I miei Video clips furlans

Loading...

27 apr 2008

Balet des furmies / Balletto delle formiche

Cualchi vôlte al baste cjalâ par tiere par discuviergi un âltri mont.

Qualche volta basta guardar per terra per scoprire un'altro mondo.

Parfois il suffit de regarder par terre pour découvrir un autre monde.

Sometimes , if you look at the ground you discover another world.

Algunas veces, basta mirar el suelo para discubrir un otro mundo.

Jakis ras, mas tylko zabaczic na izemia y odkryczis cos drugiego.

25 apr 2008

La cjargne di íar / La Carnia di ieri

Bal in val Resia 1926
Forni Avoltri 1926

Dasaias (Osais) Val Pesarina.










Bordalias (Forni Avoltri)



.Cun lis feminis arabis, a si viôt ancjemó lungjis cotulis e cjâfs infasoletâts e cualchi vôlte a si ironize ma sa si pense ch'a son passâts 80 agns di chiste foto, o no sin tant lontan ancje se a si disarès che chiste foto aé stade cjapade tal medioevo.

24 apr 2008

Bellano by night










Como e Bellano

Par furtune ch'o eri un'ore in anticipo parcé che cuant ch'o soi rivât a l'aeropuart a nol ere plui aí. A lu vevin spostât 5km plui in là.
O soi rivât ae fiêre di Milan cuatri oris dopo ma a le vevin spostade ancje chê. Par furtune ch'o no ai pierdût ni l'avion, ni il gno client, ni il gno timp ma mi domandavi: Sperin ch'a no mi vedin spostât ancje le cjase tant ch'o soi singarant:-) Il gno apontament spostât al lunis, a nol mi restave che a spostâmi sul lâc di Como. Lí, di puart in puart o soi dismontât a Belan e o soi lât sù pe mont fin tal ûltim paîs di Noceno. So vês chê di cjatâ une cjase o un apartament, al é dut plen di cjasis vueitis da vendi o da afitâ cun l'arie poetiche dal lâc.































L'aeroporto l'avevano spostato di 5 km ma non ho perso l'aereo. La fiera di Milano l'avevano spostata a Rho ma non ho perso il cliente col quale dovevo incontrarmi ma ho spostato l'appuntamento. Sposta qui e sposta là, perché non spostarmi a Como aspettando di tornare alla fiera? Da Como mi son spostato a Bellano. Da Bellano sono andato sù a Noceno. Lassú, preso da un dubbio son tornato a casa via la fiera per vedere se non mi avevano spostato anche quella. Nel frattempo, alcune belle viste sono spostate qua .

Colôrs di lâc / Colori di lago







23 apr 2008

Americanadis / Americanate

Nol é ch'o sedi cuintri i merecans tant che lôr a no saran cuintri di me ma chê di fâ lis basis in Polonie a mi somee gruesse cuant che l'Bush al dîs ai rùs ch'a no an di vê pôre, che lis basis a son dome fatis cuintri l'Iran. Al é come se in Irak a disaressin ai iranians che lis basis a son fatis cuintri le Russie o cuintri le Cine. Diu nus vuardi, a varessin ancje podût slargjâ
i 1500 ponts che i merecans e an bielzà in Italie e meti in Friûl ancjemó cualchi bombe atomiche e il nestri vin al sarès colât in coca cola.
Senza esser contro tutti gli americani, quella storia delle basi antimissili che fanno in Polonia dicendo ai russi di non aver paura perché sono destinate a tener a bada gli iraniani sono come le basi che si trovano in Irak se dicessero che sono destinate a tener a bada la Russia e la Cina.
Per fortuna che non ne hanno pensato di aggiungere altre basi alle 1500 che si trovano già in Italia e altre bombe atomiche a Aviano in Friuli e che possiamo ancora bere vino invece di coca cola.

In Vesuvio veritas

Lant singarant tal timp di un gruès week-end, o mi soi cjatât tai ains 30 di une biblioteche privade e vuê, o ai un piçul Vesuvio dal 1926 da mostrâus. Como ch'o savin, tal 1945, i merecans ch'a vevin bombardât le sitât fint cualchi setemane prime, par scusâsi, e an po udât cui lôr camions,i abitants di san Sebastian a salvâ ce che podevin salvâ ma par ringraziâiu il vulcan, nue mone, al a distrut 88 bombardîrs ch'a si cjatavin a Terzigno pronts a lâ bombardâ Rome. Se dal 45, il Vesuvio al é in letargo e che une dí al si svee e ch'a nol cjate nissun bombardîr di Bush da distrugi, al scuignarà contentâsi di ce ch'al cjate. Sperin ch'al si contenti des scovacis e magari di cualchi mafiôs o politic corót. Al savarà ben lui indulà ch'al si a da fermâ. Se po a rivin lis fumatis plinianis o sin frits parcé che se nissun a nol é scjampât prime al sarà masse tart.O mi disevi cussí domandantmi cuâl Plinio vecjo o zovin, al larès a salvâ le nestre principesse partenopee tant ch'o sfueavi il web o mi domandavi cui che il prin al metarès le gnove eruzion sul so blog stant al fat che jo o soi simpri singarant. Insome, le fiêre di Milan a ere interessant ma tant ch'o visitavi i paîs ator dal lac di Como e ch'o ai vidût che la via Plinio a si cjatave dapardut o no podevi no platâus ce ch'o us mostrarai doman cun tun âltri post:-)

