I miei Video clips furlans

Loading...

30 giu 2008

When I'm 99

O ai domandât al gno dentist di cjapâmi l'impronte dai miei dincj e cussí o sai bielzà cemût ch'a sarà la mê dentiêre cuant ch'o in varai 99: Fate cun le copie dai miei vêrs dincj! Daspó o fasarai come agne Lene

-Ho chiesto al mio dentista di prendermi l'impronta dei denti. Cosí só già che genere di dentiera avró quando avró 99 anni: Sarà la copia dei miei denti!
Posted by Picasa

Innos / Inni / Hymnes / Anthems / himnos


Cun dutis lis partidis ch'a nus càpitin, o cognossin forsit i innos di chei âltris a memorie.
Nol é ch'o vedi une preferince par un o chel âltri ma so vês chê di viodi cualchi difarence
o ai mitût achi chei ch'a mi someavin plui fuarts o plui sugestîfs.
O crôt che ognun al sedi fat pal popul ch'a lu intone. Il gjenar al si sint subite.
Enfre il pomposissim inno rùs e chel nobil todesc, l'inglês e il merecan a no stan mâl. Nô e i spagnûi e i francês on vin un'âltri gjenar. Come dî le difarence ch'a si cjate enfre le opare e le operete. Il nestri al somee ch'a nol sedi biel che cjantâts pai fruts, i spagnûi al si disarés ch'an cjapât une marcie nuziâl e i francês che an une vecje version de cjançon dai Beatles All you need is love:-)


Con tutte le partite di calcio che ci capitano, forse conosciamo gli inni degli altri meglio che il nostro. Non ho nessuna preferenza ma se volete fare una carellata per curiosità vi metto i link di quelli che mi sembrano i più suggestivi. Credo che ogni inno sia fatto per il popolo che lo canta. Il genere si sente subito. Tra il pomposissimo russo e il nobile tedesco, l'inglese e l'americano non stanno male. Noi, gli spagnoli ed i francesi abbiamo un'altro genere che sembra alla differenza che c'é tra l'opera e l'operetta. Sembra che il nostro dia il massimo di se solo se é cantato dai bambini mentre gli spagnoli si direbbe che hanno preso una marcia nuziale e i francesi che hanno preso la versione fatta dai Beatles: All you need is love...ma messa alla salsa francese

28 giu 2008

Il GSM al fâs mâl / Il GSM fa male alla salute

Lovanio a nol si cjate dongje Ludario ma dongje Bruxelles e al é propit aí in te universitât che dopo vê mitût in oservazion 3 grups di pantianis par 18 mesi e an scuviezût che chês ch'a vevin stât dongje dai telefonins par dôs oris in dí a murivin dôs vôltis plui adore che chês âltris. Al somearès che lis ondis eletromagnetichis a scomponin il sisteme imunitari e al fâs invecjâ plui adore.
Duncje, so mi vês clamât e ch'o no ai rispuindût o savês cumó il parcé:-)

Allora, secondo Robert Van Der Stappen, scienziato all'università di Lovanio le onde elettromagnetiche dei telefonini sono nocive. Dopo aver diviso in tre gruppi un numero di sorci ed averli sottomessi chi intensivamente, chi un poco chi niente e per 18 mesi alle radiazioni, tutti i sorci esposti intensivamente o sono morti o erano ammalati. Secondo lui, i sorci esposti alle radiazioni invecchiano più presto e perdendo le difese immunitarie si ammalano spesso di tumori...Adesso capite forse perché al telefono non rispondo mai:-)
Links:
http://www.infos-du-net.com/actualite/13905-ondes-GSM.html
http://www.avaate.org/article.php3?id_article=1440
http://www.econologie.com/forums/ondes-des-rats-du-wifi-des-portables-et-nous-vt5619.html

27 giu 2008

Escursion / Escursione



Nome: Amorphophallus titanus. Gigantesco cazzo amorfe / Grant bacon di bighe amorfe
A si dîs che indulà ch'andé fricis lis bighis no son tant lontanis. O ben o le ai inventade jó:-)
Dutcâs achi tar cheste bestie di flôr o vês une drenti chê altre dome che pe estetiche invesit di entrâ, le bighe a jès, duncje, o podin dî che le nature s'a rive a jessi erotiche a no é pornografiche e vidude cussí a é ancje artistiche. Rôbe da disegnâ, da scolpî, da piturâ, dutcâs da viodi amancul une vôlte in te sô vite. So sês como me che i colôrs a esaltin e i flôrs a i dan voe, chest flôr us fasarà ancjemó plui efiet.
O vevi pôre dal odôr ch'a mi vevin dite teribil ma francamenti o no ai sintût nuie di nuie. O sai, cuant ch'a si ame a si devente vuarps e duncje o podarês ancje vê pierdût l'olfat, ma no, us dîs le veretât, a si sintive dome i odôrs dai flôrs dongje e o soi lât dôs vôltis par verificâ.
Invesit lant fûr viodint une femine ch'un le maute zâle ch'a passave dongje un arbul cui flôrs zâi no ai savût fâ di mancul di dîgji ch'e l'arbul al jere ben assortît cun jê. Jê a é someade lusingade e tant ch'a cjalave l'arbul cui flôrs zâi jó i cjalavi le sô maùte lí ch'a spontavin lis pontis des tetis e i ai dite ch'o no savevi cê ch'o vevi rimarcât al imprin e che s'al ere l'arbul, jê a no ere propit nue mâl e che s'a ere le sô maùte cumó o eri pront a dismenteâ l'arbul. Le ai vidude imbarazade ma no masse, alore i ai spiegât cemût ch'a veve di fâ par cjatâ chel flôr clamât Amorphophallus titanus subite zence fâ il zîr di dut il parco. Jê e a forsit pensât ch'o volevi cjacarâ di fâ l'amôr cun tune bighe titaniche e aé scjampade vie disintmi grazie pal compliment. Pecjât parcé che la mê drete a i varès stât ben ma i miôrs plasês a son chei ch'a durin di mancul:-)
Si dice dove ci sono le gatte, i gatti non sono lontani ma forse questa l'ho appena inventata io.
In ogni caso qua in questa bestia di fiore avete un sesso dentro l'altro solo che per l'estetica, invece di entrare, il dardo ne esce. Dunque possiamo dire che la natura se é erotica non é pornografica e visto cosí é anche artistica. Da disegnare, da scolpire, da dipingere, da fotografare comunque e per questo dovete vederlo almeno una volta nella vita. Poi, se siete come me che coi colori si esaltano e con i fiori sentono rimuovere la linfa nel corpo, questo fiore vi farà un bel effetto.
Avevo paura per l'odore che mi era stato descritto come nauseabondo e che invece non esisteva per niente. Che sia una trovata giornalistica per sconsigliare la gente? Ci sono andato due giorni per verificare e nenche col naso dentro ho sentito qualcosa.
Invece era più piccolo che previsto ma ne sono uscito esaltato tantevvero che vedendo una ragazza con la maglietta gialla passare vicino ad un albero coi fiori gialli, non ho potuto far a meno di dirle che l'albero era molto ben assortito con lei. Lei non aveva notato né la sua maglietta né quell'albero ma s'é girata a guardare e mentre lei guardava l'albero io guardavo la sua maglietta dalla quale s'intravvedevano bene le punte dei seni. Non só cosa io abbia notato prima ma gli ho detto che se fosse stato l'albero sarei volentieri disposto a dimenticarlo per guardare la maglietta da più vicino. Là, forse il mio sguardo gli é sembrato troppo diretto
per lasciarmi aggiungere qualcosa d'altro e se n'é andata ringaziandomi

