I miei Video clips furlans

Loading...

30 mag 2008

Pevar e sâl / Pepe e sale



Tar chest blog il pevar e sâl a no mancjin e alore o scuignivi fâ alc da doprâ ogni dí. I ocjâi a son dome par vê l'aiar inteletuâl cuant ch'o no cjacari di frice ancje se tal scomençament o vevi fat chist matèç di puarte-ocjâi pai negozis di otiche 20 agns fa.
***
In questo blog, l'avrete forse notato, il pepe e sale non mancano mai e allora per aver questi ingredienti sempre sotto mano dovevo far qualcosa ed ho fatto questa mezza testa che in principio non é altro che una porzione della mia immaginazione travestita da porta-occhiali ideata 20 anni fa per i negozi di ottica.

29 mag 2008

Fierecis cjargnielis / Prodezze di carnico

Vuê il google al é vistît di fieste par celebrâ le conquiste dal'Everest. Di tant in tant, al si trasforme le grafiche par ricuardânus alc che forsit nissun a s'impense plui. Come cjargniel al mi é zà rivât di lâ sui monts e come alpinist al mi é zà rivât di fâ cualchi scjalade.
Oh, nue di ecezionâl. Juste avonde par sintî le sbigule cuant che picjât cun doi dêts tal vueit a tu spietis di lâ indenat par podê dî a di chel ch'al ven dopo di te ch'al a da distrigâsi a tirâ chê foto s'al a voe ch'a sedi le ûltime. Par furtune che par lâ sui monts a no 'n d'é bisugne di sei simpri alpiniscj e a si puès lâ cualchi vôlte ancje in bici, a cjaval, in moto e da un pôc ancje in 4x4 ma indulà îse le fierece?
Po ben le fierece le ai ricjatade le ûltime vôlte ch'o mi soi cjatât fûr di cjase zence clâf e zence scjale e ch'o ai scuignût scalâ le façade dal vissin par rivâ al gno balcon viert.O eri plui fiêr di chei 5 metros fats a 45 ains che di ducj chei fats in cuardade a 19 agns.
* * *

Google oggi s'é vestito di festa per celebrare la conquista dell'Everest. Di tanto in tanto la grafica é cambiata per ricordarci dei fatti che forse nessuno si ricorda più. Nato fra i monti, per forza che qualche montagna l'ho fatta e da alpinista ho fatto anche qualche scalata. Niente di eccezzionale, justo abbastanza per sentire il cuore che accellera quando appeso con due dita cerchi di trovare un'altra presa per andare avanti perché nella posizione dove ti trovi non puoi più tornare indietro e gridi giù al tuo compagno di muoversi a fare quella foto se non ci tiene che sia l'ultima...:-)
Per fortuna che la maggior parte dei monti li possiamo raggiungere senza far scalate e ce ne sono perfino che si raggiungono in macchina. Ma come fare se dimentichi la chiave in casa e ti trovi di fuori? L'ultima volta non c'era il mio vicino con la scala ed allora ho dovuto scalar la facciata di casa sua per arrivare alla porta socchiusa del balcone di casa mia. Giuro che ero più fiero di quei 5m fatti da solo che che di tutti gli altri fatti in cordata come sulla foto.

28 mag 2008

Il vâs frice / Il vaso ferito


Secont le nestre educazion o maleducazion, o sin boins di crodi di vê vidût le madone o di vê fat un brut insiump dopo vê masse mangjât da cene. Ven a stâ che le peraule plui cognossude de lenghe furlane a sarès frice.Nue di viodi cun le madone che come ch'o savin, imacolade come ch'a é, a é simpri stade zence frice. Ma frice, no îse chiste une biele peraule tipicamenti furlane? Naturalmenti Toni Beline nol é plui achi par dismentîmi ne il furlanist par traile in politiche e alore o profiti:-)
Achi, nue influencis talianis come in cazzadis invesit di monadis o ben, si, par mostrâ le nestre amirazion a une mule a si dîs: Ce frice. Come ch'a si disarès che figa. Ma il non frice al reste genuín. Al reste nestri e di nissun âltri. E po, ce sonoritât! Atu di comparâ Frice cun figa? Provait a pronunciâ il frrrr e pensâ cemût ch'a vâ a finî.O vês di fâ tremâ le lenghe cuintri il palât par savê ce ch'al é.
Us tire subite:-)
Naturalmenti so vês la erre moscia contentaitsi de version taliane o stait cidins senó no us tirarà mai:-)
Da cuant ch'o vês savût l'etimologjie di Frice, chest nón al fâs part de nestre culture che come ch'o savin a ven dal cûl. Ture al é stât zontât dopo come par dî tapone, turilu, e culture a nol volarès dî âltri che tacone. Piês, a si puedarès crodi che une frice a no puès sei biele che s'a é furlane. Insome al é deventât un sinonim come par dî la mê kodak par dî la mê machine fotografiche o il gno frigo par di il gno Frigidair e la mê frice come par dî la mê femine.
O scuignivi duncje celebrâ chiste peraule in tun vâs par câs e lu ai fat achi. Nue, so sês di chei che si scandalizais, al é masse tart, o sin zà tal 2008 e so sês rivâts a lèi fint achi o larês ancje plui in jù. Ma come ch'o disevi tal inprin, al dipent di nô. Un al puès viodi le frice, un'âltri al puès viodi le plae di une lance fate da chel roman al signôr su le crôs.
Vuê che i romans e i gjudeos a no son plui ce ch'a érin, il vâs-frice a si puès ofrî a un aniversari, ae san Valentin a le murôse o ben al plevan cun tune rôse...
O une cimiade:-)
Dut al dipent de interpretazion. L'ideâl al sarès che le murôse a vêti un murôs plevan e ch'a sêti jê a fâ il regâl. Alore si ve, ch'al sarès un regâl azecât cun contemporaneamenti le frice e le plae che infat a ere di Palestine e no di Egjit:-)
Al é par jê ch'o ai fat chest vâs. Pe murôse dal plevan. L'artist al é simpri stât un ch'al a fat rôbis che no interessavin a di nissun sul moment ma a ducj tresinte ains dopo.
Al é ce ch'o fâs ancje jó:-).
No, par dîus la veretât, chest vâs par câs a nol sarès âltri che un pâr di mudandis par platâ le nuditât di un vâs anonim fat di tiare cuete.
A chest pont, o podarès fâ un pâr di mudandis pes mulis zence frice insome masse immacoladis pai lôrs omps o par chês che an pôre di deventâlu par vie che a àn un omp zence vôi.
O crôt che un biel disegnut di frice cun le frase Frice Inside a nol starès mâl sun tun pâr di slips.
Di sigûr che prest il T-shirt de ninine a nol bastarà plui ma forsit o fasarai parsôre un'âltri post.
Vonde o vês ridût avonde:-) Dutcâs s'on volês immó:
http://furlanar.blogspot.com/search/label/Frice

* * *
Questo post é dedicato a tutti i friulani che ogni settimana cercano la parola frice con google e cadono nel mio blog. Infatti, la parola frice é una delle più popolari della lingua friulana, gente devota e pia, si sà, invasa da questa piaga fino a farla diventare un sinonimo di bellezza, bontà, insomma come si direbbe frigo per dire Frigidair o Kodak per dire macchina fotografica, si dice Ce Frice, per dire che bella, che buona. Il vaso non sarebbe dunque altro che il vaso-frice e cioé il vaso ferito. La piaga visibile nel vaso sarebbe stata fatta da una lancia romana in Palestina 2000 anni fà, non in Egitto come si crede sebbene sia chiamata la piaga d'Egitto.
Anche se la mia intenzione sia pura e devota, il vaso non puó essere esposto in chiesa per non suscitare la pietosità immoderata e le visioni dell'immacolata che purtroppo, malgrado che la chiesa faccia di tutto per scoraggiare questi invaghimenti, sono delle cose che succedono ancora. Ed é cosí che si dice Le sante frice come per dire la santa ferita malgrado che la parola non sia mai stata santificata da nessun papa si dice che il papa Benedetto IVX avesse voluto farlo nel 1700 e molti nel Friuli profondo la aggiungono nelle litanie in friulano fra il Sante Marie ed il Mater Miserabilis. Insomma, la parola frice fà parte integrante della cultura friulana come la cultura fà parte della frice. L'etimologia di frice? Si dice che venga da freccia. L'etimologia di cultura ? Si sà che viene da Culos otturatus sebbene molti credano che sia più recente e sia stato Ermes Culos gran divulgatore di cultura friulana oltreoceano dopo le sue traduzioni in friulano della divina commedia, Shakespeare, e la pubblicazione del suo ultimo libro Cjaminant cun Lolly.