Viaggiando nel tempo di un grosso week-end, mi son trovato negli anni 30 di una biblioteca privata ed oggi, per Maryanna, ho un piccolo Vesuvio in eruzione del 1926. Sapendo che gli americani che fino a qualche settimana prima bombardavano Napoli e che forse per scusarsi, dall'eruzione del 45 aiutarono coi loro camion gli abitanti di San Sebastiano ad evacuare, e sapendo che il Vesuvio, niente fesso, distrusse lostesso 88 bombardieri parcheggiati a Terzigno pronti a bombardare anche Roma allora mi chiedo che se il Vesuvio uscisse adesso dal suo letargo e che se non trovasse nessun bombardiere Bush da distruggere potrebbe almeno spazzar via le immondizie e con loro anche qualche mafioso e politico corrotto e scriverlo poi qua.
Se poi arrivano gli alti fumi pliniani siamo fritti perché sarà troppo tardi per salvare chicchesia e non só quale Plinio vecchio o giovane scenderebbe dal lago di Como per salvare la nostra principessa partenopea. Insomma, la fiera di Milano era interessante ma visitando i bordi del lago ho visto che c'é la Via Plinio un pó dappertutto e mi chiedevo quale Plinio già nato o già noto andrebbe a rischiar la sua vita magari solo per poterlo scrivere in esclusiva sul suo blog ma questo m'induce a nascondervi quello che vi diró domani con un'altro scherzo:-)

22 apr 2008

Le Vignêsie che mûr / La Venezia che muore

Il biel dai viaçs al é ch'a si scuvierç simpri alc di gnûf. Chiste vôlte o eri lât ae fiêre di Milan e invesit di stâ a l'albergo mi soi cjatât une pension di famee. In cjamare, un miâr di libris e rivistis a fodravin i mûrs dal bas al sufit e o ai scuignût dâ une cjalade. In tune colezion dai ains 30 de Vie d'Italia" dal Touring Club italiano o ai scuviert che Vignêsie no mûr da trente ains ma da plui di 70. Viodet achi l'acqua alta dal 1926.

Il bello dei viaggi é che si fanno sempre nuove scoperte. Questa volta, andavo semplicemente alla fiera di Milano e invece di un hotel ho trovato una pensione di famiglia. In camera, un migliaio di libri e riviste che andavano dal 1818 agli anni 70 foderavano i muri dall'alto al basso e dandoci un'occhiata, ho trovato la rivista "Vie d'Italia" del Touring Club Italiano che si vantava di avere già 300.000 soci nel 1927. La rivista era fatta appunto per far scoprire ai fortunati di quei tempi, i luoghi più interessanti da vedere. Tra le molte pagine anche quella su Venezia e l'acqua alta.
Adesso, appena arriva l'acqua , lo si sà nel mondo intero e perfino a Venezia prima ancora di alzarsi ma in quella volta come succedeva? Ecco qua i riflessi.



















18 apr 2008

Rufino

Il Rufin di Aquilee al ere un frâri che invesit di gjoldi le vite a le a passade a preâ.
Il Rufin di Efeso al ere un poete che invesit di preâ al cjantave cemût gjoldi le vite e al scriveve:
Dome gjoldi al é vivi.
Dismenteín lis amarecis
Il nestri timp al é brêf
A é cheste la mê ore
Nissun nol é sigûr dal doman
.
Cussí us saludi e o mi cjapi 4 dîs.
No stait a fâ masse i monas:-)

Rufino di Aquilea era un monaco che invece di goder la vita predicava la parola del signore.
Rufino di Efeso era un poeta che invece di pregare predicava di goder la vita e scriveva:
Solo godere é vivere!
Scordiamoci le amarezze,
il nostro tempo é breve
E questa la mia ora.
Nessuno del domani ha certezza.
Mi spiace lasciarvi ma mi prendo quattro giorni.
Saluti ai maschi e un baciamano alle principesse:-)

L'Atomium cinquanterario

A si celebre chest an il 50im aniversari de expo 1958 cun tun frac di manifestazions, mostris, e esposizions in dute le sitât e iar sere, come 50 ains fa al in d'ere i fucs artificiâi a partî dal Atomium ch'a é chê struture âlte 102 metros che i belgas a vevin fat sù come padilion nazionâl e ch'al é restât, come la tor Eifel dal 1898, l'emblema de sitât.Us met achi cualchi foto. cun chê ritocjade. O savês ancje che enfre siet ains l'expo e sarà a Milan e che il sôl progjet prime des elezions a ere une tor ridicule di dome 200m...Cumó che Berluscon al é lât sù, viodin fint tros metros ch'al sarà bon di rivâ:-)


Ieri si celebrava il cinquantesimo anno dell'expo di Bruxelles e c'erano i fuochi artificiali a partire dal Atomium, la struttura d'acciaio e aluminio alta 102m che dal 1958 é diventato come la torre Eifel del 1898 lo é per Parigi il simbolo della città . Ho sentito che nel 58 c'erano stati 42 milioni di turisti(Quanto l'Italia ha di turisti ogni anno) e che l'expo 2015 avrà luogo a Milano dove prima delle elezioni si prevedeva una torre di solo 200m. Adesso che Berlusconi é andato sù, vediamo fino a quanti metri sarà capace di arrivare:-)

16 apr 2008

George Sand




Cjâr amîc,
O soi contente di podeus dî ch'o ai
ben capît che chê âltre dí o vevis
simpri chê voe mate di fâmi
balâ. O conservi il ricuart dal vuestri
bussâ e al mi plasarès un grum ch'al sêti
une prove ch'o soi desiderade e amade
da vô. O soi pronte a mostraus il gno
amôr disinteressade e zence cal-
cul e so volês veramenti viodimi
zence nissun riten daûs la mê anime
nude, degniait amancul vignî a cjase mê.
O cjacararin francamenti enfre amîs.
Us mostrarai cemût ch'a puès sei le mule
buine di dâus l'afezion
le plui strete e la plui profonde
cemût ch'a puès sei le femine plui fedêl e sigure
ch'o podeis imagjinâ. Ah che le vuestre
afezion a mi sarà dôlce, ah che la solitudin ch'a mi col-
mace cussí lungje e dure e sarà ben
dificil e la mê anime
scuesse. Vignît prest so vês chê di fâmi
dismenteâ parcé ch'a vô vô o mi vuei
sotometi interamenti.

