I miei Video clips furlans

Loading...

31 lug 2008

Cjisciei pal aiar / Castelli in aria

Al mi plâs di sfueiâ lis vecjis rivistis e cirî di imagjinâ le vite di chei timps.Leínt une colezion di rivistis dal touring Club talian dai ains 20 al somee bielzà di jessi in tun âltri mont. Al é lí ch'o ai cjatât chiste foto dal vecjo cjisciel di Magnan. Vuê a si lu clamarès forsit villa ma invesit a no si lu clame plui parcé che tal 1976 il taremot lu veve danegjât e al ere stât decidût di no riparâlu ma di fâlu saltâ pal aiar a l'esplosîf e daspó, di splanâ dut cui machinaris, tant al é vêr ch'a no si saveve nancje plui indulà ch'al ere.
Al é ce ch'a si cjate lant ator pal Web e Mariasanta di Prampero incaricade de regjon di dirigi le scuâdre di archeologos mandâts de universitât, tal 95 a no veve podût dî se chest cjisciel che i soi parints e an acetât di butâ jù al vedi stât fat sù tal medioevo. I Pramperos mi somein masse illustris par fâ polemichis e alore us doi juste le foto ch'o ai cjatât e vonde. Ma cun chiste logjiche a si puedarès butâ jù il cjisciel di Udin e splanâ ben fint ae place prin di mai par podê complicâ il compit dai archeologos tra 20 agns.
°°° *
Mi piace sfogliare le vecchie riviste e cercar d'immaginare la vita di quei tempi. Sembra di essere in un'altro mondo. Leggendo una collezione di riviste del touring club italiano degli anni 20 ho notato un giornalista friulano che non mancava mai di aggiungere qualche foto del Friuli tra le quali ho scoperto questa foto della vecchia casa della contadinanza di Magnano che allora si chiamava castello di Prampero. Infatti, sembra piuttosto ad una fattoria che oggi forse si chiamerebbe villa ma non si chiama più poiché nel 1976 col terremoto aveva subito danni e la decisione fu: Demolizione all'esplosivo e spianatura con mezzi meccanici e il lavoro fu fatto cosí bene che non si sapeva neanche più dove si trovava e questo, spiega Mariasanta Di Prampero ha rovinato le tracce della struttura fino alle fondamenta e non é stato ancora accertato se l'edificio datasse del medioevo. Non só cosa sia più importante ritenere:
Il fatto che prima nessuno se ne interessava ed é stato deciso di farlo esplodere e sepellirlo o il fatto che adesso sia diventato urgente di saperlo mandando sul posto una squadra di archeologi
a spese della regione.La logica sarebbe che per dar lavoro agli archeologi tra vent'anni si potrebbe distruggere il castello di Udine e per complicar la cosa spianare la collina. Ma se la foto puó servire: Eccola qua.

Al sarès biel / Sarebbe bello


Daspó i elencos dai blogs, cumó o spieti ch'o meteise une webcam ancje vualtris. Al sarès biel che ognun al mostri il so cjanton di cîl o di alc cussí, ancje cuant ch'a nol scrîf al puès mostrâ alc di se.
A cui il prin? ...O spietaiso che il Macor us fasedi un'âltre pagjine?:-)
Dopo gli elenchi dei blog aspetto che mettiate una webcam anche voi. Sarebbe bello che ognuno ci faccia vedere un angolo del suo cielo o del suo qualcosa cosí, anche quando non scrivete fate veder qualcosa di voi. Chi sarà il primo?
O aspettate che Macor vi mostri come si fa?:-)

30 lug 2008

Gnove webcam furlane / Nuova webcam?

Miss maute bagnade
Tant che i fantats furlans a stan cui vôi plantâts sù le gnove maute dal udinês o no vin chance di vîodi a Lignan o a Grado o sul cjisciel di Udin un concors di Miss maùte bagnade. Al sarès un biel colp da tirâ par fâ publicitât sù lis maùtis furlanis e par vendi cualchi maùte in plui zence spietâ lis sâgris dal mês di avost.Dut chest, imediatamenti filmât e mitût sul web cun tune webcam al fasarès une biele concurince ai gjornai dal cazzo ch'o vin in Friûl ch'a cji domandin ancjemó un password par viodi ce ch'a tu sâs bielzà. O viôt bielzà il slogan: No Rai ma rai dal cûl:-)
E o viôt bielzà une file lungje un km di bagnadôrs di mautis selezionâts ancje lôr in tun concors sponsorizât pai produtôrs di sgnape, vin, âghe, Fi-ga. ch'a spietin cul vêri in te man di podê bagnâ alc des mulis ch'a spietin. Imagjinait le carelade de webcam ch'a partis di place prin di mai e a và sù fint sul cjisciel filmant dutis lis musis dai concorints par finî sul plaçâl dal cjisciel indulà ch'a son lis mulis ch'a spietin di fâsi bagnâ le maute:-)
Se no viodês nue rivâ, lait a viodi achi
°°° *
Concorso Miss maglietta bagnata
Mentre i ragazzi friulani stanno con gli occhi piantati sulle magliette dell'udinese sarà difficile aver l'occasione di vedere un concorso di magliette bagnate organizzate da loro, visto che sono specialisti di magliette. Sarebbe pertanto un bel colpo pubblicitario e commerciale nonché un'occasione di lanciare una webcam TV friulana senza aspettare che lo faccia la Rai. Vedo già lo slogan: Niente Rai ma ruga del culo (Vedi versione friulana:-)
Vedo anche una lunga fila di bagnatori di magliette selezionati in un'altro concorso aspettare col bicchiere in mano che arrivi il loro turno:-) Che semmai non arriva, possono sempre bere il bicchiere sponsorizzato dai produttori di vini, grappa, fi-ga ecc.
Se sul vostro lago non vedete arrivar nessuno andate qua

Torna sù

Ancjemó une e dopo vonde/ Ancora una e poi basta

Ridin ch'al fâs ben.
Al bar le bariste: Ce bevistu?
Il client: Ma, no sai
Bariste: Atu zà provât la frice?
Il client : La tô no.
Le bariste: Cjalde o frêde?
Il client : Ma cjalde, cjalde!
E le bariste a i vierç 'ne butilie disint: Spiete un moment, a si scjadarà di besole:-)
Cun le version inglês Pus-sy, a no varès di tardâ a vignî fûr ancje le Fri-Ce. Ma intant contentaisi de Fi-Ga ch'a sarès une bevande energjetiche di chês ch'a si ordène cuant ch'a no si sà plui ce bevi par stâ impins. Viodêt ch'o (a) no us tiri di bant, aé une rôbe vere. 3 euros le butiliute di aluminio. Par no fâ i sexiscj come ch'al dîs il Crot, a vegnarà fûr di sigûr ancje le version dal Caz-zo e o sint bielzà i camarîrs ordenâ a alte vôs: Trê bighis e trê fricis
Viodêt ancje le frice impanade pai furlanissims.
La pizza figa pai napoletanissims.
Il ristorant La figa par chei ch'a nondan mai vonde:
°°° *



Una risatina?
-Al bar la barista al cliente: Cosa bevi?
-Il cliente : Ma...Non só.
-Hai già provato la Fi-ga?
-No, la tua non ancora.
- Calda o fredda?
- Ma calda, clada!
La barista gli porge una bottiglia, gliela apre dicendo: Aspetta un momento, si scalderà da sola.
Esiste, anche la versione inglese Pus-sy. Non so chi l'abbia messa in vendita il primo. Comunque, quando un'idea và, la si porta avanti e di sicuro non mancherà la versione friulana. Poi ci sarà la versione del caz-zo che in friulano farà Bi-ghe e sento già i camerieri ordinare ad alta voce tre bighe e tre fighe per far la rima. Se non sapete più cosa bere: 3€.


Per i friulanissimi: La frice impanade (Sopra)


Per i napoletanissimi: La pizza figa
Per quelli che non ne hanno mai abbastanza:
Ristorante la Figa
Link correlati:http://furlanar.blogspot.com/search/label/Frice

29 lug 2008

Le ûltime furlanade / L'ultima jaiata


Ancjemó une e dopo vonde.

Le ultime furlanade le ai fate cul Furlanel. Un personagjo ch'o us descrîf cun le udade di Rowan Atkinson par butâle in ridi . Al puedarès tratâsi di une storie enfre il pâri e il fi o enfre doi fradis, o enfre doi amîs, o une copie che, vidude le tindince de societât a puedarès ancje sei gay.Viodêt vualtris.

Glossari: Furlanel, furlanâ, talianâ

° ° ° *
Ancora una e poi basta.

L'ultima furlanata l'ho fatta col Furlanel. Un personaggio descritto con l'aiuto di Rowan Atkinsn per farne una parodia.Potrebbe trattarsi di una storia tra il padre e il figlio o due fratelli o tra una coppia che ormai con le nuove tendenze potrebbe anche essere gay.Fate voi.