27 mag 2008

Il vâs par câs di vuê / Il vaso per caso di oggi

Enfre dutis lis tristêriis ch'a si sint e ch'a si viôt, un colp di cjâf cussí a nol puès fâ mâl:-)
-Fra tutte le cattiverie che si ascolt a vede qua e là, un colpo di testa cosi non puó far male:-)

26 mag 2008

Luvanie / Lovanio / Louvain / Leuven


Secont il puès indulà ch'a si va, a si cjate simpri alc ch'al nus ricuarde l'ûltin periodo dàur da l'Italie che par me, al é il rinasciment. O sai, in Friûl di chest no nus reste masse. Si viôt che nissun al voleve investî da nô di pôre o dai taremots o dai barbars.
Ma ce si fasevial tal 1500 fûr da l'Italie? Vé achi il municipi di Lovanie (Leuven) a 25 km di Bruxelles ch'o ai cjatât lant a spàs.
Nissun cognós cheste sitât? Sa us plâs le bire, dopo la Moretti furlane o varês forsit zerçât la
Stella Artois. E ben a ven di aí.Il rest o lu cjatarês achi.
* * *
Secondo il luogo dove si và, si trova sempre qualcosa che ci ricorda il rinascimento che per me é il periodo d'oro. Lo so che in Friuli non ci rimane molto. Forse perché tra i terremoti e i "terrabruciatori" barbari, nessuno ha mai voluto o potuto fare investimenti. Comunque ecco qua cosa si faceva a quell'epoca a Lovanio che si trova a 25km da Bruxelles. Chi conosce questa città? Se vi piace la birra, dopo la Moretti, avrete di sicuro incontrato la Stella Artois che viene da Lovanio (Leuven). Il resto lo troverete qua.

24 mag 2008

Fisalis da gjoldi / Physallis frutto da godere



Us îsal zà sucedût di muardi une pome e di cjatâ te bocje l'etichete plastificade dal produtôr? So sês como me, o varê cirût di no comprâ plui pomis cun le spam stampade parsôre ma no sês rivâts parce che i produtôrs a le platin prime di imbalâlis par 6 sot de plastiche:-)
Ancjemó un pôc e a rivaran a meti il spam in tal aiar ch'a si respire:-)
Invesit su lis fisalis (Physallis peruvianis o Cape goosberry) no lis metin. Chiste pome cul nón ch'al sune cussí furlan a é tirade sù dapardut ma comercializadis in Colombie e a somee a une cjarêsie arançon involuçade in tune lanterne di fueis secjadis.
So no lis vês mai zerçadis o vês di cirîlis. Magari a Città Fiera. (Da me, un cestin al và sui 2 euros) O sai ch'a no si cjate facilmenti ma a si cjate.
Consei: cun doi dêts de man diestre o le piçais sot e cun le çampe o viarzês lis fueis come sa fos une banane e o metês le fisalie in te bocje zence tocjâ cui dêts. Infat, so le tocjais, i dêts a deventin cussí tacadiçs ch'a us tocjarà lavâiu cul savon. Invesit in te bocje e an un gust aciduts e rinfrescjants. Une muardude e al cji sclope in te bocje come une bufule plene di un licuit scognossût ma simpri biel da provâ. Cualchi granel dûr da rompi al reste in te bocje enfre i dincj. A son lis semencis ch'o podês gleti ma ancje ricuperâ par plantâlis in te tiare umide une dí di ploe e tirâlis sù in tun vâs al ripâr de glace. Cussí o podarês fâiu zerçâ ae vissine a l'ore dal té invesit dal solit caffé:-) ...Magari mitudis al puèst des freulis cun tun toc di torte fate in cjase.
* * *

Vi é forse già successo di mordere un frutto e di trovar poi in bocca l'etichetta di plastica del produttore? Se siete come me, da allora cercate sempre la frutta senza spam e non ci riuscite perché i produttori nascondono le etichette. Ancora un poco e lo spam si troverà nell'aria che si respira. Intanto, per un cestino di una cuindicina di Fisallis (Physallis del perù o Goosberry del Capo), lo spam non c'é. Questo frutto se ha un nome che sembra friulano é solo per caso perché viene dalla Colombia. Assomiglia ad una ciliegia arancione nascoste nelle sue foglie (Petali?) che assomigliano a delle lanternine. Non so se le avete già provate ma sarebbe ora di provarle prima che il costo della frutta salga come per i cereali.Per il momento, un cestino costa sui 2€. Si prende con una mano e si cerca di non toccare il frutto mentre si scosta le foglie prima di metter in bocca la pallina arancione e farla esplodere come una bolla tra i denti con un morso. Infatti sul piccolo frutto brillante c'é come un adesivo naturale che non sentirete per niente in bocca ma che sulle dita dovete togliere col sapone perché l'acqua non basta... Invece in bocca sentirete un sapore sconosciuto ma acidulo e rinfrescante sempre piacevole da rinnovare. Se tra i denti troverete dei piccoli granelli di 1 mm non sono altro che i semi che potete inghiottire o ricuperare per piantare in un vaso in un giorno di pioggia. Sí perché crescono facilmente se al riparo dal gelo. Cosí potrete offrire alla vicina all'ora del té...
invece del solito caffé:-) ...Magari sul dolce fatto in casa al posto delle fragole o le ciliegie? I bambini si divertiranno a sfogliare le lanterne e a mangiare la lampadina:-)

23 mag 2008

El Che di cherimoia


El Che, a nol sarès âltri che il Cherimoia che par talian a si dîs la cerimoia. Jó zence cerimoniis o dîs ch'al a un savôr enfre le banane e le freule cun le polpe ferme ch'a somee a chê dal avocado ma plui in blanc. Da mangjâ dome madûr e subite a pene viarzût parcé che le polpe a si osside subite ( Viodêt le difarence enfre le prime e le seconde foto de polpe ) Miôr cun tune sedon. Lis sepis a somèin al caffé ma si butin vie. O sin ae fin de stagjon. No sai d'indulà che vegnin i miei, forsit de Californie ma cumó a vegnin ancje de Spagne e de Calabrie e forsit doman da basse Furlanie:-). Vêso zà zerçât? 2 euros l'un lí da me.
***
El Che, non sarebbe altro che il cherimoia anzi, la cerimoia che senza cerimonie io direi che ha un gusto tra la banana e la fragola. La polpa bianca ha la consistenza dell'avocado. Arriva sempre troppo verde e bisogna lasciarlo maturare alla temperatura della stanza e finalmente mangiarlo subito perché non si conserva molto Al prezzo di 2 euro l'uno, non si rischia di comperarlo al kg e perció, gli assenti avranno torto e dovranno star senza anche perché, una volta aperto, si vede la polpa ossidarsi a vista (Guardate come la polpa s'é già ossidata fra la prima e la seconda foto). Difficile da coltivare perché i fiori debbono essere fecondati a mano sennó non ci sarà il frutto. Originario dal Perù, é già coltivato anche in Calabria e non ancora sui clivi del Vesuvio ma da domani sul lago di Como:-)

21 mag 2008

Antichitât di doman / Antichità di domani


Lis rôbis da no dismenteâ a son simpri masse.

