I miei Video clips furlans

Loading...

29 ago 2008

Poesie furlane / Poesia friulana



El WE no ai telefonos e altris rompibalis ch'a mi interompin il lavôr alore us lassi cun tune poesie fate in musiche e imagjinis dal Friûl e dai furlans e o mi ritiri. Mandi
°°° *
Il WE non ho il telefono che suona e nessuno mi viene a disturbare. Eccellente per lavorare in pace. Vi lascio con una poesia messa in musica e alternata da immagini di friulani e del Friuli. Mandi
Torna sù 
Concorso annuale di poesia
Altra pagina correlata
Pagina di Natale
Altra poesie di Nadâl in furlan

Gnovis e vecjis / Nuove e vecchie

 La maison du cygne a Bruxelles Frache su le foto par ingrandî



Savêso ce ch'al ûl dî: Fâ il Toni in tonie?, O fâ como un Toni in tonie?
Al volarès dî: Mostrâ ch'a si é plui cristians che il pape..Plui comunist che Bertinot, plui talian che Berluscon, insome: Plui Toni Beline che il Beline lui stès. Ma ancje tirâ fûr il Beline a ogni ocasion come par mostrâ che plui furlans di cussí a no si puès o tirâ fûr il furlanist come par mostrâ ch'a si é plui furlans di lui como ch'o soi daûr a fâ jó in chest moment par tirâ indenat chest blog:-) O le met subite tal glossari dal furlanâr. Cuissà che une dí a no siervissi a cualchidun?
Clicca la foto per ingrandire

Sapete cosa vuol dire: Fare il Tonio in tonaca?, Fare come un Tonio in tonaca?
E un'espressione che ho appena inventato leggendo i blog del giorno nella colonna di destra.
Vuol dire: Mostrare che si é più cristiani che il papa, più comunisti che Bertinotti, più italiano che Berlusconi, insomma più Bellina che Antonio Bellina lui stesso,ed anche tirarlo fuori ad ogni occasione come per mostrare che più friulani di cosí non si puó o tirar fuori il Furlanista per far vedere che si é più friulani di lui come faccio io in questo momento per portar avanti questo blog:-).
Questa invece non é mia:"Les absents ont toujours tort" gli assenti hanno sempre torto ma l'aggiungo. Puó sempre servire a qualcuno.
Storiute corelade?
Lenin par fâ propagande, al si ere fat fotografâ ch'al puartave un tronc d'arbul cun tun operari. In te foto a si viodeve benissim Lenin ma invesit chel âltri, un operari, al veve le mûse zirade. Muart Lenin, plui di mil di lôr e fintramai un ch'al stave in Siberie, e an pretindût, par vê cualchi privilegjo, di sei chel operari fotografât cun Lenin. Il plui fuart di ducj, al é stât un georgian che a pene rivât al podê, al a scomençât a balinâ ducj chei ch'a volevin essi plui comuniscj che lui., plui rùs di lui, plui leninist che 'l stès Lenin e forsit plui marxist che Karl Marx che come ducj a san, al à scrit lis sôs marxadis a Bruxelles a la Maison du Cygne indulà che jar sere o ai scrit chiste jaiade sul georgiàn: Stalin
°°° *
Storietta correlata?
Lenin, per la sua propaganda si era fatto fotografare con un tronco d'albero sulle spalle che portava insieme ad un operaio sconosciuto. Infatti si vedeva benissimo il viso di Lenin ma non quello dell'operaio che per caso girava la testa al fotografo. Morto Lenin, più di mille di loro e perfino uno che abitava in Siberia, pretesero di essere quell'operaio nella speranza di ottenere qualche privilegio. Il più forte di tutti é stato un georgiano che, preso il posto di Lenin, si mise ad eliminare tutti quelli che pretendevano di essere più comunisti di lui e cioé più russo dei russi, più leninista che Lenin stesso e forse anche più marxista che Marx che tutti sanno, scrisse le sue marxate a Bruxelles nella Maison du cygne da dove ho scritto questa jaiata ieri sera sul georgiano Stalin:-)

28 ago 2008

Museo d'Orsay

L'indoman jó e la mê biele o si sin salvâts lant al museo d'Orsay e lassant chei âltris furlans as lôr vois.A nol é dome un biel museo conviviâl ch'al si puès fâ in 4 oris tal câs ch'a si é di presse e in tune zornade tal câs ch'al plovi di fûr e ch'a no si à nujâltri da fâ. Ma ce ch'a nus a salvâts al é il ristorant ch'o vin cjatât tal secont plan. Vidût il lusso, ducj i turiscj e an pôre di entrâ e a scjampin vie a fâ le file in te cafetarie di sot.Ma e an ducj tuart parcé che lí si gjolt. Il sufit piturât come in tune glêsie dal 18sim e i aurs des curnîs a no podevin che ispirâ il côgo di une biele maniêre i camarîrs di un biel stîl e nô o vin ordenât un pès involuçât cul coriandri in tune cjamêse di croste fine fine acompagnât di carotis doradis in pagjele e pignûi cun tune salse di azêt balsamic. Une delizie! O ai fintramai domandât a Monsieur Laurent, il garçon, di fâmi fâ le foto de so cravate incjastrade in tune sachetute dal grimâl par ch'a no si pierdi tai plats dai clients. Alé, so lais a Parigji, o scuignîs lâ a mangjâ aí parcé che ancje cui 8 euros di entrade dal museu us costarà dome 30 a cuarante euros. Chei âltri furlans ch'a erin cun me, o no sai ce che an fat in chê dí. A mi vevin contât che prime ch'o rivàs a vevin stât a mangjâ un panin tal lungosenna e ch'al ere ecezionâl. So sês di chei che un nuje al devente ecezionâl dome parcé ch'a é a Parigji lait a fâ come i clochards ch'al é un plasê ancje chel, senó o no vês nuje da pierdi so cirîs di vê alc di plui.


Ingrandisci con un clic
Se siete di Udine, i pochi musei li avrete fatti con la scuola e da allora non ci siete più tornati. A Parigi con tutte le razzie fatte da Napoleone e con quello che c'é stato dopo, si trova sempre un museo che non si ha ancora fatto. L'ultimo é il Museo d'Orsay. Passate il ponte della Concorde e prendete a sinistra lungo la Senna. Basta seguire le giapponesine. Vanno tutte là. Tra la fila e i primi passi all'interno, ecco mezzogiorno che vi suona nello stomaco. Non uscite, non andate alla cafeteria, ma al ristorante.
Il museo si fa in tre 4 ore se si ha male ai piedi ma anche in una giornata piovosa se non si hà niente da fare. Personalmente, ero là all'apertura. Ho fatto la fila solo per tre minuti ed ho diviso la visita in due offrendomi un buon pasto nel ristorante r del museo che impaurisce tutti per la sua eleganza ma che in fondo é molto meglio che far la fila nella cafeteria al piano sotto. Prima di tutto perché non é caro come si crede e poi c'é sempre posto perché é molto grande.
Infatti, quà non é come al Louvre che tutto quello che puoi trovare sono pasti riscaldati al micro onde o fast foods americani. Qua tutto é distinto e fatto con gusto.perfino la cravatta del cameriere che entra nella apposita tasca del grembiule per non finire in un piatto(Vedi foto) Il menù non é molto ricco, solo qualche piatto, ma veramente fatto da un buon chef e con prezzo moderatissimo sui 35€ con un bicchiere di vino scielto à la carte. Sarebbe un vero peccato portarvi dietro i panini accartocciati anche se le panchine e i posti a sedere per riposarsi non mancano in questo bel museo.Daltronde, se cercate un ristorante attorno al museo non ne troverete perché non é un quartiere commerciante e poi, con tutte le file che si deve fare dappertutto quando si fà il turista a Parigi, consiglierei di andare a pranzo al ristorante Eliance Orsay del museo d'Orsay.