28 lug 2008

Rondó alla turca

Se si chiede a un francese qual'é la miglior cucina del mondo dirà la francese.
Se si chiede la stessa cosa a un italiano dirà l'italiana e il friulano specificherà subito che il piatto che gli piace di più é il frico.
Se si chiede a un belga qual'é la miglior cucina, dipende chi lo chiede. Se é un francese dirà che la miglior cucina é la francese e poi aggiungerà: Se fatta in Belgio.
Naturalmente gli svizzeri diranno che un frico non vale un Rösti, i napoletani che non vale una pizza, i polacchi che non vale un borsc, gli ungheresi che non vale una gulasc, i marocchini che non vale un cuscus, gli spagnoli che non vale una paella ed il resto del mondo che non vale un hamburgher:-)
No, no, se il secondo piatto nazionale tedesco é diventato il kebab non puó essere soltanto per via dei 2 milioni e mezzo di turchi che ci sono nel paese. Per i turchi, la miglior cucina del mondo é la cucina turca. In ogni caso, diranno che ha lo stesso livello che la cucina italiana o francese e a proposito della pizza loro dicono che hanno la Pitta.
Allora per il primo giorno da solo ho voluto provare il kebab.Niente da vedere col kebab dei Donner (Ristorantini che si trovano dappertutto in Germania), no, il mio, se viene dalla Germania, viene in un pacchetto surgelato. Si apre e si cuoce in dieci minuti. Come la pasta.
Appunto e finché non trovo qualcosa di più rapido saró costretto al kebab turco per un mese.
Mi consoleró ascoltando il rondó alla turca di Mozart.

Dominis FRI / I domini FRI


Il punto Fri in frice
D
uncje se la France e a il so domini Fr, le Italie e a It, nô a si puedarès vê il Fri come che i catalans e an otignût il lôr Cat. che in doi agns al a zà 24 mil sîts internet. Naturalmenti, nô, cun i 4 sitos e mieç ch'o vin e i 4 blogs dai 4 spelâts a nol é doman ch'o varin dominis furlans ch'a finissin cul Fri. dal Friûl.
Prime di dut o no vin nissun ch'al vedi avonde coions par puartâ indenant l'idee. Daspó s'al vignarès fûr chel, o viôt bielzà i triestins, i cjargniei, i gorizians e i pordenonês tirâsi de bande e rivendicâ il lôr Cj,Ts, Go, Pn. E sì che i bascs, i galês, i bretons a si son bielzà mitûts in file par vê i lôrs dominis e dal ant ch'al ven al si puedarà vê ancje il domini personâl paiant ce ch'al ûl.
Pecjât parch'al mi varès plasût di vê il gno sito www punto furlanâr punto Fri.
Mi tocjarà contentâmi dal furlanâr punto e vonde.
Dutcâs, une vôlte che Udin al fasarà il so e Ludario al fasarà il Lo, il Fri a pene nassût al larâ a murî in frice o in frico. Como simpri.
° ° ° *
Il punto Fri mandato a farsi friggere.
D
unque, se la Francia ha il suo dominio Fr e l'Italia il suo It, noi potremmo avere il nostro Fri come i catalani hanno ottenuto il loro Cat due anni fa. Naturalmente, coi 24 mila siti targati Cat della Catalonia, noi, coi 4 siti e mezzo e i 4 blog dei 4 gatti, non é domani che otterremo il Fri per Friuli. Pertanto, i baschi, i gallesi stanno già chiedendo il loro e dall'anno prossimo, pagando, si potrà perfino avere il proprio dominio. Se avessimo un friulano con vere palle per portar avanti la domanda io farei subito il www.furlanar punto fri ma temo che dovró accontentarmi del furlanar punto e basta.
Daltronde, subito i triestini vorrebbero il loro Ts, i carnici il loro Cj, e dopo i goriziani e i pordenonesi, Udine non potrebbe far altro che prendersi un Ud e poi via fino a Ludario col Lo ed il Fri appena nato andrebbe subito a farsi friggere.

26 lug 2008

100 canâi par cent canais / 100 canali per 100 ragazzi


Il mont al gambie e la Rai a é daûr a colâ. Berlusconi al in fasarà ancjemó cualchidune ma a saran lis ûltimis. Nol covente plui batisi par vê la Rai par furlan : A si le fâs dibesôi. A son daûr a vignî fûr televisions tal web di ogni sorte. O podês fâ le vuestre ancje vuâltris in doi trê clics e une piruete e o sês a puest. Ma vêso alc di mostrâ? Da dî? Da cjantâ? Da cuei? Da ridi? Nuje? Ancje cun nuje o podês fâ alc. Baste une webcam di trente euros e o sês a puest. O lais in tun server come www.video-blog.tv e o si iscrivês cun tun nick.
daspó o metês le spine de webcam, o clicais sù Diffuser e al ven fûr une balconete indulà ch'o vês da autorizâ il server a doprâ le vuestre camera. Prime di lâ indenant. Daspó o vês dome da scielgi le vuestre webcam cul son o zence son e imediatamenti o viodês ce che le vuestre Wcam a viôt.O clicais sù "diffuser" e o sês On Air. Us baste copiâ il codic da zontâ 'Embed' sul vuestri sito o sul vuestri blog e vonde. Us reste dome di fâ cualchi program di gastronomie so sês un chef, o di politiche so no savês stâ zence o di frice sa nol us interesse nujâltri;-)
Le messe de domenie invesit o le lassais a la Rai che cussí o podês durmî di plui:-)
Achi o ai mitût dome une webcam parcé che senó il gno sgarfadôr al s'incjastre.

Il mondo sta cambiando e la Rai sta per cadere. Berlusconi ne approfitterà per farne ancora qualcuna ma saranno le ultime. Stanno uscendo le nuove TV via Web. E talmente facile che chiunque si puó mettere in linea. Anche voi. Ma avete qualcosa da mostrare? Da dire? Da cantare? Da cuocere? Da ridere?...Niente? Anche con niente si puó far qualcosa. Basta una webcam da trenta euro e siete a posto. Andate su un server come www.video-blog.tv vi iscrivete con un nick, "spinate" la webcam al vostro pc, fate un clic sù "Diffuser" ed una finestrella appare con le indicazioni da seguire.Prima di tutto dovete autorizzare l'uso della vostra webcam poi, a sinistra, scielgliete la vostra web cam che diffuserà l'immagine e l'unità che diffuserà il suono (se non é la webcam stessa) e vedete subito apparire l'immagine che la vostra wcam sta vedendo. Fate un clic sù diffuser e siete On Air. Adesso, a destra in alto della finestrella vi basta copiare il codice da aggiungere 'Embed' nel vostro blog ed é fatto. Se viaggiate col PC, e all'albergo c'é internet via wifi, potete far vedere cosa succede nei dintorni. Non dimenticate che se chiudete il PC o il navigatore, la diffusione é sospesa.
Presto, con internet senza cavo, sarà possibile di avere internet dappertutto e sarete in grado di diffondere immagini di qualsiasi cosa : Di vostra nonna senza che lei lo sappia, di politica se no sapete farne senza a meno, o di sesso se proprio non vi interessa nient'altro:-)
La messa della domenical lasciatela pure alla Rai che cosí potete star a letto di più con magari la wcam sul bebé che dorme. Altre possibilità: Andate in vacanza e sorvegliate la casa via internet.
Se qualcuno suona il campanello, gli rispondete per telefono nel citofono che siete nel bagno e che non potete aprire:-)
Il massimo é di fare come faccio io: Farsi la barba davanti al computer e guardando se c'é posta vedersi ancora meglio che davanti a uno specchio:-)
Oggi ho preso la Wcam di un newyorchese perché da mé piove.
Live Streaming by Ustream.TV

25 lug 2008

Le gnove maùte / La nuova maglietta
















O ai vidût chi e là i malcontents des mautis dal udinês. Nissun ch'al vedi tirât fûr alc par rispuindi
come ch'a si devi? Eco fat. Jó o ai fate le mê. So no vês nuâltri da mastiâ o podês doprâle ( free-ûl of course:-) Baste ch'o lassais il gno nón in pâs. La version par fâ maùtis a é zà pronte ma sêso veramenti interessâts?
Ho visto qua e là i malcontenti per le magliette dell'udinese. C'é nessuno che abbia tirato fuori una risposta come si deve? Ecco fatto. Io ho fatto la mia. Se non avete nient'altro da dire potete adoperar la mia che é free uli of course:-) Basta lasciare il mio nome in pace. La versione per far le magliette é già pronta ma siete veramente interessati?