So vin di tignî tal cjâf lis plui impuartantis, tant al vâl no pierdi il cjâf... Di viste:-)

Ci sono troppe cose da non dimenticare. Se dobbiamo tenerle tutte a mente tanto vale non perder la testa...
Di vista:-)
***

Ceramica
o
Polyester?

18 mag 2008

Jó, il tocai e tu



Vêso zà provât a fâ l'amôr in tun bosc? In tun prât? In rive al mâr le gnot o insomp di un mont a misdi? Il plasê ch'al si cjape al dipent ancje da l''aiar ch'al si respire. Lu ai provât ancje cul bevi. Un vin zence non, al puès deventâ il plui bon ch'o vedis mai bevût. In mont, ch'al sedi l'ossigjeno ch'al si rarifiche o le tô esaltazion ch'a moltipliche il to plasê, il vin al cji somee ch'al ledi jù come il lat e a tu bêfs zence deventâ cjoc. Cussí al mi é sucedût a mi.
O ai simpri vût l'impression che le butilie a fos stade di doi litros e che in 4 o 5 di nô o le vin gjoldude come s'al fos stât mieç litro. Po ben, gjoldi par gjoldi, cul tocai furlan ch'al s'in va o mi soi domandât cê dal ostie ch'o vin fat par lassânus freâ il nón di un vin. Nue di miôr che lâ a analizâ le concurince, nomo? O sêso di chei che o considerais chiste operazion un sacrilegjo? Prime di dut, o mi soi rindût cont che se il Parmigjan e il Gorgonzola ch'a vadin cussi ben cul vin e a son ancjemó talians al é apont parcé che o vin podût rivendicâ che se un prodot al cjape il nón dal puest di nascite, a nol puès sei fat ni in France (Indulà ch'a volevin fâ il gorgonzola francês) ni in Gjermanie o in Olande o in Danimarche indulà ch'a vevin zà tacât a clamâ parmigjan un formadi de purcite miserie.
Duncje o vin pierdût il nestri Tocai ancje sa si lu fasève in Friûl da plui di cent agns. Ma ce îsal miôr vaî o bevi un tai parsore? Tant par sbugjelâ vie le sacrosante voe di dî che dut ce ch'al é furlan al é miôr, o soi lât a riscjâ le piel cun tune butilie di tocai ch'a vignive de regjon dal Tokaji in Ungjarie. Po ben, fantats, o podês vaî ma jo no vai. Naturalmenti al é un vin licuorôs ch'al somee plui al Picolit o al Sauterne e ch'a si a di distropâ in presince di amancul une mule o une femine par sintîle cjantâ di plasê e dînus ce che nô o no olsín dî. Cussí o ai fat.O no mi lâssi intimidî dal so nón di Chateau Ladiva ch'al sune kitch, ansit, o stimi che se il chateau al a fat i vins, ancje i vins a puedin fâ il chateau. Ce spietino alore, mones di furlans, a meti sù un ciscjiel in francês par un vin furlan? O vino dome il ciscjel di Udin? Insome, ce ao da dius jo? Se le fie dal vissin a varès di sei une sdrondine dome parcé che il vissin al é un gnôgno, o no savarês mai cemût ch'a puès sei tal jet ne como che un vin al puès sei in te butilie se no le distropais. Distropaitle! (No le visine, eh?)
Viodêt zà che il colôr al é un colôr scuâsi di cognac e che so vês di bevi vin dome di nascuindon in tune sacristie o dome uficilalmenti ae comunion di vuestre niece, tant al vâl lâ frâri o prêdi ch'o bevarês di plui e gjoldarês di plui le vite. Duncje distropaitle ch'a vâl la pene. O disevi une dí ch'o no vevi mai cjatât une butilie ch'a no valeve le pene di sei disvueidade e une femine ch'a no valeve le pene di sei emplade. S'o vin di fâ compliments ae prime par gjoldi miôr cun le seconde nissun nus impedís di fâ ancje il contrari. Il risultât al sarà simpri compagn:
Il gjoldi! E cuant che le butilie e và dacuardi cun lis feminis, tant al vâl fâ un ménage a trois.
Alé op, o voi a taule, al é misdí:-)
* Psst, la traduzione in italiano dopo il pranzo...Salvo se faccio la siesta:-)

16 mag 2008

Lis seris dal ré / Le serre del ré

Ingrandisci con un clic

Lis seris a son stadis fatis sù propite in te Belle Epoque. A si viôt in tal stîl e in te voe. Il ré Leopoldo II al ere deventât un dai plui siors dal mont cun le colonizazion dal Congo e cun l'industrialisazion dal Belgjo. Un ant prime ch'al mori al ere vignût fûr un scandal internazionâl par vie che Conan Doyle il scritôr di Sherlock Holmes al veve fat un libri par denunciâ le maniêre che il re al ere rivât a sclavizâ dut il paîs e deventâ cussí scior. Alore il re, al a cedût il Congo al Belgjo e al si é ritirât tal so palaç e tal 1909, sintint rivâ le sô ultime ore al a fat puartâ il so jet in tes sôs seris e al é muart sot dal dômo principâl.
Le tradizion a ûl che ogni ant, il 29 di avrîl lis puartis des seris a sedin viartis al public e par dôs setemanis i 60 zardinîrs e an un grum da fâ par tignî in ordint chest grant zardin cuviert. I turiscj a no mancjin. I prins arivâ a son in Olandês parce ch'a stan dongje e a son ancje in magjorance.
* * *Link google map: http://maps.google.be/maps?f=q&hl=fr&geocode=&q=palais+royal+laeken&sll=50.86863,4.384836&sspn=0.02443,0.053988&ie=UTF8&ll=50.883976,4.368095&spn=0.024422,0.053988&t=h&z=14
Il 15 novembre 1908, per porre fine a uno scandalo internazionale, il re Leopoldo II del Belgio, che considerava il Congo come sua proprietà personale, decise di cederlo allo stato per 95 milioni di franchi. Con una parte del ricavato poté cosí rimettere a nuovo il suo castello e terminare le serre che aveva incominciato. Un'anno dopo, é proprio là, nelle serre che volle morire e fece trasportare il suo letto sotto il duomo principale. La tradizione vuole che ogni anno, a partire dal 29 aprile, le serre siano aperte al pubblico per due settimane.Come ricevo spesso, e che faccio da cicerone ho potuto anche questa volta visitare il mio vicino il re per fare qualche foto del suo gatto e dei suoi fiori. Buona giornata e buon Week end.

