alé op, vonde cussí. ch'o ai ancjemó di fâ le traduzion par talian.





Ormai, con internet, appena apri la porta di casa, é come se tu aprissi un tiro a segno.
Gli antispam venduti da Eurosoftware, ditta americana affidabile, ne sono un bel esempio (ricevo dieci spam alla volta per tre volte al giorno e in tutte le lingue).
Non é la Rai che mi dirà il contrario, anzi, se siete affidabile come me, l'informazione TV non basta e appena sentite qualcosa su qualcuno da qualche parte, andate subito su internet a verificare. Leggere un giornale senza che l'articolista non ti mandi lui-stesso su internet é raro, tanto vale allora legere l'articolo su internet dove immediatamente le parole chiave sono dei hyperlink e puoi controllare immediatamente. Soltanto che se non stai attento (a) invece di tre minuti hai bisognio di tre ore e ne esci fuori con una sporta piena di cose che non avevi bisogno di comprare:-)
Per fortuna, in chiesa non é ancora cosí ma se per illustrare la predica pasquale il parroco tirasse fuori il film di Pasolini che non ho ancora visto,"Il vangelo secondo san Matteo" io non sarei contrario. Solo che, scommetterei che anche il parroco non mancherebbe di aggiungere qualche spam papale con botte da urbi et orbi. A questo punto, per un bisogno urgente, mi rifugierei nel solo posto dove si puó ancora rimaner tranquilli coi suoi pensieri e dove mi trovo adesso seduto col notebook:-)
E appunto da qua che mi viene l'idea di organizzare una campagna antispam. Al giorno d'oggi dove il vero é falso ed il falso é ancora più falso come il bello é brutto ed il brutto é bello ci sarebbero soldi da guadagnare. Qua lo spam non é ancora arrivato éd é il posto ideale per lanciare una carta igienica antispam.
Gli slogan sarebbero:
-Adopera la carta antispam!
-Mostra la tua personalità!
-Ribellati!
-Fai il gesto giusto!
Chi non sarebbe pronto ad adottare l'idea?
Se poi, uno non capirebbe il perché sulla carta igenica c'é scritto Berlusconi o Veltroni, immediatamente saprebbe cosa fare:-)
Inutile dire che al parlamento, dopo i mangiatori di mortadella, gli avversari, già pronti a dirlo sarebbero subito pronti a farlo e mostrare con che carta lo farebbero:-)
Non é questa un'idea di buon gusto tipica della società moderna?
Anche ai turisti dei musei vaticani, tra una madonnina fosforescente e un CD di Voitila non é detto che un rullo di carta benedetta non farebbe felice qualche futuro santo in attesa di farsi una risata.

23 mar 2008

Jó e Magritte I Magritte ed io


O sês duncje in tun blog creatîf e alore di tant in tant al bisugne fâ cualchi cimiade par mostrâ alc e tabaiâ di mancul. Chiste vôlte (O îse simpri chê?) a é la Capucine ch'a me a ispirade. Ch'a sêti parcé ch'a é une biele femine inteligjent o une poetesse, al é biel di fâsi provocâ in duel, di panicâ un secont e po di vê une smorfie di sodisfazion cuant che l'idêe a cji svintule sot dal nâs, di fâ une copie , di cjapâ un pinelin e un biro, un taiarin e di scomençâ a torturâ le idee. E come ch'a mi veve lassât le sielte des armis, vele achi ve.
Dut al é vignût fûr parce che in tun discors o vevi citât il cuâdri di Magritte ch'o ai vidût a Madrid al museo Thyssen e ch'al s'intitule: La clef des champs. L'espression, cjapâ la clef des champs a volarès dî, svignâse, lâssint ben plan ben plan. Magritte, ch'al stave a cualchi cjase plui in sù di me, naturalmenti a i plaseve toli pal cûl e fâ scherzos. Po ben, ancje a mi e alore intitulin cheste piruete: La clef du lac ma so cjatais un'altri titul, jo no soi contrari.Chel ch'al impuarte al é chel ch'a us tocje.

Siete dunque in un blog creativo. Allora tanto vale far qualche occhiolino di tanto in tanto per mostrar qualcosa e parlar di meno. Questa volta (Oppure é sempre quella?) é Capucine che me l'hà ispirato. Che sia perché é una bella donna, poetessa ed intelligente, é bello di farsi provocare in duello ed aver paura di perdere per poi fare una smorfia di soddisfazione quando l'idea ti sventola sotto il naso, di prender una copia del suo lago, una biro, un pennellino, un coltellino e d incominciare a torturare l'idea con un sorriso sulle labbra:-).Siccome m'ha lasciato la scielta delle armi: Ecco qua il risultato.
Tutto é nato su un discorso sul quadro di Magritte intitolato "la clef des champs" che ho visto al museo Thyssen di Madrid. L'espressione francese: Prendre la clef des champs, vuol dire svignarsela alla chetichella. Magritte, che stava a qualche casa dalla mia sarebbe contento di avermi come vicino perché gli scherzi mi piacciono anche a me e cosí intitoleri questo occhiolino sul lago: La clef du lac:-) Naturalmente potete cambiar il titolo. Quel che importa é che il titolo sia in rapporto con ció che vi tocca.















Altri articoli da vedere sù Magritte:

Pausa


Il bal des furmies / Il balletto delle formiche

video

Cualchi vôlte al baste cjalâ par tiare par scuviergi dut un altri mont.

Qualche volta, basta guardar per terra per scoprire un altro mondo.

Parfois il suffit de regarder par terre pour découvrir un autre monde.

Sometimes you have just to have a look at the ground to discover another world.

Algunas veces basta mirar el suelo para discubrir un otro mundo.

Jakis raz jezely patrzisc do ziemia odkrycisc cos drugiego.