Magritte e compagnia

Jacqueline Nonkels, prime a ere deventade amie cun Georgette ch'a vignive tal negozi di alimentârs dai soi parints e daspó, a ere deventade le amie di dute le compagnie. Ancje se scuâsi ducj a erin de etât dai soi parints, forsit par vie de sô frescje etât o forsit no dome par chel a ere deventade le compagne inseparabil dai Magritte. A viveve parfin cun lôr e cun lôr a ere lade a stâ a Parigji e forsit a ere cun lôr ancje cuant che Magritte al si é sindilât sbatint le puarte di André Breton parcé ch'al veve criticât l'anel de so famine.
Cussí, forsit zence indacuargisi, e a vivût da privilegjade il surealism. Ansit, a si puès dî che a à ancje contribuît a ispirâ Marcel Marien tai soi collages e tai soi scrits. Infat, il Marcel ch'al veve dome 17 ains al si ere inamorât di jê ch'a in veve 21 e par podêle incuintrâ a nol podeve che frequentâ ancje lui le cjase de copie Magritte e deventâ surealiste:-) Jê, seben a no vedi mai rispuindût che amicalmenti ae passion di Marcel, e a conservât gjelosamenti lis sôs letaris dute le sô vite .Come ch'a viveve di besole dopo le muart dal so omp a veve, sí, par sorevivi, scuignût vendi il so ritrat fat dal Magritte tal 44 ma pal rest, invesit di fâ cê che forsit ducj a varessin fat, e a tignût segretis lis sôs amiciziis e nissun nol saveve dai, disegns, dai cuâdris, dai regâi ch'a veve ricevût soredut da Magritte e des letaris inflamadis di passion scritis da Marcel Marien. Ma prime di murî, e a lassât dut ae fondazion Baldovin.
E al é propit aí ch'a si puès scuviergi chestis rôbis, juste dongje dal palaç reâl di Bruxelles fint al mês di setembar e gratuitamenti. Al mi é plasût cheste mostre. Si, par moments mi soi sintût un tic voyeur di stâ lí a spiâ enfre lis liniis le lôr l'intimitât. Le mostre no é grande, dome dôs stanzis ma sa si ûl léi, cjalâ, imagjinâ, indovinâ e sintî, andé avonde par passâ un biel moment fasint un viaç in tal timp.




PS: Il re baldovin a nol a podût vê fruts e forsit ancje par chest, tai agns 70 al a rifiutât di firmâ le leç su l'abort declarantsi in congjedo.




:-Jacqueline Nonkels divenne prima amica con la moglie Georgette che incontrava nel negozio di alimentari e poi amica di tutta la compagnia. Benché tutti fossero dell'età dei suoi genitori droghieri,con la sua freschezza e forse ingenuità, con la sua giovinezza e forse non solo, s'impose senza saperlo tra la banda di surrealisti più matti del suo tempo.



Visse cosí il surrealismo da vicino senza quasi accorgersene. Viveva con la coppia. Andó a Parigi con loro e di sicuro era con loro quando Magritte se ne andó sbattendo la porta da André Breton perché questo s'era permesso di criticare l'anello di Georgette. E proprio lí dalla coppia che Marcel Marien ancora 17enne s'innamoró di lei 21enne. Come si sà l'amore ispira, esalta, e ci rimane la testimonianza delle lettere, biglietti e cartoline scritte da Marcel a Jaqueline che, sebbene non abbia corrisposto ha sempre conservato questi ricordi finché alla sua morte l'anno scorso legó i suoi ricordi alla Fondazione Baldovino.



La mostra non é grande ma se si vuol guardar bene, c'é molto da leggere e vedere, immaginare, indovinare, sentire e girovagare col pensiero.M'é piaciuto questo viaggio nel tempo. Mi son sentito un pó come un voyeur che cercava di far la spia tra le righe intime di una signora che per sopravvivere dovette, sí, vendere il ritratto fatto di lei da Magritte nel 1944 ma riuscí, invece di fare come tutti avrebbero fatto e cioé, approfittare dell'occasione, a tenere segrete le sue amicizie con René Magritte e sua moglie Georgette e i loro amici tra i quali Marcel Marien e nessuno seppe dai disegni, pitture, lettere e regali che aveva ricevuto da loro né del fatto che anche lei, sotto la guida di René, si mise a disegnare e a dipingere finché prima di morire, legó tutto alla fondazione caritativa del re Baldovino. Tutte queste cose sono adesso esposte in un annesso del palazzo reale al Belvue fino al 14 settembre e beninteso tutto é gratuito. Mi é piaciuto il viaggio nel tempo.
PS: -Negli anni 70, il re baldovino si dichiaró in congedo, per non dover firmare l'atto di legge che consentiva l'aborto.



-Il ritratto di Jacqueline serví poi alla campagna di pubblicità di una marca di sigarette



- Le bottiglie sono state fatte da Jacqueline anche se sembrano di Magritte


-Magritte fotografo mette in scena gli amici con Georgette e Jacqueline. 1935




- Magritte in quell'epoca
http://www.lesoir.be/culture/arts_plastique/exposition-magritte-marien-2008-07-01-611890.shtml
http://www.opt.be/informations/events_bruxelles__magritte__marien__my_accomplices_/en/E/55497.html
http://clochart.blogspot.com/2007_04_01_archive.html
http://www.lalibre.be/culture/arts-visuels/article/430327/amities-surrealistes.html

Vedi altri articoli correlati con Magritte: 

23 lug 2008

Il mont di agne Lene / Il mondo di zia Lena

In tal parchegjo soteraneo il Bepi al iere entrât zence pajâ e cumó ch'al veve di lâ fûr al spietave dongje de sbare eletriche che cualchidun al si fasedi indenant par passâ cun lui. Un di daûr di lui ai faseve segno cui lampegjants come par dî: Vatu o no vâtu? Il Bepi a i fâs segno di passâ che lui al a di spietâ. Chel âltri alore al si met in bande dal Bepi come par domandai parcé ch'a nol passe. Il Bepi a i dîs di passâ. Chel âltri al fâs compagn, no, passe tu...E duç e doi a s'indacuargin pôc a pôc ch'a son daûr a blocâ le jessude e ch'a son zence biliet e ch'a no puedin plui tornâ indaûr parcé ch'a indé bielzà dîs machinis in file e in te prime, agne Lene cun so gniece al volant ch'a scomence a pivetâ par no fâ crodi a di chei daûr di lôr ch'a é zence biliet ancje jê. Ma parcé agne Lene ridie come une mate? Ise vere che so niece e à il biliet ?
° ° ° *

Nel parcheggio soterraneo, il Bepi era entrato senza pagare e adesso che doveva uscire, aspettava l'occasione per uscire che qualcuno si faccia avanti per poter uscire con lui. Qualcuno dietro di lui gli fa segno coi lampeggianti. Ecco, si dice Bepi, quello che ci vuole. E gli fa segno di avanzare. L'altro avanza e gli chiede perché non passa. -Passa tu prima. Dice Bepi.
Ma no, Passi lei. Dice l'altro e...Tutti e due si accorgono che ormai stanno bloccando l'uscita per gli altri automobilisti. Ci sono già dieci macchine che stanno aspettando e nella macchina in prima fila zia Lena con sua sua nipote al volante che incomincia a suonare il clacson in modo che quelli dietro di loro non credano che anche lei sia senza biglietto. Ma perché zia Lena ride come una matta? La nipote ha il biglietto o no?

22 lug 2008

Il spirit di Magrit / Lo spirito di Magritte
















Cent agns dopo, le place a é simpri chê ancje dopo dôs vueris. Come Gaudí a Barcelone, Magritte, zence savê, al a lassât un tic dal so spirit in te sitât e achi a si viôt une part dal museo
des bielis arts ch'al é foderât di un vêl ispirât di un cuâdri di Magritte par promovi le gnove ale che tal 2009 e sarà dedeade a Magritte.L'idee mi é plasude un grum e alore o ai zontât le ponte dal arbul par fâ ancjemò piês:-)
Lis fotos a son cjapadis dal sagrât de glêsie ch'a si cjate sù le place e al é propit lí ch'o ai cjatât le vecje foto.
Il monument al é chel di Gofredo da Buion ch'al a dite: Diu lu ûl. Daspó al a vindût il so ciscjiel al vescuf e al é partît pe prime crosade cui soi soldâts paiâts cui soi becins.
Le place, par 7 secui a ere le place dal ciscjel plui grant d'Europe. Ce ch'al reste, al é stât scuviert fasint i scâfs pal metro e a si cjate sot de place. Che cupole cuadrade ch'a si viôr spontâ a diestre a é chê dal museo in stîl Liberty dai struments musicâi che prime a ere une cjase comerciâl. Jù tal lontan si viôt le guglie dal municipi ch'al si cjate in te Grand' Place.
°°°