Il museo D'orsay
M
useo molto piacevole da visitare. E fatto in una stazione che ha servito solo 60 anni. Poi era stata chiusa per altri 60 anni ed era destinata ad essere distrutta ma é stato trasformato molto bene da Aulenti grazie ad un ministro francese chiaroveggente che venti anni fà decise di farne un museo. In più delle pitture e sculture che m'aspettavo ho scoperto un'angolo pieno di magnifici mobili ed oggetti in modern style (Liberty) e ne sono rimasto entusiasta. Le batterie della macchina fotografica erano purtroppo scariche e non ho potuto trarne qualche ricordo ma siccome mi son promesso di ritornarci spesso non mancheró l'occasione la prossima volta.Entrata del museo: 8€. Se si pensa che un giro in vaporetto sulla Senna costa 12euro e non c'é praticamente niente da vedere in più di quanto si veda andando a piedi sul lungosenna é veramente un affare.

26 ago 2008

Gnots parigjinis / Notti parigine

I parigjins plui scalmanâts a lavin a finî le gnot al boulevard Montparnasse parcé che li i locâi e restavin vierts dute le gnot. Infat, a miegegnot, sabide, a si ere lí a fâ le file ancje nô e a si varès vût di spietâ 45 minûts par vê une taule par vot. Alore, come Joséphine Baker, Gardel, Simone de Beauvoir, Jean-Paul Sartre..Kessel ,Hemingway, Jacques Prevert e ducj chei âltris prime di nô o sin lâts a fâ une pissade par podê fâ il vueit prime di fâ il plen. Daspó jó o ai traviersât il boulevard e o soi lât al Select che lí al ere plen di vueits. Alore ducj a son vignûts cun me e o vin ordenât subite. Jó un sfuei, chei âltris une sope di civolis, o un spiedin o une insalate. A part chei de insalate o crôt che ducj a erin delûs.No sai indulà che cualchidun al veve sintût cjacarâ tant ben de sope di civolis, e no sai ce ch'al crodeve ch'a fós se no âti che une scugjele di âghe cjâlde spesse di pan vecjo e cualchi fruçon di formadi gratât.Ce schifo. Chei dal spiedin e an scuignût lassâ il rîsi ch'al someave a une polpete bielzà mastiade da cualchidun âltri e colorade cul curry. Insome o vin dite al camarîr ch'al ere impussibil di mangjâ e lui nus a lassât le plui biel bale sul rîsi ch'o vedi mai sintût disint che il cogo al veve pensât di dâ l'aspiet de polente parcé ch'a si ere talians. Il paron di cjase, lí al someave jessi Mickey, un gjat di 13 agns e forsit 13 chilos, che ducj cuant ch'a i passin devant a i fasin l'inchin..Jó mi soi salvât bevint un tai di plui ma le mê vissine l'indoman a veve la scagaratta abruzês cul so spiedin. Chei âltris no sai ma a erin cussí contents di vê stât a meti il cûl lí che le âlte societât parigjine a met il so da prime de vuere che forsit a no an olsât dîmal. (Continua)


. Ho seguito la compagnia friulana con la quale mi trovavo perché due di loro volevano provare la zuppa di cipolle boulevard Montparnasse che da dopo la prima guerra attrae i nottambuli perché i locali sono aperti anche di notte. Infatti, sabato verso mezzanotte facevamo la fila anche noi per avere un tavolo alla Coupole. Allora, come Joséphine Baker, Gardel, Simone de Beauvoir, Jean-Paul Sartre..Kessel ,Hemingway, Jacques Prevert e altri prima di noi iamo andati nelle stesse latrine per vuotare il serbatoio per poi poterlo riempire ma bisognava aspettare 45 min. per aver un tavolo per otto persone e a mezzanotte, non é la cosa che mi và meglio da fare. Allora sono andato fuori ed ho attraversato la strada per andare al Select che non ha la sala da ballo al sottosuolo e che per mangiare é molto più triste. Raggiunto poi da tutti gli altri abbiamo ordinato chi uno spiedino con riso, chi una sogliola come me, chi la famosa soupe à l'oignon, chi una sola insalatona. A parte l'insalata, credo che tutti siano rimasti delusi. La zuppa é infatti no é altro che una panata di acqua calda e vecchio pane che si scopre sotto lo strato di formaggio gratuggiato. La sogliola era ben dorata in superfice ma sanguinolenta all'interno col gusto di patate lesse. Lo spiedino sembrava mangiabile ma tutti hanno lasciato il riso perché era una schifezza colorata con curry che sembrava a una polpetta già masticata da qualcun'altro. Forse i resti degli altri clienti? L'insalata sembrava normale ed il Sancerre é riuscito a disinfettarmi lo stomaco per non aver la scagaratta abruzzese il giorno dopo come la mia vicina. Di sicuro, con gli americani di passaggio, al select sono usati a servire qualsiasi cosa sapendo che il loro gusto é limitato alle bevande alcolizzate. Il padron di casa sembra essere Mickey, un gatto di 13 anni e forse 13 chili davanti al quale tutti vanno a far l'inchino.Tutti i camerieri sono gentili e servizievoli ma il nostro raccontava palle (di riso giallo) dicendoci che il cuoco aveva pensato di dare la consistenza e l'apparenza della polenta dopo che gli abbiamo detto che non era mangiabile. Bella cosa, abbiamo fatto. Solo per poter dire che abbiamo messo il culo nello stesso posto che milioni di culi illustri senza gusti. (Continua)

I tutu i turisti di Parigi

Parigi é sempre Parigi e anche se ci vado spesso, ci vado solo per una giornata o due ma é il luogo ideale per fare il pieno di emozioni perché in una grande città succede sempre qualche cosa in più che in una piccola. Questa volta, invece di andare al teatro da solo sono andato a fare un noioso giro in barca in compagnia di 6 friulani di passaggio ma che detto alla francese fà molto più snob e diventa tour en bateau mouche. Per forza che dovevo guardare in giro e non ho trovato meglio che queste foto per passare il tempo.
°°° *
- Parigji al é simpri Paris e ancje so voi di spès o no resti di plui che une zornade o dôs ma al é simpri un luc ideâl par fâ il plen di emozions parcé che in tune grande sitât al sucêt simpri alc di plui che in tune piçule. Chiste vôlte, par stâ in compagnie, o ai scuignût lâ a fâ un noiôs gîr in barcjon ma che dite a la francês " tour en bateau mouche" al fàs un grum plui snob e plui interessant. Alore o ai cjalât ator e o ai fat cualchi foto par passâ il timp.