Caro amico,
Sono felice di dirvi che ho
ben capito l'altro giorno che avevate
una voglia matta di fare quel
ballo. Conservo il ricordo del vostro
amore e amerei molto che sia
una prova che sono amata e desiderata
da voi. Sono pronta a mostrarvi il mio
affetto con disinteressamento e nel rin-
culo se volete veramente vedermi
donarvi senza alcun artificio la mia anima
nuda, degnate almeno venir a casa mia.
Parleremo francamente tra amici.
Vi proveró che sono la ragazza
capace di portarvi l'affezione
la più stretta e la più profonda,
la sposa più fidele e più sicura
che possiate immaginare! Ah che il vostro
ardore mi sarà dolce, e come il
desiderio sarà lungo e duro e sovente ben
penibile nel mio cuore
scosso! Venite molto presto se volete
sentirmi dire che a voi
mi sottopongo interamente.
George Sand si chiamava in verità Aurore Dupin e si vestiva da uomo per poter entrare nei locali dove le donne non sarebbero state ammesse. Era un'amante molto ardente e numerosi sono gli artisti (Si dice anche Marie Duval)che finirono nel suo letto. Baudelaire, forse rifiutato da lei, scrisse amaro su Sand:Non è stata mai un'artista. Ha quel famoso stile scorrevole tanto caro ai borghesi. È sciocca, pesante, logorroica. Nelle sue idee morali ha la stessa profondità di giudizio e la medesima delicatezza nel sentire delle portinaie e delle mantenute:-)
Come molti artisti, il suo motore creativo veniva dal cuore e questa lettera la scrisse a Alfred De Musset nel 1834 ma anche a Chopin quattro anni dopo. Se non conoscete la versione originale in francese, vi ho fatto la traduzione cercando di rimanere nello stile...Ah si, se leggete una linea sù due, scoprirete il vero messaggio della lettera.
Como ch'o savês, il scritôr George Sand a ere in veretât Aurore Dupin ch'a si vistive di omp par podê entrâ tai locâi indulà che lis feminis a no entravin. A é vere che a é ancje stade intimamenti leade a l'atrice Marie Dorval ma al é ancjemó plui vêr che un grum di artiscj a son finîts tal so jet.
Le letare achi sôre a le veve scrite a Alfred De Musset ma a le a tornade a scrivi ancje a Chopin ch'al a stât cun jê 7 ains.
Nue di strani ae prime cjalade ma so léeis une rie su doi o scuvierzarês il vêr mesagjo ch'a voleve mandâ. La mê traduzion a é le prime ch'o vedi cjatât sul web. Buine zornade:-)










L'originale in francese
Cher ami,
Je suis heureuse de vous dire que j'ai
bien compris l'autre jour que vous aviez
toujours une envie folle de me faire
danser. Je conserve ce souvenir de votre
baiser et j'aimerais beaucoup que ce soit
une preuve que je suis aimée et désirée
par vous. Je suis prête a vous montrer mon
affection toute désintéressé et sans cal-
cul et si vous voulez vraiment me voir
vous délivrer sans aucun artifice mon âme
nue, daignez au moins venir chez moi.
Nous bavarderons franchement entre amis.
Je vous prouverais que je suis la fille
capable de vous apporter l'affection
la plus étroite et la plus profonde,
l'épouse la plus fidèle et la plus sure
que vous puissiez imaginer!! Ah que votre
amour me sera doux, que la solitude qui m'ha-
bite est longue et dure et souvent bien
pénible et mon âme souvent é-
branlée. Venez bien vite si vous pouvez me la
faire oublier, et a vous je veux me re-
mettre entièrement.
A proposito:
Già all'epoca di G. Sand, era proibito alle donne portare i pantaloni e, lo é ancora oggi secondo la stessa legge del 1799. Nessuno é ancora riuscito a farla abolire benché nessuna donna sia mai stata punita per questo.

14 apr 2008

Suspense, suspance, suspence o sospens?

Come che chiste peraule a mi tire un frac di int ch'a no son furlans in te pagjine furlane le ai tradote achi par lôr.

Se dobbiamo prendere delle abitudini prendiamo le buone.
Giusto due parole su una parola: Suspense.
Suspense é una parola inglese presa ai francesi nel 15° secolo e poi tornata in Francia con pronuncia inglese ma ormai adottata dappertutto anche senza films e senza Hichcock.
In Francia si usa esattamente con la stessa scrittura ma pronunciata alla francese diventa süspàn poiché  la e ne la s sono mute.
In Italia, sarà stato un giornalista della Rai o un'altro di Mediaset a lanciarla. Poi, quando uno del Corriere della sera ha dovuto scriverla, e per far vedere che conosceva l'inglese l'ha fatta diventare suspance facendo un errore. Altri, volendo far meglio l'han fatta diventare suspence come per dimostrare che la sapevano più lunga e invece hanno fatto un'altro errore. Allora, che cosa? Suspense e basta. Poiché é una parola straniera, lasciamola com'é. Comunque adesso avete un argomento per dire a quello che vi vuol far la lezione che nessuno ha ragione e non avrete torto:-)
Un'altro esemprio simile é la parola design che in italia tutti pronunciano male poiché dicono desaign. Se si vuole pronunciare correttamente l'inglese sarebbe meglio dire disain altrimenti si dimostra che si conosce solo la metà della pronuncia e se si é del mestiere si dà l'impressione di non conoscerlo bene:-)
Grazie in anticipo per il vostro commento se giudicate la mia info utile per voi. Non occorre iscriversi né ci vuole passwords.

Lavors in cjase / Lavori in casa

Ce îsal? Al fâs 2 m50 su 78cm e 4cm di spessôr. Al é un toc dai miei lavôrs in cors. Ogni vôlte ch'o invidi cualchidun o profiti de ocasion par fâ netâ le cjase ma chiste vôlte o fâs prime i lavôrs ch'o vevi scomençât 6 ains fa. Nol é mai masse tart no mo?
O disarês che so invidi cualchidun al é dome par vê le scûse di netâ le cjase. Spiritôs! So fos come Francis Bacon, o no netarès mai le cjase e o cjaminarès sù 20cm di porcarie ma no soi come lui, forsit par chel o pituri di mancul:-)
Cun le primevere, le prime a rivâ e sarà une persone di gust e alore o prepari le cjase. Baste ch'o rivi adore a finî pe fin dal mês.
Come che vinars o m'in voi ancjemó par 5 dîs, a sarà dure ma o provarai. Us mostrarai il risultât.