15 mag 2008

Il plui bon pagnut ch'o vedi mai mangjât mal veve comprât mê mâri a Tumieç une dí ch'a si spietave le coriere par lâ in sù.O ai ancjemó chel gust e chel profum te bocje e tal nâs.
D'in chê vôlte, o ai simpri cirût di cjatâ chel plasê e o ai da dî che se cualchi vôlte o i rivavi dongje, o mi cjatavi simpri in Friûl. Il pan par me al a di sei il pan dal dí. A nol m'interesse se cuant ch'al é fresc al si digjerís mancul ben. Che le croste a sedi crocant come un biscot e ch'a si disfi in te bocje o no, le gletarai cun plasê par fâ puèst in te bocje al bacon ch'al ven. Acompagnâ il pan cun tun toc di formadi e un tai di vin sentât in somp di une mont al sarès l'ideâl ma spès, al mi mancje il timp di lâ sù la mont e alore o cîr di fâ zence.
Indulà ch'o mi cjati cumó, a é une vile plene di forescj di ogni bande che a son rivâts cun lis lôr specialitâts e par fuarce cul lôr pan. Cussiché, a volê, o puedarès vê ogni dí une sorte di pan difarent ma dopo vent provât une cinquantine, o ài aromai lis mês preferencis. Il pan turc al mi veve atirât une dí par vie des semencis di sesamo sparniçadis parsôre ma il pan in sé al ere masse flap e le consistence a someave plui a chê di une gome americane che a un pan di cjase.
Il pan francês sot forme di baston ma clamât "baguette" o ai savût, ch'al ere francês dome parce che un panetîr austriac emigrât a lu veve mitût di mode a Parigji ma sicome ch'o no vevi cjatât di miôr, o mi eri adatât cun chel ancje se le croste, un grum dure, a mi sbregave i cjantons dai lâvris cuant che ingort o afamât o muardevi drenti par distacâ un bacon. La ciabatta, a sarès un pan talian vignût fûr achenti par fâ concurince al francês ma par me al é ancjemó piês parce che le croste a é masse spesse e sa no tu lu mangjis a pene fat, cualchi ore dopo, al devente cussí dûr ch'a tu scuens seâlu cun le circolâr parce che il curtís a nol cji baste.Il pan Belga al sarès une pagnote di un Kg plen di molene e scuâsi zence croste ch'a tu scuens taiâ cun le see dal panetîr senó a cjase a no tu rivis a tajâlu cul curtís.Finalmenti, da un piès o ai sielzût il pan integrâl parcé che il blanc o lu cjati zence gust e cun dutis lis sortis di pan o ai cjatât chel ch'al mi dâ plui plasê di ducj e al é chest in te foto. Al é dividût in trê. Une part cun lis sepis di gjirasol, une part cun chês di lin e une part cun chês di sesamo che passant tal for a cjapin un gust di rustît deliziôs ma il gust al é soredut chel dal pan che, ancje sa nol vès sù lis semencis al sarès distès il miôr. Ce ao da dîus? Il gno gjoldi a nol é di nissun âltri e spiegaus il gust al sarès come tradî invesit di tradusi. Vignît da me a fâ colaseon e o mi contarês le vuestre impression.

***
Si potrebbe chiedere ai sommeliers di giustificare il loro sapere per il vino col pane ma nessuno sarebbe interessato di dare un voto a un pane che soltanto il 10% di una via o di un quartiere potrebbero apprezzare. Dunque: ognuno ha il suo pane. Paese che vai, pane che trovi. Pensavo per molto tempo che le migliori varietà si trovassero in Italia e continuo ancora d'esplorare le possibilità e fin'ora, il miglior panino che abbia mai mangiato era un panino fatto a Tolmezzo nella regione delle alpi carniche.
Certo era un panino di farina bianca che ormai non apprezzo più peró il suo gusto ed il suo profumo non li ho solo nel la bocca e nel naso ma nella testa. Nel Belgio, non é come negli USA dove tutto viene industrializzato e gli immigrati che arrivano con le loro abitudini importano anche le loro specialità e prima di tutto il pane. Non ci sono molte maniere di cuocere il pane ma quanta differenza tra un pane e l'altro! Il pane turco mi aveva attratto per la sua forma di ciambella seminata con il sesamo ma il pane in sé é molle e senza gusto. Mi piace il pane croccante ma non come il francese che ha la crosta cosí dura che se non stai attento ti ferisci le labbra. Speravo aver trovato il mio pane quando ho trovato il pane italiano chiamato La Ciabatta ma francamente, sebbene quello con le olive abbia un gusto interessante, il pane invecchia malissimo e diventa subito duro e difficile da apprezzare.Il pane belga sarebbe la famosa pagnocca di un chilo fatta sopratutto di mollica e da mangiare a fette tagliate preferibilmente con la sega del panettiere. Troppo molle e insipido.Invece quello che ho trovato é questo nella foto. Il pane trio. Se non arrivo prima delle 11 non lo trovo più. Certo che costa 2€65 il mezzo chilo ma almeno con lui godo.E diviso in tre parti. La prima parte é quella che mi attira sempre di più con i semi di girasole arrostiti con la cottura del pane ma anche la parte coi semi di lino e di sesamo é sempre
un regalo con tutti i cereali incorporati, sono riusciti a fare un pane delizioso che conserva le sue qualità anche quando si é raffreddato tanto che punirmi a pane ed acqua, con lui sarebbe un premio.



14 mag 2008

Lavaux Sainte Anne

Oh ce biel ciscjel ancje chest. O soi lât a viodi un ami pitôr ch'al esponeve i soi lavôrs tal ciscjel di Lavaux Sainte Anne dongje dal Lussemburc. A son paîs ch'a non an plui che cualchi ciscjel par vie ch'a son stâts distruts pal timp o pes vueris ma in Belgjo a son restâts impins e al conte, enfre ipalaçs e i ciscjiei plui di 3000. Biel ancje chest. Al si viôt de autostrade e si rive drenti in tic e tac.
Ancje s'al si cjate lontan dai centros turistics, i cinês a son rivâts istès fint alà. Il ciscjiel al ere scuâsi stât distrut te vuere dal 1918 ma par furtune al é stât restaurât e cumó al ospite mostris permanentis di ornitologjie e zoologjie e mostris temorariis di piture e sculture. L'an ch'al ven o fasarai une mostre ancje jó.
***
Per andare al vernissage della mostra di un mio amico, son partito in anticipo e cosí ho potuto visitare in tre ore il castello di Lavaux Sainte Anne che é un piccolo borgo vicino al Gran Ducato del Lussemburgo. Con me anche una corriera di turisti cinesi per visitare le mostre d'ornitologia e zoologia in più del castello. Visita molto interessante perché completamente libera e ció, dalle cantine dove c'erano le cucine e le stanze di lavoro del personale fino nelle soffitte delle torri.
Visto Marat dipinto da David?:-)