Giardino tropicale / Zardin tropicâl


A si dîs che indulà ch'andé fricis lis bighis no son tant lontanis. O ben o le ai inventade jó:-)
Dutcâs achi tar cheste bestie di flôr o vês une drenti chê altre dome che pe estetiche invesit di entrâ, le bighe a jès, duncje, o podin dî che le nature s'a rive a jessi erotiche a no é pornografiche e vidude cussí a é ancje artistiche. Rôbe da disegnâ, da scolpî, da piturâ, dutcâs da viodi amancul une vôlte in te sô vite. So sês como me che i colôrs a esaltin e i flôrs a i dan voe, chest flôr us fasarà ancjemó plui efiet.
O vevi pôre dal odôr ch'a mi vevin dite teribil ma francamenti o no ai sintût nuie di nuie. O sai, cuant ch'a si ame a si devente vuarps e duncje o podarês ancje vê pierdût l'olfat, ma no, us dîs le veretât, a si sintive dome i odôrs dai flôrs dongje e o soi lât dôs vôltis par verificâ.
Invesit lant fûr viodint une femine ch'un le maute zâle ch'a passave dongje un arbul cui flôrs zâi no ai savût fâ di mancul di dîgji ch'e l'arbul al jere ben assortît cun jê. Jê a é someade lusingade e tant ch'a cjalave l'arbul cui flôrs zâi jó i cjalavi le sô maùte lí ch'a spontavin lis pontis des tetis e i ai dite ch'o no savevi cê ch'o vevi rimarcât al imprin e che s'al ere l'arbul, jê a no ere propit nue mâl e che s'a ere le sô maùte cumó o eri pront a dismenteâ l'arbul. Le ai vidude imbarazade ma no masse, alore i ai spiegât cemût ch'a veve di fâ par cjatâ chel flôr clamât Amorphophallus titanus subite zence fâ il zîr di dut il parco. Jê e a forsit pensât ch'o volevi cjacarâ di fâ l'amôr cun tune bighe titaniche e aé scjampade vie disintmi grazie pal compliment. Pecjât parcé che la mê drete a i varès stât ben ma i miôrs plasês a son chei ch'a durin di mancul:-)
Si dice dove ci sono le gatte, i gatti non sono lontani ma forse questa l'ho appena inventata io.
In ogni caso qua in questa bestia di fiore avete un sesso dentro l'altro solo che, per l'estetica, invece di entrare, il dardo ne esce. Dunque possiamo dire che la natura se é erotica non é pornografica e visto cosí é anche artistica. Da disegnare, da scolpire, da dipingere, da fotografare comunque e per questo dovete vederlo almeno una volta nella vita. Poi, se siete come me che coi colori si esaltano e con i fiori sentono rimuovere la linfa nel corpo, questo fiore vi farà un bel effetto.
Avevo paura per l'odore che mi era stato descritto come nauseabondo e che invece non esisteva per niente. Che sia una trovata giornalistica per sconsigliare la gente? Ci sono andato due giorni per verificare e nenche col naso dentro ho sentito qualcosa.
Invece era più piccolo che previsto ma ne sono uscito esaltato tantevvero che vedendo una ragazza con la maglietta gialla passare vicino ad un albero coi fiori gialli, non ho potuto far a meno di dirle che l'albero era molto ben assortito con lei. Lei che forse non aveva notato né la sua maglietta né quell'albero s'é girata a guardare e mentre lei guardava l'albero io guardavo la sua maglietta dalla quale s'intravvedevano bene le punte dei seni senza reggipetto. Non só cosa io abbia notato prima ma gli ho detto che se fosse stato l'albero sarei volentieri disposto a dimenticarlo per guardare la maglietta da più vicino. Là, forse il mio sguardo gli é sembrato troppo pesante per lasciarmi aggiungere qualcosa d'altro e se n'é andata ringaziandomi.
Comunque eccovi le foto. Per il famoso fiore, c'era tanta umidità che l'obbiettivo si appannava ed ho dovuto sospendere.

A son rôbis ch'a sucendin tal cidinôr di un bosc o tar chel di une sere indulà che le temperadure e a di stâ a 28° e le umiditât al 90%
Chi di une setemane al Zardin Botanic di Bruxelles e varès di florî cheste bestie di 2m50 di altece. A durarà dome 3 dîs. Naturalmenti o larai a viodile parcé ch'a mi interesse l'estetiche di chel dardo ch'al salte fûr di chê vulve floride e ch'al si clame Amorphophallus Titanus.
Delle cose strane succedono nel silenzio di una foresta di Sumatra o in quello ricostruito nelle serre con 28 gradi e 90% di umidità.
Al giardino botanico di Bruxelles fra una settimana fiorirà il fiore più grande del mondo (2m). Durerà solo tre giorni. Naturalmente andró a vedere
perché la sua forma di dardo che esce da quella vulva fiorita esteticamente m'interessa. Nome: Amorphophallus titanus.
A son rôbis ch'a sucendin tal cidinôr di un bosc o tar chel di une sere indulà che le temperadure e a di stâ a 28° e le umiditât al 90%
Chi di une setemane al Zardin Botanic di Bruxelles e varès di florî cheste bestie di 2m50 di altece. A durarà dome 3 dîs. Naturalmenti o larai a viodile parcé ch'a mi interesse l'estetiche di chel dardo ch'al salte fûr di chê vulve floride e ch'al si clame Amorphophallus Titanus.

Delle cose strane succedono nel silenzio di una foresta di Sumatra o in quello ricostruito nelle serre con 28 gradi e 90% di umidità.
Al giardino botanico di Bruxelles fra una settimana fiorirà il fiore più grande del mondo (2m). Durerà solo tre giorni. Naturalmente andró a vedere
perché la sua forma di dardo che esce da quella vulva fiorita esteticamente m'interessa. Nome: Amorphophallus titanus.










Ucéi / Uccelli / Oiseaux / Birds / Vogels


Le cheche a é la plui elegant ma ancje le plui triste e no a pôre di atacâ un piçon par puartai vie il pan dal bec. A no an pôre nancje dai cuarvs sa son in dôs. Une a tire a siment il cuarv e tant che il cuarv a i cor daûr che âltre a i puarte vie il formadi di La Fontaine. Ma sul cjariesâr, la cheche a no sà fâ miôr che il piçon. Lis primis cjaresiis a son ancjemó verdis che i piçons a tachin bielzà a colaseon. Ancje par lôr, dome une rôbe, sa vuelin mangjâ a scuegnin gletilis intîrs. Daspó, cuant che une a rive a madurî, o ch'a si cjate in somp di un ramaçut o ch'a é colade in te jarbe âlte e nissun a no le viôt plui. Cussí, le cheche, come il piçon e cirin di lâ ben plan ben plan a cjoli chês cjarêsis indulà che il ramaç al si plee sot dal lôr pês e cuant ch'a son cul cjâf in jù e il cul in sù a san tignî dome cualchi secont e a scuegnin molâsi par svualâ vie. Alore al rive il mierli e lui, lizer lizêr , al rive a dâ cualchi becade cul so bèc spiçot. Baste che le cjarêsie no coli prime. Seno, al lasse stâ e al ven 'ca te mê terace a mostrâmi il so bec zâl sporc di ros, al cjape un toc di pan e al scjampe vie a mangjâlu indulà che chei ipopotamos volants di piçons a no i dan fastidi e ch'a nol riscji di tacâ a fâ scherme cun lis chechis.
Ma cuant ch' al Rive il Ronaldo dal Brasîl al é un spetacul. Chel, dut di vert e celestin vistît, prime di rivâ al vise come une cheche: Vie ch'o rivi jó, vie! Alore al si poe sul ramaç ch'a i poe a lui. Cun tune talpe al cjape il ramaç dongje e si lu met tal bec e in cinc e cuatri vot al tire dongje la fin dal ramaç indulà ch'a é la plui biele cjaresie . A le stache delicatamenti, al lasse lâ il ramaç ch'al tignive cul bèc che magari al fâs suste e al và a fâ dispiet ai vissins. Po prime di tacâ a roseâle al sta là cun le cjarêsie in te talpe alçade come par mostrâ a di ducj cemût ch'a si a di fâ.Par lui al é cussí facil ch'al rosee dome le metât e dopo an cjape un'âltre tant che il piçon al va jù a mangjâ il rest par tiare.
Cent chilometros e 6 agns dopo ch'a é scjampade une copie di papagai in tun zoo dongje le France, Il cîl di Bruxelles al é oramai sfreçât par miârs di papagai verts ch'a si son adatâts ancje ai inviers di achenti. Come a Barcelone, a si ju viôt dapardut svualâ âlt e cridâ: Vie, vie, cie cie cie cie cié. Rivâts lôr, a son sparîts i passars ma a si dîs ch'a sedin lis chechis ch'a son ladis a mangjâ i ûs. A mi al mi plasarès deventâ amîc cui cuarvats e des chechis ma a son ancjemó plui difidents dai mierlis. I piçons invesit a son simpri achi e da doi mês a van a mangjâ sul cjariesâr dal vissin e po a vegnin a cagâ i noçui da me. Une di, al indere un ch'al mi veve cjapât tant in simpatie ch'al vignive a spietâ da mangjâ in te cusine e so no bailavi a dâi alc, al si meteve a becâ in te pagjele. So cjati le foto us e mostri. Pecjât che le gjate un dí ai a fat tant pôre ch'a nol é vignût plui.

videoMetti in moto il video:-)