Cento anni dopo, la piazza, si vede, é sempre quella anche dopo due guerre. Come Gaudí a Barcellona, Magritte, senza sapere, ha lasciato un pó del suo spirito nella città e qua si vede una parte del museo delle belle arti vestito di nuovo con un velo che se nasconde la facciata, é solo per promueverla meglio poiché é infatti qua che si aprirà il museo Magritte nel 2009.Lo spirito di Magritte, ci devess'ere anche in mé poiche in questo quadro gigante ispirato da un quadro di Magritte non ho potuto far a meno di aggiungere la punta dell'albero al dilà della linea del tetto con un pennarello per far ancora più Magritte.
Le foto sono state prese dallo stesso posto a cento anni di distanza. La prima viene da una cartolina trovata proprio li in una chiesa, e la seconda l'ho presa ieri prima del concerto pomeridiano. Il monumento é dedicato a Goffredo di Buglione quando disse: Dio lo vuole. E si mise in marcia coi suoi soldati per la prima crociata della storia.
La piazza, per sette secoli era la piazza del castello Coudenberg che era il più grande d'Europa. Ció che ne rimane é stato scoperto recentemente quando si pensava fare una stazione del metro e si trova sotto la piazza. La cupola quadrata a destra é quella in stile Liberty del museo della musica che prima era una casa commerciale. Giù in fondo si trova la guglia del municipio gotico della grand' Place

Altri articoli correlati :

21 lug 2008

Lant ator / Girovagando

Un frutin te carozele al replicave cun cualchi peraule a pene imparade e cualchi ridade a pene innocentis a dôs trê feminis ch'a i stavin dintor meraveadis de sô bielece infantîl. I doi omps ch'a stavin cun lôr a someavin doi estraneos. Un al cjalve il cîl sperant forsit ch'al plovi par fâle finide e chel âltri al cjalave lis mulis che passavin te strade sperant che il moment al duri di plui. Cuissà tropis vôltis che jó o soi stât come il prin, tropis vôltis come il secont e tropis vôltis o ai fat come il frut cun lis feminis.

° ° ° *

Un bambino nella sua carozzella repplicava con qualche parole appena imparate e qualche risata appena innocenti a due tre donne che gli stavano attorno meravigliate della sua bellezza infantile. I due uomini che erano con loro somigliavano due estranei.
Uno guardava il cielo sperando forse che si metta a piovere per farla finita e l'altro guardava le ragazze che passavano per la strada sperando che il momento si prolunghi. Chissà quante volte sono stato come il primo, quante volte come il secondo e quante volte come il bambino...

Stradis vueitis: fieste nazionâl / Strade vuote: Festa nazionale

Pe fieste nazionâl di achi, jo o lavori ancjemó di plui. O vevi chê di mostrâus lis stradis vueitis e alore o ai scuignâ cjapâ riscjos e metimi inpíns di fûr dal balcon par cjapâ chiste foto dal tierc plan ch'al dà jù in te strade. Viodêso tal orizont l'Atomium?
Per la locale festa nazionale lavoro ancora di più ma volevo farvi vedere le strade vuote e per questo ho preso un bel rischio salendo sul davanzale della finestra del terzo piano e prendere questa foto. Lo vedete l'Atomium all'orizzonte?

Il lofio


Il Zuanut par no vê la femine ch'a i fâs un scandul al a prometût ch'al tire fûr il fiasco dome cuant ch'al ven cualchidun in cjase. Naturalmenti se nissun nol ven, mi dîs Agne Lene, lui al si rangje par fâlu vignî e, par dâsi buine cuscienze, al invide dome chei ch'a no bevin. Ma par educazion al siervis un tai, ancje se chel al dîs di no. Cussí, cuant ch'al s'in va, il tai a lu bêf lui. -Ce ao di fâ, di butâlu vie? Al spieghe po ae so femine.
:-)
G
iovanni, per evitare le bisticciate con la moglie, gli ha promesso che non tirerà più fuori il fiasco dall'armadio che in caso ci siano delle visite. Naturalmente, se nessuno non viene, lui si arrangia per invitarli a far quattro chiacchere e per esser leale con la moglie, invita solo gente che non beve ma mi dice Zia Lena, per non mancar d'educazione, lui serve subito un bicchiere di vino anche se la persona gli dice di no farlo che non é il caso e che... Cosí, se poi rimane lí, giovanni lo svuoterà. -Cosa dovrei fare, spiega poi a sua moglie, buttarlo via?

20 lug 2008

Il mont di agne lene / Il mondo di zia Lena


La Ines ch'a é sui 55 a sarès masse gruesse e a varès di stâ atente parcé ch'a é ancje diabetiche.
Ma jê a no sa stâ zence vê alc di dôlc e a và ator par mostrâ le so gnove machine e viodi se nondé cualchi amie imbarazade di no vê nuie in cjase par bevi cul caffé. Cussí, cun le scûse di menâ le amie in pasticerie a si compre ancje alc par jê. Par ofrî ae prosime visite. Oh, nue di masse sucarât o masse gras, disse jê, ma nue zence creme, disse agne Lene:-)
: - )
Ines, 55 anni, sarebbe troppo grossa e dovrebbe stare attenta perché ha anche il diabete ma lei non puó stare senza qualcosa di dolce e và in giro a far veder la nuova macchina alle sue amiche. Cosí se non hanno niente di dolce da offrire col caffé, le porta in pasticceria e si compera qualcosa da offrire all'amica seguente. Oh, niente di grasso o troppo zuccherato, dice, ma mai senza crema, dice mia zia Lena:-)

19 lug 2008

Webcam beche lâris / Webcam becca ladri


Il gno boulevard al é fat di un frac di palacins e condominis fats sù dal 1900 in cà ma ancje un frac di vilis indulà ch'a stan i sciors o imprêsis o ambasciadis. Us disarai dome che al 248 al stave René Magritte e un tic plui in sù, dongje dai uficis de television, in tune vile plui sontuôse al stave Jacques Brel.
Larc come une autostrade, nissun al fâs atenzion a ce ch'al sucêt di chê altre bande de strade e chest al sburte i lâris a fâ il lôr teren di cjace o di pescje. Da mé e an provât zà trê vôltis . Chiste vôlte a si son fats becâ par le webcam da un vissin. Viodêt besôi. A no al l'aiar di sei di chei di achenti.

°°° *

Il mio boulevard é fatto di pallazzine e condomini nati dopo il 1900 ma anche di qualche villa per ambasciate, imprese o nuovi e vecchi ricchi. Giusto per dire: Al 248 René Magritte aveva un appartamento modesto al piano terra mentre Jacques Brel viveva in una sontuosa villa un pó più in sù. Largo come un'autostrada, nessuno fà attenzione a ció che succede dall'altra parte e questo rende i ladri più coraggiosi che passano regolarmente ispezionare il loro terreno di caccia o di pesca. Anche da me, hanno tentato già tre volte. Questa volta, da un vicino l'hanno fatta franca ma si sono fatti beccare da una webcam.Eccoveli.

Altri post correlati:http://furlanar.blogspot.com/2008/03/j-e-magritte-i-magritte-ed-io.html

http://furlanar.blogspot.com/2008/07/magritte-e-compagnia.html

http://furlanar.blogspot.com/2008/06/il-cjf-dai-furlans-la-testa-dei.html

http://furlanar.blogspot.com/2008/02/thing-big.html

18 lug 2008

Le bibie in udinês / La bibbia in udinese

Nol indîsal veramenti nissun cristian o romanin, nissune ninine o ninin, nissun furlan o furlanist ,blogger o blogarin di chei ch'a son subite pronts a fâus un post ch'al vedi cjatât chiste novele interessante?
Scuegnio propit esi jó a dius che Georgi Coçari al é muart a Nic a 76 agns daspó ch'al veve voltât le bibie in udinês? O dîs ben in udinês e no in furlan come Toni Beline.( O dîs ben il Beline de âghe sante a nol é il Toni dal vin Merlot).
Ma di cuâl udinês si tratial? Isâl il vecjo furlan medievâl? Isal chel dialet furlan miscliçât di venezian doprât tal ûltin secul pai scritors e poetas udinês par meraveâ lis zovinis comessis? No, il vêr udinês al vegnarès fûr ae fin dal imperi roman tal 400 DC da un popul cristian emigrât in Aserbagjian e ch'a si clamin i udinês o i udins.
Se come ducj i furlans o crodevis di savê dut su Udin o le emigrazion, cumó o 'n savês di plui:-)
Il popul dai Udins o udinês al ere un popul cristian ch'al é lât a finîle aventi là e al a fondât le glêsie udinês ch'a é sôrevivude fin cuant ch'a son rivâts i comuniscj tal 1927. Cumó, dopo 70 agns, e an tornât a viergi le uniche glêsie ch'a ere restade platade sot d'un boschet seculâr e i udinês, como chei di achi ch'a van a Madjougorie, a rivin di dutis lis bandis par preâ o impiâ une cjandele come ch'a vevin tacât a fâ in rùs da ortodós. Ma a son spierdûts parcé che no an nissun prêdi par diur cemût ch'a an di fâ.
Viodêt ch'a no son balis e no us conti ce ch'al sarà de madone des graciis di Udin o dal Friûl e le so culture fra 100 o dusinte agns, us conti une storie vere ch'a é daûr a sucedi a Nic, (Pron. Niç) ch'al si cjate achi dongje il mâr nêri . Cuissà se le Glêsie Furlane, simpri pronte a furlanâ alc, a no ispiri il Brollo a mandâ vie un plevan a Niç par mostrâ cemût ch'al si fâs une messe? Dutcâs, se tal seminari di Udin andé plui profesôrs che students al sarès une oportunitât par tornâlu a popolâ.
O viôt bielzà i titui sui gjornâi furlans:
ll Gazetin:La chiesa friulana risuscita la chiesa udinese.
Il Piccolo di Trieste: Occasione mancata per Trieste
Il Messaggero veneto:Le scuole in friulano non bastano.
Le Patrie dal Friûl: I udinês a ùdin i udins
Gazzetta dello sport: Partita amicale Udinese Udinesi
Le vite catoliche:Il nestri vescuf in Aserbaidjian
So vês chê di savent di plui, o scuignîs lèi par francês o domandâ a un voltadôr mangjeostiis o mangjefrico ch'al a timp di voltâus l'articul par furlan s'a nol é masse ocupât como me. e o lu cjatarês achi.