Il vitellone del 24 maggio

Kariné sarebbe l'equivalente armeniano del nome francese Carine mi dice lei raccontandomi la storia dell'amicizia persa.
La sua migliore amica viveva al centro di Erevan in un appartamento considerato di lusso con 4 stanze più servizi. Morto il marito, il figlio le disse: Perché continuare a vivere in un appartamento cosí grande? Du stanze basterebbero ampiamente e vorrei comperare una nuova macchina.
Kariné scrisse alla sua amica di non vendere l'appartamento ma la sua amica lo fece lostesso ed il figlio ebbe la BMW che voleva ed andarono ad abitare nell'appartamento di due stanze comperato alla periferia. Ma la BMW aveva bisogno di un garage, allora, perché avere un appartamento di due camere? Basta una camera, no?
Non vendere anche quello scrisse Kariné. Non vendere! Ma niente da fare, eccoli due anni dopo in un appartamento di una camera. La Bmw ha un garage tutto per sé mentre loro, ormai in 4 perché il figlio s'é sposato ed ha avuto un bambino sono tutti nella stessa stanza...
Il vitellone non é contento del suo lavoro.Perché rimanere in Armenia?
Non c'é nessuna possibilità. Emigriamo anche noi e andiamo in Europa. Scrivi a Kariné se ci puó ospitare, vendiamo l'appartamento e la BMW e andiamo a Bruxelles...
Non vendere,sopratutto non vendere scrive Kariné. Guarda che non c'é nessuna garanzia di poter aver il permesso di soggiorno perché si danno ormai col contagocce. Puoi vendere la macchina e i mobili ma non vendere l'appartamento che puoi averne bisogno in caso ti rimandino indietro...Ma arrivarono da lei come il vitellone l'aveva deciso. Grazie a Kariné, che é traduttrice per un servizio sociale che aiuta gli immigrati, e dopo tre mesi in casa sua, é riuscita ad ottenere alla sua amica più cara un appartamento ammobiliato tutto nuovo con luce e gas e tutto gratis nonché mille euro al mese per i bisogni alimentari della sua amica, del figlio, della nuora e del nipote...Mica male direte voi.
Infatti, sopratutto che il vitellone, invece di partecipare alle spese d'alloggio mentre abitavano tutti da Kariné, prese l'abitudine di andare a mangiare al ristorante e frequentando i caffé, in 5 mesi aveva sperperato i soldi ricevuti con la vendita dell'appartamento e della BMW.
Peggio, al primo mese, dopo dieci giorni aveva speso tutti i mille euro ricevuti e dovettero chiedere soldi a Kariné per finire il mese. Il mese dopo, stessa cosa ed infine il 15 aprile scorso Kariné anche per rispetto a suo marito, ormai pensionato, disse di no. S'era finalmente resa conto che se continua cosí avrebbe avuto a carico per tutta la vita tutta la famiglia della sua amica.
Kariné piange, ha perso un'amica.L'amica piange, ha perso tutto per il figlio e guarda la punta delle sue scarpe rotte. Le stesse e le uniche con le quali é arrivata sei mesi fa e che ha dovuto perfino imprestare alla nuora che aveva solo un paio di sandali. Il 24 maggio verrà deciso se questa famiglia ha il diritto di rimanere o se sarà espulsa verso la Lituania.
Infatti, secondo certe disposizioni europee, gli immigrati in sopranumero di un paese possono essere trasferiti in un'altro paese europeo dove ce ne sono di meno. La Lituania che recentemente ha fatto scandalo per aver inaugurato un monumento ai "partigiani" pro nazisti dell'ultima guerra, deciderà se tenere o rimandare gl'immigrati nel loro paese.
Impara il francese se vuoi trovare un lavoro, diceva Kariné.
Perché fare? Ci sono abbastanza armeni e russofoni. Troveró facilmente lavoro con loro...Nei caffé.


***
O voi e o ven. Us darai novitâts a pene ch'o ai timp. Mandi

11 mag 2008

Fieste des Mâris / Festa delle mamme



O spietavi di viargi il fór par viodi se nol in d'ere nuie di rot prime di augurâus, mamis di prime e mamis di vuê e, alé, mamis di doman, une buine fieste cun tun vasut di rôsis tirât sù da me specialmenti pe ocasion.
Il prin al và a Agne Lene, il secont a Done Bete, il tierç e il quart e il quint e...Fasêsi indenant so vês chê di no spietâ l'ant ch'al ven. Se po o sês di chês furlanis ch'a no pensin ae Patrie che cuant ch'a tàin le lûs o ch'a non d'é nuje ae television o ch'o cjapais le pilole, ce ao di fâ jó?
Domandait a Berluscon ch'al istituisci le fieste de Contracezion. Dopo dut, se an fate chê de imacolade Concezion a une femine che a vût frùs zence taconâ a si puedarès ancje fâ une fieste a dutis chês ch'a taconin zence vê frùs. Alé op, buine fieste d'istès, no le fâs lungje e par chei ch'a son scandalizâts pal gno cjacarâ o promet di dî une ave Marie di pentiment:-)
***
Aspettavo di aprire il forno e vedere se non c'era niente di rotto prima di augurare alle mie mamme preferite una buona festa. Come non siete ancora mamme? Mbé, io l'intenzione ce l'avevo ma se poi preferite la pillola vi offriró un porta pillole al giorno della Contracezione che metterei dietro o davanti dall'Assunzione se Berlusconi non ha niente in contrario.
Scherzi a parte, L'italia é uno dei rari paesi dove si dice la parola mamma fino alla morte e a qualsiasi età. Se chiedete a uno straniero quali parole conosce in italiano vi dirà di sicuro, ciao, dolce vita, pizza, paparazzi, mafia e mamma mia:-) Certo che per uno che conosce solo il Mothers day o la fête des mères e la fieste des mâris, la fiesta de las madres o de feest van de moeders come me, offrirvi i fiori col vaso é contrario ai sentimenti più contenuti che dovrei avere. Ma come si fa ad amare le donne senza mostrare le emozioni?
In Germania, per la loro festa i figli portano la colazione a letto alla mamma, Credo che sia una buonissima tradizione.Buona festa!

Allianoi, Allianoi e pomodori fin che vuoi!







A 18km de vecje sitât di Pergamo (Vuê Bergama in turc) e an cjatât un sito archeologic che in dîs agns al si é ingrandît simpri di plui svelant ai archeologos indulà ch'a si platavin lis termis di Allianoi. Bielzà plui di 9000 palanchis di difarentis epochis, struments di chirugjie, sculturis, e soredut une vere sitât dedeade ae salût cun lis termis ch'a funzionin ancjemó cun le âghe termâl ch'a ven fûr a 47 grâts dopo 2200 agns. Ma o doi pas di aí, e an fat sù une dighe par neâ dute le valade sot di 17 metros di âghe. Le âghe a varès di siervî ae culture intensive di pomodoros.
Insome dopo 2000 agns sot de tiere, a pene scuvierte, le sitât a sarà neade sot de âghe par simpri...Par furtune che in Friûl o vin avonde âghe par no soterâ ni Zuglio ni Acquileia...Baste ch'a nol smeti di plovi:-)



***A 18km della vecchia città di Pergamo (Bergàma in turco) é stato trovato un sito archeologico che in dieci anni si é ingrandito fino a 9 ettari svelando agli archologi del mondo intero il luogo dove si trovava la famosa città termale di Allianoi. Dopo dieci anni, 9000 monete, centinaia di strumenti chirurgici, sculture e vasi dell'epoca romana si é visto che le terme potrebbero ancora funzionare come 2000 anni fa con l'acqua che sgorga a 47 gradi. Sfortunatamente, la Turchia che sembra molto all'Italia al punto di vista casino, nel frattempo ha costruito una diga per coprire tutta la vallata con un lago artificiale e Allianoi, dopo 2000 anni sotto terra, risparirà sotto 17 metri di acqua.La comissione europea potrebbe far valere al governo turco che se lo fa, non entrerà mai in Europa. Ma sarà sufficente?