Un scritôr furlan: Mauro Tedeschi

Artist e furlan como ch'a si devi, al é nassût in Cjargnie e al é lât a finî a Verone. Al si puedarès dî che come un grum di nô al é nassût in Friûl e al é finît di fûr.
Jó lu vevi cognossût cun le ghitare in man ch'al cjantave lis sôs cjançons tes fiestis di www.cjargne.it indulà che pôc a pôc al a scomençât a scrivi romanzos a puntadis. Oramai al é scritôr confermât e al é bielzà rivât al so tierç libri ancje s'al continue a fâ il perît in informatiche. Furlan di pâri e di cûr, a nol sà fâ di mancul di ambientâ lis sôs storiis sui puèscj indulà ch'al a passât le so gjovinece seben che une vile come Verone e a un grum di rôbis par fâ dismenteâ il treno ancje a un ferovîr. Come ch'al sucêt di spès, al bisugne che prime un al sedi cognossût di fûr
parché i furlans a si disedin che forsit, cuissà, a sarès ore di interessâsi a chest personagjo. Infat, o ai savût che s'al a vût succès cul so libri, dome cinc par cent dai soi letôrs a son furlans!
Duncje, no stait a fâ smorfiis s'a nol a scrit in furlan e comprait d'istés il so libri so no lu vês ancjemó fat e so vês un blog blogaitlu che se par une vôlte in tant o no cjacarais di grafitis nissun us disarà nuie.
Par savent di plui:
http://www.cjargne.it/libri/ROCCAVENTO.html
Infos complementârs achi sot te aree taliane :
«Roccavento» è l'ultimo romanzo scritto da Mauro Tedeschi. Una storia ambientata nei paesaggi della Carnia e incastonata nel lontano Risorgimento Italiano: il Lombardo–Veneto (e quindi anche la Carnia) è retto dal vicerè austriaco e fa parte integrante dell'impero asburgico. «L'Austria amministra bene il territorio, ma esercita un controllo occhiuto, esasperante, giovandosi di elementi locali opportunisti che sanno sempre annusare l’aria che tira e sono infallibili nel gestire i proprio affari» Una storia d'amore e di passione civica dove «gli ideali, le battaglie, i sogni di una generazione sepolta nei libri di storia, riemerge grazie ad una avvincente vicenda umana». Siamo nel 1847 e «nel paese di Roccavento (alias Cercivento, n.d.r.), si affaccia la figura di un forestiero», il giovane ebreo veronese Guido Ottolenghi, «cercatore di minerali, che ha stipato nel fondo del baule molti segreti. La montagna, nel perpetuo trascorrere delle stagioni, assiste muta a varie interpretazioni del divenire italiani. Chi si immola affrontando guerre sanguinose e sfortunate e chi si barcamena tra interessi privati di piccolo cabotaggio». E nella storia della Storia emerge la figura di una donna, l'austriaca Terese, architrave del racconto di un amore impossibile; «Terese, tormento e sogno inappagato, che lo aspetta oltre i confini, oltre le contrapposizioni, oltre la morte stessa». Un amore sincero che costringerà il protagonista ad una scelta lacerante: «Amore per una donna, amore per un ideale di Nazione che portò a morte 'gratuita' migliaia di giovani, spinti solo dal desiderio di libertà». Queste le coordinate di una vicenda descritta con impeccabile bravura dall'autore, che si muove all'interno di un contesto ambientale che denota la profonda conoscenza dei luoghi della propria infanzia. «Nulla è lasciato al caso -scrive Alfio Englaro nella sua recensione - ma ogni particolare assume un preciso significato, soprattutto per noi carnici, che rivediamo i nostri luoghi familiari diventare le quinte di uno spettacolare set di azione, per di più inserito in un'epoca a noi quasi totalmente ignota». Il racconto, lontano da ogni retorica nazionalista, della vita di un ragazzo di allora, forse solo un po' diverso, che sentiremo alla fine uno di noi. Una Nazione mai nata ieri, una Nazione senza (quei) valori, oggi. In molti si chiedono: «Che senso ha oggi affrontare in un romanzo un argomento tanto lontano, mentre il mondo si aggrega in una pangea di terre senza confini economici, immerse in un’offerta indistinta di prodotti e servizi, dove ai diritti umani si può derogare, ma al primato dei soldi assolutamente no?». Guido vede nell'Italia una possibilità di riscatto per sé e per la sua gente e si avventura in una storia tortuosa e affascinante, che lo porta nell'estremo Nord della Penisola, al fine di assolvere una importante missione di cui egli stesso ignora la natura. Il contatto con un popolo, quello aspro e generoso della Carnia, nel quale finisce per identificarsi, l'amicizia, i rischi mortali, il feroce confronto con il nemico invasore pervadono una vicenda tutta da leggere.

22 mar 2008

Pushkine

Al pitôr Oreste Kiprensky a i a dite: Al mi somee di viodimi in tun spiêli e che il spiêli al mi lusinghe.
Al vernissage di une mostre o pensavi di vê vût il privilegjo di incuintrâ l'ûltim nevôt di Pushkine ch'al sta a Bruxelles et ch'al é maridât cun tune belga. Nue di particolâr, al someave plui impaçât di me scierantmi le man e plui timit dime cuant ch'o vevi 20 ains. Cjacarant di chest a cualchi russofono, imediatamenti, a si son mitûts a ridi. Impossibil par lôr di crodi ch'al sedi l'ûltim nevôt cun dutis lis feminis che Pushkine al a vût. Come ch'al ere un aristocratic, al timp dai zars, al ere come da nô al medio evo e il paron al veve il dirit di vite o di muart sui abitants des sôs tiaris e duncje ancje il dirit di cjapâ lis plui bielis puemis dome pal so plasê. E al é ce ch'al a fat ma golôs e avit di vite, lui al si inamorave simpri di cualchidune tant al é ver che l'an passât, a vevin fintramai fat un lunari cun lis dodis plui famôsis aristocratichis ch'al veve cognossût e cjantât tai soi poemas. Le storie, nus plate parfin le relazion d'amôr ch'al veve cun so sûr tant ch'al ere maridât cun le plui biele femine di Mascje ma ce vino di savê di plui? Nol nus bastie di savê ce ch'o savin?
O cji amavi cussí sinceramenti e cussí teneramenti ch'o varès podût domandâ a Diu un'âltri omp par amâcji come me.
A no si sà par cuâle biele al vêti scrit chescj versos ma di sigûr a nol ere gjelôs, dome ch'a nol podeve maridâ dutis lis feminis ch'al incuintrave.

PSsst: Come che tradusi peraule par peraule o cjati noiôs, us rivarà di cjatâ che lis mês traduzions a no son simpri regolârs.