25 ago 2008

Tondo e le glêsie furlane/ Renzo Tondo e la chiesa

Ingrandisci con un clic
Da publicâ sù La Vita cattolica.
O vin vût, par furtune cualchi prêdi furlanofono e inteligjent che an fat alc tal lôr timp libar e al sà ben Diu trop timp libar ch'a àn i plevans dopo le messe ch'a tirin in tun cuart d'ore cuant ch'a son di presse o in dôs oris cuant ch'a Pasche il vescul al ven par fâ il so dominepatris.
O spieti alore cumó un plevan che enfre lis messis e i gjespui fats cun la pop music par tirâ i zovins al nus fasi un dizionari etimologjic o un dizionari des espressions furlanis par onorâ i vecjos. Dizionaris di lenghe o in vin avonde ch'a si cavilin tra di lôr e lis bibiis e i testaments a son talmenti noiôs ch'e di sigûr ancje un pape al si indurmidís parsôre ancjemó prime di vê finît 'ne pagjine.
Daspó, o ai simpri pensât che i prêdis e an masse studiât par fâ dome messis e ch'a puedaressin fâ alc di miôr pe societât e le nestre culture che benedî chest e maledî chest'âltri.
Vêso zà vidût il Pirona? Chel si ve ch'al é un biel dizionari!
Nus volarès un'âltri Pirona o Sedona, o Scurtissona par tirâ fûr alc di util invesit des solitis litaniis par fâ plasê a un pape o un vescul o a un redatôr intoneât.
O sai, lis vocazions a si fasin simpri plui raris ma so ai zà vidût un biel plevan nêri in tun paisut vallon a mi no mi displasarès se il prossim Beline al fos magari un plevan african o cinês. I ûltins vecjos a son daûr a lâ e a varessin un grum da contâ se dome al fós cualchidun par scoltâ e cui miôr di un plevan podaressial tirâ profit di chiste ocasion?.Duncje, sa no si lu fâs subite a no si lu fâs plui. Tondo par no zirâ in rondo al varès di fâ une circolâr da mandâ a ducj i plevans par fâiu pensâ sù a chiste pusibilitât zence che il vescul al si sinti ofindût parcé ch'a nol à pensât prime a fâle lui. O ben, par vê l'anime in pâs o sarin obleâts da fâ il solit sciopero par obleâ le glêsie furlane a fâ alcaltri pal popul o preâ par che, so lais tal infier no sedis obleâts a fâlu vuâltris chel dizionari parcé ch'o no lu vês fat da vîf:-)
Dutcâs, jó o ai fintramai mitût 'ne tonie par diussal.
Don Jaio



Abbiamo avuto, per fortuna, qualche prete intelligente "furlanofono" che hanno fatto cualche cosa di buono nel loro tempo libero e Dio sà quanto tempo libero loro possono avere quando una messa te la fanno in un quarto d'ora se sono in ritardo o in due ore a pasqua se c'é il vescovo che viene a dire un dominepatris.
Aspetto allora un parroco che fra le sue messe e i suoi vesperi ci faccia un dizionario etimologico e un dizionario delle espressioni friulane nonché un dizionario botanico illustrato e ... Ma chiedo forse troppo?
Dei dizionari e vocabolari friulani ne abbiamo comunque già abbastanza che si baruffano tra di loro e le bibbie e testamenti sono talmente noiosi che di sicuro anche un papa si addormenterebbe prima di aver finito la prima pagina.
Poi, ho sempre pensato che i preti hanno studiato troppo per passar la loro vita a far solo messe e potrebbero far qualcosa in più per la società che a dar benedizioni agli uni e maledizioni agli altri. Avete già visto il Pirona? Quello sí ché é un dizionario!
Insomma, ci vorrebbe un'altro Pirona* o Sedona o magari anche un Scurtissona per tirar fuori qualcosa di utile per i friulani bisognosi ed avidi di friulanità invece delle solite litanie per far piacere a un vescovo o a un papa o semplicemente al redattore in tonaca di servizio.
Lo so, le vocazioni si fanno sempre più rare ma se già ho visto un bel parrochetto africano in un villaggio vallone, non mi dispiacerebbe che il prossimo Bellina sia un congolese o un cantonese.
Gli ultimi vecchi se ne stanno andando ed avrebbero un mucchio da raccontare se soltanto ci fosse qualcuno per ascoltare e, chi meglio di un prete potrebbe tirarne profitto semplicemente ascoltandoli con attenzione? Anzi,Tondo dovrebbe fare una circolare da mandare a tutti i curati incuranti per chieder loro di pensarci sù senza che il vescovo si senta offeso se non ci ha pensato prima. altrimenti dovremo fare lo solito sciopero per aver l'anima in pace oppure pregare perché se andate all'inferno non siate obbligati di scriver voi quei dizionari che non avete fatto durante la vita. In ogni caso ho messo la tonaca per dirvelo.
Don Jaio

* Piron, sedon e curtis in friulano sono : La forchetta, il cucciaio e il coltello

Torna sù

22 ago 2008

El vin d'Avignon / Il vino di Avignone

El Ca dal Vescul a Avignon
Cun cent agns di papes francês enfre Benedets, Zuants e Urbans di ogni sorte, a Avignon, al scuignive restâ alc in plui dal ciscjiel papâl: Il vin.
El Chateauneuf du pape al é 'l vin che gno fradi al mi fâs bevi cuant ch'o voi da lui a Roquemore parcé che da piçul o lu obleavi a siarvî le messe ch'o celebravi jó stès da prêdi, da vescul da cardinâl. Oramai cun le so mentalitât di francês, o no puès lâ jù che cun cualchi butilie di bire par fâi un plasê parcé che lajù a nondàn*. Ma chiste vôlte o voi jù cun dôs butilis di vin. Une aé chiste Cà dal Vescul di Aquilee ch'a varès di sei santificade e chê âltre a é chiste butilie kitch di vin rùs dute dorade fat a pueste pes messis dai prêdis ortodos di dutis-lis-russiis-mancul-une daspó che le Gjeorgje a si é tirade indaûr le setemane passade par vie di che Rice che ancje zence effe a reste simpri un bacon di frice(E op:-)
Al sarès da ridi ch'al cjiati il vin rùs plen di sucar plui bon che il so Ciscjel dal cazzo plen di garp so stoi atent a no mostrai le butilie. Daspó par consolâlu o tirarai fûr chê dal Vescuf di Aquilee che cussí al impare a tirâmi a siment.
Il Ca del Vescovo a Avignone
Con cento anni di papi francesi tra Benedetti, Giovanni e Urbani di ogni specie , ad Avignon, doveva rimanerci qualcosa in più del palazzo dei papi: Il vino.
Il Chateauneuf du pape é il vino che mio fratello mi serve quando vado a trovarlo a Roquemore perché da piccolo lo obbligavo a servir la messa che celebravo io stesso da prete, vescovo o cardinale. Ormai francese di mente, non lo posso far smentire che con qualche bottiglia di birra belga che là al sole é sempre apprezzata ma questa volta andró giù con queste due bottiglie. La prima é di bianco vestita ed é quella del Vescovo di Aquilea che dovrebbe essere santificata, la seconda é tutta di kitch dorata ed é il vino raccomandato per le messe ortodosse in tutte-le-Russie-salvo-una da quando la settimana scorsa la Georgia s'é ritirata per conto USA con la Rice che anche senza effe rimane un pezzo di frice (Figa)
Sarebbe interessante se trovasse il vino russo migliore che il suo Castel del cazzo. Basterà che non gli mostri la bottiglia. Poi magari per consolarlo tireró fuori quella del vescovo cosí gli insegno io a ridere.