La gazza é la più elegante ma é proprio una ladra e non ha paura di attaccare un piccione per portargli via il pane dal becco. Non ha paura neanche del corvo, sopratutto se sono in due. Allora una stuzziaca il corvo e mentre lui gli corre dietro per minacciarla, l'altra gli porta via il formaggio di La Fontaine. Ma sul ciliegio, la gazza non sà far meglio del piccione. Alle prime ciliegie ancora verdi i piccioni sono sull'albero già per colazione. Come per le gazze, se vogliono mangiar ciliege, le devono inghiottire intere ma sono cosí goffi che prima di inghiottirne una ne fanno cadere dieci. Quando le ciliege sono mature, é solo perché nessun uccello é ancora arrivato a beccarla, ció vuol dire che si trovano in cima ai ramoscelli inaccessibili, le gazze ed i piccioni non si danno per vinti e passo dopo passo si spostano sui ramoscelli finché si piega. A questo punto, se non riescono ad acchiappare la ciliegia si devono spostare ancora di più e si trovano col becco in giù e la coda in aria...Solo per qualche secondo perché poi non sanno stare in equilibrio e volano via indispettiti.
C'é chi peró ha visto il maneggio ed arriva qua, vestito di nero ma più leggero e più vispo, tira qualche beccata e poi se la ciliegia cade viene qua sul mio terrazzo a mostrarmi il suo bel becco giallo tinto di rosso. Io, nascosto lo vedo prendere un pezzo di pane e volar via a mangiarselo dove quegl' ippopotami volanti di piccioni non vengono a seccargli le scatole e dove le gazze non vengono a far scherma.
Quando peró arriva Ronaldo dal Brasile, lo spettacolo incomincia. Quello, tutto vestito di verde prima di arrivare fa come le gazze quando vogliono far scappare qualcuno: Avvisano.
-Via, via che arrivo io!
Poi si posano sul ramo che gli garba. Con una zampa afferra il ramo vicino e se lo mette nel becco per tenerlo a bada mentre con la zampa riprende a tirare il ramo finché la ciliegia appare a portata di becco. Allora stacca delicatamente la ciliegia e lascia andare con rumore il ramo per far dispetto ai vicini. Ma prima d'incominciare a mangiare sta lí un momento con la zampa in aria che stringe la ciliegia come un trofeo. Quando tutti hanno visto come si deve fare, allora incomincia a rosicchiare la ciliegia. Ne mangia le metà e poi la lascia cadere per riprenderne un'altra mentre il piccione scende al suolo per finirla. Per lui é cosí facile...Sembra un gioco.
Da quando quella coppia scappó dallo zoo, cento chilometri e 6 anni dopo, ci sono migliaia di pappagalli che svolazzano sopra i tetti di Bruxelles. Come a Barcellona si vedono volare alti e spesso in gruppo schiamazzando: Via, via, via, ce, ce, ce, ceeee!
Arrivati loro, i passeri sono spariti. Si dice che siano state le gazze a rubare le uova e avendo già visto svolazzare una gazza attorno alla gabbia di Checo, ci credo.Checo é sopravissuto mentre il suo partner é volato via impaurito e non l'ho più visto. Mi piacerebbe diventare amico con le gazze e anche con i corvi ma sono ancora più diffidenti che i merli. I piccioni invece, se non li tieni a bada, entrano dentro in cucina e si mettono a mangiare anche quello che cuoce in padella.Basta che non ci sia la gatta...

26 giu 2008

Ideis / Idee / Idées / Ideas

- Vuê dome il cjâf par esprimi un'idee.

- Oggi solo una testa e un'idea

- Today only a head to express an idea.

-Aujourd'hui, rien qu'une tête pour exprimer un'idée.

-Dziszai tylko ieden idea. Co bendze yutro?



Hoy nada. Sólo una cabeza y una idea.

25 giu 2008

Lezione di friulano

Per caso, per essere più leggibile dai lettori che non sono friulani, mi ero messo a tradurre tutti i post in italiano ed il blog bilingue é ormai frequentato da molti friulani che per differenti ragioni hanno dovuto abbandonare la regione e che trovano qua, il modo di famigliarizzarsi alla mârilenghe. Lo so, che le mie traduzioni non sono sempre fedeli ma l'idea essenziale rimane.
A questo punto, devo assolutamente citar di nuovo il sito di Pengio che si occupa dei friulanismi utilizzati dai friulani quando parlano l'italiano.Visto che sù Pengio il sito é praticamente fatto per i friulani, l'espressione friulana non é mai citata perché si presume che i friulani la conoscano ma tanto vale ridere in compagnia e dare il piacere a tutti e riprendo qualche riga trovata sù Pengio e aggiungo l'espressione friulana.
Esempi :
- Ce âtu miôr? = Cosa preferisci? Con la quale un friulano puó chiedervi: Cosa hai meglio, Linux o Windows?
-Ondai une sglofe = Non ne posso più. Con la quale il friulano puó dire: Non ne posso più, ne ho una gonfia...
-Ridi par daûr, Ridi four = Prendere in giro. Con la quale il friulano tipico ti puó dire: Non ridermi fuori. Tu mi ridi per dietro:-)

Penç = Spesso, grosso. Dal quale é nato Pengio.

Ondai= invece di o 'nd ai ...Per semplificare la scrittura.

Cídulis


Cidulis Russis
A vôltis o mi dîs ch'a si varès di fâ in mût che, tant ch'a si é brâvs, al si varès di vê il dirit di vivi e le cidule russe di vuê o le dedèi a di chel chirugo ch'al é muart a Moscje a l'etât di 104 agns.Ce vevial di ecezionâl? In Italie o vin centenârs di centenâris, no? Si, ma spès a no si sà ce ch'an fat in te lôr lungje vite. Forsit a no an fat nuje di nuje. Dome cualchi gjoldude di tant in tant. Chest centenari invesit al a fat le ultime operazion a plui di cent agns. Une operazion che nissun a nol voleve fâ parcé che masse complicade. Al ere cognossût ancje pe sô gjentilece e le sô calme. A nol cridave mai ai soi assistents. Naturalmenti, se chest chirurgo di 104 agns al varès operât che femine russe di 104 agns ch'a veve une apendicite al varès stât un scûp. Ma chestis rôbis a rivin dome ogni 104 agns e so vin di spietâ ancjemó 104 agns par savê indulà ch'a si à di butâ i vôi e lis vorêlis prime di savê che la Rai a no à il monopolio de veretât, de realtât,dal savê, al é miôr scomençâ a preocupâsi subite di cê ch'al é util di savê e ce ch'al é util di ignorâ.
Cidule russe.
Una cidula, in friulano, sarebbe una specia di ciambella di legno infuocata che una volta, nei villaggi sopratutto carnici, si usava lanciare con un bastone dall'alto di una collina facendo una dedica. Più la cidula rotolava a lungo e più la dedica avrebbe avuto fortuna. Oggi, per estensione le cidule potrebbero essere i CD ma io invece le trasformo in post. Questo post é dunque la cidula russa d'oggi. Alle volte, mi dico che si dovrebbe far in modo che finché siamo bravi si dovrebbe avere il diritto di vivere. Cosa sarebbe questo piccolo diritto in confronto con i diritti alla casa, al lavoro, al parcheggio, al tiramisù, alla rai, alla pausa caffé, al diritto di sosta o al diritto di non far niente che diventerà presto chissà ancora quale diritto di aver diritto?
Dunque, un chirurgo russo, dopo aver fatto una sua ultima operazione é morto ieri all'età di 104 anni. Niente di speciale, direte. In effetti, una signora russa della stessa età s'é fatta operare dell'appendicite e con tutti i centenari che ci sono in Italia, chi se ne frega? Ma forse siamo abituati a credere che i centenari ci sono solo in Italia...Comunque, immaginate che il chirurgo di 104 abbia fatto l'operazione dell'appendicite alla signora di 104 e che nessuno dei due sia stato russo ma italiano; allora sí che la Rai ne avrebbe parlato e avrebbe lasciato da parte le immondizie di Napoli e sopratutto quelle di Roma e di Washington. Ma per me il fatto é differente. 104 anni di un chirurgo equivalgono ad almeno 75 anni di chirurgia. Chissà quante vite ha salvato e quante sofferenze ha alleviato. Cose che non succedono che ogni 104 anni. Ma perché si deve parlare solo quando uno é morto e non prima?

24 giu 2008

Poesie des formis /Poesia delle forme



Ce nón ao da dâ? No pensavi par nuie a une bestie ma a somée. No pensavi par nuie a une plante ma a somée. No pensavi par nuie ae sensualitât ma a si disarès che ancje cuant ch'o no pensi a nuie al rive fûr alc. A si disarès che chiste bestie a é daûr a mangjâsi di besole.
**
Come chiamarla? Non pensavo per niente a una bestia ma ci assomiglia. Non pensavo per niente a una pianta ma ci assomiglia. Non pensavo per niente alla sensualità ma si direbbe che anche quando non penso a niente esce fuori qualcosa. Si direbbe che la bestia sta mangiandosi da sola.

23 giu 2008

Maracuya, granadilla, frutti della passione

Posted by Picasa
I miei maracuya a vegnin dal Kenia ma ancjemó fint a cuant? Il Friûl a é le regjon indulà ch'al plûf di plui in Italie, ancjemó cualchi grât in plui e a si puedarà tirâ sù i maracuias da nô. O spiêti. Intant o tâi il maracuia in doi e cun tun cucjarin o supi vie le polpe come sa fós une ostrighe, ma osti ce savorît. Pal moment a si cjatin a volontât ma no al prêsit des cjarêsiis.
*
I miei frutti della passione arrivano dal Kenia ma ancora per quanto tempo? Il Friuli é la regione più piovosa d'Italia. Basterebbe solo qualche grado in più e si potrebbe coltivare i maracuya. Aspetto. Chi non ama questo frutto cosí profumato e saporito? Intanto lo taglio in due e con un cucchiaino succhio via la polpa come se fosse un'ostrica ma ostrega, che buon sapore!
Per il momento, se ne trovano a volontà ma non proprio al prezzo delle ciliege.

20 giu 2008

Jacques Brel a Udin... Magari!


O ai vidût su Google il Curucucù di Battiato ch'o no cognossevi. Grazie Capucine. Tant ch'o eri lí o ai podût scoltâ le so version taliane dal toc Les vieux amants di Jacques Brel ch'o no cognossevi. Francjamenti, no sai se la mê ignorance a é plui grande che chê di chei talians ch'a no cognossin le version origjinâl o che se la cognossin a le doprin come ch'a fasevin ducj tai agns 60, dome par fâ une copie ae salse napoletane. Us lassi viodi le difarence enfre le molece dai curucucùs di chel biât Bateât e le fuarce disperade di Brel. O zonti le traduzion in furlan achi sot.