La bibbia in udinese
N
on c'é veramente nessun cristiano o romano, carino o carina, nessun friulano o friulanista, blogger o bloghista di quelli che sono subito pronti a far un post che abbia trovato questa notizia interessante?
Devo proprio lasciar tutto ed esser io adirvi che Giorgio Kochari é morto a Nic a 76 anni dopo aver tradotto la bibbia in udinese? Dico bene udinese e non in friulano come ha fatto Toni Bellina e dico bene Bellina (Quello dell'acqua santa e non quello del Merlot)
Ma di quale udinese si tratta? Che sia l'udinese friulano del medio evo? Che sia quel dialetto friulano misciato dalle commesse col veneziano utilizzato da certi scrittori e poeti per meravigliarle?
No, il vero udinese sarebbe nato alla fine dell'impero romano nel 400DC da un popolo cristiano emigrato dall'Albania all'Azerbaigian di oggi e che si chiamavano gli udinesi o gli udini.
Se come tutti, credevate di saper tutto sull'emigrazione europea adesso ne sapete una in più:-)
Dunque questi udini o udinesi per più di 1500 anni era sopravissuta finché un giorno, nel 1927 il comunismo li ha fatti cambiare religione. Dopo 70 anni, qualcuno ha ritrovato una chiesa abbandonata sotto un boschetto e da allora, rinnovata, attira tutti i devoti udinesi che vengono là senza veramente saper cosa fare perché non hanno mai imparato a pregare. Alcuni, alla maniera degli ortodossi accende una candela e cerca di pregare in russo.
Non sto raccontando cosa succederà alla Madonna delle grazie di Udine o della cultura friulana tra 200 anni, vi racconto una storia vera che sta succedendo a Nic (Pron. la c come in ciao)
e che si qua trova vicino al mar nero.
Chissà anzi se questo non ispiri la chiesa friulana, sempre pronta a friularne una e non ispiri il vescovo Brollo a mandar via un prete per far vedere come si celebrano le messe?
In ogni caso, nel seminario di Udine dove, si dice che ci siano più professori che allievi, potrebbe essere un'opportunità per ripopolare i banchi.
Vedo già i titoli dei giornali:
Il Gazzettino :La chiesa friulana risuscita la chiesa Udinese
Il Piccolo di Trieste: Occasione mancata per Trieste!
Il Messaggero Veneto:Le scuole in friulano presto in udinese.
La Patria del Friuli: Gli udinesi aiutano gli udini
La gazzetta dello sport: Partita amicale udinese udinesi
La vita cattolica: Il vescovo Brollo in Azerbaigian
Il resto potete aggiungerlo voi leggendo l'articolo in francese oppure facendovelo tradurre da un mangiaostie o un mangiafrico:-)

17 lug 2008

Singars / Zingari

A Viene, i singars a si erin inpadronâts de sitât. Tai cjantons des stradis plui frequentadis al sucedeve che le int, ch'a dave le caritât ae classiche mater dolorosa sentade par tiare a lamentâsi cun tun frutin tal grimp al si faseve po robâ le sporte o il tacuin e magari a s'indacuargeve ch'a i vevin robât fintramai lis mudandis cuant che, rivât in cjase, al cjatave l'apartament svueidât...Insome, a ere deventade nêre. Une asociazion caritative come ch'a indé un frac dapardut, forsit par metisi in mostre o forsit par legjitimâsi a veve tirât dongje un grum di volontaris par fâ campagne e in cualchi dí in ducj i negozis, stazions, puestis a si podeve cjatâ volantins ch'a disevin: So volês judâ i singars, dait lôr chist sfuei ch'a ur dà dirit a vê un past cjâlt al nestri centri.
I vienês alore, contents di podê ofrî un past ae spêsis dal comun ogni vôlte ch'a viodevin un singar pe strade, invesit di dâur un franc ur davin un volantin. Al bastave alore al singar di lâ al indiriz dal centro...I volantin e an vût tant di chel sucès che in pôc timp i singars a son... sparîts de sitât!
A si disarès ch'a ur bastave passâ le frontiêre e son rivâts a Udin. A san ducj, al estero che in Italie o sin plui umans che in nissun luc. Dutcâs, al somee che, chiste batae psicologjiche a colps di volantins a sta par scomençâ e i furlans, a scuignaran decidi se esi plui gnôgnos o plui umans o tirâ fûr un'altri proverbi par fâur cuintri. Dutcâs, o cognossês di sigûr le vecje espression furlane: Lâ singarant, là vatu singarant, lant singarant... Si disarès che da nô i singars a son simpri stâts. Altris fotos sù chest sito furlan.
°°° *

A Vienna, gli zingari avevano invaso la città e succedeva spesso che nelle strade più frequentate della città, la gente che dava la carità alla classica mater dolorosa seduta per terra col bambino in grembo si faceva poi magari rubare la borsa o le mutande accorgendosene forse solo quando rientrata in casa notava che qualcuno era arrivato prima ed aveva portato via tutto...Insomma, sebbene la mia frase sia fatta per aumentare l'impatto, Vienna aveva gli stessi problemi che molte città europee ma sopratutto italiane.
Una società caritativa, patrocinata dal comune, decise di prender le cose in mano e aiutata da volontari stampó dei volantini che mise alla disposizione della popolazione in tutti i punti nevralgici della città e nei negozi. Fattostà che i viennesi che volevano far la carità, invece di dare i 50c, erano contenti di poter invece offrire un bel pasto caldo gratis alle spese del comune. Infatti ogni volantino dava diritto agli zingari di avere un pasto caldo. Bastava andare col volantino al centro d'accoglienza...I volantini ebbero talmente successo che in poco tempo, gli zingari sparirono e da quanto sembra, attraversarono la frontiera per venire da noi. Ma a Udine, invece i volantini hanno un'altro tono. Che questo proverbio sia un proverbio zigano non c'é l'ombra di un dubito altrimenti colui che li incolla si firmerebbe.
La battaglia dei volantini sta per incominciare. Chi la vincerà da noi?
Altre foto in questo blog furlan
PS: Vecchia espressione friulana :Lâ singarant = Andare in giro (Zingherando)

11 lug 2008

Lovori in corso

O vevi chê di fâ scierâ le strade ch'a và sù ta creta forada de Val Pesarina. Cjapâ sù palis, picons e cualchi bacon di dinamite e scomençâ a fâ il Borglum in feriis cun 400 operaris ma nuie da fâ,no viôt veramenti cui dai nestris politics al meretarès di sei imortalizât lassù a part forsit le Ciccioline ma cumó ch'a é stade cun Jeff Koons, il panel dai lavôrs in cors a no lu met da pé de strade, lu met in cjase. Cuissà ce ch'al vegnarà fûr?
Dutcâs o sparís par cualchi dí. Mandi mandi.
°°° *
Avrei voluto far chiudere la strada che porta sù alla Creta Forada della Val Pesarina. Prender sù pale, picconi e dinamite con 400 uomini ed incominciare a fare il
Borglum in ferie ma niente da fare. Francamente, non vedo chi dei nostri politici metterei lassù a parte forse la Cicciolina ma siccome é già stata con Jeff Kohn, preferisco piantare il pannello dei lavori in corso in casa. Chissà chi e cosa ne uscirà? Comunque sparisco per qualche giorno. Mandi

Mârilenghis / Madrelingue

Insome, il catalan a nol sarès âltri che une variazion dal occitan, il provenzâl che Dante al clamave lingua d'oc e ch'al si cjacarare ancjemó tal âlt Piemont. Wikipedia
°°° *
Insomma, il catalano non sarebbe altro che una variazione dell'occitano, il provenzale che Dante chiamava lingua d'oc e che si parla ancora nell'alto piemonte. Wikipedia

Muarte le mâri, muarte le lenghe?