Cos'é? Fa due metri cinquanta su 78cm e 4cm di spessore. Fa parte dei miei lavori in corso.
Ogni volta che invito qualcuno , ne approfitto per far pulire tutta la casa.
Direte forse che se invito é solo per aver la scusa per pulire la casa. Spiritosi!
Se fossi Francis Bacon, non pulirei mai la casa e camminerei su 20 cm di porcheria ma non sono lui e forse per questo dipingo anche di meno. Con la primavera, il primo invitato arriva fine aprile. Siccome é una persona di gusto ne approfitto anche per fare un lavoro che ho incominciato 6 anni fa e che adesso vorrei finire in due settimane:-)...Se non partissi ancora cinque giorni venerdí prossimo. Comunque vi faró vedere il risultato...Se riesco a finire:-)

12 apr 2008

La tolerance / La Tolleranza


Al circolo dei poliglotti ci vado per metter la lingua in vacanza. Si beve una birra e si parla con quello che capita. Ogni tavolo una lingua diversa. Al tavolo italiano ieri ho incontrato una russa con suo marito italiano e tutta la sua famiglia appena arrivata da Roma. Pensavo di poter imparare qualche bella espressione romana ma la discussione s'aggirava intorno della tolleranza e dell'omosessualità. La signora russa non sembrava molto contenta di dover dire che tra i presenti su quattro nipoti c'erano ben due lesbiche e un gay.
- Ma a te ti piacerebbe se tuo figlio fosse gay? Chiedeva al marito
- Su dai, le dice il marito, devi essere tollerante.
-Ma ti piacerebbe?
-Ma sù, dai...
-Ma che male cé? Dice una nipote. -Ormai é una cosa naturale, la società é cambiata,
non siamo più al secolo scorso. Dovresti aggiornarti.
-Va bene, allora perché non prendete un cane o un cavallo ? Dice lei. -Prendete una pecora, che cosí avrete anche un buon cuscino.
-Ma dai, cosa dici. Non é la stessa cosa. dicono tutti in coro
-Ma se si vuole essere tolleranti, dov'é il limite? non avete detto che la società cambia? Bisogna aggiornarsi!
Gulp, tra gli oh e gli ha di tutti gli altri, la mia birra era finita e comunque dovevo cambiar tavolo.

Al circul dai poliglots o voi par meti le lenghe in vacanze. A si bêf une bire cun cui ch'al capite. Ogni taule, une lenghe difarent. Nue taulis furlanis ma in te taule taliane iar o crodevi d'imparâ cualchi espression tipiche dai romans parcé ch'a in d'ere une famee di romans ch'a erin vignûts a cjatâ il barbe, a pene rimaridât cun tune russe . Le discussion invesit a girave ator de tolerance e de omosesualitât.
Le siore russe a diseve al so omp:
-Ma cji plasaressial a ti se il nestri fi al fos gay?
-Sù mo dai, al bisugne esi tolerants. al rispuindeve lui.
-No ma, cji plasaressial? Rispuindimi.
-Sù mo dai...
-Ma ce mâl in d'îsal, le societât a é cambiade, cumó a é une rôbe naturâl, a dîs une niece. No sin plui tal siecul passât. A tu âs di agjornâti.
-Alore parcé no cjapistu un cjaval o un cjan o magari une piôre che cun lis piôris a tu cji fâs ancje un bon cuscin...
- Eh ma ce vatu a cirî cumó mo, su mo sù.. Squasi ducj in coro.
- Ma indulà îsal il limit de tolerance? No vêso dite che le societât a gambie? Ogjiornatsi!
La mê bire a ere finide e o scuignivi gambiâ di taule.