Al vernissage di una mostra, pensavo di aver avuto il privilegio di dar la mano all'ultimo nipote di Pushkine che, sposato a una belga, abita a Bruxelles. Niente di particolare, lui sembrava più impacciato di me adesso, e più timido di me quando avevo 20 anni.
Parlando di questo con cualche russofono, immediatamente, ne vennero fuori delle risate.
Impossibile per loro di credere che questo fosse l'ultimo nipote sapendo quante donne Pushkine ha avuto nella sua vita. Da aristocratico, al tempo degli zar, anche lui aveva il diritto di vita o di morte su tutti gli abitanti delle sue terre e si dice che già da giovane si fosse innamorato di qualche bella contadina. Goloso di vita e di donne, lui era sempre innamorato di qualcuna anche se già sposata ed é cosí che morí in duello per salvare il suo onore da un'accusa non giustificata...Altri tempi. Oggi, si fanno dei calendari con le foto delle dodici più belle donne dell'aristocrazia per le quali, se non ha avuto rapporti provati, ha almeno composto dei versi per loro. La storia ci nasconde i dettagli della relazione amorosa che aveva con sua sorella mentre pertanto era sposato con la più bella ragazza di Mosca ma perché dobbiamo saperne di più, cosí non basta? Una vicina di spirito, al vernissage parlando di questo, mi recitó con tanta passione e di memoria l' estratto di uno dei poemi di Pushkin che gli chiesi di tradurmi in inglese e dunque in italiano dovrebbe all'incirca suonare cosí: Ti amavo cosí sinceramente e teneramente che avrei potuto chiedere a Dio di darti ancora un'altro uomo per amarti quanto me.
Non só, di quale suo poema provenga, né a quale suo amore questi suoi versi siano stati dedicati.
Forse lo sapró al prossimo vernissage. Altrimenti, ne inventeró uno:-)

21 mar 2008

Videoclip Buine Pàsche


Al sarà forsit parcé ch'o mi soi interessât ai fruts, o ben parcé ch'o mi soi fat frut par un moment indulà che le fieste di Pasche a rive plui adore e ch'o vevi mitût il videoclip su internet 3 setemanis fa. Dutcâs, zence dî nuie a nissun furlan, il video al é bielzà stât visionât 350 vôltis. Da chel ch'o ai vidût, come che le magjorance dai scoltadôrs a lu fasin vie pe gnot al ûl dî ch'a son o merecans o australians o asiatics. Cinq sitos o blogs lu an integrât tes lôr pagjinis e enfre chei, un sito inglês e un francês. Insome, ancjemó une vôlte, al si disarès che le lenghe furlane al conven di cjacarâle plui cui stranîrs che cui furlans:-) Duncje so us auguri Buine Pàsche, no stait a cjapâse mâl:-)

Sarà forse perché sta volta mi son interessato più ai bambini oppure che mi son sfogato nel far fanciullagini, fattostà che il clip, in tre settimane é stato visto 350 volte. Da quel che ho notato, é sopratutto la notte che succede. Questo vuol dire che gli americani o asiatici o australiani sono più numerosi che gli europei. Che siano tutti friulani emigrati? In ogni modo, ci fa vedere che la lingua friulana conviene di più a parlarla con gli stranieri che con gli autoctoni:-) Scherzi a parte, non l'avevo detto a nessuno ed aspettavo l'ultimo giorno per vedere quale friulano per primo lo avesse caricato. A parte un archeologo, che chissà cosa cercava ieri, non ho ancora visto nessuno:-) Grazie a tutti per avermi lasciato l'esclusiva e di potervi suonare le campane augurarandovi Buona pasqua in friulano :-)

20 mar 2008

Primevere daurman / Primavera subito


Le societât e a bisugne di poesie come le gnot e a bisugne di stelis o disevi chê âltre di...
Ma vuê o vin bisugne di primevere. Le primevere a si gjolt dome une vôlte ad an Tant al vâl scomençâ a gjoldile a pene che rive.
La società ha bisogno di poesia come la notte ha bisogno di stelle, dicevo l'altro giorno ma oggi abbiamo bisogno di primavera. Subito. Si gode solo una volta all'anno allora meglio se si incomincia subito.
Estratto di una poesia di Piêri Zorut (1792-1867)
Nine, ce biele sere! Stelis a mil a mil e nassin daurman, fodrin il cîl; e intant il ventesel di primevere la jarbe e i flôrs al sborfe di rosade. Nine, ce gnot beade! Culì, mê cjare Nine, culì sun ste coline, sun ste sieste, vicin al spissulon, culì che primevere nûl tan' bon, sinte, miò ben: ca il rusignûl ti spiete, pâr che al disi ancje lui: "Sinte, polzete". Cjale ce gnot! e va par ogni vene...
Il rest achi: http://www1.cuni.cz/~cadorini/furlan/L8.html




Jiulia e James

video
Julia, forsit une furlane nassude in Inghiltere a si é sposade tal 2005 cun James un scozês e pal lôr matrimoni a vevin pensât di ripeti il senario di dirty dancing e di metilu su youtube zence pensâ trop ch'a saressin deventâts famôs. Cun plui di un milion di clics a no an ancjemó finît di sei invidâts par dut tal mont par contâ le lôs storie.
Bisugne dî che le serade a ere propite ben vignude. Cjalait pluitost achi.

Giulia, (l'altra:-) italiana nata in Inghilterra si é sposata nel 2005 con James uno scozzese e per il loro matrimonio avevano pensato di ripetere lo scenario di Dirty dancing e di mettere poi il film su Youtube senza pensare che il filmino sarebbe diventato famoso come il film Jules et Jim di Trouffaut. Con più di un milione di clic, la coppia non ha ancora finito di girare il mondo delle TV
come invitati d'onore.

Bisogna dire che la serata era veramente ben riuscita.

Fate un clic anche voi.

19 mar 2008

Primevere / Primavera

Le primevere aé daûr a zuiâ tra il va e il ven ma le voe di fâle finide cul invier a é permanent. Dutcâs o ai il sorêli tai pinsîrs e o ai fat cjantâ lis rôsis e balâ lis paveis.

La primavera scherza tra il va e torna ma ho il sole nei pensieri e vorrei che l'inverno se ne andasse definitivamente e per questo ho fatto cantare i fiori e ballare le farfalle.