Sfortunatamenti no vin vût nissun ré, nissun Napoleon, nissun Berluscon ch'al sedi stât avonde Prodi par imponi il stès furlan in dut il Friûl prime che le filologjiche a cjapi in man il nestri destin e a s'incjastri a Udin indulà che vuê i quatri spelâts ch'a furlànin un tininin a son ducj forescj e duncje lis publicazions a son dal 80 al 90%  par talian.
PS: Furlanâ = Cjacarâ furlan a bighe di cop.

Morta la madre, morta la lingua?
F
ortunatamente, (sic) non abbiamo avuto nessun ré, nessun Napoleone, nessun Berlusconi che sia stato abbastanza Prodi da imporre la stessa lingua in tutto il Friuli prima che la Filologica prenda in mano la nostra grafia incastrandosi a Udine dove oggi i quattro gatti che parlano friulano sono spesso stranieri e dove si usa i sussidi di  mezzo milione all'anno per parlare della lingua friulana in italiano.Infatti, abbiamo avuto fortuna, potrebbe esser succeduto anche peggio.

Marilenghis / Madrelingue

Enfre il cjargniel e il furlan andé ben une difarence ma nue di viodi cun le difarence ch'andere (Ce ben ch'al sune,andere, nomo?) enfre la lenghe d'oil e la lenghe doc ch'a erin lis lenghis cjacaradis in France cul latin prime che il ré al si decidi a adotâ le sô, ven a stâ chê ch'al cognosseve di plui e a imponi il françois par ducj i ats uficiâi e che dopo de rivoluzion al é deventât il francês.
° ° ° *
Tra il carnico ed il friulano c'é un po di differenza ma niente da vedere con quella che c'era tra la lingua d'oil e la lingua d'oc che erano le lingue più parlate in Francia con il latino prima che il rè imponga che tutti gli atti ufficiali siano fatti nella stessa lingua e cioé la sua, quella che conosceva meglio. Da allora la langue d'oïl divenne le françois e cioé la lingua del ré e dopo la rivoluzione divenne il francese.

10 lug 2008

Grafie furlane

A 'nd è, o 'nd ai, an'd an, o 'n vin, a 'nd âtu, a 'nd à
a 'n vevin, a 'n vêso...
D
uncje chiste maniêre di di scrivi a é le juste par dî che al in-d-é. O capís ch'al sedi deventât urgjent di podêlu scrivi cuant che ducj e vevin voe di dî ch'a no san stâ zence.Le nestre lenghe aé cressude di besole zence filologos par tancj ains ch'al bisugnarès, invesit di complicâsi le vite, gjoldisile miôr semplificant le grafie. Cuissà cemût che il D al é rivât drenti enfre il IN e la E po? Al sarà stât parcé che dî 'in é, in à, in an,ecc.' a nol si capive ben e alore cualchidun al a mitût drenti une D. Nuie cuintri, intindinsi, andé tantis rôbis ch'a si cjatin enfre altris rôbis...Ma vêso vidût? O ai semplificât e o ai scrit andé invesit di a 'nd é! Al é bielzà cualchi timp ch'o ai adotât chiste grafie par no ingropâmi i dêts e il cjâf cuant ch'o scrîf al computer. Sí, parcé che al si varès di pensâ di plui ae nestre evoluzion. Aromai, a no si scrîf plui a man che cuant ch'a si a di firmâ e lí, a tu puès scrivi cemût ch'al cji poe (Espression mê par dî :Ch'al cji plâs) Nissun filologo plui cristian che il romanin al vegnarà a dîcji ch'a tu âs sbaliât. Alore, fasin come i merecans e semplifichin invesit di fâ come i francês a complicâ par nuie. Ancje in Inghiltere oramai a disin come in Americhe "Gotta" et Wanna par dî Go to o Want to e dî OK al é deventât il stès sinonimo in dutis lis lenghis dal mont. Alore vino propit di fâ i wannabe e fâ crodi ch'o sin ce che no sin?No stin a fâsi ridi e zontin un lol (Laughing Out Loud) ch'o cjatarês sù Wikipedia ancje cun Lots of laughs o ben Laughing on line ma cui îsal ch'al s'in fâs? Aromai al é masse tart par fâ le version furlane Pdr par dî pissâ dal ridi. Lol e vonde:-)
O vin furtune di no vê le pompôse Academie francês ma o vin dome une filologjiche ch'a fâs ce ch'a puès seont i sussidis ch'a ricêf. Puare Filologjiche! A no rivarà mai adore a sei grande come le Academie ch'a rive simpri in ritart di vincj ains par adotât lis gnovis peraulis e le gnove grafie vignude fûr di spès enfre i zovins. Alore o vin di udâle nô prime di pierdi il fîl: Andé, e vonde:-)
°°° *

A 'nd è, o 'nd ai, an'd an, o 'n vin, a 'nd âtu, a 'nd à, a 'n vevin, a 'n vêso
Dunque, questa maniera di scrivere in friulano é quella giusta per dire che ce n'é, ce n'ho, ce n'hanno, ecc; capisco che sia stato urgente di trovare una grafia quando tutti avevano voglia di dire che non sapevano star senza. Pertanto, il friulano é cresciuto da solo, sensa filologi, per tanti anni che bisognerebbe, invece di complicarsi la vita, godersela semplificando la grafia.
Chissà mai come la D é stata intromessa tra in e E?
Sarà stato perché dicendo in é, in à, in an, ecc. non si capiva bene e allora qualcuno ha aggiunto una D. Un pó come i francesi hanno fatto con la T quando per esempio chiedono Te plait-t-il? (Ti piace?) parle-t-il, va-t-il parler? (Parla, parlera?) Se si digitano queste parole su internet si vede subito che sarebbe ora di rivedere la grafia perché nessuno lo scrive uguale agli altri.
Infatti, dovremmo pensare che con l'era dei computer, non si scrive più a mano ed il bisogno di andar presto é ancora più perentorio di prima allora perché scrivere tre parole quando si puó scriverne solo una? Da qualche tempo, ho dunque abbreviato le mie sofferenze e scrivo andé, andere, andan, ecc, (Ce n'é, ce n'erano, ce ne hanno, ecc).
Infatti, perché non semplificare come gli americani invece di complicare come i francesi?
Da quando De Gaulle si mise ad aprire i discorsi rivolgendosi alle platee con la sua maniera pomposa dicendo: Françaises, Français, je vous ai compris, é stato aggiunta un'espressione che nessun politico si sognerebbe ormai di scartare.Da allora, naturalmente, non si puó parlare di elettori senza dire elettrici, eletti senza elette e via di seguito. Al contrario, gli inglesi e gli americani ancora molto di più tendono sempre a semplificare. Tra le prime parole che s'imparano a scuola c'é la parola smog (fatta per dire smoke e fog) Poi, con le canzoni e internet s'imparano: wanna, gonna, gotcha per semplificare il want to o il going to? e i più recenti dunno, kinda, needa (Didn't know, kind of, need a) Senza dimenticare gli wannabe (Want to be) quelli che vorrebbero essere più di quanto sono.
Appunto, semplifichiamo con un lol (Laughing out loud, Lots of laughs, Laughing on line, chi più ne ha meno ne metta:-) Insomma: Andé e basta.

9 lug 2008

3 X 3



So vès di fâ in 3 dimensions dut chel ch'al mi passe pal cjâf o no varès vonde di 3 vitis.
Indovinait a ce ch'o pensavi fasint chiste robute:-)
°° *
Se dovessi fare in 3 dimensioni tutto quello che mi passa per la testa non avrei abbastanza di 3 vite. Indovinate a cosa pensavo facendo sta cosetta:-)

Agriturismo

Cualchi vôlte al sucêt che un ch'al sta in sitât al a voe di mandâ in mone i rumôrs citadins e il cîl fumât par lâ cualchi dí in campagne o al mâr o in mont. In Italie, al é come in Russie, a pene ch'a si viôt le pusibilitât di splumâ un turist a no si le mancje e finalmenti, ancje chei ch'a si contentaressin di mancul a son obleâts di stâ sù cui prêsits par no fâsi ridi o sabotâ.
Ma alc si cjate. Baste cirî. Esempli in te Badie di Rosaç
In Belgjo, a si puès cjatâ une cjamare cun le grande colaseon par 25€ in dí e a doi km dal mâr.Sa tu colis ben, a tu sês in te fatorie e le colaseon a é fate cui prodots de cjase. Vêso zà zerçâl il lat di vacje a pene monzût? Jó, zà cul fat di contâus di chest plasê a mi ven le bave.Naturalmenti, so sês di chei ch'a van ator cul frico in te sachete, us mancjarà il café talian Ma no îse une buine rôbe di rompi lis abitudins? Rompeitles!
°*°
Alle volte succede che si ha voglia di rompere il train train (sic) quotidiano e l'inquinamento della città per scappare cualche giorno alla campagna o al mare o ai monti. In Italia é come in Russia: Appena si scorge la possibilità di spiumare un turista, lo si fa e, finalmente, anche quelli che si accontenterebbero di meno, son obbligati di mantenere i prezzi più alti per non farsi trattare di sabottatori di mercato. Peró si trova. Basta cercare.Anche in Belgio si puó trovare delle camere da tre stelle con grande colazione per 25euro al giorno. Da non credere e se hai fortuna ti trovi in una fattoria dove la colazione é fatta coi prodotti della casa e a soli 2 km dal mare. Avete già provato a far colazione col latte appena munto? Nel solo parlarvi di questa possibilità mi viene l'acquolina.Naturalmente, se siete uno di quelli che vanno in viaggio con gli spaghetti in tasca vi mancherà il caffé all'italiana.Ma non é una buona cosa di rompere le abitudini? Rompetele!