Visto sù Google il curucucù di Battiato che non conoscevo. Grazie a Capucine. Ho poi ascoltato la versione italiana di Les vieux amants e non conoscevo neanche quella.

Francamente, non só se la mia ignoranza sia più grande di quella dei tanti italiani che non conoscono la versione originale O che, se la conoscono, se ne servono solo per farne una pallida copia alla salsa locale come si usava fare negli anni 60, grazie alla Rai che ignorava completamente gli artisti principali (Esempio: i Beatles) per non offuscare i copia e incolla protetti dall'industria discografica italiana.Vi lascio vedere la differenza tra i molli curucucù di Battiato e la forza disperata di Jacques Brel. Fate voi la differenza. Aggiungo la traduzione in italiano a fine pagina.

Les vieux amants

Bien sûr nous eûmes des orages

Vingt ans d'amour c'est l'amour fol

Mille fois tu pris ton bagage

Mille fois je pris mon envol

Et chaque meuble se souvient

Dans cette chambre sans berceau

Des éclats des vieilles tempêtes

Plus rien ne ressemblait à rien

Tu avais perdu le goût de l'eau

Et moi celui de la conquête

Mais mon amour

Mon doux mon tendre mon merveilleux amour

De l'aube claire jusqu'à la fin du jour

Je t'aime encore tu sais je t'aime

Moi je sais tous tes sortilèges

Tu sais tous mes envoûtements

Tu m'as gardé de piège en piège

Je t'ai perdue de temps en temps

Bien sûr tu pris quelques amants

Il fallait bien passer le temps

Il faut bien que le corps exulte

Finalement finalement

Il nous fallut bien du talent

Pour être vieux sans être adultes

Ô mon amour

Mon doux mon tendre mon merveilleux amour

De l'aube claire jusqu'à la fin du jour

Je t'aime encore tu sais je t'aime

Et plus le temps nous fait cortège

Et plus le temps nous fait tourment

Mais n'est-ce pas le pire piège

Que vivre en paix pour des amants

Bien sûr tu pleures un peu moins tôt

Je me déchire un peu plus tard

Nous protégeons moins nos mystères

On laisse moins faire le hasard

On se méfie du fil de l'eau

Mais c'est toujours la tendre la guerre

Ô mon amour

Mon doux mon tendre mon merveilleux amour

De l'aube claire jusqu'à la fin du jour

Je t'aime encore tu sais, je t'aime.


Sigûr sí ch''o vin vût temporâi
Vincj ains d'amôr al é amôr mat
Mill vôltis a tu âs fate le valîs
Mil vôltis o ai cjapât il gno svual
E ogni mobil al si inpense
Tar chiste cjamare zence scune
Il casin des vecjis tampiestis
Nue plui a nol someave a nuje
A tu vevis pierdût il gust de âghe
E jó il gust des concuistis
Ma amor gno
Gno dôlç gno tenar, gno meraveôs amôr
Da l'albe clare fint ae fin dal dí
O cji voi ancjemó bon satu, o cji voi bon
O cognos ducj i toi sortilegjos
E tu cognós ducj i miei incantêsims
Tu mi âs tignût di trapule in trapule
O cji ai pierdude di tant in tant
Naturalmenti sí ch'a tu âs cjapât cualchi amant
Al bisugnave ben passâ il timp
E al bisugne ben che il cuarp al esulti
Finalmenti, finalmenti...
O vin vût bisugne di un frac di talent
Par jessi vecjos zence sei adultos
O amôr gno
Gno dôlç, gno tenar, gno meraveôs amôr
De albe clare ae fin dal dí
O cji voi bon satu, o cji voi bon!
E plui il timp nus fâs corteos
E plui il timp al nus tormente
Ma no îsal le piês trapule
Che vivi in pâs par doi amants?
Naturalmenti sí a tu vàis un tic mancul adore
E jó o mi sbreghi un tic plui tart
A si protç mancul i nestris misteris
O lassin fâ un tic al câs
A si si difide dal fîl de âghe
Ma aé simpri chê tenare vuere
O amôr gno
Gno dôlç, gno tenar, gno meraveôs amôr
De albe clare fint ae fin dal dí
O cji voi bon satu, o cji voi bon!
***


Beninteso abbiamo avuto dei temporali
Vent'anni d'amore é amore folle
Mille volte hai fatto le valigie
Mille volte ho preso il volo
Ed ogni mobile si ricorda
In questa camera senza culla
Gli schiamazzi delle vecchie tempeste
Più niente non assomigliava a niente
Avevi perso il gusto dell'acqua
Ed io quello delle conquiste
Ma amore mio
Mio dolce mio tenero mio meraviglioso amore
Dall'alba chiara alla fine del giorno
Ti amo ancora sai, ti amo.
Conosco ormai tutti i tuoi sortilegi
E conosci tutti i miei incantesimi
Mi hai tenuto con te da una trappola all'altra
Ti ho persa di tanto in tanto
Sicuro che hai preso qualche amante
Bisognava ben passare il tempo
Bisogna bene che il corpo esulti
Finalmente, finalmente...
Quanto talento c'é voluto
Per essere vecchi senza essere adulti
O amore mio
Mio dolce mio tenero mio meraviglioso amore
Dall'alba chiara alla fine del giorno
Ti amo ancora sai, ti amo.
E più il tempo ci fa corteo
E più il tempo ci tormenta
Ma non é forse la peggior trappola
Per due amanti di vivere in pace?
Beninteso non piangi subito come prima
E mi strazio sempre più tardi
Proteggiamo meno i nostri misteri
Lasciamo fare al caso
Ci diffidiamo anche di un filo d'acqua
Ma é sempre la dolce guerra
O amore mio
Mio dolce mio tenero mio meraviglioso amore
Dall'alba chiara alla fine del giorno
Ti amo ancora sai, ti amo.

19 giu 2008

La Venezia di Cacciari / La Vignêsie di Cacciari


Aspettando che i governi che si succedono da 30 anni prendano una decisione per salvare Venezia, perché non rovinarla ancora un pochino? Finché porta soldi al comune...
***
Spietant che un dai governos ch'a si son sucedûts da trente agns al cjapi veramenti une decision par salvâ Vignesie, parcé no rovinâle ancjemó un tic? Tant ch'al puarte bêz al comun... Info in francese

Le Voe di fâ alc / la Voglia di far qualcosa

Us îsal zà rivât di cjapâ le pene e di scomençâ a scrivi zence savê ce scrivi?
Us îsal zà rivât le stesse rôbe cun tun lapis, cun tun pinel, cun tun balon, cun tune machine, cun tun pâr di scarpis, o ce sao jo...Cun tun pinsîr?
Po ben, cun tun bloc di argile o vevi voe di fâ alc zence savê cê e un'ore dopo o eri rivât achi. Cuissà ce ch'al saltarà fûr?
* °
Vi é già successo di prendere una biro e senza sapere che cosa avevate voglia di scrivere vi siete messi (messe) a scrivere? Vi é già successo la stessa cosa con una matita, un pennello, un pallone, una macchina, un paio di scarpe o che ne so...Un pensiero? Ecco, con una pagnotta d'argilla avevo voglia di far qualcosa senza saper che cosa e dopo un'ora ero arrivato qua. Chissà cosa verrà fuori?

18 giu 2008

Il Vâs Mussat / Il Vaso Zanzara

Vêso zà vidût chel ch'al monte sul palco di une sâgre e al tache a cjantâ obleant magari l'orchestrine a acompagnâlu? Ae fin, il public, gentîl, magari a lu aplaudís sperant ch'al smonti e ch'al ledi a cjantâ di fûr, invesit lui a nol si mûf: -Ah us é plasût? al dîs tal microfono e al intone la Donna immobile e finalmentri a no si puès fâlu smeti.Alore ancjemó une sui mussats? O alore ancjemó un vâs par câs?Vé achi il vâs-mussat. A ere ore di fâle finide:-)
***
Avete già visto uno che sale sul palco di una sagra e incomincia a cantare obbligando l'orchestrina ad accompagnarlo? Il pubblico, condescendente, alla fine applaude gentileper farlo scendere ma invece lui, contento del successo, rimane dov'é e intona la Donna immobile e finalmente, non lo si puó più far smettere.Allora, ancora una sulle zanzare? Ancora un vaso per caso?Eccovi qua il vaso zanzara.Era ora di finirla:-)