18 mar 2008

Il Vâs Magic / Il Vaso magico

video

O eri daûr a preparâ un gnûf video par Pàsche cuant ch'o ai cjatât chiste idee di fûr 'te terace. A si ofrís il vâs ae sô biele. Jé a lu cjape e lu met da bande crodint ch'a tu âs dismenteât di meti drenti lis rôsis. Ma dopo un pôc... (Frache sù le freciute par meti in moto il video)

Stavo preparando un nuovo video per Pasqua quando ho incontrato quest'idea:-) Si offre un vaso alla dama dei propri sogni. Lei lo prende e lo mette da parte credendo che tu hai dimenticato di metterci i fiori. Ma poco dopo... (Fai un clic sul cursore per il video)

J'étais en train de jouer au plus malin avec moi-même quand j'ai eu cette idée . Offrez ce vase à l'élue de votre coeur. Elle pensera que vous avez oublié d'y mettre des fleurs... Mais soudain...

I was looking the sky outside my balcony when I found an idea. It's a magic flower pot to offer to your sweetheart. She will be astonished because there is no flowers inside. But suddenly...

To send the clip to somebody use this :http://fr.youtube.com/watch?v=JKw6z8YcLL4

Par mandâ il clip, dopre chest leam chi sôre. Per inviare il videoclip a qualcuno usa il link sopra.

17 mar 2008

Le Pàsche di agne Lene / La Pasqua di zia Lena

Agne Lene , a ere le ûltime de valade a vê tignût une vacje.
Fin tal inprin, agne Lene le veve bateade Mila la sô vacje e, sicome ch'a ere deventade le uniche vacje dal paîs ducj a i volevin bon come ch'a fos stade le lôr vacje.
E ce bon ch'al ere chel lat! Ducj a lu vevin zerçât amancul une vôlte il vêr lat di vacje come che oramai a no s'in cjate plui in nissun luc.
-Bondí Agne Lene, cemût stae la Mila po? Ai disevin le int cuant ch'a le viodevin.
Agne Lene da un pôc a rispuindeve cun tun rideç e abituade tant ch'a ere a vê simpri lis stessis domandis a continuave tal so fâ o a cjacarave di alcâltri.
- Dopo une estât e l'atom simpri di fûr la Mila a no rivave a rasegnâsi di fâ l'invier simpri di dentri e ogni dí e a pene ch'a veve le ocasion di lâ fûr par lâ a bevi te l'agadorie a scjampave jù pal paîs par lâ a viodi se il so taur come ogni ant a le spietave tal prât di là dal stradon.
Agne Lene, o ch'a veve dismenteât di meti i stivâi o che in chê di a no veve voe di corigji daûr a no i veve né sberghelât né maledete né nuie come ch'a faseve simpri ma a ere lade al telefono a clamâ chel sior di Tumiec ch'a i veve lassât il numar.
La Mila, tant che agne Lene a no cjapave le uiscje, al sior di Tumieç a no i crodeve. A saveve ben ch'a diseve cussí dome par fâle lâ dentri e no si moveve dal prât, a dave une muide e a cjalave di chê âltre bande.
Ch'a vedi vût un rafredôr o une bronchite, agne Lene a veve bon tossi, nissun a nol s'interessave di jê e a i domandavin dome de Mile e cussí, forsit par vie d'un tic gjelôsie o ben ch'an vêve un gôso di scuignî stâ simpri ator a di chê vacje, in chê dí a le veve vindude.
Vindude? Tal paîs, ducj a cjacaravin dome di chel. Come se Agne Lene a ves vendût le lôr vacje personâl.
-Ma se il stâli al ere ancjemó plen di fen parcé vendi le vacje?
-Al vignive pur sù ogni ant chel dal taur, no?
No capivin parcé ch'e cumó a vevin di lâ a comprâ il lat dal Coop. Invesit le parone dal Coop a si sfreave lis mans parcé che a vendeve 20 litros di lat in plui ogni dí.
Par no fâ vaî le nieçute, ch'a veve di vignî sù par Nedâl , agne Lene a veve comprât une copie di cunins e ju veve lassâts libars tal stâli par che le frute a no vaiedi. Ancje a agne Lene, a i vignive di vaî ogni vôlte ch'a pensave a le sô vacje ma pôc a pôc enfre un mal di schene e un rafredôr il timp al ere passât vie.
Le sorprêse di Pasche
A Pasche dute le famee a ere a taule, i ûs, le cjicolate, il paneton, i cjarsons, e dut il ben di diu al ere pront sù le taule alineât in linie drete come sa si ves vût di scomençâ da diestre a sinistre ma cualchidun al varès vulût scomençâ subite in tal mieç...
- No, prime tu âs di mangjâ la mignestrine e dopo le cjar. A diseve so mâri a e piçule Linda.
- No, prime o ai di viodi i cunins e dopo o mangji. A veve rispuindût la Linda cjalant agne Lene.
- Joissus! A veve dite agne Lene, como ch'a fos stât une catastrofe.
- Joissus! A veve ancjemó zontât lant fûr tal coridôr.
- Joissus... A continuave di dî metint i stivâi.
- Joissuuus...
E Agne Lene a ere sparide vie disint ch'a lave a cjoli un cunin ma che le piçule a veve di restâ a taule.
Ma dopo un quart d'ore, agne Lene a no ere ancjemó tornade e ducj a spietavin di scomençâ a mangjâ. So fie a ere lade a cirîle e no tornave dongje nancje chê. Il so omp al veve finît di lèi il gjornâl e al tacave a vê fan, ce sacrabolt fasevino alà, po? E vie a viodi ce ch'a fasevin.
I fruts a erin restâts di besôi cul compit pal plui grant di cjalâ de piçule ch'a ere zà rivade a gleti un toc di cjicolate zence che nissun le viodi. A si viodeve tai soi dincj marons cuant che dopo un pôc a veve dite a so fradi:
- Forsit che i cunins a son deventâts grancj come un lupo e a an mangjât le nône, le mame e il papa...
A si scuignive cjapâ un massanc e un manarin e lâ vie tal stâli, viergi le puarte ben plan ben plan e sei pronts a colpî.
Le piçule a diseve cussí a so fradi tant ch'a lavin vie pal troi enfre le cjase e il stâli.
- No stâ a vê pôre, o soi cun te, satu? A diseve mostrant il tomawak di plastiche, ch'a veve cjatât sot dal bancjon.
Viergint le puarte, ben plan ben plan par dâ le prime cucade l'odôr al ere cussí fuart che cuisà ce ch'al ere sucedût.
Viergint il rest de puarte a erin restâts mearaveâts. Agne Lene e ere daûr
a contâ 55, 56, 57... Scierait chê puarte! a cridave prime di tornâ al 55, 56, 57... scierait chê puarte ch'a sciampin fûr i cunins, mo! Ma i cunins a lavin fûr come fusetis. An varà stât un centenâr ch'a si saltavin intor un cun l'âltri... - 55, 56,57..., 55, 56, 57... Cemût fâ par contâ in che orgjie?
Viodint i fruts armâts come ch'a erin a si domandavin ce ch'a vevin intenzion di fâ.
E le mule par sigurâ ducj:
- No stait a vê pôre, a no vuelin mangjâus. No stait a vê pôre ch'a son dome daûr a zuiâ.
Sul che, o si son ducj mitûts a ridi come mats prime di rindisi cont che le puarte a ere vierte e che i cunins a continuavin di svualâ fûr come saetis.
Pascuete
Tal paîs, il dí de pascuete a erin ancjemó daûr a cori daûr dai cunins. Cualchi cjan al veve l'aiar beât e al durmive cun le panse in sù. Le gjate di agne Lene a no si ere fate preâ e tant che ducj a corevin daûr dai cunins a ere montade sù su le taule e a veve sbafât dut ce ch'a veve podût e cumó e a si ere platade a durmî di cualchi bande.
La Linda a veve otignût cinc chilos di carotis e na si le viodeve plui.
Joisuus. A diseve simpri agne Lene. Joisuuuus! E a menave il cjâf come par dî di no.
-Linda, anin a mangjâ, mo, ch'a si sfrêda.A cridavin de cjase al stâli.
-Si mo ch'o ven, spietait ch'o ai di distacâ un cunin ch'al nol sà plui distacâsi di besôl.
A cridave jù la Linda dal stâli ae cjase.
- Folc cji trai, và via a cjoli chê mula che cuissà ce ch'a fâs cun chei cunins! A diseve Agne Lene a di ducj.
Ma cui vevie dât lis carotis a Linda? Agne Lene po!. Alore ai tocjave lâ vie a jê a cirî le frute.
- Vignîso a mangjâ, po? A cridave le cjase al stâli.
Ma il stâli a nol rispuindeve.
Un a un a erin ducj lâts vie tal stâli
e dîs minûts dopo dal stâli a vignivin fûr tantis di chês ridadis ch'a no si sà cui ch'al rideve di plui.
Agne Lene a spiegave: -Dopo lis fiestis, cu le nêf ch'a ere colade, nissun nol ere plui vignût sù a viodile e jê, cul so mâl di schene, a no ere rivade adore a spalâ le nêf devant dal stâli par viergi le puarte e cuant ch'a ere lade miôr a no si ere plui impensade dai cunins. A veve ben vidût che il fen al ere sparît ma a pensave che lu vès mangjât la Mila prime di lâ. Insome, a no s'impensave plui, eco...A si ere impensade dai cunins dome cuant che la Linda, prime di mangjâ le mignestre a veve dite... A veve dite...Joii... Ce vevie dite? Agne Lene o ch'a no s'impensave o ch'a veve presse di ridi
E jù ducj a ridi come mats.
insome, le pâs a ere tornade tal paîs. d'in chê dí, a no vevin plui lat di vacje ma cjar di cunin a volontât