Torna sù

21 ago 2008

Vacancis a Positan / Vacanze a Positano

L'an passât in tune coriere che lave in sù des bandis di Positano viers le sere, daûr di me une zovine taliane e un zovin olandês a fasevin cognossince cjacarant par talian cuant che le mule a no saveve continuâ par inglês. No, l'olandês a nol stave in Italie,al vignive in Italie ogni ant di besôl da l'etât di 14 agns dal mês di zugn al mês di setembar. Al si cjatave un lavôr e al si faseve cualchi franc par podê continuâ i studis. Le mule a si meraveave. No podeve nancje imagjinâ che so pâri ai disi di cjatâsi un lavôr massime ch'a veve di ripassâ i esams in setembar. E cemût fâtu par cjatâ un lavôr, un apartament? L'olandês ai diseve che pal lavôr al ere plui facil parcé ch'al cjacarave 5 lenghis e pal alogjo i soi parons a i cjatavin spès un cjanton di cualchi bande cuant ch'a viodevin ch'al ere onest e lavoradôr ma cualchi vôlte, al diseve, ch'a i ere sucedût di scuignî durmî sot des stelis. Joi, disse le mule, spaventade, ma cemût durmivistu, po?
Eh, cui voi scierâts po, dissal lui.
O volevi voltâmi par dî a chel mul cualchi peraule simpatiche in olandês ma alore o varès scuignût mostrâ ch'o vevi sintût dut ce ch'ai disevin e mi soi tignût dal ridi cjalant fûr dal finestrin. Sperin che amancul chê mule a vedi vût tante compassion di lui par puartâlu tal so jet in chê sere.
°°° *
Gli occhi chiusi
L'anno scorso, in una corriera che andava verso Positano sentivo parlare due giovani studenti seduti dietro di me. Lei italiana e lui olandese. Parlavano in italiano quando la ragazza non ce la faceva a parlare l'inglese. Lui? No, non abitava in Italia, veniva solo durante le vacanze, per lavorare. Faceva cosí dall'età di 14 anni. Ma come faceva per trovarsi un lavoro, un alloggio... Chiedeva lei.
Spiegava lui che il lavoro era più facile da trovare visto che parlava 5 lingue ma anche per l'alloggio non era troppo difficile perché i suoi padroni finivano spesso per trovargli un'angolo per dormire. Comunque per lui si adattava facilmente ed era contento di poter far qualche soldo per pagare i suoi studi e conoscere un nuovo paese. La ragazza sembrava ammirarlo ma diceva che lei non potrebbe mai immaginare che i suoi genitori gli chiedessero o la lasciassero far cosi, sopratutto che doveva ripassare gli esami in settembre...
Naturalmente il ragazzo, le disse che nessuno gli aveva chiesto di farlo ma lo faceva da sé anche se qualche volta gli era successo di dover dormire all'aperto.
- All'aperto?
-Ma come dormivi? Chiedeva lei spaventata.
- Con gli occhi chiusi. Rispose lui sorpreso.
Ridevo guardando dal finestrino e avrei voluto voltarmi per dimostrargli la mia simpatia ma son rimasto quieto per non mostrare che avevo sentito tutto e spero proprio che quella ragazza abbia avuto tanta compassione di portarlo a letto con lei:-)

Il Max


Max, il furlan-francês di vuê.
Ci-joint dans les blogs.
Il max di oggi del blog quà accanto

20 ago 2008

Emigrâ / Emigrare

O ai savût che par emigrâ o vês di paiâ 10.000 euros par persone. Une persone resident intal paîs ch'o vês di lâ us mande une invitazion indulà ch'al é scrit ch'a cjape dute le responsabilitât pal vuestri sogjorno e cun chiste invitazion o lais te ambassade di chel paîs par fâsu fâ il Visa. Cuant ch'o rivais tal gnûf paîs, o sarês cjapâts in carico dal vuestri ospit, che dal moment ch'o lu paiais 1000 euros par setemande al é content ma, o lu savês: No plui di dôs setemanis .
Alore, dopo dôs setemanis o vês di fâ finte di tornâ a cjase ma invesit o domandais l'asilo politic e secont le storie ch'o contarês ae polizie, o ben o lu varês o dopo sîs mês o dopo cinc agns. Ma o lu varês.
Ma sêso cecens? Sêso in vuere cui triestins? Sêso tormentâts da une ditature? Alore nuje, no stait a butâ vie dodis mil francs di bant ch'o stais miôr indulà ch'o sês.
°°° *
Ho saputo che per emigrare dovete pagare 10mila euro per persona. Il vostro benefattore, un residente del paese dove volete andare vi manda poi un'invito manoscritto dove dichiara che prende a carico suo le vostre spese di soggiorno e con questa lettera andate dalla sua ambasciata ed ottenete il visa per partire. Quando arriverete a destinazione siete sotto la responsabilità del vostro ospite per due settimane, non di più, e per fortuna perché dovrete pagare 1000 euro alla settimana. Poi siete liberi di far finta di ritornare oppure di chiedere subito l'asilo politico che otterrete in sei mesi o in cinque anni, secondo la storia che avrete raccontato alla polizia. Il vostro gentile signore lui dichiarerà che da lui non siete mai venuto.
Ma siete ceceni? Siete in guerra coi triestini? Siete tormentati da un dittatore?
Allora niente, non buttate via 12 mila euro tanto state sempre meglio in Italia.

Ceceni

All'aeroporto ieri sera abbiamo incontrato una ragazza che veniva dalla Cecenia in vacanza da noi. Gli ho dato un passaggio per ritornare in città. Aveva una valigia di trenta chili. Suo padre aveva pagato 150$ di supplemento per questo. Ma perché una valigia cosí pesante?
-Regali. Disse . Di sicuro aveva una grande famiglia che la ospitava. Pensai. Strano comunque che nessuno fosse ad aspettarla. Ma non hà avuto problemi con la dogana? chiesi?
- No, disse, mi hanno solo chiesto quanti soldi avevo con me per le due settimane che stavo qua e quando ho mostrato che avevo due mila euro, non mi hanno chiesto nient'altro.
L'ho salutata pensando che se i poveri ceceni che mostrano alla TV sono tutti come lei non sono poi cosí poveri...
PS:Stant al fat che sa no si cjacare di furlanitât, di furlanei, di furlaniscj, di furlanadis o di Tonis in tonie al é come sa si cjacaràs cinês, il furlanâr a nol olse plui cjacarâ par furlan par dî alcaltri e alore vuê al dopre un' altre lenghe:-)

19 ago 2008

Ride ben chi ride subito



Sono andato per caso a mettermi in cerchio in un Yoga center. Succede cosí: due cerchi di persone che si trovano una di fronte all'altra . Con un passo a destra, ti trovi ogni volta di fronte ad un'altra persona. Per far cosa? Per ridere. Incominci a ridere sforzandoti e dicendo che a fare ste cazzate non ti vedranno più. Poi, poco a poco, ti rendi conto che ti fà bene e finisci per ridere anche da solo, per un niente. Una signora di fronte a me mi mostrava la ciccia del suo ventre ridendo come una matta. Lí, sono passato in quarta. Adesso capisco il perché gli africani ridono cosí spesso anche per niente. Non si preoccupano come noi di tutto e di niente. Come i muscoli hanno bisogno di esercizio per svilupparsi, abbiamo bisogno di ridere per star bene.
*Naturalmenti voltâ chest par furlan no us fasarès ridi. Ma so vês chê di ridi istès o podês scomençâ subite. Bon divertiment.