I blogs a puarte scierade / I blog a porta chiusa

I blogs é an cjapât plui impuartance par cualchidun che par cualchi âltri e secont le nature ch'a si à a si sielç di cjacarâ di rôbis personâls o di nuje ma le gnove mode a é di impedî di entrâ in cjase a di ducj metint il filtro dal codiç. O disarês ch'al é normâl. Personalmenti, o pensi che chiste operazion a sedi rompibalis stant al fat che ducj i programs a permetin di scancelâ no dome i messagjos ma ancje ducj i posts sa no us plâsin.
Imagjinait chel vuestri amîc ch'a us fâs simpri chei biei coments delicâts e azecâts e che dut tun colp al é obleât di sta atent a no sbaliâsi par fâ chel cazzo di codic ch'al devente simpri plui lunc... e che ae fin de zornade, sa i sucêt al scuen fâlu ancje trê vôltis per ognun dai soi preferîts a une preferidis s' al fâs il zîr dai blogs e al si cjate imberdeât tar chestis formalitâts...Sù mo sù! Ancjemó un pôc e il codic da fâ al devente plui lunc che il coment.
Ce disaresiso se in te machine, invesit di fracâ il baton tal puarte clâfs us tornaressin a meti le clâf obligatorie?
***

I blog, hanno preso più importanza per alcuni che per altri. Secondo la propria natura, si scielglie di parlare di cose proprie o anonime e di non lasciar entrare nessuno in casa propria. Legittimo direte voi.
Una delle tendenze attuali é di obbligare il commentatore a mettere il codice d'entrata prima d'inviare il commento. Personalmente trovo che questo sia inutile poiché tutti i programmi ci permettono di cancellare i commenti indesiderati, sia individualmente che con tutto il post. Tra l'altro, immaginate colui che deve fare il giro dei preferiti e si trova sempre a dover aggiungere in fila stretta e serrata il codice di x o y che alle volte, per complicare ancora di più, invece di 4 o 5 lettere si arriva alle 8 o dieci.Ci dovrebbe essere una possibilità per almeno dare la chiave agli amici e prometterla agli sconosciuti. Speriamo che qualcuno ci pensi ad aggiungerla prima che questa mania ci porti a fare dei codici più lunghi che i commenti.

10 mag 2008

Chel ch'a nol olse nuje a nol a nuje



A son vincj agns ch'o dopri il gno balcon come cjarte da visite. Une dí il gnûf sindic al mi à mandât le polizie par fâmi gjavâ dut par vie de leç urbanistiche. Cualchi setemane dopo al é muart. No lu ai copât jó, ma d'in chê dí, dopo vê otignût le permission par un ant par vie di une mostre, nissun a nol mi à plui dite nuje. Sul boulevard, i abitants cuant che spiêghin par telefono indulà ch'a stan a disin: ics cjasis plui in jù o plui in sù dal balcon, o ben de bande dal balcon.
Dut al a scomençât une dí ch'o vevi tai pîs le sculture di un cjâf di 1m50 in vetroresine ch'o no savevi indulà meti e alore o ai decidût di picjâle di fûr e le ai lassade sù fin quant ch'a ere cussí sporcje, ch'o ai scuignût meti alcaltri. Pôc a pôc, o ai vidût ch'al in d'ere simpri cualchidun ch'al si fermave a tirâ une foto e alore o cambiavi. Un dí un sior di Londre al mi clame al telefono e al mi dîs ch'al veve le copie dal Toronto Star mandât da so pâri in Canada cun le foto de mê cjase sot dai vôi e ch'al ere gjornalist e...Al mi a fat un articul di dôs pagjinis te so riviste di publicitât e vetrinistiche. M'impensi che lis cjasis di publicitât a fasevin scomessis enfre di lôr par viodi cui ch'al indovinave il timp che lis autoritâts a mi varessin concedût prime di fâmi gjavâ dut. Po ben, e an ducj pierdût. O sai, o soi privilegjât. Nissun al mi a dât le permission ma ducj e tolerin parcé che l'idee a é origjinâl, artistiche e cuissà ancjemó cê.Par ringraziâ alore o ai decidût di decorâ le cjase come mai nissun al olsarès fâ. Se une dí a devente un museo al ûl dî ch'o ai vût rason, senó, prime di lâ a stâ ator di un lâc o di un mâr o le vendarai come opare d'arte. Intant, so si impensais dal gno prin post o vevi di fâ alcaltri par comentâ le politiche atuâl e o cjatarês achi sot par talian alc di plui sù chest o ben par savent di plui su le vite dal balcon lait achi.
Chi non rischia non rosica
Dopo quasi un'anno, il governo belga si trova praticamente nello stesso punto. Al nord i fiamminghi e al sud i valloni. Nel mezzo gli abitanti di Bruxelles. Di che dividere la mela in tre. Ho riassunto la situazione di questo ménage à trois con un'immagine. Una messa in scena fatta di sculture. Il balcone che dà sul boulevard ( guarda anche il mio primo post e poi qua)
La mela é il Belgio che ognuno vorrebbe mordere a modo suo. Fidandomi alla mia intuizione e sopratutto perché uso il balcone da vent'anni come carta da visita, dovevo mettere qualcosa di nuovo ma vi lascio indovinare le interpretazioni che ne possono scaturire sapendo che in francese ci sono un sacco d'espressioni sulla mela e per esempio:
1Croquer la pomme (Mordere la mela)
2C'est bien fait pour ta pomme (Ti sta bene per quello che hai fatto)
3Tomber dans les pomees (Svenire)
4La pomme de discorde (Il soggetto sul quale ci si bisticcia)
5 Grand come trois pommes (Piccolo)
5Prendre quelqu'un pour une pomme (Prendere qualcuno per fesso)
6 La pomme d'Adam (La corotide, ma anche per dire qualcosa che non si sa deglutire)
7 La pomme de G. Tell (Entrata nel parlare quotidiano per dire che non s'é sbagliato di mela)
8 Ma pomme (La mia faccia)
9 Se sucer la pomme ( per dire baciarsi con insistenza tra partners)
Con le diecimila macchine che passano davanti ogni giorno succede che i giornali e la TV mandino i giornalisti a prendere foto e film e talvolta a chiedermi da dove venga il mio senso patriottico e forse sono un pó delusi quando scoprono che non sono né belga né patriota ma solo io.

09 mag 2008

Plasê platât / Piacere nascosto

Domani dipingeró la tavoletta del gabinetto con una tavolozza, il computer come un vaso greco, la macchina come una scultura equestre, la casa come un palazzo di mille e una notte ma da oggi ho marmorizzato il serbatoio ed il tubo come le piastrelle nel gabinetto degli ospiti. La mostra incomincerà lí ma se non vi piace non fatevela addosso:-)




Doman o piturarai le tabele dal cesso come un cuâdri, il computer como un vâs grec, le machine como une sculture ecuestre e le cjase como un palaç di mil e une gnot ma da vuê o ai marmorizât il serbatoio de âghe e il tubo cul colôr des piastrelis in tal cesso dai ospits. Le mostre a tache aí e sa no us plâs lait a cagâ:-)

Nasdarovie


In francese per dire ubriaco fradicio si dice Ivre mort, in russo si dice "Ubriaco da cadere con la testa nell'insalata" Oggi, si festa la vittoria in Russia, e allora? L'anno scorso ero a Mosca alla stessa epoca. Mai visti tanti ubriachi in vita mia. Dovevo andare in centro e il vicino mi aveva proposto di portarmici col suo furgoncino. Con la sua faccia ghiacciata di biondo, sembrava cosí lontano dalle facce amabili e bambinesche che si vedono di qua e mi chiedevo mentre guidava cosa facesse col furgoncino. Era in ritardo e m'ha proposto di andare prima al suo negozio e poi mi avrebbe portato in centro. Dunque aveva un negozio di alimentari ma la ragione del ritardo era che in quel giorno, distribuiva gratuitamente una birra, una salsiccia e un abbraccio a tutti i veterani dell'ultima guerra ed arrivando c'erano già i soliti tre che ogni anno sono sempre i primi ben sapendo che sono gli ultimi.
Poveri veterani. Nessuno li ha mai considerati come si fa da noi. E già da un pezzo che hanno venduto le loro medaglie per poter sopravvivere ed oramai, molti di loro vivono di carità e per fortuna, in questo giorno di vittoria c'é qualcuno che pensa a loro al posto del governo.
Pertanto, i russi, sono gli unici che abbiano buttato fuori dal loro paese i tedeschi senza aiuti di truppe straniere ed armi sofisticate. Anzi, Eysenhower aveva dato ordine di lasciar prendere Berlino dai russi perché per prendere una città combattendo strada per strada avrebbe causato troppe perdite in uomini...
Gli svedesi, i turchi, i giapponesi, gli inglesi, i polacchi ed i francesi di Napoleone avevano tutti provato a far guerra alla Russia prima dei tedeschi di Hitler e, gli americani di Bush, si direbbe che vorrebbero provarci anche loro piazzando basi militari ai loro confini ma oggi si dimenticherà tutto nella sbornia nazionale. Chi se ne frega del resto? Chi non cade con la faccia nell'insalata é un traditore! Nasdarovie!