Vinci / Vincere

Eroes
Aromai, il zouc dal balon al é deventât une art dramatiche.
-Atu vidût ce biele finte?
Prime a si diseve cussí pal zuiadôr ch'al scartave un aversari cun tune finte inteligjent, ch'al faseve panache. Cumó la finte aé fate par freâ l'arbitro e obleâlu a fermâ il zouc e dâcji le bale par tirale zence fadie cun tun rigôr o in tune posizion plui favorevul. Lis cualitâts di tecniche e fisiche personâls a son mancul impuartants che lis cualitâts di simulazion. Le alte classe di un zuiadôr a é daûr a sei misurade sù le destrece ch'al à par tirâ le mae dal nemîc zence fâsi viodi o in te maniêre di colâ ofindût e stramaçât cuant che al sà che dutcâs a nol sarès rivât ni a cori plui svuelt, ni a scartâ l'aversari, ni a tirâ le bale, ni a evitâ l'aversari. Piês ancjemó, pusibilmenti tacâ a tirâ a siment un aversari par sburtâlu a dâcji un gnoc e podê colâ jù par tiare moribont ma vitoriôs. Insome, lis cualitâts dai nestris eroes a son aromai fondadis sù lis bausîs, lis ofêsis gratuidis, le viliacherie e nô, nô o sin dacuardi e o cjalin il panel dai risultâts e si metin a gjubilâ parcé che in te partide ch'a si zuie in tune âltre sitât, i nestris concurents a son daûr a pierdi ancjemó plui di nô e alore o varin un pont di plui...
Singars. O fasin como i singars de piês raze e o pensin di sei i miôrs.
*
I nostri eroi
Ormai il calcio é diventato un'arte drammatica. -Visto che bella finta? Prima si diceva cosí al giocatore che con una finta intelligente riusciva a passare con la palla. Adesso la finta é fatta per ingannare l'arbitro ed ottenere un rigore o un calcio di punizione. Le qualità ginnastiche e fisiche sono meno importanti che le qualità di simulazione.L'alta classe di un giocatore si sta misurando nel suo modo di tirar la maglietta dell'avversario senza farsi vedere e sopratutto nel creare una situazione per poter cadere offeso e ottenere un rigore quando sà che non ce la farà né a far gol,né a correre di più, né a tirar la palla, né a evitare l'avversario.
Insomma le qualità dei nostri eroi sono ormai fondate sulla menzogna e la vigliaccheria e noi ci stiamo. Guardiamo il pannello dei risultati d esultiamo perché nella partita che si gioca in un'altra città, un'altro dei nostri concorrenti sta perdendo ancora più di noi e allora noi avremo un punto in più...Zingari. Facciamo come gli zingari della peggiore specie pensando che sia la migliore.

Cjapade / Presa

Papins a gogo
Al cji sucedarà duncje di dâcji une sberle cussí fuart che no dome a cji svearà ma a cji lassarà i dêts marcâts su le mûse fin l'indoman binore. Se po il mussat a tu lu âs mancjât cîr di butâle in ridi par no sinticji ofindût par te stès. Invesit sa tu svèis le tô biele cun tune sberle, no sta preocupâcji. La gnot dopo, a cji svearà jê cun tun papin e o sarês pari.
*
Parità di schiaffi

Ti succederà dunque che stizzito ti schiaffeggerai con violenza lasciandoti l’impronta della mano sulla pelle fino all’indomani ma se hai mancato la zanzara, cerca di buttarla in ridere per non sentirti offeso da te stesso. Invece se svegli la tua partner di soprassalto con una sberla, non ti preoccupare, perché quando la notte seguente sarà lei a darti uno schiaffo sarete pari.

17 giu 2008

Svezia-Russia e Italia-Francia

No sai plui in ce film (Forsit un ch'al é immó da fâ) la prima donna a si displaseve di vê ricevût dome 11 macets di rôsis e cuant che cualchidun a i diseve ch'a erin distès un grum jê a rispuindeve che s'a erin tancj, jê a veve payât par ricevint 12!
Dut chest par dî che un milionari rùs (No, a nol é Abramoviç il paron dal Chelsea) al a promitût 7.000.000 di euros ae scuâdre russe se a bat le Svezie doman. Alore o contarin i gôi. Un'âltri milionari invesit al a comprât ducj i biliets ch'a restavin par iemplâ lis tribunis di tifôs. Sicome che nô no vin altris milionaris ch'a nol sedi Berluscon , no stin a sperâ masse par che i nestris "eroes" a rivedin no a vinci ma a restâ a gale. Dutcâs, chel ch'al finive par indurmidîsi cjalant le partide forsit usgnot al varà conpagnie: La mê:-)
*
N
on so più in quale film (Forse é un film ancora da fare:-) la prima donna uscendo dal palco carica di mazzi di fiori si lagnava di averne ricevuti solo 11. Al ché, qualcuno le disse che 11 mazzi erano lo stesso un bel numero. Ma lei sempre scontenta disse che aveva pagato per averne 12!
Questo per dirvi che un milionario russo ha promesso 7.000.000$ alla squadra russa se domani sera vince contro la Svezia. Un'altro milionario invece ha comperato tutti i biglietti che rimanevano per riempire lo stadio dei migliori tifosi. Il mondo é sempre quello. A noi, ci manca solo un milionario che non sia Berlusconi non per vincere ma per restare a galla. Dunque anche stassera ci sarà quello che si addormenterà guardando le partite e forse avrà compagnia: La mia:-)

Zanzar-hunter

Ikeaizât ancje jó, o mi soi lassât tentâ dal baldachin di vêl a 11 euros.
Chiste vôlte, o pensavi, o sarai ben protet. O mi viodevi bielzà drenti a mostrâ le lenghe al mussat ch'al svualave di fûr cirint une bûse par entrâ. Invesit le prime gnot o mi soi sveât cun tune sberle, ch'o mi soi dât cussí fuart ch'o ai sveât ancje la mê biele. Il mussât al ere entrât distès. Prime reazion: o le lassin drenti e o nin a durmî di fûr. Invesit, cuant che strache di viodinus talpinâ a si é poiade par polsâ enfre il jet e il sufit al mi é bastât meti une man drenti tirant sù il vêl plan plan come ch'a si tire sù une cotule e une cotulesot prime di sfilâ il colp finâl cun tun papin e sfracheâle enfre lis pleis dal vêl...
Vêso capît? Insome d'in chel dí al si disarès ch'a si son pasadis le peraule e...
A nus spietin di fûr:-)
* * *
Ikeaizzato anch'io, mi son lasciato tentare dal baldacchino velato che Ikea vende a 11 euro.
Questa volta, pensavo, saro ben protetto. Mi vedevo già mostrar la lingua alla zanzara quando io dentro e lei fuori si posava sul velo delusa di non poter passare. Invece la prima notte mi son svegliato con una sberla, che mi son dato tanto forte da svegliar anche la mia compagna.
La zanzara era dentro con noi! Prima reazione: Andare a dormir di fuori e lasciarla dentro. Invece quando stanca di vederci gironzolare s'é posata per riposare a metà strada tra il letto e il soffitto m'é bastato metter una mano all'interno mentre tiravo sù il velo come si tira sù una gonna con la sottana prima di infilare il colpo finale con una sventola e schiacciarla tra le pieghe del velo.
Da alllora, si direbbe che le zanzare si son passate la parola e...
Ci aspettano di fuori:-)

16 giu 2008

Blogs ilecits / Blog illecito


Alore al é propite vêr. Dutcâs le prime condane par vê un blog illecit a é colade su un sicilian. Lu ai let achi, e lu ai controlât achi. O sês pardabon mal mitûts ancje in Friûl. Al si disarès la Cine. Forsit par chel o ai simpri l'impression ch'o cjacari cinês achi:-)
* *
*
Allora é davvero vero! Ecco la prima condanna per blog illecito! L'ho vista qua, e controllata qua. Davvero in Italia siete mal messi. Si direbbe la Cina:-) Forse per questo ho sempre l'impressione di parlare cinese quando scrivo:-)

La vendetta

L ’altra notte stavo sognando di una zanzara. Era seduta nel mio divano preferito e contemplava i quadri al muro con un sorriso soddisfatto. Tra i numerosi ritratti di sconosciuti atrocemente mutilati c'era anche il mio. Lo straccio in una mano e lo schiacciazanzare nell’altra mentre stavo guardando la zanzara inficcarmi la punta della sua siringa sulla punta del mio naso. Poi mi son ripreso dicendomi che era solo un sogno e mi son messo a pensare alla prossima vendetta. Acchiappero’ una zanzara al volo e la chiuderó in prigione nel mio pugno. Poi gli canteró una ninna nanna e appena dormirà gli grideró: zzzzzzzzzzzzzzzzzz z z z z..., zzzzzzzzzzzzzzzzzz z z z z... zzzzzzzzzzzzzzzzzz z z z z...
Che âltre gnot o m'insumiavi che un mussat al iere sentât tal gno divan preferît e al cjalave i cuâdris tal mûr cun tune arie sodisfate. Enfre i numerôs ritrats mutilâts di int scognossude o ai vidût il gno ritrat. O vevi in tune man un peçot bagnât e in chê âltre une sclicemoscjis. Enfre la mê mûse insanganade, doi vôi scandalizâts a cjalavin il mussat ch'al mi ficjave le ponte de sô siringhe su le ponte dal gno nâs...
Po mi soi sveât disintmi ch'al ere dome un insiump e mi soi mitût a pensâ a mê prosime vendete. O cjaparai il mussat cun le man e lu tegnarai prisonîr tal gno puncj. Daspó o i cjantarai une nine nane e a pene ch'a si sarà indurmidide o i cridarai drenti: zzzzzzzzzzzzzzzzzz z z z z..., zzzzzzzzzzzzzzzzzz z z z z... zzzzzzzzzzzzzzzzzz z z z z...