18 ago 2008

Moscjins des pomis / Moschini della frutta


Si sêso bielzà domandâts d'indulà ch'a vegnin ducj i moscjins ch'a zíirin ator des pomis ch'o vês in te cusine? Seben a vedin l'aiar di nassi dal nuje, al baste dome cualchi ûf lassâts in tune scussade, in tune macoladure e in cualchi dí o vês une cincuantine di moscjins ch'a us girin ator dal cjâf come i anei ator di Venere. Ce fâ par eliminâiu?
O varês vidût che a pene ch'o sês a taule andé bielzà cualchidun ch'al và a neâsi t'al vuestri tài di vin, no? Duncje, o cjapais une butilie, o metês drenti un scuarce di banane di chês maduris che scuâsit e van fraidis o ben un font di azêt e o sierâis le butilie cun tune plêre. Cuant che dutis a saran drenti, o scierais le butilie e o le butais vie. Se propit o sês di chei ch'a vuelin recuperâ le butilie, o le meteis tal congjelatôr o tal for a microndes o ben lis néais cun âghe e savon o ben... ma no in vêso avonde? Le picjais tal mûr come un trofeo di cjace.

Vi siete già chiesti da dove vengono i moschini che girano attorno della vostra frutta in casa?
Sebbene sembrino nascere dal nulla, basta solo qualche uovo deposto deposto in un'ammaccatura della buccia e in tre giorni avete una cinquantina di arzilli moschini che vi girano attorno alla testa come degli anelli di Venere. Cosa fare per eliminarli?
Avrete anche notato che appena vi sedete a tavola per farvi dispetto s'introducono nel vostro bicchiere di vino, no? Ebbene, prendete una bottiglia di plastica vuota, introducente una buccia di banana matura e magari marcia, oppure un fondo di aceto di vino e chiudete la bottiglia con un imbuto. I moschini, uno per uno andranno giù ad inebriarsi nell'imbuto e quando saranno dentro la bottiglia non troveranno più l'uscita. Quando dopo cualche giorno tutti saranno dentro, chiudete la bottiglia e la buttate via, oppure la mettete nel congelatore, o nel micro onde o le annegate con acqua e sapone oppure...Ma non basta? La ppendete al muro come un trofeo di caccia.

Torna sù

16 ago 2008

Furlanofonos / "Furlanofoni"

Secont une statistiche dal Liceu Percude, dome 10% dai zovins students a cjacarin il furlan enfre di lôr. Domande: Se vuê in Friûl i furlanofonos a son 600.000, trós sarano fra 100 ains?
------------------------------------------------------------------------------------------------

Secondo una statistica del liceo Percotto, solo 10´% dei giovani studenti parlano il friulano tra di loro. Domanda: Se oggi i "furlanofoni" in Friuli sono 600 mila, quanti ne rimarranno tra 100 anni?

15 ago 2008

Fieravost / Ferragosto


Il fieravost al é biel dapardut ma a son puèscj indulà ch'al é ancjemó plui biel. Cuant che alc al é gnûf o ch'a é le prime vôlte ch'o lu viodin al nus somee simpri plui biel, massime so sin ben acompagnâts par podê condividi il plasê. Vuê as vot di binore i turiscj a fasevin zà le file par podê lâ sule terace dal municipi a viodi il plui grant tapêt di rôsis dal mont. Viodêtlu ancje vuâltris e par viodilu dal âlt e dal vîf viodêt chiste biele webcam cun tun clic. O chiste altre sù Vignêsie cussí o viodês indulà ch'andé* plui int.
Fai clic per ingrandire
Il ferragosto é bello dappertutto ma ci sono posti dove é ancora più bello. Quando qualcosa é nuova o é la prima volta che si vede, ci sembra sempre migliore, massimo se siamo bene accompagnati per poter condividere il piacere. Stamane alle 8 i turisti che non erano piazza san Marco a Venezia erano tutti a far la fila sulla Grand' Place di Bruxelles per poter vedere dall'alto il tappeto di fiori più grande del mondo sul balcone dell'Hotel de Ville. Guardate anche voi dall'alto e dal vivo con questa bella webcam.

Le cine ch'a imbroe / La cina che imbroglia


Insome o vin savût che i biei efiets de inaugurazion dai olimpics a erin stâts trucâts par fâ plui biel. O vin savût ancje che le piçule frute ch'a cjantave zence microfono infat a faseve finte tant ch'a passavin le vôs di un'altre frute. Da nô chestis rôbis a sucedin ogni setemane ae Rai e forsit ogni dí sù Berluscon ma cumó, a stà par scomençâ il "scandul" plui grant. Chel des cinesinis che par podê partecipâ a 11 o 12 ains e an ricevût une gnove cjarte d'identitât ch'a prove che a an i 16 ains requisîts pal regolament...
Parcé no si domandino invesit s'a nol sarès miôr di sbassâ le etât? In ducj i câs, o savin che i fruts di vuê a son plui precoces che mai parcé no gambiâ il regolament?
Se no ce puedaressial sucedi? Se bielzà a si rivendiche il dirit di eliminâ ducj chei ch'a son in anticipo su di nô al é come s'a si rivendicàs il dirit di sei gnôgnos. Cul stès dirit, a si puedarès domandâ di fâ pierdi il lavôr a di chei ch'a lu àn, no per vê il lôr puèst, sino mats?... Ma parcé che cussí a si sarès pari.
Daspó, cun le cjaritât cristiane ripredicjade subite pe glêsie che plui a i pice plui a strice, i plui crodints a scomençaressin a taiâsi une gjambe como l'apendice , le lenghe o le bighe, le panse o le fighe che par fâ le rime a no si clamarès plui frice...E op:-)

Ok, Adesso sappiamo anche che i cinesi, per far più bello, hanno truccato un pochino gli effetti dei fuochi d'artificio dell'apertura. Mi chiedevo anche come mai la bambina si potesse sentire cantare cosí bene allorché non si vedeva il microfono da nessuna parte. Ora lo só, non cantava lei. Lei faceva solo finta. Ok, succede alla rai ogni settimana. Poi le ginnaste, che sembrano tutte avere sui 12 anni ma invece ne hanno 16... come il regolamento lo stabilisce.
Ora che in tutti i campi i bambini sono più precoci si potrebbe abbassare l'età e fare un nuovo regolamento. Magari solo per non sentirsi attardati quando si compete a sedici anni e più con ragazzini e ragazzine sui 13 anni e meno. Altrimenti cosa potrebbe succedere? Se già rivendichiamo il diritto di espellere quelli che sono in avanzo su di noi per poter vivere una vita tranquilla senza troppe fatiche si potrebbe anche reclamare di togliere il lavoro a quelli che ce l'hanno, non per darlo a quelli che non ce l'hanno ma solo per metterli a pari con gli altri .
A squola si boccierebbero immediatamente tutti i primi della classe o i giovani prodigi che si trovano in anticipo per via dell'età. Priorità agli invalidi che partirebbero favoreggiati e che la carità cristiana ci costringerebbe a compatire fino al punto di farci tagliare una gamba per esser pari. Insomma, esagerando, come se buttassimo Mozart nella spazzatura perché ha avuto la fortuna di concorrere come musicista fin dalla sua tenera età grazie ai suoi genitori che lo spinsero su questa via fin dall'infanzia.
Ma cosa é più eccezzionale, una ragazzina che ha 12 anni che fà come una di 16 o una di sedici che fa come una di 12 anni?