8 lug 2008

Pensadis / Pensieri



So fós une âf o une furmie o sarès di chês ch'a s'in van simpri a cirî alcaltri par no stâ tes abitudinis. Cussí so cjatarès un bon ristorant a nol é dite ch'o no larès distès a cirint un'âltri.
No mi plâs rompi ma se dopo 10 minûts, no l'é vignût nissun, o mi alci e m'in voi. In chel di íar o no mi eri indacuart ch'o eri in tun ristorant speciâl indulà che i fumadôrs, dopo il past, a erin invidâts a bevi un café gratis in te sale dongje clamade 'Fumoir". Ma il plui biel o lu ai scuviert in tal locâl dongje clamât Dortoir indulà ch'a si puès lâ a fâ une russade brêf o brave par smaltî il vin o le sgnape prime di ricjapâ le strade o le autostrade. O pensavi ch'a sarès une buine idee tant ch'o cjalavi il gno vissin indurmidît di front di me.
° * °
Se fossi un'ape o una formica sarei una di quelle che partono sempre in esplorazione perché le abitudini mi annoiano. Cosí anche se trovo un buon ristorante, andró sempre a cercarne un'altro. Non sono molto rompiscatole ma se dopo dieci minuti di attesa, nessuno s'é mosso, mi alzo e me ne vado. In quello di ieri, non m'ero accorto che ero entrato in un ristorante speciale dove, dopo il pasto, i fumatori sono invitati a prendere un'altro caffé gratis nel locale chiamato fumoir e cosí non si fanno rompere le scatole da quelli che mangiano mentre loro fumano ma il più bello, é il locale per smaltire la sbronza o per farsi un pisolino chiamato Dortoir.Pratico per quelli che amano farsi un riposino dopo un buon pasto ben innaffiato di rosso o di bianco.Sono andato a vedere: Uno sdraio in una cellula individuale dove ognuno puó andarsi a fare le sue russate brevi o brave prima di riprendere la strada o l'autostrada. Pensavo cosí mentre guardavo il mio vicino addormentato al tavolo accanto. Sarebbe una buona idea.

7 lug 2008

Sonetto del buco promesso

Il quadro si trova al primo piano del museo D'Orsay a Parigi
Albert Mérat era un poeta e scrittore conosciuto per le sue conquiste femminili e forse, la sua fama era stata fabbricata come si suole ancor fare oggi a Hollywood per non far sapere la verità. Comunque, nella primavera del 1872 s'era un po lasciato andare nel criticar Verlaine e Rimbaud che non si nascondevano di mostrar le loro tendenze gay. Il fatto é che anche Mérat era gay ma non voleva farlo sapere ed aveva appena scritto un libricino intitolato Idolo e dove tutte le bellezze d'una dama erano cantate in sonetti come : Sonetto della fronte, sonetto degli occhi, sonetto del sedere e... . E cosí i due decisero di scrivere una parodia di un sonetto da aggiungere all'Idolo con la firma di Mérat. Come se l'avesse fatto lui. Per quelli che non lo sanno, in francese l'espressione Trou du cul (Pronuncia trù dü cü) si usa anche per insultar qualcuno. Un pó come noi diremmo testa di cazzo:-) Altra info: L'oeillet sarebbe il nostro garofano ma a quell'epoca era anche il sinonimo di ano.
Per la storia c'é anche un'aneddoto. Il pittore Fantin Latour che frequentava gli stessi posti, fece un quadro dove Albert Mérat doveva sedersi a destra del tavolo ma Meràt non si fece più vedere perché non voleva trovarsi con Verlaine e Rimbeaud che si riconoscono insieme sulla destra. Allora Latour decise di mettere un vaso di fiori al posto di Mérat (Che per fortuna non sono dei garofani:-)
Lo stesso anno Renoir dipingeva Vue de Bougival e Claude Monet faceva i Lilas au soleil due volte.
La prima parte é di Verlaine, la seconda parte é di Rimbaud (2x3)



Le sonnet du trou du cul
Obscur et froncé comme un œillet violet


Il respire, humblement tapi parmi la mousse


Humide encor d’amour qui suit la fuite douce


Des Fesses blanches jusqu’au cœur de son ourlet.


Des filaments pareils à des larmes de lait


Ont pleuré, sous l'autant cruel qui les repousse,


À travers de petits caillots de marne rousse


Pour s’aller perdre où la pente les appelait.


Mon Rêve s’aboucha souvent à sa ventouse ;


Mon âme, du coït matériel jalouse,


En fit son larmier fauve et son nid de sanglots.


C’est l’olive pâmée, et la flûte caline ;


C’est le tube où descend la céleste praline :


Chanaan féminin dans les moiteurs enclos !


Il sonetto del buco del culo
Scuro ed arricciato come un garofano viola
Respira umilmente nascosto tra la schiuma
Umida ancor damor che segue la dolce fuga
Delle chiappe bianche fino al cuore del suo orlo

Dei filamenti come le lacrime di latte
Hanno pianto sotto l' alquanto crudel che lo respinge
Attraverso i piccoli grumi di marna rossiccia
Per andarsi a perder dove la discesa li chiamava

Il mio sogno s'abboccó sovente alla sua ventosa
La mia anima del coito material gelosa
Ne fece il suo lacrimatoio fulveo e il suo nido da singhiozzi

E l'oliva in deliquio ed il coccolato flauto
E il tubo dove scende la celeste pralina
Cana femminile dall'umidezza recinto


Altro post su Verlaine e Rimbaud

Verlaine e Rimbaud

Versione in italiano in fondo pagina
O varès chê di tradusi in furlan il Verlaine dai Hombres
Par dâ une sdarnade ai lechecûi e ai leche tout court.
Masse gjespui a son stâts fats pes traduzions dai prêdis
Rivadis in ritart di doi mil agns e ch'a si pree in Friûl
Di pôre di no savê preâ plui di nissun.
Ma o colarès in tun casin plen di bigots
Ancjemó lí a crodi chê di cent agns prime di lui
Quant ch'o sin bielzà plui di cent dopo di nô
In tune glêsie plene di blestemadôrs
Alore, come che l'inglês dai mac Donalds al é dut ce ch'o savês
E che il furlan us stente a saltâ fûr dal cûl
Us doi dome une cerce e m'in stoi tal gno francês
E vualtris o stais indulà ch'o sês:-)

Le bon disciple
Je suis élu, je suis damné !
Un grand souffle inconnu m'entoure.
Ô terreur ! Parce, Domine !
Quel Ange dur ainsi me bourre
Entre les épaules tandis
Que je m'envole aux Paradis ?
Fièvre adorablement maligne,
Bon délire, benoit effroi !
Je suis martyr et je suis roi,
Faucon je plane et je meurs cygne !
Toi le Jaloux qui m'as fait signe,
Oui me voici, voici tout moi !
Vers toi je rampe encore indigne !
- Monte sur mes reins, et trépigne !