14 giu 2008

Il vôli in te man / L'occhio nel palmo

Enfre il lâ e il vignî sui blogs achi dongje o léevi une poesiute ch'a scomençave cussí: Svelami l'occhio premuto dal palmo...
E alore us svêli un vôli ch'al si stude e al si impie in te man de mê fantasie.
*
Fra l'andare e tornare dai blog qua vicino leggevo un verso che incominciava cosí: Svelami l'occhio premuto dal palmo...
Allora, premuto da un sorriso vi svelo un occhio che si accende e si spegne nella mano della mia fantasia:-)

13 giu 2008

Zanzare a zonzo (Continua)

Appena nate, hanno bisogno di sangue e pare che per trovarlo si fidino del loro naso.
Il mio odore non dev’essere chissà ché ma per una zanzara é delizioso poiché sembro avere il morbillo tanto son macchiato di rosso.Tuttavia, forse per la pelle più dolce, preferiscono succhiare Marina in primis mentre io sono il dulcis in fundo.
Da noi vige il pollice alla romana. Se vedo una zanzara la segnalo alla mia Cesarina che mi fà segno col pollice: Se é verso l'alto aspetto che venga all'attacco se é verso il basso invece mi metto a corrergli dietro finché l'acchiappo. Cosi, dice Marina, diamo una chance alla zanzara: O lei scappa fuori o io la schiaccio dentro. Ma non và fuori MAI.
Dopo esserci assicurati che nessuna zanzara si é presentata nell’ultima mezz’ora spegniamo la luce . Se tutto và bene ci svegliamo il giorno dopo ma spesso, col mio sonno leggero, mi sveglio al primo ronzio. Allora accendo la luce e guardo nei pressi del guanciale ed é proprio lí, sul muro, a due spanne, col bavaglio al collo, il coltello e la forchetta in mano, cla trovo pronta per incominciare il pasto di mezzanotte. Se mi và bene, la schiaccio al primo colpo e posso ricoricarmi senza quasi essermi svegliato ma alle volte, per via di un ostacolo o l’altro, la manco. Allora, mi devo veramente svegliare fino in fondo e continuare la caccia.
Alle volte, questo dormi e sveglia tra i Zzzz e i zzzzzzzzzzzzzzzzzz z z z z dura anche due tre ore e finisco per svegliarmi con gli occhi gonfi come due palle (Di ping pong :-) a meno ché sia con gli occhi nelle palle o le palle negli occhi.
Continua

Time is money

video

Us doi 59 dai miei seconts par judaûs a sparagnâ timp. Sperin ch'al zôvi:-)

Vi dò 59 dei miei secondi per aiutarvi a risparmiar tempo. Speriamo funzioni:-)

Here are 59 of my seconds to help you to spare your time. I whish it works:-)

59 de mes secondes pour vous aider à éparger votre temps...Si ça marche:-)

Para aiudarve a ahorrar el vuestro tiempo, os pago 59 de mis segundos. Espero que os gustaran:-)

12 giu 2008

Mussats / Zanzare

Le gnot passade une di lôr mi a ancjemó sveât: zzzzzzzzzzzzzzzzzz z z z z... Daspó ch'o mi eri a pene indurmidît lui ala mi à ribecât e tant ch'o soi chi a scrivi o ai une pice enfre i dêts...
Se durmî come un ghiro in francês al si dîs dormir à poings fermés (Cui pugns scierâts) chê punture ch'a mi à fat enfre i dêts a é une vere provocazion. Cuissà ce ch'al sucedarès so durmís come une rane cui dêts vierts?
Lu ai cirût par dîs minûts ma no lu ai cjatât. Dome cualchi cuarp muart e ancjemó incolât sul mûr da une setemane. Tant par fâ alc, ju ai copâts un'âltre vôlte in tal câs che chel djaul di mussat al sedi daûr a ridi di me platât di cualchi bande tant ch'o voi ator crot pe cjamare.
Peró, vêso zà notât cemût che i mussats a son fair-play? In te lûs lôr a no sbisíin. A si póin e se no tu ju bechis tu cui toi vôi a ti bechin lôr il to sanc ma a pene ch'a tu studis le lûs a tu ju sints rivâ da lontan cul lôr zzzzzzzzzzzzzzzzzz z z z z... Come par visâcji. Ansit, s'al ti gire ator de vorêle il so sbisiâ al devente fuart como 'l businôr di un elicotar e tu cji svèis di sôresâlt pensant che il Bush andà* di vê fate ancjemó une biele. Alore, fair-play ancje jó, o impî le lûs, o tiri jù lis cuviertis e o lâsi espost il gno cuarp tant ch'o fâs finte di lèi un libri o di seimi indurmidît cun tun vôli viert. Pal mussât le tentazion aé masse grande. Cuissà ce torte insanganade ch'o i somèi! Cuissà ce sorte di piste di aterisagjo ch' soi!
E alore a pene ch'al si poe...
Continua...
* Glossari: Andà = Al in d'à, a 'n d'à, semplificâts pal scrivi di ogni dí.
*
Sta notte, una di loro mi ha ancora svegliato : zzzzzzzzzzzzzzzzz zz z z z z... E dopo essermi riaddormentato mi ha ripunto e stamane mi son svegliato con il prurito che adesso tra le dita mi costringe a scrivere. Se dormire come un ghiro in francese si dice dormir à poings fermés (A pugni chiusi), quella puntura tra le dita é una vera provocazione. Chissà cosa succederebbe se dormissi come una rana francese con le dita aperte !
L’ho cercata per dieci minuti ma non l’ho trovata. Solo dei corpi morti che ho lasciato al muro come dei trofei dalla settimana scorsa. Tanto per far qualcosa, li ho uccisi di nuovo per rifarmi la reputazione nel caso la zanzara fosse nascosta a ridere di me da qualche parte mentre vado a zonzo nudo per la camera.
Poco a poco divento un vero cacciatore.Peró, avete notato come le zanzare sono fair-play? Di giorno, con la luce si posano senza un bisbiglio e se tu non la becchi con gli occhi lei ti becca il sangue col muso.Invece la notte, quando non c'é la luce lei ti avverte sol suo ronzio, anzi se ti passa vicino all'orecchio ti sembra un'elicottero e ti svegli di soprasalto pensando che Bush ne ha ancora fatta una delle sue. Ma da cacciatore fair-play anch'io, accendo la luce, tiro giù le coperte. espongo il mio corpo e prendo un libro per far finta di leggere o faccio finta di essermi addormentato con un'occhio aperto...
Certo che per lei la tentazione é grandissima. Chissà che torta insanguinata appetitosa gli sembro! Chissà che zona di atterissaggio gli suscito!
Ma appena che si posa...
Continua...

11 giu 2008

Taremots, taremotâts / Terremoti e terremotati


Jó o soi un taremotât. O soi nassût in tun taremot. A si dîs che chei che da piçui e an scuignût fadiâ par sôrevivi a vedin in te vite plui facil di afrontâ i pericui. Dutcâs, ondai* bielzà afrontâts avonde e semai o no puès scjampâ al destin, o puès simpri limitâ il riscjo. So sês como me ch'o cirîs cjase, vêso zà vidût le cjartine sismiche dal Friûl? Ma dome monts o dome mâr? That's the question. Un dai plui biei puescj al si cjate su le cueste che và a Triest ma ducj i puèscj a son bielzà ocupâts e nol us reste ch'a lâ sul Vesuvio indulà ch'o vês il mont e il mâr tal stès timp ma so vês pôre di murî soterât in tes scovacis us reste dut il rest da l'Italie par insumiâsi usgnot a vôi scierâts o subite a vôi vierts. Pssst: * Ondai = peraule semplificade pe gnove grafie furlane.


Sono un terremotato. Già la mia nascita sembrava a un terremoto. Si dice che se da piccoli abbiamo avuto difficoltà per sopravvivere, da grandi avremo meno difficoltà per affrontare i pericoli. In ogni modo, avendone già affrontati abbastanza, anche se al destino non si scappa, si puó sempre limitare il rischio.Se cercate casa, avete già visto la cartina del Friuli sui terremoti ?
Si peró cercate un posto al mare o ai monti e magari al mare e ai monti nello stesso tempo. Vi rimane solo la costa che và a Trieste e i posti più belli sono già presi.
Uno dei posti più belli sfortunatamente é al sud sul Vesuvio:-) OK, suppongo che le immondizie non centrano ma volete cercare altrove. Ecco allora il resto dell'Italia per scielgliere un posto per sognare stassera ad occhi chiusi o già da adesso ad occhi aperti.

10 giu 2008

Un'altri mont / Un'altro mondo

Posted by Picasa
Cjalâ ancje chel che cui vôi a nol si puès parcé ch'al é masse piçul e scuviergi un'âltri mont.
Vuê o ai tolet une cocinele ch'a si ere spierdude sui flôr di lavande indulà ch'a no varès mai cjatât nuje da mangjâ e le ai puartade sun tun boçul di rôse infestât di parasits.
A si é mitude subite a taule. Sperin ch'a no cjapi un'indigjestion:-)
*
*
*
Guardare anche quello che con gli occhi non si puó, perché é troppo piccolo, é scoprire un'altro mondo. Oggi ho preso una coccinella che girovagava tra i fiori di lavanda dove non avrebbe trovato niente da mangiare e l'ho messa sù un bocciolo di rosa infestato da parassiti.
S'é messa subito a tavola. Spero non si prenda un'indigestione:-)

09 giu 2008

FurlanAir le gnove compagnie Furlane.