Un vaso un fiore / Un vâs, un flôr


I assints e an simpri tuart ma so no soi simpri achi o no soi lontan. Intant us met cualchi vâs par câs.
Gli assenti hanno sempre torto ma se non sono sempre qua non sono molto lontano. Intanto vi metto qualche vaso per caso.

08 mag 2008

Vie ducj a Città Fiera / Tutti a Città Fiera


Se agne Lene a varès podût, a sarès vignude cun nô a Technopolis. S'al fos un centro ricreatif par pensionâts a nol sarès mâl ma al é pluitost un centro indulà che le tecniche, le tecnologjie, le sience a é ricreade par sburtâ i piçui e i grancj a cognossile. Vêso un'idee di trope âghe ch'o vin tal cuarp? O cjatarês une bilance ch'a us dà il vuestri pês e us mostre le quantitât di âghe ch'o vês tal cuarp. Bielzà di fûr, le prime rôbe di fâ prime di entrâ al é di jevâ sù une machine cul vuestri pês ma o larês da une atrazion a chê âltre a pene ch'o sarês drenti: Volêso provâ a lâ in biciclete sun tune cuarde? Volêso provâ a viodi ce ch'a si prove a fâ il fachiro ponet sun tun jet di clauts? 280 attrazions us fasaran parâ vie le zornade e so sês cui fruts, o varês ancjemó plui plasê. Prêsit: 20€ par lôr e 27 par vuâltris. Indulà? A città fiera di Udin. Agne Lene a sarà contente se, come ch'a si previôt di fâ, a fasaran sù un Technopolis a Cittâ Fiera come chel ch'o vin stât a viodi a Malines dongje Bruxelles.

Se Technopolis fosse un centro ricreativo per pensionati sarebbe il migliore del mondo ma é piuttosto un centro dove la tecnica, la tecnologia e le scienze applicate sono ricreate per spingere i grandi e sopratutto i piccoli ad interessarsene. Infatti troppo pochi sono gli studenti che si dirigono verso le scienze. Allora perché non interessarli divertendoci con loro? Sappiamo che l'acqua che abbiamo nel corpo é circa il 85%, saliamo su una bilancia ed otteniamo in un tubo di vetro il volume dell'acqua come se fossimo stati spremuti. Come funziona un eco? Come fare un giro in bici su una corda senza cadere? Come farsi raddrizzare i capelli? Come si creano i vortici nell'acqua? Come fare come il fachiro? Come fare una pizza all'età di 5 anni? Come cambiare le ruote a un macchina all'età di 8 anni? Come diventare James Bond e conoscere tutti i trucchi dell'agente segreto? 280 attrazioni sono abbastanza per far passare una giornata interessante ai bambini e alla nonna mentre andrete a far spesa nella Città Fiera di Udine. Ma ci andrete veramente a far la spesa o manderete qualcun'altro al vostro posto? La risposta sarà da trovare a quel momento. Per adesso, un Technopolis a Città Fiera come quello di Malines vicino a Bruxelles é solo un progetto ma i contatti sono già presi e non dovremo aspettare molto per sapere quando si aprirà.

Post correlato: Agne Lene a Città Fiera

07 mag 2008

Bruges La Vignêsie dal nord / La venezia del nord

Sa si varès di tradusi il non di chiste sitât in furlan, vidût che in olandês a si clame Brugge (Pron. Brügghe) e in francês Bruges, cemût si disaresial? Brugjes o Brûgjis? Po ben, jó o soi di chei che par facilitât o lassarès i nons stranîrs come ch'a son e i furlans zence traduzions par di nissun.
Une amie furlane a stave da me e le setemane passade o ai fat da ciceron e da autist par menâle a spàs ator pal Belgjo. Vêso zà provât a fâ il ciceron? A mi al mi plâs. A mi dà l'impression che lis rôbis ch'o fâs viodi o lis vedi fatis jó:-) Naturalmenti, achi o ai fat dome lis fotos e us lâssi cun chêste foto ma so fracais par sôre us mostre dutis chês âltris.

La settimana scorsa ero occupato a fare da cicerone e d'autista ad una amica friulana che era venuta a visitarmi. Avete già provato a far da cicerone? A me mi piace. Mi dà l'impressione che le cose che faccio vedere le ho fatte io:-) Naturalmente qua ho fatto solo una foto ma se ci fate un clic sopra avrete tutte le altre e perfino parte del corteo annuale in costumi d'epoca.
Ah, si, tra le foto, anche un personaggio del 1500 che lavora un diamante. L'ho fatto io per il museo del diamante. Cosa potrei fare d'altro quando sto in silenzio;-)? Mandi mandi.

06 mag 2008

Puartis jaieschis / Le porte jaiesche

O disevi che cuant ch'o no fâs nuje o fâs ancjemó alc. Chiste aé l'ûltime di íar.
Une puarte par une scarpiêre ch'o ai fat sù in tun pianerotul par fâ cjacarâ le int in portinerie:-)

No ai cjatât nujâltri par meti in contrast il glaçât geometric des piastrelis e il disordin contignût dal drapegjo.




Dicevo nel mio profilo che quando non faccio niente faccio sempre qualcosa e questa é l'ultima di ieri: Una porta per una scarpiera fatta di piastrelle in un pianerottolo. Esattamente quello che ci vuole per far parlare la portinaia:-) No ho trovato niente di meglio da opporre alla geometria ghiacciata delle piastrelle che questi drappeggi in verde rame. Ma questo é solo un piano. Adesso devo continuare con gli altri. Se sparisco dal blog mi troverete tra un piano e l'altro.



Lant singarant / Gironzolando

So vês chê di lâ a Parigji a partî da Bruxelles e ch'o cjapais le autostrade, tant ch'o lais fûr no cjatarês le vuestre direzion scrite che in tune lenghe scognossude e duncje forsit o no savarês nancje indulà ch'o lais a finîle. Po ben us al dîs jó come ch'o lu disevi a chê amie furlane ch'a é vignude da me le setemane passade: Paris al devente Parjis e al si lèi Pareis e no ae furlane:-)
Fint achi nuje di tant difarent ma so cirîs Lille o cjatarês dome Rjisel e so cirîs Mons o scuignarês contentâsi di Bergen. I scandinâfs di passaç a crodaran di tornâ tal nord invesit a son daûr a lâ al sud...
Chiste manie di meti i nons francês in olandês nus ven dai flamingos che e an otignût di vê in te lôr lenghe ducj i segnâi stradâi ch'a son in tal lôr teritori. Imagjinaiso le stesse rôbe in Friûl?
Vignêsie forsit cualchi slâf lu capirès ma quâl îsal chel talian o furlan ch'al capirès Nova Gorica s'al si cjate in Slovenie o Croazie? Po ben us disarai che cumó o cognos le pronunce e a si dîs Nova Goriza. Cjatât?
Parcé no lassâ i nons des sitâts in te lôr lenghe origjinâl? Al simplificarès.