Il bon Dissepul
O soi elet, o soi danât
Un grant respîr scognossût al mi circonde
O terôr! Parce, Domine!
Ce agnul dûr cussí mi menial
Enfre lis spâlis tant che
Tant che jó m'in svuâli tai paradîs?
Fiêre adorabilmenti maligne
Bon deliri, pôre benevole
O soi martar e o soi ré
Falco o svuali e o mûr cign
Tu , il gjelôs tu mi âs fat segno
E vemi achi, vemi dut me
Viars di te o mi rimpini indén
Monte sù di mé e spacjentiti

Il buon discepolo
Sono l'eletto, sono il dannato
Un grande alito sconosciuto mi circonda
O terôr, Parce, Domine!
Quale angelo cosí m'imbottisce?
Tra le spalle mentre
Mentre ch'io m'involo nei paradisi?
Febbre adorabilmente maligna
Buon delirio, paura untuosa
Sono martire e sono ré
Falco che plana e muore cigno
Tu il geloso mi hai fatto segno
Ed eccomi qua, eccomi tutto io
Verso te mi arrampico indegno
Monta su di mé e spazientati

All'hotel dove Verlaine abitava con Rimbaud prima che baruffandosi con lui lo colpisca di striscio con un colpo di rivoltella, la polizia trovó questa poesia manoscritta ed é per questo che per lungo tempo non fu mai pubblicata. Perché costituiva una prova contro Verlaine.
Il procuratore del ré ordinó a un medico legista di esaminare Verlaine ed ecco il rapporto
1) Il pene é corto e poco voluminoso. La ghianda é piccola e và stringendosi verso la punta a partire dalla corona. Questa ha poco rilievo ed é poco voluminosa.
2) L'anus si lascia dilatare facilmente con un movimento moderato delle chiappe a una profondità di circa un pollice. Questo movimento mette in evidenza un infundibulum svasato, una specie di cono troncato di cui la cima sarebbe in profondità.
Le pieghe dello splinter non sono lese e non portano tracce di lesioni e la contrattibilità resta più o meno normale.
Il risultato di questo esame é che Verlaine Paul, porta su di sé le tracce di abitudini omosessuali attive e passive. L'una e l'altra di queste non sono molto apparenti da far pensare che il soggetto abbia delle abitudini inveterate e anziane ma solo per pratiche più o meno recenti.
Bruxelles, 16 luglio 1873 (Circa l'anno delle indemoniate di Verzegnis:-)

Ps: Secondo le teorie di Tardieu, l'infundibulum era il sintomo che i legisti dovevano trovare per provare che il soggetto era un omosessuale oppure che aveva subito dei danni con dei clienti involontari. Sto discorso ci fa pensare a quanto, in quei tempi, l'omosessualità era difficile da vivere in pubblico benché Verlaine e Rimbaud abbiano tentato di farlo.
Verlaine fu condannato a 17 mesi di prigione mentre Rimbaud se ne ritornó a Charleville con sua mamma che era venuto a prenderlo. Qualche anno dopo, lungo una strada che và in Germania, i due erano ancora insieme ma dopo una ennesima bisticciata, Rimbaud riempí Verlaine di botte e da quel giorno non si videro più.
Pasolini che venne ucciso e disprezzato anche lui per questo, arrivó praticamente cento anni dopo ma in Italia, Rimbaud e Verlaine erano ancora tabù.
Ed oggi?
Le gay pride annuali sono appena finite e c'é già chi prode e fiero di aver fatto il pagliaccio su un carro colorato si soddisfa di questa libertà ma sappiamo che la battaglia non é ancora finita.
Infatti, di sicuro che se aggiungessi il Sonetto del buco del culo scritto insieme da Verlaine e Rimbaud vi farei scappare.
Finiamo allora con un racconto gaio e che denota comunque che i tempi sono cambiati. Una coppia di gay desiderava con tutto il cuore aver un bambino e decisero di chiedere a una loro amica se accettava di far loro un bambino. L'amica accettó ma chi dei due sarebbe stato il donatore? I due decisero di misciare il loro sperma e cosí tutti e due potevano rivendicare la paternità. Nove mesi dopo andarono a trovar la mamma alla maternità. Il bebé non si trovava con lei perché era un prematuro e andarono nel reparto dei prematuri. Là, mentre cercavano l'infermiera, notarono che tutti i bambini piangevano mentre ce n'era solo uno che sembrava sorridere. -E il vostro. Disse l'infermiera quando arrivó. - E come mai lui sorride e gli altri piangono? Chiesero.
-Gli ho messo il ciuccio nel sederino! :-)

Altro post sù Verlaine

3 lug 2008

Il fâs besôl / Il fai da te/ Do it yourself /Faites-le vous-mêmes


O sin in plen in te ere dal fâs di besôl. Il lavôr fat a man al coste cussí cjar che oramai al é sinonimo di lavôr fat in nêri o in zâl in cuissà cuâl Afriche o Cine.
Cussíché, sa tu compris un pâr di scarpis cun le scrite "Cusidis a man" a tu lis pâis il triplo e come di spès a son oramai fatis in Albanie o cuissà indulà, a tu varâs bisugne une dí o chê âltre di fâlis ricusî e come che cjaliârs a no s'in cjatin scuâsi plui al cji costarà come un pâr di scarpis gnovis. Alore a tu cji dîs che le prossime vôlte a tu lu fasarâs di besôl o ben a tu lis butarâs vie.
Ah si?
- Ma, al mi dîs Salvatore l'unic cjaliâr ch'o ai cjatât, ancje jó, o fâs dut a man satu, e ...No dome cuant che la mê femine no é in cjase! Sul so esempli dal fâ da sé al mi a fat paiâ soridint e i ai dite ch'al varès di metisi a vendi i soi prodots in sachets antispreco cun le scrite à la Baudelaire: Sbore studade ma vive. E le zonte: Spremude a man.
Su chest al mi a rispuindût ch'alore o no cjatarès plui nissun par comedâ lis scarpis.
- Po ben, o buti vie bielzà i cjalcins, o butarai vie ancje lis scarpis...O ben lis doi al cjan. Par une vôlte al podarà muardi tant ch'al ûl.


* * *Foto con Paul Wolfoviz


L'era del fai da te
Il lavoro fatto a mano sta quasi diventando sinonimo di lavoro fatto in nero o in giallo in chissà quale Africa o Cina. Pero se comperi un paio di scarpe e c'é scritto "Cucite a mano" le paghi il triplo ed avrai bisogno presto o tardi, di un calzolaio per ricucirle.. Siccome é un mestiere in via di sparizione, la riparazione ti costerà quanto un paio di scarpe nuove e ti prometti che la prossima volta te le riparerai da solo o le butterai via.
Davvero?
-Ma, mi dice Salvatore, l'unico calzolaio rimasto, il lavoro fatto a mano costa sempre più caro sai e... Non solo quando mia moglie non c'é. Il suo esempio del far da sé, mi ha fatto pagare col sorriso dicendogli che potrebbe metter sù un commercio per vendere i suoi prodotti in bustine anti spreco con la scritta alla Baudelaire: Sperma spento ma vivo. Spremuto a mano.
Sù ció m'ha risposto che non treverei allora più nessuno per ripararmi le scarpe.
Bé, butto già via i calzini, butteró via anche le scarpe...Almeno che le dia al cane, per una volta potrà mordere quanto vuole.

2 lug 2008

In viso veritas


*Psssst: Nue par furlan vuê.No ai timp e po ai vidût ch'a pene ch'o cjacari di art o scjampais vie come so vès la peste, alore...:-)


Si parte qualche volta sù un'idea con argomenti strani.Volevo farmi un supporto per la tastiera a partire da un elemento umano ed ho scielto un viso. Poi volevo animare il viso e l'idea di mettere dei monitor al posto delle lenti negli occhiali mi seduceva moltissimo ma trovare un programmista per tradurre i segnali Midi della tastiera in segnali ottici artistici non l'ho ancora trovato.La complicazione non é poca. Un suono dovrebbe aver un colore. La durata di una nota dovrebbe dare un valore supplementare sia in forma che in colore. Il tipo di accordo come la sua durata dovrebbe dare una dominante alle immagini che si susseguono interpenetrandosi. Poi il ritmo dovrebbe imporre il movimento tra le forme e per finire, ogni artista dovrebbe avere la possibilità di aggiungere la final touch con un click o con un clac per personalizzare la sua opera fatta di suoni ed immagini che secondo il suo umore possono cambiare da un concerto all'altro. Sarebbe un giocattolo interessante che interesserebbe milioni di musicisti nel mondo.
Forse quando saró in pensione lo faró da solo. Cioé mai. Nel frattempo dopo aver fatto il preventivo mi son reso conto che mi sarebbe costato troppo tempo e denaro. Allora mi son messo a disegnare pensando a cos'altro potesse servire quest'idea.Cavolo, mi son reso conto che poteva servire a un sacco di altre cose e per esempio: A 80cm, come scrivania originalissima. A 90cm, come banco per negozi, a 120cm come angolo bar. Poi tagliando il di dietro ne ho fatto una panchina e scavando nella parte superiore ho fatto un bacino per fare fontane oppure delle grandi fioriere. Da pittore, ho preso i pennelli per marmorizzare o aggiungere l'impiallaccio di mogano e teck e non só quando finiró di tornare ad incominciare ma per ora finisco qua.
Psssst: Nue par furlan vuê.No ai timp e po ai vidût ch'a pene ch'o cjacari di art o scjampais vie come so vès la peste, alore...:-)