Vidût le code cun le acuile? A é le nestre!
Daspó che l'an passât lis negoziazions par comprâ Alitalia a sedin coladis tal nuie, il miliardari rùs Gjerinoski al si ere zurât di fâ sù ancje lui le so compagnie aeree. Ven a stâ che il so nôno materno al ere un furlan e di cuant ch'al a cjatât cualchi parint in Friûl al vignive spès des nestris bandis.
Peró nissun al si spietave ch'al fasès sù une compagnie aeree puartant le bandiere furlane.
Ch'al sedi daûr a spietâ ch'a croli l'Alitalia par cjapâ il so puèst in dutis lis liniis dal mont? Dutcâs, a Lignan e a Grado a si spietin bielzà di vê un ant di afluence record cun ducj i turiscj ch'a rivaran diretamenti da Moscje. Se ducj a son sciors come lui, al scuignarà fâ cualchi albergo di lusso come che an fat a Montecarlo e in te cueste azure parcé che da nô a nondé.
Gjerinosky, da cuant che il so concurint di Air Berlin al a rifiutât di doprâ il catalan pai pasegjîrs ch'a van a Barcelone e as Baleârs, al a dite che pal personâl di Furlanair al sarà obligatori di cjacarâ furlan in plui dal rùs, dal inglês e dal talian. Chest al a calmât un tic chês lengatis ch'a van disint che une compagnie furlane e a di sei furlane e no russe e jó i perdoni ch'al si sedi ispirât dal non dal gno blog par fâ Furlanair:-)
Glossari: Nondé = Semplificazion par no dî " Nol in d'é" o ben "no 'n d'é" che par talian si dîs "Non ce ne sono". So vin di scrivi ogni dí, tant al vâl semplificâ, no?

Il miliardario russo Gerinoski che l'anno scorso stava per comperare l'Alitalia, si era giurato di avere anche lui la sua compagnia aerea e da adesso, sarà cosa fatta. Infatti, sapevamo che suo nonno materno era un friulano poiché lo si vedeva spesso in Friuli, peró, nessuno s'aspettava che avesse l'intenzione di creare una compagnia aerea con bandiera friulana. Le cattive lingue dicono che stia aspettando il crollo dell'Alitalia per accaparrarsi il suo posto. In ogni caso, a Lignano e a Grado ci si aspetta un incremento di turisti che verranno direttamente da Mosca.
Nell'attesa di fare come a Montecarlo e a Nizza una seconda patria per gli oligarchi russi, ci sono già in progetto dei nuovi alberghi di lusso in grado di ricevere anche Putin.
Gerinoski ha dichiarato che non vuol fare come il suo concorrente di Air Berlin che s'é rifiutato di adoperare il Catalano per la linea verso Barcellona e le Baleari. Ha detto che nella Furlanair tutti dovranno parlare 4 lingue, compreso il friulano. Con ció ha fatto tacere quelle linguacce che già incominciavano a dire che una compagnia friulana dev'essere friulana e non russa. A me piace. Si direbbe che s'é ispirato dal Furlanâr per fare FurlanAir:-)

Caprici / Capriccio

Avete già visto cuel fiore che assomiglia ad una rosa ma che ha 10 volte più petali ed un profumo delicato che si sprigiona solo a metà strada del tuo annusare? Bene é lei: La Peonia.
In 5 anni m"ha fatto i fiori solo una volta. Allora per festeggiare il suo capriccio l'ho messa in un vaso fatto a posta per lei e l'ho offerta alla prima donna che ho incontrato per strada fra il letto e la cucina. Sarà forse l'ultima peonia dell'anno e l'ultima donna della mia vita ma gode ben chi gode subito:-).
*
*
Vêso zà vidût chel flôr ch'al somee a une rôse ma che a à 10 voltis plui petai e un profumin cussí delicât ch'al tu sints dome cuant ch'a tu âs il nâs drenti? Po ben a é jê: Le Peonie.
In 5 ains a é le prime vôlte ch'a mi florís. Alore par celebrâ il so caprici o i ai fat un vâs gnûf e le ai invidade a mostrâsi une setemane ai vôi de prime femine ch'o ai cjatât pe strade enfre il jet e le taule de cusine. A sarà forsit le ûltime peonie di chest ant e le ûltime femine de mê vite ma da gjoldi subite:-)

05 giu 2008

Stats turiscj / Statistiche turisti stranieri in Italia

O mi cjatavi a Las Vegas par vie di Franco Dragone il napoletan-belga ch'al a fat aumentâ il turismo dal 15% cul so spetacul all'Hotel Wynn
intitulât Le rêve. Statistichis di lan passât: 40 milions di turiscj dome pe sitât di Las Vegas!
Curiôs, o soi lâ a dâ une cucade sui turiscj di Vignêsie: Dome quatri milions a d'ant. E l'Italie dute interie?Dome 35 milions. Ce vergogne! Daspó o ai cjatât un sito governamentâl ch'al si vante che 'l'Italie e a un grum di sitâts ben plaçadis in te clasifiche americane dai plui biei puescj dal mont da visitâ. Alore o soi lât a viodi. O ai cjatât Bruges al 25im puèst e Vignêsie al 85im.
Sino mats? NO, al bisugne rindisi cont che i merecans e an une culture limitade al lôr paîs e a ce ch'al é scrit in inglês ma cun 50 milions che il nestri ministri dal turismo al ricêf par promovi il nestri paîs al podarès amancul fâ un tic di publicitât par rimeti i arlois a l'ore, no?
Ma parcé? Nol îsal chel prode di Prodi ch'al a mitût sù une tasse sui telefonins, cameras e machinis fotografichis dai turiscj?
Piês: No si cjacarial a Vignêsie di meti sù une tasse di entrade pai turiscj? Ma vêso vidût il Trentino dongje dal Friûl? Al sarès ore di dounlodâ alc di plui! Al in fâs scuâsi plui lui che dute le Padanie mitude insiemit.

Addendum del 5.6.09: Si direbbe che questo post é stato inteso dai politici poiché é stato creato un nuovo ministero:Il ministero del turismo. Lo spiega Berlusconi in questo video
***

Leggenvo un articolo sù internet sul scenarista Franco Dragone, il napoletano-belga che ha fatto aumentare i clienti della città di Las Vegas del 15% con lo spettacolo Le rêve all'hotel Wynn. Un hotel costato 800 milioni di $.
Statistiche: 40 milioni di turisti l'anno scorso. Per una città in pieno deserto dove si deve far venire l'acqua da 150km di distanza non é male. Sopratutto quando si pensa che l'Italia intera non fà più di 35 milioni di turisti all'anno (5 milioni meno che la spagna o la Francia)
Girovagando, vedo un sito ministeriale del cazzo dove ci si vanta dei posti d'onore che abbiamo nelle classifiche dei più bei posti del mondo che gli americani amerebbero visitare e cosa vedo? Dei posti di consolazione! Esempio: Bruges si trova al 25° posto mentre Venezia che é 100 volte più bella si trova al 85° posto.
Vi lascio Roma che arriva solo dopo Copenhagen e Napoli neanche non c'é.Naturalmente, queste statistiche vanno prese con lo stuzzicadenti. La cultura americana é limitata a quello che s'impara in America sul mondo. Molti non sanno che poco e niente della geografia al di fuori degli states.
Peró, nessun paese al mondo ha tante città d'arte e tante bellezze naturali e noi sappiamo soltanto lasciar venire quelli che veramente non sanno dove andare.E si che c'é un ministero che ottiene 50 milioni all'anno per promuovere l'Italia all'estero! Naturalmente c'é anche l'altro ministero che impone agli stranieri di pagare una tassa di soggiorno e da poco, anche una tassa sulle macchine fotografiche, cineriprese, telefonini...
Forse é anche per questo che San Pietro e il Vaticano, non hanno neanche più turisti che Lourdes!
Forse per questo che Venezia, in proporzione non ha neanche la metà dei turisti di Bruges!

04 giu 2008

Il cjâf dai furlans / la testa dei friulani

Lis domandis plui frequentis fatis su Google dai furlans a son frice a dutis lis salsis e o tasarai il rest par no siocâ lis mulis e lis sioris delicadis ch'a frequentin chest blog parcé che di sigûr i furlans a si sbaglin di vocâl e a metin simpri la ee cuant ch'a cirin le ricete dal frico.
Invesit pai talians a rivin da me par vie dal articul ch'o ai scrit sul ombelic.Nue di viodi naturalmenti cun lis lôrs domandis ch'a van dal ombelico profondo al ombelico duro passant pai peli nell'ombelico e o mi domandi ce ricete culinarie ch'a círin cuant ch'a scrivin ombelico sodo. Achi o sin veramenti tal nombrilism Che chist spirit gaiarin e zence pinsîr al sedi un segno di riprêse economiche? Alé, come che ogni dí amancul un di vuâltris al cîr alc di plui us ai cjatât un link achi par consolâus:-)


* * *
Le domande più frequenti fatte su Google dai frequentatori anonimi che arrivano su questo blog sono, per le domande in friulano : Frice.