Da no lèi / Da non leggere

Fâ le recension dai libris ch'o no learai mai ma nancje so fos in prasón par dute le vite e sarès une rôbe ch'a m'interessarès, tant al mi plâs di fâ il contrari di dut ce ch'al mi capite.
Ma scrivi un libri sul parcé ch'o no ju ai lèts, bielzà mi stufe, dutcâs, eco, al é zà une setemane ch'o cîr di viodi un DVD merecan che un amîc al mi a presentât come un documentari scientific premiât ch'al cjacare di mecaniche cuantiche dal cuâl al é fintramai stât scrit un libri, ma o no rivi.
Stant al fat che cumó, sa tu âs un rafredôr a no tu vâs plui dal miedi ma dal computer, dopo èsi colât indurmidît pe tiarce vôlte o mi soi butât cun rabie su internet par cirî di savê il parcé.
Prime scuvierte: il DVD What the bleep do we know al ere stât tradot in dutis lis lenghis ma no ancjemó in talian, né in rus. Normâl, o ai pensât subite, da nô, come da lôr o sin simpri in ritart. Spiete ch'o lu tradusi alore par furlan...Ah si?
Seconde scuvierte: In France al vegnarà fûr il mês ch'al ven e a prometin une campagne publicitarie a la Berluscon. Duncje?
Nue, le tiarce scuvierte a é che l'immens succès declarât al sarès stât moltiplicât par mil stant al fat che in dute le Americhe a sarès dome i 60 teatros indulà che il film al é stât mostrât...E alore?
A- Il film al é prodot da une sette clamade Rathma school of enlightenment.
B-I regjists dal film a son trê membros de sette.
C-Trê dai scienziâts intervistâts a son membros de sette. Un al é student, chel âltri al é professôr ma al sarès un vescuf-fenôli irlandês scjampât da Dublin par vie di un scandul di abûs sesuâls, e le tiarce persone a é le parone.
D- Un dai scienziâts "intervistâts" David Albert, al a declarât dopo vê vidût il film di sintîsi oltragjât pe maniêre che le so interviste a é stade manipolade par mostrâ il contrari di ce ch'al veve dite.
E- Le parone, ch'a no si sà parcé, a cjacare l'inglês cun lis erres ch'a rundulin come chês dai vecjos films di Hollywood, a é jê chê ch'a a scrit ducj i libris ch'o no learai mai nancje sa mi copin cumó ch'o sai ch'a si é auto-proclamade la reincarnazion dal vêr Ramtha vivût 35.000 ains fa e che nissun al a mai sintût cjacarâ fint che jê a lu tiri fûr disint che un'altri ciarlatan dal 1900 Edgar Cayce, a i vedi trasmitût i podêrs.
F- Dopo sei tornât sul DVD, o ai vidût che enfre lis sequencis cualchi vôlte a cji rivin segnos strans, che parcé ch'a son courts, a no tu fâs atenzion ma che cjalant cun atenzion a tu scuviergis ch'a son i segnos cabalistics doprâts ancje pai ipnotizatôrs, Il fil a plomb, le bilance...ecc. Folc ju trai, forsit par chel o mi soi indurmidît a ogni colp!
G- Sa nol bastàs, lait a cirî di besôi so vês di crodi ce ch'o ai cjatât o ce ch'o cjatarês.
H- So no vês capît un acca o sês come me ma amancul no vin bisugne di rivâ a la zeta:-)
Mandi
Far la recensione dei libri che non leggerei neanche se fossi condannato alla prigione a vita, é una cosa che m'interesserebbe perché mi piace di fare il contrario di tutto quello che mi capita ma scrivere un'altro libro sul perché non li ho letti incomincia già a farmi dispetti. Comunque ecco, da una settimana cerco di guardare un DVD americano presentatomi come un grand prix del film scientifico documentario uscito nel 2004 che parla della meccanica quantica dal quale, é stato perfino scritto un libro, e non ci riesco.
Stando al fatto che adesso non vado più dal medico neanche per un raffreddore ma vado al PC, dopo esser caduto morto addormentato per la terza volta, mi son gettato con rabbia su internet per saperne di più. .
Prima scoperta: Il DVD What the Bleep Do We Know!?. era stato tradotto in tutte le lingue meno che in italiano e in russo e là mi dicevo, normale, noi, come loro, siamo sempre in ritardo su tutto. Ah si?
Seconda scoperta: In Francia uscirà solo il mese prossimo e col Sarcozy ai comandi rischia d'influenzare tutti i Berlusconi che non vanno a messa la domenica in Italia. Dunque?
Terza scoperta: Il film non ha affatto avuto un successo mostruoso come c'é scritto nel sito ma é stato proiettato solo in 60 teatri americani. E llora?
a- Il film é prodotto da una setta chiamata Ramtha
b-I registi sono tre membri della setta.
c-Due degli scienzati intervistati sono uno studente e un professore nella setta stessa.
d-Il secondo é un prete irlandese scappato in America per via di una storia, di abusi sessuali.
e-Uno dei scienziati intervistati, David Albert, ha dichiarato sentirsi oltraggiato e che se avesse saputo che le sue parole fossero state manipolate per dire il contrario di quello che aveva detto, non si sarebbe mai fatto intervistare.
f-L'intervistata principale del film che parla l'inglese con l'accento hollywodiano degli anni 30 é la grande Ramtha in persona ma lo saprai solo quando troverai la sua foto in tutti i siti internet che parlano dei suoi numerosi libri che appunto non leggeró mai sapendo che si é autoproclamata la reincarnazione del guerriero Ramtha vissuto 35.000 anni fa e che ha ispirato anche un'altro ciarlatano del 1900 chiamato Edgar Cayce.
g- Tornando poi sul DVD, ho notato che tra i cambi di sequenza, ci sono dei segni cabalistici adoperati spesso anche dagli ipnotizzatori, quali il filo a piombo, la bilancia...Che appaiono senza ragione alcuna per cortissimi istanti ma che adesso spiego sorridendo col fatto che mi sono addormentato sù tre volte di seguito.
h- Arrivati qua, se non avete capito un'acca e che siete come me, non c'é più bisogno d'andare fino alla zeta e mi fermo qua:-)
Ciao e buon week-end
Links
http://www.chez.com/emeraude2/Livres/Channeling.html
http://www.ipnosiregressiva.it/channeling-guide-spirituali/articoli/introduzione_al_messaggio_ramtha_articolo_sui_channeling_conosciuti.php
http://www.sceptiques.qc.ca/dictionnaire/channeling.html
http://www.solonewage.it/Libri-maestri-spirituali/libreria-Ramtha.htm
http://www.whatthebleep.com/index2.shtml

11 apr 2008

Sito, ch'a cole / Silenzio, che cade.


La Spiete





L'Attesa

To know or not to know (Test ADN)

Ancje Toni Blair al ûl savê. Anche Toni Blair vuol sapere.

Tai USA, da 3 mês par 20€ a si puès comprâ in tai 4.363 drugstores Rite Aid, il kit dal test ADN in vendite libare. Dopo vê zontâde le salive o il cjavel o lu mandais in laboratori e par 99E o vês il risultât par fax o par e-mail. In Europe o ai cjatât bielzà chei ch'a lu comprin in Americhe e ch'a lu vendin par 199 a 268€ par internet. Forsit, come me, o no sês interessâts di savê cui ch'al é vuestri pâri o il vuestri fi a us interesse juste di sei e vonde ma secont lis statistichis, le magjorance dai test a son domandâts das feminis. Cuissà parce?:-) Bisugne dî dut. Un pêl di cûl o un di cjâf al permet ancje di savê se il vuestri frutin al si droghe o se il vuestri futûr al s'incjoche ma ancje di savê a cê maladîs ereditariis ch'a si puès vê. So vês chê di fâ un test, da vêr furlan o varês di sigûr amancul un cusin merecan ch'al puès udâus a vê mâl tal cûr tant ch'o stais ben o a vê ben tal cjâf se da cumó o scomençais a stâ mâl:-)
Negli Usa, da tre mesi in tutti i drogstore Rite Aid, per 20€ si puó comperare un kit per fare il test ADN. Si aggiunge la saliva o i capelli da analizzare e si rispedisce con 99€ e una settimana dopo si riceve il risultato via e-mail.Se siete come me, siete più interessati di essere tout-court che di sapere tutto sui vostri genitori o figli ma secondo le statistiche, sono le donne che fanno ricorso a queste analisi. Chissà perché? Bisogna dire tutto: Un pelo di culo o di capo vi danno anche il modo di sapere se il ragazzo presente o futuro si droga o é un alcolico ma anche di sapere a quali malattie ereditarie siamo esposti.
Adesso, se andate su internet in Europa costano dai 199 a 268€. Ma da veri italiani, avrete tutti almeno un cugino in America che vi puó aiutare ad aver mal di cuore adesso che state bene o guarir la testa se da adesso incominciate a star male:-)