15 mar 2008

L'âgo di Ludario / L'acqua di Ludaria

Disint le peraule arigato ae âghe (Graziis in gjaponês) le âghe nus dà chest cristal.
Dicendo la parola arigato (Grazie in giapponese) ecco cosa risponde l'acqua tramite una goccia gelata e letta col microscopio

Invesit, sa si le insulte disint ch'a é idiote, viodêt achi ce ch'al sucêt!
Invece ecco cosa risulta con la parola "idiota"

E cole ai 14 di Març la "Zornade mondiâl da l’aghe" al dîs www.friul.net.
Ma o volarès cjacarâ di alcâltri par chiste ocasion. Vêso sintût cjacarâ di Masaru Emoto ? Un gjaponês ch'al a vût le idee di analizâ i cristai de âghe cul microscopi convint che le âghe a é plui vivent di ce ch'al si pense. Infat, so lais su internet o cjatarês dutis lis informazion. A si varès di invidâlu in Friûl chest japonês par viodi se propite le âghe di Ludario aé plui buine cuant ch'a si le cjante che cuant ch'a si le lasse cori.
Ce vuelial dî? Po ben, o viodarês che Emoto, us mostre cun lis fotos che l'âghe aé plui biele e plui siore cuant ch'a é tratade ben che cuant ch'a é tratade mâl. Ma veramenti, eh?
Al é 40 ains ch'a si sà che lis vacjis e dan plui lat cun le musiche classiche duncje parcé no le âghe?
Po ben, ancje le âghe, sa tu i dîs rôbis gjentîls e tu i mest musiche classiche a gambie in ben e un grum di vôltis ancje di gust. Pensait che in tun lâc dal Gjapon, dopo che une alghe canadês a veve stade butade drenti, a si ere talmenti svilupade che dut il lâc al ere infestât tant e si mâl chei pèsc a eri sparîts e che lis autoritâts, par evitâ i odôrs nauseabonts ai abitants dongje, a scuignivin tirâ vie ogni ant plui di mil toneladis di verdure. Emoto, cun cualchi centenâr di volontaris al si ere alore mitût ator dal lâc a preâlu di finîle di fâ porcarîs (insome a dî grazie âghe, o cji ami âghe, robis gjentîls...:-) e l'ant dopo, invesit di mil toneladis e an tirât fûr dome cent toneladis!!!
No îsal chest un esempli straordenari? Mi soi prometût di tradusi il CD fat da Emoto parcé che il sogjet al é interessantissim ch'al puès interessâ ducj i furlans e al puedarès dâ une pocade a interessâsi al furlan come ae âghe a chei che ancjemó a no lu fasin.
Un âltri esempli ch'o ai provât jó stès al é di viodi trop che le âghe a gambie di gust secont il recipient ch'o doprais par bevile. Esempli: Cjapait cualchi tace di vêri colorât ( Un blu, un ros, un vert, ecc.) e iemplaitju di âghe di robinet o dei âghe di butilie. Lassaile drenti amancul un'ore e po zerçait. O viodarês che di un colôr a chel âltri, le âghe a no a plui il stes gust.
Cumó, so sês in front di un spiêli daitsi une cjalade e diseitsi ch'o sês fats di 60% di âghe e che se lâghe in gjenerâl aé cussí sensibil, cuissà vuâltris trop ch'o podês sei sensibils ae vuestre âghe... Vêso capît?
Da doman, stait atents a cemût ch'o esponês le vuestre âghe. Miôr rôbis gjentîls e dôlcis che gnervôsis, agressîvis. Nue gjornale radio so sês daûr a mangjâ né rôbis ch'o no savês controlâ
Le armonie a varès di rivâ stant atents ae âghe ch'a si a in se. Chê ch'a si trai e chê ch'a si bêf aé impuartant come chê ch'a si ten. L'inquinament a nol é dome il tubo di scaric, al é ancje cê ch'al ientre pes vôrêlis, pai vôi, pe bocje, pal nâs, pe piel e pe bocje ch'al influece il nestri cernêli. Il nestri cuarp al é cussí complicât che cuant ch'a si cjape une maladie a no si sà di indulà ch'a ven, tant al vâl stâ atents cemût ch'a si trate le âghe dal cuarp.
La giornata mondiale dell'acqua cadeva ieri il 14 marzo dice l'articolo su www.friul.net