14 ago 2008

Tui pierdût / Gattino perso


. A si và in cantine dome par cjoli un stamp o tornâ a puartâlu, regolâ il riscjaldament o ben pai contatôrs de âghe, de eletricitât o dal gâs. Duncje, a si và di râr. Da un mês in ch'a in tune stanze a si sintive un odôr di miarde e a si crodeve ch'al fos stade le nestre gjate le ûltime vôlte ch'a ere restade scierade.
Chê âltre di lant te cantine o ai sintût un gjat ch'al miaulave ma no soi stât bon di cjatâlu. Alore o ai pensât di meti alc da mangjâ e dôs oris dopo o soi lât a viodi. Si, andere un giatut nêri dut spaurît ch'al durmive cun le panse plene ma apene ch'al mi a vidût al é sparît come un salvadi e no lu ai plui cjatât. O ai tornât a dai da mangjâ ma doi dîs dopo a nol veve tocjât nuje. La erial lât po?
Lu ai cjatât vuê di buinore. Al ere colât in tun stamp e nol saveve saltâ fûr. Par furtune sô al a dât une miaulade cuant ch'o passavi dongje parcé il stamp al ere il stamp di une gjambe âlte doi metros e nol vares mai podût saltâ fûr... Cumó, lu ai mitût in tun bagno par ch'al si calmi intant ch'o cir il so paron...Al a di sei amancul un mês che un vissin al mi a domandât so no ai vidût un gjatut...O i mostrarai lis sgrifignadis e le muardude ch'o ai tes mans. Forsit a lis ricognossarà:-)
Dutcâs, s'al é in te cantine da un mês al sgrifigne ancjemó benon!
°°° *

L'altro giorno scendendo in cantina ho sentito un miagolio ma dopo aver guardato in giro, non ho trovato niente. Invece di rimuovere due a tre cento stampi per vedere meglio, ho deciso di mettere un pó di latte e di carne in scatola e di tornare più tardi.
Infatti, l'ho trovato che dormiva con la pancia piena ma quando s'é reso conto che ero vicino a lui é saltato per aria come un uccello ed é sparito in una delle sei stanze della cantina piena dei miei stampi. Che fare? Ho messo ancora latte e carne e sono tornato l'indomani.

L'indomani niente. Dov'era sparito? Oggi l'ho trovato. Per fortuna ha miagolato mentre passavo vicino. Da due giorni, scappando impaurito era caduto nello stampo di una gamba umana di due metri...Cioé una trappola dalla quale non avrebbe mai saputo uscire visto che vado in cantina molto raramente. Adesso l'ho messo in una sala da bagno perché si calmi mentre cerco il suo padrone.
Un mese fa un vicino m'ha chiesto se non avevo visto un gattino e gli avevo detto di no. Chi era? e dove abitava? Gli mostreró i graffi e il morso che m'ha fatto. Forse li riconoscerà:-)
In ogni caso, se si trova in cantina da un mese, graffia ancora bene.
Foto del gatto presa per il buco della serratura...

13 ago 2008

Politica


Marzio Strassoldo al à pierdût le poltrone ma al puès consolâsi ancje lui cun Marzio Scjalis
un furlan dal Brasîl ch'al sune le sunete come nissun âti. Cumó, spietin che Renzo Tondo al pierdi le so poltrone e us cjati un'altri furlan par consolâlu ancje lui:-) Ma intant, vêso bisugne di un milanês, un padan, un abruzês o un sicilian par fâ colâ cualchidun âltri?
° ° ° *

Marzio Strassoldo ha perso la sua poltrona di presidente della regione ma puó consolarsi come me con Marzio Scjalis, un friulano del Brasile che suona l'armonica come nessun'altro.
Adesso aspetto che Renzo Tondo perda la sua poltrona e vi trovo un'altro friulano per consolarlo anche lui:-) Ma intanto, forse avete bisogno di un milanese, un padano, un abruzzese o un siciliano per far cadere qualcun'altro?

Incinêsinsi / Incinesiamoci

Ch'a sêti le pôre o ch'a sêti alcaltri, ducj i ocidentâi a no sparagnin lis critichis sù le Cine. Come s'a fossin invidiôs de so ascension. A tirin fûr le democrazie che lôr e an e che i cinês a no an.
Ma sino sigûrs che le nestre democrazie a sarès miôr ancje par lôr?
Nô ch'o vin un Berluscon, un Prodi, un Bertinot, un...Ce si clamial chel âltri mone? ...Nô ch'o vin dome cinquante milions di votos da distribuî e bielzà o sin ridots a dâiu a un mone dome par butâ jù un âltri mone, ce si varessial di fâ sa si fós cinês? Imagjinait l'Italie cun t' 1 miliart e 300 milions di animis...A si varès 26 Berluscons, 26 Prodis, 26 Bertinots, 26 mones di ogni sorte in 26 sitâts plenis di scovacis come Napoli, zence contâ amancul un pape in plui par ogni religjon cun ducj i vescufs e i prêdis asortîts.O pensarês alore subite a trós Toni Beline ch'a si varès par svintulâ le bandiêre furlano-tibetane ai furlans incinesâts. E ben, nissun po:-)

Che sia la paura o che sia qualcosa d'altro, tutti gli occidentali non usano risparmiare le critiche sul regime cinese. Come se fossero invidiosi della sua grande ascensione. Per poterlo dire, tirano fuori la democrazia che loro hanno e che i cinesi non hanno.
Ma siamo sicuri che la nostra democrazia starebbe bene anche da loro?
Noi che abbiamo un solo Berlusconi, un solo Prodi, un solo Bertinotti ed un solo...Come si chiama quell'altro ?... Noi che abbiamo solo una cinquantina di milioni di voti da distribuire a quelli che crediamo i più rappresentativi ma che siamo ridotti a votare un Fatemelo-dire per buttar giù un Fatemelo-fare, cosa sarebbe se avessimo un miliardo e 300 milioni di anime?
Avremmo 26 Berlusconi, 26 Prodi, 26 Bertinotti, 26 non fatemelo dire e chissà quanti sindacalisti a gogo, papi tedeschi o no con tutti i vescovi e preti assortiti che meno non si puó...Voi penserete subito a quanti Don Toni Bellina uscirebbero fuori per sventolare la bandiera friulano-tibetana ai friulani incinesati...Ebbene, neanche uno!
Nota: Per i non friulani, Antonio Bellina era un Don che é morto l'anno scorso. Un rompipalle per la chiesa perché aveva scritto un libro contro l'educazione ricevuta nel seminario di Udine ma anche un rompipalle per gli atei perché i suoi discorsi in friulano erano comunque sempre delle prediche.Ció nonostante, oggi la chiesa sembra innalzarlo nelle più alte quote attraverso altri rompipalle in cerca di un porta-vessillo a fini elettorali.

12 ago 2008

Cerimonie olimpiche / La cerimonia olimpica


Vêso vidût le cerimonie dai olimpics? O ai vût le furtune di viodi dome l'essenziâl e di no indurmidîmi a cjalâ dute le messe (...In sene) e alore o soi forsit plui entusiast che vuâltris.
Va ben, i tamburins a eri militârs, e alore? Miôr un militâr ch'al tamburine che un militâr cun le carabine:-) Ce îsal miôr, i militârs doprâts cussí a Pechin o i militârs doprâts a fâ i stradins Annapule ?
Biel spetacul. Grandiôs. O crôt che par un biel pôc nissun al savarà fâ miôr...A part cualchi promesse di puints sù le Sicilie:-) Cui îsal chel ch'al veve dite che i lavôrs a erin bielzà scomençâts? Simpri chel eh? :-)
Ce vêso miôr? Chei ch'a prometin di fâ ma ch'a no fasin nuje e chei ch'a no disin nuje ma ch'a fasin? In Cine e an fat sù in dîs agns plui che nô in cent agns al cine...:-)
Cert che vuê, un grum di cinês a puedin jessi fiêrs ancje sa son zence sindicâts e zence casse integrazion. Cui no lu saressial? :-) O sai...Il grop a nol é aí.