10 apr 2008

Sboradis lirichis / L'art nouveau


Aromai ce che prime al ere volgâr cumó al devente distinguish. Il cjacarâ furlan al sarès un grum di mode a Parigji se dome cualchidun al fasarès le promozion. Mi spiêghi. Mandâ une mule in mone disint :Va caghe sborade di une mule, al sarès plui sonoro che dî : Va chier sale éjaculée.
Inutil vaî, o lu dîs par ridi.
Da doman e fint al 7 di lùi il pitôr belga Jan Fabre al a ricevût cjarte blancje dal Louvre par fâ ce ch'al ûl e alore al organize une mostre dal titul :L'agnul de metamorfosis. Dut un program ancje sa nol ûl disi nuie stant al fat, che le mostre a ûl meti in contrast le piture clasiche e religjôse cun le sô... So us invidi da me une dí, us menarai a visitâ il palaç dal gno vissin il re e us mostrarai une forme sui trê metros picjade tar un sufit dal palaç ch'a é dute fate di cuarps di scarabeos verts. L'efiet visuâl al é insolit e avonde fuart in tun palaç neo classic. Vidût il sucès, o crôt ch'a nol cjatave plui scarabeos avonde da copâ jù pes Africhis e alore al si é mitût a disegnâ cul so sanc e cun le so sbore che, da doman, al espon al Louvre.
Fabre al spiegave al gjornalist di Euronews che prime al sbore sun tune pagjine e dopo vê spietât qualchi minût che le sbore a s'inliquidi al scomence a tirâ cualchi linie cun pinei o a slungjâ lis gotis semenadis ai pêi di cûl.
Se chest al é volgarizâ l'art par fâle diventâ plui popolâr, a mi al mi somee come une storie d'amôr ch'a devente porno.
No soi rivât a timp a fâ une foto di une des sôs sboradis ma so volês o us met achi une des mês. Volêso une opare espressionist plene di energjie?
O scuignîs spietâ amancul quindis dîs ch'o fasi astinence par cjariâ lis batariis, cjapâ le corse, e duncje us costarà di plui parcé che so no sai a ce distance meti une A4 o scuignarai meti une A3, A2 o A1 e pierdi il plasê par concentrâmi sul tîr.
Se invesit une sborade primaverîl fate a le svuelte ma plene di spontaneitât us baste us fasarai un bon prêsit. Us garantís une man che tricule di emozion incjantade in te ciulade contignude de mê firme finâl.
Par une vôlte, invesit di sintîmi mone o mi sintarai fiêr.
Distrigaitsi prime ch'a mi secjin lis balis. Se po no soi stât avonde volgâr e ch'o no finís tal cesso dal Louvre, o cjatarês simpri un cjanton par metimi in mostre tal vuestri.
Come ch'o no rivi a fâ netâ le cjase che cuant ch'o invidi cualchidun, so vês chê di viodi il palaç cul Fabre, us dîs bielzà che dal 29/4 al 29/5 o ai zà cualchi ospit e che dal 19 al 22 o soi ancjemó a zonzo. Duncje, o ben o vignîs prime o enfre, o dopo o cuissà cuant ma so puartais un linsûl par vê lis mês macjis garantidis, o scuignarês forsit dâmi une man par cjatâ l'ispirazion:-)

Dunque, non faró la traduzione esatta anche se il friulano in questo caso spacca di più.
Volevo dirvi che da domani c'é un avvenimento che lascierà il segno. Con i cinquanta milioni d'entrate annuali del Vaticano, la Gioconda di Leonardo al Louvre non bastava e allora
da domani ci sarà l'angelo della metamorfosi di Jan Fabre. Tutto un programma di buongusto ideato da lui per mettere in contrasto le opere dei primitivi fiamminghi e altri di sua scielta con le sue proprie opere. Nel palazzo del mio vicino il ré, in una grande sala senza scopo c'é una macchia verde iridescente di tre metri sul soffitto. E fatta con gusci di scarabei ideata dal Fabre. Dopo questo successo, di sicuro ne avrebbe potuto farne molte altre ma aveva forse difficoltà per trovar le materie prime o un'altro palazzo reale, non so, comunque ora sarà al Louvre fino al 7 luglio con altre opere ed altre materie prime tali il sangue e lo sperma. Si, lo so, ci sono anche quelli che lo fanno con la propria merda. Scusate del poco. So che la volgarità é di moda, anzi , diventa poesia, alta letteratura, da cantare all'opera da appendere nei musei tra tutti gli altri poveri impiccati.
Lo so, é come una storia d'amore che diventa pornografica ma Fabre sembra serio nel volgarizzare l'arte e al giornalista di Euronews, spiegava che per fare queste opere, si masturbava ejaculando con arte sul foglio. Poi lasciava che lo sperma diventi più liquido prima di tirar dentro qualche linea o allungare una pennellata con ciuffi di peli personali.
Non son riuscito a registrare una delle sue ejaculazioni allora ve ne metto una delle mie.
Inutile piangere per me, lo faccio per ridere.
Questa é la prima, ho messo poi dei pigmenti blu ed ho misciato al medium che non era mai sufficente e perció ho dovuto farmi aiutare per trovar l'ispirazione.Per questo sembra un pó molle. Forse sembra anche un po cupo ma chi ha mai goduto facendosi una risata invece di lamentarsi del dolore? Io no.
Adesso, dovrei provare a far almeno 15 giorni di astinenza per fare un'opera impressionista in formato gigante, alla Van Gogh, piena di energia e di tocchi stampati, inzaccherati, poi magari leccati prima di esser gridati nella firma finale. Costerà cara.
Per gli amici invece, ho in progetto una nuova collezione di opere in formato ridotto frutto di ejaculazioni fatte alla svelta qua e là, certo, ma piene di espressione dove l'emozione della mano tremante si leggerà nelle macchie leggere negli orli arrotondati e superposti da aureole delicate e appena visibili.
Per una volta invece di sentirmi schiavo umiliato mi sentiró sciocco ma fiero di esserlo.
OK, basta. Se venite da me vi porto a vedere la macchia scarabeica di Fabre, per il resto, improvviseremo:-)