Colgo l'occasione per parlare di Masaru Emoto, un giapponese che ha avuto l'idea di analizzare l'acqua, prima e dopo averla esposta alle vibrazioni sonore di una parolaccia o di una complimento, di una imprecazione o di una preghiera, di una musica classica o a un hard rock ed ha trovato che la differenza c'é, eccome!
Se non si sà ancora come questo succeda , si vede subito come il cristallo sia più ampio e più armonioso dopo qualche dolce parola o un brano di musica classica. In fondo, sapevamo già da più di 40 anni che le mucche danno più latte con la musica classica e molti allevatori sanno che se si canta e si accarezza una mucca, lei darà più facilmente il suo latte.
Ma un'esperienza straordinaria é da citare: In un lago giapponese, forse più caldo che un lago alpino , era stato gettato un'alga canadese che in qualche anno, aveva fatto morire tutta la fauna e scomodava gli abitanti con dei vapori nauseabondi. Le autorità comunali prelevavano più di mille tonellate di queste alghe ogni anno ma Emoto, con qualche centinaio di volontari decise di tentare un'esperienza e per qualche giorno, una catena di gente sui bordi del lago pregava l'acqua di tornare come prima. Ebbene, l'anno dopo, solo un centinaio di tonnellate...
La capacità dell'acqua di memorizzare l'informazione sembra sia straordinaria. In fondo, i suoni non son altro che delle vibrazioni e poiché, si sa, nella nostra voce c'é il riflesso delle nostre emozioni, a partire dal momento che si saprà leggere nell'acqua molte cose diventeranno possibili. Per il momento, l'acqua sembra mostrarci delle cose che non sappiamo capire. Sapendo peró che il nostro corpo é costituito al 60% d'acqua, da domani si dovrebbe stare attenti a come la trattiamo. Meglio esporla alle gentili vibrazioni di una parola dolce che a un rumore aggressivo o spiacevole. Sopratutto, niente giornale radio durante un pasto.
Chissà, forse un giorno, cambieremo le abitudini. Invece di dirci buongiorno ci daremo un complimento diretto all'acqua che é in noi, un pó come in quelle tribù dell'Amazonia dove per salutarsi si palpano il sesso. Massaru Emoto é convinto che già cambiando il nome del mar morto si potrebbe farlo rivivere.

Ognun i soi grafitis / Paese che vai...

Le voe di esprimisi nus fâs cualchi vôlte saltâ i plombs e sa no si puès fâsi sintî o viodi in tune maniêre a si lu fâs in tune âltre. Al si puedarès ancje dî: Paîs ch'a tu vâs grafiti ch'a tu viôts. Naturalmenti achi a no si trate plui de scrite salvadie tirade di nascuindon cuintri un politic o cuintri no si sà cê. Achi o vin un pitôr ch'a nol rive a esponi in tune galerie alore al piture le galerie che tar chest câs ae la entrade di un tunnel dal semi-metro fûr di Bruxelles.

Si potrebbe dire: Paese che vai grafiti che trovi. All'entrata di un tunnel del semi-metro fuori Bruxelles, un artista sconosciuto si espone... Adesso aspetto di vedere un poeta reclamare l'attenzione anche senza firma invece dei soliti scarabocchi illeggibili firmati da ignoti.

Posted by Picasa

14 mar 2008

Libris furlans su internet/Libri friulani su internet

No ai ancjemó cjatât nissun in Friûl, ch'al vendi alc par internet cun le cjarte di credit. O sai, la difidence in Italie aé cussí svilupade ch'al si disarès che nissun al vêti alc di vendi e semai a vendin alc, alore al bisugne fâ come al medio evo... A Trevîs, o cirivi un albergo par internet e une vôlte cjatât, o proponevi al gestôr le me cjarte di credit par telefono, visto che tal so sito nol ere scrit nue. Nol a volût. Il massim, o scuignivi paiâ in anticipo par bancje...Po ben, o volevi diûs che libris par furlan a si puès comprâju par internet e cjarte di credit ma in AMERICHE.
Infat, Ermes Culos, ch'al a tradot le divine comedie di Dante e l'Amlet di Shakespeare, a ju vent su http://www.lulu.com/eculos
Prest, al si varès di cjatâ il so libri intitulât: Cjaminant cun Lolli.