Avete visto la cerimonia dell'apertura dei giochi? Ho avuto la fortuna di vedere solo l'essenziale e di non addormentarmi per assistere a tutta la messa (In scena) e forse sono più entusiasta di voi. Va bene, sappiamo che solo dei militari avrebbero potuto sincronizzare cosi bene la cerimonia, e allora? E lo stesso molto più bello veder militari fare le marionette a Pechino che i militari fare gli spazzini Annapule. Bello spettacolo. Grandioso. Credo che per un bel po' nessuno potrà far meglio...A parte qualche promessa di castelli in aria o di ponti sullo stretto di Messina. Chi é che aveva detto che i lavori erano già incominciati? Sempre quello , eh? :-)
Da noi, quando si dice che si farà qualcosa, non vuol dire che sarà fatto, in Cina invece é il contrario:Non dicono niente ma fanno e, in dieci anni, hanno fatto più loro in cina che noi in cento anni al cine:-)

Certo che molti cinesi oggi sono fieri del loro paese anche se senza cassa integrazione o sindacati. Chi non lo sarebbe?...Lo so:-) Il nodo si trova altrove.


11 ago 2008

La carambola


O vevi viodût chest arbul tal zardin botanic e po lui ai cjatât in tun supermercjât e o ai scuignût provâ di cê ch'a saveve chiste pome.
Un tic acidut alore o lu ai acompagnât cun cualchi fîc sec. A si leavin ben.
Senó, nue di particolâr. forsit al sà plui di verdure, di rabarbaro crût cun no sai cê di medicinâl.
Rinfrescjant in câs ch'o no vês nujâltri e ch'o sês tal mieç dal Sahara.In veretât, o lu vevi zà zeçât cualchi ant fa ma m'al eri dismenteât. Duncje, se nol mi ere restât tal cjâf forsit a nol valeve le pene. Al mi ha fat pensâ a chêl libri ch'o lèi prime di durmî ogni sere. O crôt ch'a sedi simpri une gnove pagjine ma di sigûr a é simpri chê :-)
° ° °
*
Al giardino botanico ho visto un albero con delle bacche grosse come una mela ma con una forma particolare. Ho trovato poi il frutto in un supermercato ed ho voluto provarlo. Il sapore é un pochino acido. Molta acqua che sà un pó di rabarbaro e un pó di non só quale medicinale. Piuttosto insipido tanto che per finire l'ho accompagnato con dei fichi secchi. L'avevo già provato prima ma me l'ero scordato. Dunque se non me lo ricordavo più vuole dire che non ne valeva la pena? M'ha fatto pensare a quel libro che cerco di leggere ogni sera prima di cadere addormentato. Ogni giorno credo che sia una nuova pagina ma son quasi sicuro che é sempre quella:-)

09 ago 2008

Zardin Botanic di Bruxelles /Giardino botanico di Bruxelles


Nome: Amorphophallus titanus. Gigantesco cazzo amorfe / Grant bacon di bighe amorfe
A si dîs che indulà ch'andé fricis lis bighis no son tant lontanis. O ben o le ai inventade jó:-) ?
Dutcâs achi tar cheste bestie di flôr o vês une drenti chê altre dome che pe estetiche invesit di entrâ, le bighe a jès, duncje, o podin dî che le nature s'a rive a jessi erotiche a no é pornografiche e vidude cussí a é ancje artistiche. Rôbe da disegnâ, da scolpî, da piturâ, dutcâs da viodi amancul une vôlte in te sô vite. So sês como me che i colôrs a esaltin e i flôrs a i dan voe, chest flôr us fasarà ancjemó plui efiet. Senó imagjinait un cercli di 1km di vert di ogni colôr e cirît il vuestri tar chest zardin botanic.
Ma sù chest flôr, o vevi pôre dal odôr ch'a mi vevin dite teribil ma francamenti o no ai sintût nuie di nuie. O sai, cuant ch'a si ame a si devente vuarps e duncje o podarês ancje vê pierdût l'olfat, ma no, us dîs le veretât, a si sintive dome i odôrs dai flôrs dongje e o soi lât doi dîs par verificâ.
Invesit lant fûr viodint une femine ch'un le maute zâle ch'a passave dongje un arbul cui flôrs zâi no ai savût fâ di mancul di dîgji ch'e l'arbul al jere ben assortît cun jê. Jê a é someade lusingade e tant ch'a cjalave l'arbul cui flôrs zâi jó i cjalavi le sô maùte lí ch'a spontavin lis pontis des tetis e i ai dite ch'o no savevi cê ch'o vevi rimarcât al imprin e che s'al ere l'arbul, jê a no ere propit nue mâl e che s'a ere le sô maùte cumó o eri pront a dismenteâ l'arbul. Le ai vidude imbarazade ma forsit il gno sguart al jere masse pesant sù chê maùte. Alore a mi a ringraziât e a si é sindilade. I plui biei scherzos a son chei ch'a durin di mancul, no?


Si dice che dove ci sono le gatte, i gatti non sono lontani ma forse questa l'ho appena inventata io.
In ogni caso qua in questa bestia di fiore avete un sesso dentro l'altro solo che per l'estetica, invece di entrare, il dardo ne esce. Dunque possiamo dire che la natura se é erotica non é pornografica e visto cosí é anche artistica. Da disegnare, da scolpire, da dipingere, da fotografare comunque e per questo dovete vederlo almeno una volta nella vita. Poi, se siete come me che coi colori si esaltano e con i fiori sentono rimuovere la linfa nel corpo, questo fiore vi farà un bel effetto. Altrimenti, immaginate un cerchio di 1km du diametro pieno di verde di ogni colore e trovate quello che vi piacerà di più in questo giardino botanico che é uno dei più grandi del mondo.
Su questo fiore, avevo paura per l'odore che mi era stato descritto come nauseabondo e che invece non esisteva per niente. Che sia una trovata giornalistica per sconsigliare la gente? Ci sono andato due giorni per verificare e neanche col naso dentro ho sentito qualcosa.
Invece era più piccolo che previsto ma ne sono uscito esaltato tantevvero che vedendo una ragazza con la maglietta gialla passare vicino ad un albero coi fiori gialli, non ho potuto far a meno di dirle che l'albero era molto ben assortito con lei. Lei non aveva notato né la sua maglietta né quell'albero ma s'é girata a guardare e mentre lei guardava l'albero io guardavo la sua maglietta dalla quale s'intravvedevano bene le punte dei seni. Non só cosa io abbia notato prima ma gli ho detto che se fosse stato l'albero sarei volentieri disposto a dimenticarlo per guardare la maglietta da più vicino. Là, forse il mio sguardo gli é sembrato troppo pesante per lasciarmi aggiungere qualcosa d'altro e se n'é andata ringaziandomi. I migliori scherzi sono quelli che durano poco:-)
Comunque é stata una bella escursione. Dire che si trova solo a un quarto d'ora da casa...M'ha fatto pensare al Prater di Vienna ed ai rendez-vous di Sissi. Tutto c'é: Il lago, i boschi, i prati, il castello, l'orangerie...Ci mancava solo un piccolo valzer.