Imigrâts clandestins / Immigrati clandestini

Vuê, al scomence il sciopero da fan dai "sans papiers" ae universitât di Bruxelles. I sans papiers a saressin i imigrâts clandestins ch'a vuelin vê i documents cun le fan, (par no dî cun le fuarce) e che par vie dai regolaments, a no lis otegnin. Come imigrât, o no ai voe di discuti di chest fat ma di un'âltri analogjic. Chel de mê gjate.
A sberghelave come so no i vès dât da mangjâ par un mês e alore o i ai dât le colaseon par fâle tasê ma sicome ch'o ai lassât le puarte viarte e a bailât a mangjâ e po cumó le ai enfre lis gjambis ch'a mi domande cualchi cjarece. E je doi propite come ch'a i plâs a jê. Ma jê, a mi ten cun le talpe parcé ch'a no si fide e cussí so tiri vie le man a tire fûr lis grifis. Duncje, par continuâ a scrivi o scuen fâ finte di dai une pidade e se dut al mi và ben le fâs scjampâ zence vê une sgrifignade e par ch'a no torni a rompimi i..., o sciari le puarte senó a finís par metisi a durmî sù le tastêre ch'al é il puèst indulà che a plui probabilitâts di cjatâ lis mês mans cuant ch'o soi in ufici:-)
Oggi, incomincia lo sciopero della fame dei "Sans papiers" all'università di Bruxelles.
I sans papiers sono gl'immigrati clandestini che vogliono aver i documenti di soggiorno con la fame (Per non dire con la forza) e che non li ottengono per varie ragioni che non conto discutere poiché immigrato io stesso. Peró questo mi fa pensare alla mia gatta che ha appena ricevuto la sua colazione allorché non ho ancora ricevuto la mia ma siccome ho lasciato la porta dell'ufficio aperta, lei s'e messa tra le mie gambe per avere anche una carezza.
E gliela dó volentieri come le piace a lei ma lei non si fida e mi tiene la mano con la zampa in caso volessi smettere di accarezzarla per scrivere le solite cazzate a chissà quale gatta straniera con quel aggeggio pieno di tasti. Cosí, la zampa già pronta, appena mi fermo, lei tira fuori le unghie. Per lei, sono obbligato di accarezzarla sennó mi graffia. Dunque, per continuare a scrivere devo far finta di dargli un calcio e se mi và bene me la tiro senza un graffio. Poi, per non lasciarla tornare a rompermi le... La chiudo fuori là. Altrimenti finisce per mettersi a dormire sulla tastiera che é il posto dove ha più probabilità di trovar le mie mani quando sono in ufficio:-)


O tu cjarecis o cji sgrifigni.



O m'accarezzi o ti graffio.

9 apr 2008

Ray de Scarpe / Raimondo Scarpa


Il gno vissin al si fâs clamâ Raimondo Scarpa par podê vendi a l'ingruès lis scarpis slovachis ch'al vent pôc d'istès. Al veve scomençât i studis in tun seminari prime di gambiâ di strade ancje s'al veve bielzà ricevût il batêsin e le crêsime gay. Nue cuintri i gay ma cuintri lis crêsimis si e nue cuintri le glêsie ma cuintri lis falopis dai prêdis si.
No sai s'al in d'é un Diu ch'al esisti al di fûr di chel ch'o vin in nô ma se par fâ chel ch'o vin, o vin bisugne di 6 miliarts di personis o varessin di preâ i nestris atomos personâi invesit di lâ a cirî confuarts cun Allah, Crist o Crisna, sorêli o lunis, sa si a voe di gambiâ il mont.
No soi ne gay ne nue ma a mi Raimont al mi plâs. Tant ch'o soi daûr a scjariâ i miei sacs di gès lui al mi nete il marcepît come s'al fós il so.
- Al mi calme. Dissal. E ogni vôlte ch'al a voe di distindi i niérs al cjape sù le scovute e le patumiêre e al fâs 100 metros di strade.Sa si fós ducj come lui a si puedarès gambiâ il mont.
Naturalmenti an saran simpri chei ch'a disaran che i gays a no fasin fruts e che se i fruts a no sporcjassin le strade il Ray a nol varès nue di fâ...
Il mio vicino si fa chiamare Raimondo Scarpa per vendere meglio all'ingrosso le scarpe slovacche che comunque vende poco. Aveva incominciato gli studi in un seminario per poi cambiar idea benché là dentro fosse già stato battezzato e cresimato da gay. Niente contro i gay ma contro le cresime si.E niente contro la chiesa ma contro l'abuso dei preti si.Non so se c'é un dio che esista al difuori di quello che abbiamo in noi ma se quello che abbiamo siamo noi vuol dire che per far un dio ci vogliono 6 miliardi di persone e che dunque invece di pregare allah, cristo o krisna, sole o luna, dovremmo pregare i nostri stessi atomi di essere migliori se si vuol far cambiar le cose.
Ecco, io non sono ne gay ne niente ma Raymond mi piace. Mentre scarico i miei sacchi di gesso, lui sta pulendo il marciapiedi con tanto di patumiera e scopino. Ció lo distende, dice. Ogni volta che ha voglia di rilassarsi, esce e pulisce cento metri di strada.Fossimo tutti come lui, il mondo potrebbe veramente cambiare. Naturalmente, diranno gli ironici, i gay non fanno bambini e il Ray non avrebbe niente da fare se nessuno sporcasse la strada...