Non ho ancor trovato nessuno in friuli che venda qualcosa su internet con la carta di credito. Lo so, li diffidenza in Italia é dominante tantevvero che si direbbe che nessuno abbia cualcosa da vendere e semmai si avventurano a farlo, allora si fa come al medioevo...A Treviso, cercavo un albergo via internet e dopo averlo trovato proponevo per telefono al gestore la mia carta di credito perché, nel sito non c'era traccia sulle condizioni per le riservazioni. Ebbene non ha accettato. Voleva solo un vaglia o un bonifico anticipato.
Ma volevo dirvi che libri in friulano si possono comperare su internet con la carta dui credito ma in America. Questo, grazie a Ermes Culos, scrittore friulano in America che ha messo i suoi libri su
http://www.lulu.com/eculos dove tra poco si dovrebbe trovare anche il suo ultimo libro: Cjaminant cun Lolli
Camminando con Lolli.

13 mar 2008

Giochi di mano... Zoucs di man...

Cualchi vôlte, sintint cualchidun ch'al dîs ch'a nol sà ce fâ par vivi al mi fâs pene, cualchi vôlte o volarès udâlu, insome dai un colp di man...Eco, alore lis mês mans par chei ch'a no san ce fâ cun las lôr. Decorazion fate pal stiliste Olivier Strelli. tal cjesciel di Seneffe (Ch'a somee un tic a Villa Manin)

Qualche volta, sentendo lagnarsi qualcuno dicendo che non sà cosa fare per vivere gli darei volentieri una delle mie mani in mano. Giusto per dargli l'idea. Poi ne farà quel che vuole.
Decorazione per Olivier Strelli. nel castello di Seneffe.
Posted by Picasa


Psst: Come si fa una mano: Si immerge una mano in un secchio riempito di silicone liquido. In questo caso é la mia. Quando il silicone diventa duro, e cioé 24 ore dopo... Scherzo, il silicone dev'essere "accelerato" in modo che in una ventina di minuti sia duro ma abbastanza elastico da poter ritirar la mano:-)

Poi nello stampo in silicone, si cola vetroresina, poliuretano, gesso, e anche cioccolato...Interessante eh? Cosicché, se mi chiedete una mano sapete già cosa vi daró:-)

Il plasê dai vôi / Il piacere degli occhi

video
Tant ch'o sin sù chiste tiare, tant al vâl fâsi plasê e rangjâsi par vê une biele vite. Se il nestri plasê al dipint dal nestri gust al é inutil di imponi il ros o le civole cuete a un ch'a i plâs dome il vert e le civole crude. Duncje chest bust animât come un arbul di Nedâl lu ai fat par meti tal bagno. Cul Jacuzzi devant, al mi reste dome di sincronizâ lis bufulis de âghe cun le frequence des lûs e o podarai invidâ cualchidune a fâ il bagno da me :-) Baste ch'a mi disi ce musiche ch'o ai di meti in sotfont e ce fragranze da meti in te âghe.
Finché siamo su questa terra, tanto vale farsi piacere e avere una bella vita. Se il nostro piacere dipende dai gusti che abbiamo, non é mia intenzione di imporvi questo ipnotico-nevrotico busto
animato come un'albero di natale. L'ho fatto solo per me. Adesso mi basterà solo sincronizzare le bollicine del Jacuzzi con la frequenza delle luci e potró invitare gli amici e le amiche a fare il bagno in casa. Basta farmi sapere che musica dovró mettere in sottofondo e che fragranza aggiungere all'acqua del bagno:-)

12 mar 2008

Concors di poesie /

Il Comun di Verzegnis e la Societât Filologjiche Furlane a presentin il

Concors internazionâl di Poesie
"Premi Gjso Fior"
7me edizion

Il concors, a teme libar, al è par autôrs che a scrivin par furlan e al cjape dentri une sezion di pueste pai fruts des scuelis primariis furlanis
Par presentâ lis voris, di mandâ al Comun di Verzegnis, al è timp fin ai 31 di Març dal 2008
Viôt il regolament intîr sul nestri sît internet www.filologicafriulana.it

PS. O vevi zà anunciât chest concors in dicembar ma al é juste par dî ch'al scomence a essi tart so no lis mandais pe fin dal mês. Le Filologjiche invesit di scuelis primariis furlanis a veve mitût
dal Friûl Vignêsie Julie ch'o cjati ridicul sia pe lungjece che pal mût di crodi ch'al é obligatori di dî cussí invesit di dî Friûl tout court o miôr ancjemó Furlanie che par un concors di poesie al é ancje plui poetic. Come se chest concors al fos pai triestins o i venezians. So vin di disi monadis par sei politicamenti corets, tant al vâl ch'ol in disi une ancje jó ch'o no ai nissun politic da rispietâ, ch'o sêpi:-)
Altri post sù le poesie furlane

10 mar 2008

O le mode o le muart / O la moda o la morte

Cun tune disine di academiis dedicadis as bielis arts, al scuen ben saltâ fûr di tant in tant cualchi fenomeno da Bruxelles, no? Par iscrivisi, al coste sui 500 euros ad ant ma al coste dome 140€ so lais ai cors serâi. Cussí un grum di zovins francês e stranîrs di ogni sorte a puedin lavorâ vie pal dí e fâ 3 a 4 oris di scuele le sere.
Ma ce studiâ? Naturalmenti lis arts principâls a si cjatin in dutis chestis scuelis ma tes dôs principâls a si studie ancje le mode e il stilismo. Le plui prestigjôse ae l'Academie de la Cambre ch'al ere un convent e si cjate in tune cunete plene di vert tal mieç de sitât. Ma cun l'Academie Royale d'indulà ch'o soi vignût fûr ancje jó, a son un pôc antagoniscj come i colegjos di Cambridge e di Oxford. Al é di aí ch'al é vignût fûr ancje Olivier Theyskens ch'o cjatarês achi tal clip ae fin de sfilade di Nina Ricci. Al é un di chei zovins lupos plens di talent ma ancje plens di rigôr e di etiche come ch'a no s'in cjate che raramenti e cul cuâl o ai vût il privilegjo di lavorâ. Dutis lis mulis ch'o viodês a vegni de stesse regjon de Russie reputade par vê lis mulis cun lis gjambis plui lungjis dal mont Con la decina di accademie di belle arti che ci sono a Bruxelles, non é straordinario se di tanto in tanto ne esca un prodigio. Of course, il talento si deve averlo prima, ma non é nei deserti che si trova il miglior posto per crescere. La vita culturale ha molta importanza. Gli incontri e le possibilità sono più numerose in una città. Dunque, dopo sei anni, se tutto va bene, si esce pronti a credere che il mondo dovrà adesso fare i conti con te e ci si tuffa a capofitto nei problemi materiali. Molti si reciclano, qualcuno non lo ammette e rimane disoccupato tutta la vita, una piccola minoranza insiste e ci crede e finisce per trovare la sua strada. Uno di questi é Olivier Theyskens per il quale ho avuto il privilegio di lavorare fin da principio della sua carriera e che adesso é il creatore di Nina Ricci e che troverete alla fine del videoclip.