E per quelle in italiano : Ombelico
Senza entrare nei dettagli per rispetto alle caste orecchie delle signore e signorine delicate e sensibili di questo blog, direi che i friulani cercano di sicuro la ricetta magica per fare il frico ma ad ogni volta si sbagliano di vocale alla fine della parola.
Invece, con le domande sull'ombelico sodo, ombelico duro, e l'ombelico peloso mi chiedo quale ricetta si stia cercando... Questo é nombrillismo.
Comunque, chi, più in basso o più in alto del ventre, dell'Italia o del nombrillismo si preoccupa della situazione economica? In ogni caso nessuno in questo blog:-)


Pssst: Il quadro é di Magritte

Cjâf a Spinis / Testa a spine

Cun ducj i tramais eletrics ch'a nus rivin ogni dí o vevi chê di ficjâ lis mês spinis in tune maniêre plui jaiesche. Fin cumó, o ai cjatât dome il gno cjâf. O sarès stât tentât di zontâ une spine par vorêle e une naturalmenti in tal nâs par lâ a finî tal kitch ma no soio spinât avonde? Da cumó invesit di dîmi ch'o ai pierdût 'ne ruuede o podês dî ch'o ai pierdût 'ne spine e so no capís al bastarà domandâmi so soi spinât:-)


Con tutti gli aggeggi elettrici che si aggiungono ogni giorno alla nostra panoplia dovevo ficcar le mie spine in un modo più personale.Ecco fatto. Si, avrei potuto aggiungerne una nel naso e due nelle orecchie e due nelle tempie ma non sono spinato abbastanza? Da oggi invece di dirmi che ho perso una rotella potete dirmi che ho perso una spina oppure se non capisco, chiedermi se sono spinato:-)

03 giu 2008

Cemût Smeti Di Fumâ / Come Smettere Di Fumare


In chê dí o vevi dismenteât di comprâ i spagnolets e no vevi voe di lâ fûr sot de ploe alore o ai decidût di stâ zence. Naturalmenti, il di dopo, mi soi precipitât a comprâmi un pachet ma, fuart di vizi e fuart d'ideis, o mi soi dite ch'o varès spietât fin misdi par cjapâmi il grant plasê di impiâmal cul caffé dopo mangjât. E cussí o ai fat. Tant ch'o eri lí a tirâ come un mone o mi soi domandât s'al ere veramenti un plasê di sintî il fum ch'al cji và jù tai palmons... Dopodut, parcé fum di tabac? Parcé no fum di len, di cjarvon, di scovacis o juste il fum di un tubo si scaric di un motôr cualsiasei par no ruvinâmi a deventâ dipendent di un tubo di scaric di Ferrari ch'al mi costares plui de cocaine? E o ai studât il cjic cun rabie disintmi che se propit o no podevi fâ di mancul o varès simpri podût impiâ un'âltri. E al é cussí ch'o ai smitût di fumâ par dute le vite.

. Il puarte-cinîse lu vevi zà fat e d'in chel dí o lu dopri par meti lis robutis ch'o no sai indulâ ficjâ. Ma tar chiste testmoniance archologjiche, so tirais sù il puarte cinîse di vêri nêri, là indulà ch'o platavi i spagnolets, o cjatarês drenti il gno cjâf plen di altris ideis nassudis di nascuindon enfre un post e chel âltri:-)

* * *
Quel giorno avevo dimenticato di comperare le sigarette ma siccome pioveva, non avevo voglia di uscire e mi ero deciso di star senza fumare. Naturalmente il giorno dopo mi son precipitato a comperarmi il mio pacchetto ma forte di vizio e altrettanto di d'idee, presi la decisione di aspettare mezzogiorno per gustarmi il sommo piacere della prima sigaretta col caffé del dopo pranzo. E cosí ho fatto.
Mi ricordo che mentre ero li a guardare i cerchi di fumo che mandavo in aria mi chiedevo quale mai fosse stato il piacere che mi ero creato e che consisteva a prendere del fumo e a respirarlo a pieni polmoni.
Mi chiedevo se avrei potuto avere lo stesso piacere a fumare legno, carbone, immondizie o semplicement fumare il tubo di scarico di un motore qualsiasi senza dover ammazzare qualcuno per comperare una Ferrari e fumarmi il fumo del suo tubo di scarico che in fondo forse costa meno che la cocaina...Dio che schifo, e schiacciai la sigaretta con disprezzo. In fondo, se avevo potuto tenere un giorno e mezzo senza fumare solo per ragione di pigrizia potevo forse stare di più per una ragione di buon senso e smisi di fumare per tutta la vita. Ormai il posa-cenere ch' m'ero fatto fà parte dei cimeli archeologici perduti nella testa dei miei ricordi e lo uso per metterci le cosette che non só mettere altrove. Seppoi, alzate il posacenere, dentro la mia testa al posto dove mettevo le sigarette con l'accendino adesso troverete ancora un sacco d'idee scritte di nascosto tra un post e l'altro:-)

02 giu 2008

Etichetis / Etichette

L'Aroma l'ho sentito bene quando l'ho avuto in bocca e m'ha fatto dubitare un momento dandomi una sensazione acidella acuminata che m'ha sorpreso ma che per fortuna spariva subito nel fresco-amaro che mi restava in bocca quando, da ingordo, l'ho mandato giù.Una volta che ho sentito quella sensazione di caldo nelle pareti dello stomaco per me vuol dire che non sentiró più niente fino al prossimo sorso. Allora mi metto a preparar la bocca per lui. Il Borgo.
L'insalata, l'ho già presa incominciando il pasto e ormai posso essere sicuro che l'aceto non interferirà col vino. Un pó di legumi cotti o fritti e quasi mai pane ma pasta, patate, riso e da qualche tempo, come ieri, grano saraceno o fagopino passato in padella e che col rosa del salmone mi rendeva la bocca impaziente di rinnovare l'esperienza. Si, il Borgo Tesis é un buon vino.
Se ho un sapore carnoso o una sensazione oleosa che mi rimane in bocca anche quando in bocca non c'é più il vino, per mé vuol dire ché é buono. Naturalmente, questo non vuol dire niente. Se prendi un sorso di vino col boccone sbagliato, anche il miglior vino ti sembrerà una schifezza. Per questo, no mi fido di nessuno e solo di me. Lo spirito d'avventura non mi manca ma infondo cosa si rischia ?
Niente, se il vino ti sembra aver cambiato di gusto tra un pasto e l'altro o qualche volta anche tra un boccone e l'altro, puoi sempre sospender la cerimonia e trovare il piacere in un'altro modo.
Il piacere del vino é nella tavola del pranzo. A cena lo gradisco di meno e ne faccio senza da quando ho scoperto che il mangiare la sera mi tormenta il sonno e mi fa venire il pancino che se fa un bel cuscino d'amore, m'ha detto un tondo che non era renzo, (Renzo Tondo é il presidente del Friuli) lascio questo piacere per lui e mi tengo il mio. Col pesce per tre o quattro volte alla settimana, ho sempre due bottiglie aperte. L'avventura si rinnova ad ogni pasto. Il vino di ieri non é mai lo stesso il giorno dopo. Questione di bocca. D'aria, di compagnia, d'umore...Umore? Avrete già notato come sono tristi quelli che bevono solo acqua? Il vino, diceva Pasteur, é la miglior bevanda che ci sia, basta bere con moderazione. Cin cin. Attenzione alla versione friulana:-)

Frache par ingrandî le foto/Fai clic per ingrandire

Como ch'o cjacari di rôbe foreste par furlan, o mi lassarês cjacarâ di prodots furlans ai forescj che tant il vin furlan o lu cognossês e no vês bisugne de mê opinion, no?
No rivavi a lèi ben le etichete de butilie parcé che le scriture a é piçule e fate cun tun ingjustri grîs clâr che sul zâl de etichete al é dificil da lèi. Va ben, al sarà par no mostrâ che tal vin andé
sulfite ma ce îsal di mâl di volê conservâ il vin dome cun tun sôl conservant?
Par contrast, us met une marmelade inglêse ben cognossude ch'a 'n d'à 10.
La Chivers a é talmenti cognossude ch'a é deventade scuâsi un sinonim di marmelade. Tant al é vêr ch'a no tu compris plui le marmelade a tu compris la chivers. Alore par mostrâ ch'a é plui vecje di ce ch'a tu crodis al é scrit olde invesit di old parcé che da lôr, come da nô, dut chel ch'al é vecjo al fâs naturâl, tradizion, genuín. Ma sêti da lôr che da nô, o sin freâts. So cjalais le formule o viodês ch'al é plen di prodots chimics ch'a son scrits in piçul piçul enfre lis scuarcis di nerant...
Duncje, o capiis che so vês i vôi avonde boins par lèi, o sês di sigûr di chei ch'a no us interesse, se invesit o sês di chei ch'a vuelin simpri meti il nâs dapardut o lassais pierdi parcé ch'o no vês voe di mostrâ ce ch'o vês pierdût di plui (o i ocjâi o le viste o le voe:-).
Insome, come tal nestri paneton, o mi domandi ce ch'al nus reste da mangjâ dopo i 10 prodots chimics elencâts in te etichete enfre il 66% di sucar e il 27% di scuarcis di nerant...
Se le Marmelade Chivers e à le ricete origjinâl dai timps di Shakespeare, a ere stade fate par un alchimiste.
La veretât a no é duncje tal vin ma in te etichete. Ma le etiche indulà îse?