Se dovete andare a Parigi a partire da Bruxelles prendete l'autostrada, nel primo tratto, non troverete la vostra direzione scritta che in una lingua sconosciuta e non saprete forse neanche da che parte andare. Allora ve lo dico io come lo dicevo all'amica friulana che é venuta a trovarmi la settimana scorsa: Parigi si scrive Parjis e si legge Pareis. Fino qua niente di molto diverso ma se prima vi dovete fermare a Mons o a Lille troverete solo Bergen e Rjisel. Col Bergen che c'é in Scandinavia, gli scandinavi di passaggio crederanno di andare al nord ed invece andranno al sud.
Questa mania di mettere i nomi francesi in olandese ci viene dai fiamminghi che hanno ottenuto di scrivere nella loro lingua tutti i segnali stradali che si trovano sul loro territorio.Immaginate le stesse cose in ogni regione italiana? In Friuli venezia diventerebbe Vignêsie e solo gli slavi lo capirebbero (Un po come gli italiani che sono in Slovenia o Croazia e che leggono Nova Gorica.
Se vi dico che si pronuncia Nova Goriza ce la fate a sapere che si tratta di Gorizia?
Perché non lasciar i nomi nella loro lingua d'origine? Semplificherebbe
.

05 mag 2008

Guantanamo gifts






Someone who loves me got me this T-shirt in Guantanamo Bay, Cuba









O soi lât une setemane a Cuba e us ai puartât cualchi regalut da Guantanamo.Rubutis da nuje ma o speri ch'a us plasedin. I regâi a son vindûts juste fûr de puarte de prason indulà che 280 prisonîrs a son tignûts drenti zence nissune imputazion. Ch'al sedi par provâ lis gnovis torturis?
Mah! Il gust al é discutibil ma ce vuelial dî? Al di di vuê, dut ce ch'al é biel al devente brut o fûr di mode e ce ch'al é brut, scabrôs a si vent come paníns. No, no soi lât a Cuba, o ai cjatât chiste rôbe achi sul Daily mail




Da Guantanamo vi ho riportato qualche regalino. Cose da niente che spero vi piaceranno. Questi regalini sono venduti nella base americana per i turisti ed i 7000 soldati che vi si trovano.
Il gusto é discutibile ma cosa vuol dire? Al giorno d'oggi, tutto quello che era bello prima diventa brutto o fuori di moda mentre il brutto, lo scabroso, il lugubre si vende come panini. Of course, non sono andato a Cuba ma ho trovato queste cosette sul Daily Mail.

04 mag 2008

Frice di Fare e frice di len


Cjapait le vie Veneto e lait indenant fint ae vie Rome e o rivarês in Strada dei Campi par lâ fûr dal paîs di Fara. So no savês indulà ch'a si cjate le scrite o no vês che di ingrandî le Google map e o le cjatarês. Il simpatic furlan forsit al a pensât che scrivi frice al ere masse lunc e alore lu a scrit par talian tal so cjamp. Jó i perdoni vulintîr parcé ch'al mi dà le ocasion di zontâ le mê stant al fat che di tant in tant o scuen ben dî ch'o no soi un fenôli e ch'o no ai nissun vissin ch'al é plevan e che lant singarant o ai ancje cjatât une ilustrazion par stâ sul tema e faus riduçâ chel tininin e dismenteâ le politiche ancje a cost di pierdi la mê aureole:-)
Ingrandisci


Prendere la via Veneto e proseguire fino alla via Roma per arrivare alla via dei Campi ed uscire dal paesello friulano di Farra d'Isonzo. Se non sapete dove si trova la scritta fate un ingrandimento col cursore google map e lo troverete. Il simpatico furlan, forse ha pensato che l'equivalente in madrelingua (Frice) era troppo lungo allora lo ha scritto in italiano. Io gli perdono volentieri perché mi dà l'occasione di aggiungere la mia foto presa nel bosco vicino a casa mia e proclamare (Come é prudente di tanto in tanto precisare anche a costo di perdere la mia aureola) che non sono gay...Ancora:-)

Il gjat e la surîs

Le Chat et la souris
L'amour est un peu
Comme ce jeu qu'on appelle
Le chat et la souris
L'amour est en jeu
Capricieux et cruel
Pas vu pas pris
Mais si tu me veux
Si tu te sens des ailes
Pour me trouver la nuit
Baisse un peu les yeux
Je ne suis pas au ciel
Mais dans mon lit
Et si demain je veux tendre mes filets
Je te montrerai qui je suis
Et tout au fond des draps tu sauras qui est
Le chat et qui est la souris
L'amour est un peu
Comme ce jeu qu'on appelle
Le chat et la souris
L'amour est un jeu
Capricieux et cruel
Pas vu pas pris
Si tu es de ceux
Qui pour nous font du zèle
Les amoureux transis
Va sécher tes yeux
Et fais la cour à celles
Qui se marient
Mais si tu joues à chat et si tu me plais
Je te montrerai qui je suis
Et tout au fond des draps tu sauras qui est
Le chat et qui est la souris
Il faut choisir de la guerre ou de la paix
De l'enfer ou du paradis
Attention !Mon lit est profond
Il y fait si bonIl y fait si chaud
Que les inconnus
Qui s'y sont perdus
Ne l'oublieront pas de sitôt
Attention !Si tu veux m'aimer
Si tu veux jouer
Je joue pour gagner
Et je sais déjà
Qui sera le chat
Que c'est toi qui seras mangé
L'amour est un peu
Comme ce jeu qu'on appelle
Le chat et la souris
L'amour est un jeu
Capricieux et cruel
Pas vu pas pris
Mais si tu me veux
Si tu te sens des ailes
Pour me trouver la nuit
Baisse un peu les yeux
Je ne suis pas au ciel
Mais dans mon lit
Et si demain je veux tendre mes filets
Je te montrerai qui je suis
Et tout au fond des draps tu sauras qui est
Le chat et qui est la souris
Il faut choisir de la guerre ou de la paix
De l'enfer ou du paradis

*Melina Mercuri a é stade un ministro de culture de gnove Grece dopo de ditature dai colonéi.Prime, a ere cognossude soredut come une atrice, une cjantant e come femine dal regjist Jules Dassin (Topkapi, etc.)pâri di Joe Dassin cjantant popolâr francês dai ains 70. A Melina i plasève di dâsi l'arie di gjate ma in tune cjançon di Claude Lemesle invesit a disève ch'a i plasève di plui fâ la surîs. Us met il test de sô cjançon e le foto de mê gjate cjapade vuê di binore. Kissa e à chê manie di puartâmi dongje dut ce ch'a cjape di fûr. Come se jó, vecjo gjat di La Fontaine, o murís di fan. No us dîs ch'a mi puarte ancje ucèi, ma lis plumis si e lis fuèis e cjarêsiis ch'a colin dal arbul.

*Melina Mercuri " é stata uno dei primi ministri della cultura della nuova Grecia post dittatura dei colonelli. Prima era conosciuta sopratutto come attrice, cantante e moglie del regista Jules Dassin (Topkapi, ecc) padre di Joe Dassin, cantante popolare francese degli anni 70.
A Melina piaceva molto darsi l'aria di gatta sensuale ma in una canzone di Claude Lemesle invece cantava la sua voglia di far la topina.
Vi metto il testo della sua canzone con la foto della mia gatta presa stamane. Kissa ha la mania di venirmi a portare tutto quello che prende di fuori. Come se io, vecchio gatto a La Fontaine, morissi di fame. Non vi dico che mi porta anche gli uccelli ma solo le piume, e le foglie o le ciliege che cadono dall'albero:-)