09 mar 2008

Lis replichis

Le pagode ch'o viodês daûr a sarès une pagode cinês e chiste fontane cul Netun a sarès le fontane ch'a si cjate sule Piazza Maggiore di Bologne. Ce dî, che i cinês e an copiât ancje chê? No, il re dal Belgjo ch'al passave une dí a Bologne al a volût vê une copie de fontane e po, lant a l'expo universâl dal 1900, al a vidût cheste pagode e al si é comprade ancje chê. I rès in chê vôlte a erin come i zars, a fasevin ce ch'a volevin. So fossis rès o regjinis, ce fasaressiso vuâltris?
La pagoda che vedete dietro sarebbe una pagoda cinese e questa fontana col Nettuno non é altro che la fontana che si trova sulla piazza Maggiore di Bologna. Ma allora come mai sono insieme? Ancora un colpo dei cinesi? No, questa volta é il re del Belgio che passando a Bologna ha voluto pagarsi la copia esatta della fontana. Poi passando per Parigi all'expo universale del 1900 si é comprato il padiglione cinese. Se foste re o regina cosa fareste voi?
Posted by Picasa

I .....miei


Cualchi vôlte al sucêt ch'a si tache a fâ une rôbe e a si finís par fant un'âltre. Ma no îsal biel di podê gambiâ di direzion se le ocasion a somee buine? Ancje cui colôrs ch'o pensavi plui neutros a son vignûts fûr plui francs. Ognun al fâs i sois. Chescj a son i miei. Giorgio Baffo, poete venezian, s'al tornàs vuê al mal comprarès. Lui ch'al si lamentave di vent dome un e ch'al varès volût vent un devant e un daûr (Viodêt achi sot) achi al in da 4:-)
Qualche volta succede che si incomincia con una idea e si finisce con un'altra. E successo qua. Se l'occasione si presenta perché non cambiar d'idea? Anche coi colori che vedevo più neutri, finalmente sono più sonori. Ognuno fa i suoi. Questi sono i ... miei:-)
Se Giorgio Baffo, poeta barone veneziano tornasse me lo comprerebbe. Lui che si lagnava di averne solo uno, adorerebbe :-)
Esempi:
...Un solo mal ghe xe in sto sollazzo;
Che più bisognerave ch'el durasse,
Oppur che l'omo avesse più d'un cazzo,
che, quando mola l'un, l'altro tirasse,
Oppur la man e 'l piè, la gamba, e 'l brazzo,
La bocca e 'l naso, e 'l cul, tutto sborasse.
E ancora:
...Che gran gusto el saria, caro monsù,
Invece de due man aver due cazzi,
E tutti de poderli parar su
Che contento, che spasso, si per Dio
seria in t'un tempo provar due sollazzi,
chiavar davanti e buzzarrar de drio

Elezions dapardut / Elezioni dappertutto

In Spagne, il slogan principâl al ere: Votâ cun dute le fuarce. In Russie cul Nasha Rossía, a son simpri aí, in Americhe cun la Clinton ch'a và sù al sarà simpri compagn, puès crodi in Italie. Il piês di ducj al é il Belgjo. Forsit da tignî di vôli parcé che s'al và mâl in tun paîs economicamenti stabil cuissà cemût ch'al larà tai chei âltris. O vevi chê di dî le mê ancjemó une vôlte, massime cul fenomeno de Bof Generation (Le generation ch'a no si free di dut e ch'a no s'interesse a nuie). Chiste vôlte lu ai fat in compagnie di Linda, me fie, biele come un madone, inteligjente come nissun ma ch'a no sà cê fâ di ducj chescj atribûts. . . Amancul cussí le ai fate cjantâ:-)
In Ispagna, lo slogan principale era: Vota con tutta la tua forza. In Russia col loro Nasha Rossía sono sempre allo stesso posto e in America se la Clinton arriva al potere sarà sempr uguale. Il peggio é in Belgio. Forse da tener d'occhio perché se và male in un paese economicamente stabile chissà come andrà a finire altrove. Con la crescita della Bof Generation, la generazione che se ne frega di tutto, volevo dirne ancora una con una canzone. Questa volta l'ho fatto con Linda, mia figlia che se é bella come una madonna e più intelligente di me, non sà cosa fare con tanti attributi...Almeno cosí, l'ho fatta cantare:-)

07 mar 2008

Vâs pal câs / Il vaso per il caso

Pe fieste des feminis un vasut fat par lôr. Aromai, a si ofrís lis rôsis cul vâs. Il vasut al ten in te sachete in mût che pe strade, so no cjatais un florist, o podês cjapâ sù rôsis di cjamp o rôsis di ort e so no cjatais nancje chês parcé che le primevere no us a ancjemó fat une cimiade o taiais vie chês ch'a son tai vâs sul balcon di vuestre madone. Baste fâ biele figure, jê us pardonarà.
Po o entrais dentri in cjase come nuie cu sêti sivilant distratamenti une cjançonete e intant che le vuestre biele a si gire, o tirais fûr il vasut di une sachete e lis rôsis di chê âltre e lu presentais sù le taule... O sul comodin:-)
Per la festa della donna, un vasetto fatto apposta per loro. Ormai, si offrono i fiori col vaso. Il vasetto tiene in una tasca in modo che per strada, se non trovate un fioraio, potete cogliere fiori di campo o di orto e semmai la primavera non vi ha ancora fatto l'occhiolino, tagliate via qualche fiore e qualche rametto sul balcone fiorito della vostra vicina, sperando che per la buona causa vi perdoni. Poi entrate in casa fischiettando distrattamente una canzonetta genere tea for two e mentre la vostra bella si gira tirate fuori il vaso da una tasca e i fiori dall'altra e li disponete con garbo sul tavolo...O sul comodino:-)