Colôrs / Colori / Couleurs






































Nue vueris, nue di catastrofic, nue muarts, nue ferîts, nue scioperos, nue politiche, nue pape. dome cualchi colôr. So vês chê di fâ colaseon, tant al vâl mangjâ in pâs.O mi scûsi di no vê âltri da dî che ce ch'al mi pâr ben o bon.

Ancora qualche aiuola colorata per la colazione. Poi a pranzo o a cena vedremo.
Niente guerre, niente catastrofi, morti, feriti e scioperi. Niente politica e niente papa. Mi scuso di non aver altro da dire che ció che mi par buono e bello.
















Clic to enlarge / Frache parsôre par ingrandî / Aumenta il piacere con un clic

8 apr 2008

Lenghis /lingue/Languages/Langues/Idiomas/ecc.

O disarès che l'inglês a nol é âti che olandês ricamât di francês come che el furlan a nol é âltri che latin mascarât di talian cun cualchi spudade di todesc o âltris influenzis par dutis dôs lis lenghis. Dutcâs, un ch'al dîs green street, al mi somee plui educât che un ch'al dîs groenstraat:-)
No sai so vês rimarcât, ma a son lenghis che cuant ch'a no si lis capis, a si disarès ch'a son fatis dome di blestemis. Invesit a son âltris ch'a nus somein subite bielis e a si volarès cognossilis magari par dî ce ch'a no si sà plui dî in te nestre lenghe o par capi miôr le int ch'a le cjacare.
Sfortunatamenti, cul lengaç dai computers, o sin daûr a gambiâ i valôrs. Come in Olandês, ancje in tes lenghis scandinâvs e doprin lis doplis vocâls.Se prime, meti un acent cisrconflés sun tune vocâl al someave plui inteligjent che meti dôs vocâls, cumó al sarès scuâsit mone di insisti cui acents cuant che a si puedarès fâ di mancul tignint cont che cui computers, mancul acents al in d'é e miôr al và. Bielzà, par soridi a si fâs :-) e par ridi a si fâs :-)) e par dî ch'a si và a cagâ a si dîs ch'a si và a downlodâ. Cemût? No lu vês ancjemó dite?

Direi che l'inglese non sia altro che dell'olandese ricamato di francese come il Friulano é del latino mascherato d'italiano con qualche spruzzo di tedesco e influenze varie per tutte e due.
Comunquessia, uno che dice green street mi sembra più educato che uno che dice groenstraat:-)
Avrete già notato che in certe lingue, quando no si capisce un'acca, si direbbe che la lingua é fatta di bestemmie mentre altre sembrano fatte quasi solo per far poesia e perció si vorrebbe conoscere per poter dire magari ció che non siamo più capaci di dire normalmente nella nostra lingua o per conoscere meglio la gente che le parla. Comunquessia, col linguaggio dei compiuters tutto sta cambiando.
Le vocali doppie sono utilizzate anche nelle lingue scandinave ma il fatto di mettere un accento circonflesso al posto di una doppia vocale come in friulano o in francese ormai sembra meno interessante poiché coi compiuters é meglio non aver accenti ma di parlare senza intonazione, senza inflessioni. Ormai per sorridere si fa :-) e per ridere si fa :-))), se si parla d'immondizie si cambia subito in :-( e per dire che si và in bagno si dice che si và a downlodare... Come, non si dice ancora da voi?

Keukenhof (Lisse)
























En être bleu, al volarès dî iessint blù, sei inamorât. Chiste espresion francês o le slargji disint che l'amôr al é blù e vuê o met drenti dut il blù ch'o ai cjatât pe strade. Naturalmenti, infedêl o debul, avit o golôs, o ai cedût ancje a chei âltris colôrs ma vuê dome blù par colaseon.
Imagjinait che cjalant pal balcon le vuestre mont a sedi tapezade di chestis rôsis. So vessis un lâc dongje o lu viodaressis prime in te âghe e o deventaressis ancjemó plui "blù", e so vessis il mâr o lu viodaressis prime sul Vesuvio e o saressis ancjemó plui napoletan di simpri.
I olandês a no si rindin cont. Lôr a lu fasin pai bêz. E lavorin un grum par esi i plui competitîfs e a esi i plui grancj esportadôrs dal mont in rôsis. Dut chest squâsi zence sorêli e un grum di vint che une di si e une di no, us tocje ancje vuâltris cuant ch'o lais in Olande. Al ûl une zornade par visitâ il parco e i padilions ch'a son drenti e o ai vût il sorêli dut il dí.
Domenie, le int a ere ecitade, a sorideve esaltade, e meteve i rifiutos tai cestins, lis stradis, squadradis da marangon no an nissun ciment ch'al passe plui in là che le linie dal vert e cui gambos des rôsis drets come fusei e le arbe petenade come une côce di marines dut al ere net e in ordint come in tune cusine (Keuken) o come in tun zardin (hof) olandês.


En être bleu e cioé esserne blù, esserne innamorato. Questa espressione francese la estendo dicendo che l'amore é blú e ci metto dentro tutto quello che di blu ho trovato per strada.Naturalmente, infedele o debole, avido o goloso ho ceduto anche agli altri colori ma oggi solo blu per colazione. Immaginate che guardando dalla finestra i vostri monti siano tapezzati da questi blu. Chi ha un lago lo scoprirebbe prima nell'acqua e ne sarebbe ancora più "blù" e chi ha il mare lo scoprirebbe prima sul Vesuvio e sarebbe ancora più napoletano di sempre:-)
Gli olandesi non se ne rendono conto.Loro lo fanno per i soldi. Lavorano sodo per essere i più competitivi del mondo in questo genere di commercio e ci riescono. Per visitare il parco con tutti i padiglioni all'interno ci vuole una giornata. La gente ha il sorriso, si esalta, mette i rifiuti per bene nei cestini, le strade sono squadrate a dovere perché nessun cemento vada più in là che la linea verde e che i gambi dei fiori siano dritti come penne a biro che coi filini d'erba pettinati come cocce di marines tutto sia in ordine e pulito come in una cucina (Keuken) o in un giardino (hof) olandese:-)

Articolo correlato: Goduria pubblica

Torna indietro