07 ago 2008

Muartis di plasê / Morte di piacere

Il cjâlt e le ploe e an fat avanzâ il svilup puberâl dai zovins e des zovinis cussíché a pene che an savût taconâ e si son scjadenâts e scjadenadis zence nissune misure. Risultât, e scuignivin nudrîsi di plui e lis âlghis ch'a vevin l'abitudin di mangjâ a erin contaminadis dal virus clamât erpes.
O savin ducj che l'erpes labiâl, clamât ancje fuc di sant Antoni, s'al devente gjenitâl al é dificil di sradicâlu massime ch'al é contagjôs e là, prime che nissun al si rindedi cont, i 3/4 a son muarts. Ostrighe, o disarês vualtris, muarts di plasê! No muarts ma muartis di plasê parcé ch'al si trate apont des ostrighis francês di alevament.
Vualtris ch'o savevis bielzà che i francês a disin che lis ostrighis a erin afrodisiachis, cumó o podês imagjinâ ce ch'a laràn a tirâ fûr par acompagnâ cul champagne:-)
http://www.ostrichefrancesi.com/index.php?option=com_content&task=view&id=17
° ° °
* * *

Il caldo e la pioggia hanno fatto avanzare lo pubertà dei giovani e delle giovincelle. Cosicché appena ne hanno avuto la possibilità, spinti da un desiderio irresistibile si sono scatenati a far sesso senza nessuna misura mai prima registrata. Risultato: Dovevano nutrirsi di più e le alghe delle quali si nutrivano erano contaminate dal virus dell'Herpes. Sappiamo tutti che l'Herpes labiale, chiamato anche fuoco di san Antonio, se diventa genitale, diventa difficoltoso da sradicare poiché é anche contaggioso e, prima che nessuno se ne renda conto, i giovani puberi sono tutti morti sfiniti con le loro compagne. Ostrega, direbbero i veneziani:Morti di piacere! Io direi morte, poiché parlo appunto delle ostriche d'allevamento francesi.
Sapevate già che i francesi la consideravano afrodisiaca. Adesso immaginate quale altra prelibatezza tireranno fuori per accompagnare lo Champagne:-)

l'Arum Titanus

Po ben o soi lât a viodi chel flôr. Le file a ere lungje e si scuignive spietâ amancul un'ore prime di rivâ lí di lui. Dopo 5 minûts o mi soi domandât il parcé che nissun di chei ch'a entravin a nol tornave plui fûr e alore o soi lât a cirî le uscide e le ai cjatade subite. Cussí o soi entrât di chê bande. No soi cuintri di fâ le file cuant ch'a nondé un'âltre soluzion:-) Il flôr al ere grant ma plui piçul di ce ch'o mi spietavi ma sicome ch'al crès 7cm in dí, pai 3 euros ch'a coste le entrade o puès lâ ogni dí e o tornarai vuê e doman. Daspó o zontarai cualchi foto.

Sono andato a vedere quel fiore. La fila era lunga e avrei dovuto aspettare almeno un'ora prima di arrivare sul posto ma dopo 5 minuti di attesa mi son chiesto il perché tutti entravano e nessuno usciva. Cosí sono andato a cercare l'uscita e sono entrato subito. Il fiore era grande ma non come previsto. Nessun odore. Neanche a mettere il naso dentro. Siccome cresce 7cm al giorno e che l'entrata costa solo 3 euro, torneró ancora stassera e domani. Aggingeró le foto domani.

06 ago 2008

Gjoldecis publichis / Godurie pubbliche

Al sucêt dome di tant in tant e a dure dome 3 dîs che il flôr plui grant dal mont (3m) al sboci sot dai vôi mervâts di chei ch'a son presints e usgnot o varès di sei enfre chei privilegjâts ch'a laran a viodi cheste bestie florî al zardin botanic di Bruxelles. Viodi chest dardo ch'al salte fûr di cheste vulve gigantesche a é un aveniment estetic ch'o no puès lassâ passâ ancje s'al é conseât di viergi ben i vôi ma di stropâ il nâs par no sintî l'odôr di cjar fraide ch'al salte fûr:-)























Non succede spesso che un fiore di 3 metri fiorisca nella foresta di Sumatra e non succederà ancora nel giardino botanico di Udine ma invece oggi é appena fiorito nel giardino botanico di Bruxelles. Dura solo tre giorni. Devo assolutamente andare a vedere perché l'estetica di questo dardo che esce da quella gigantesca vulva mi attira. Apriró gli occhi e mi ottureró il naso per evitare l'odoraccio di carne putrefatta che il fiore emana:-)

Si sta per aprire

05 ago 2008

Colp di lenghe / Colpo di lingua

Lis rôbis grâfs e seriis a finissin par tirâmi i cjantons de bocje viers il bas, alore o scuen tirâ fûr le fantasie par rompi lis regulis e tirâmai sù. Chist caspò (Dal francês Cache-pot, cacher= nascuindi e pot = vâs) o lui ai intitulât Self- licking pot. No us dîs il parcé ma so pensais a ce ch'o pensi, o pensín le stesse rôbe.(:-)


Le cose gravi e serie finiscono per tirarmi giù gli angoli della bocca e allora sono obbligato di tirar fuori la fantasia per rompere le regole e tirarmeli sù. Questo caspó (Dal francese cache-pot, cacher=nascondere e pot=vaso) l'ho intitolato Self-licking pot. Non vi spiego il perché ma se pensate a quello che penso allora pensiamo la stessa cosa(:-)

Poesia

I ai platât lis tôs bussàdis
I t'une buste blancje
Di cjarte fine,
Di chês ch'a no si cjate pui.

No ti dismentei,
No soi fat par piardi la me int
Come vecjis bausiis:
Chí soi bessôl,
No tu mi mancjs.
Bàstin i fantàsmis da me zornade
Par iemplà la tace...

(Ho nascosto i tuoi baci / in una busta bianca / di carta fina, / di quella che non si trova più. // Non ti dimentico, / non sono fatto per perdere la mia gente / come vecchie bugie: / qui sono da solo, / non mi manchi. / Bastano i fantasmi della mia giornata / a riempire il bicchiere…

Poesia di Luca De Clara
La sua tesi

04 ago 2008

Salon de cjadree / Salone della sedia

O sai, chi ator o sês ducj sentâts devant dal pc e une vôlte ch'o vês spierdût i vôi sul web a no us interesse plui nuie sù ce cjadree ch'o vês poiât il cûl. Duncje o fâs chest post par chei che saran interessâts e ch'a cirin alc sù lis cjadreis.
O vevi incuintrât il diretôr di Promosedia in tune mostre dal Cristal Palace a Londre e al mi veve dite ch'o vevi di partecipâ al so salon de cjadree par vie ch'o vevi fat un banc cul schenâl a forme di mûse ma no soi mai lât nancje a visitâ parcé ch'o no ai mai vût timp. Chiste vôlte o voi. Se il Friûl al é deventât le capitâl dal mont de cjadree al andà di sei une rason.
I laureâts dal concors 2008 a son bielzà stâts selezionâts. Cumó o varin di viodi ce dal ostie di biel che an fat e lu viodarin in setembar enfre il 13 e il 16.Cui vegnial cun me? Nissun, OK.
Naturalmenti so m'invidais a lâ a messe cun vualtris o no ven:-)

° ° ° *

Lo so, qua in giro site tutti seduti e sedute davanti al pc e una volta spersi gli occhi sul web non fate più attenzione a dove avete messo il sedere. Dunque, lo faccio per quelli che cercano qualcosa sulle sedie.
Avevo incontrato il direttore di Promosedia al Cristal Palace di Londra e mi aveva invitato al salone per via di una panchina con schienale a forma di viso che avevo esposto ma non ho mai avuto tempo neanche di andarci come visitatore. Questa volta ci vado. Se il Friuli é diventato la capitale del mondo della sedia, dev'esserci una buona ragione. I laureati del concorso 2008 sono già stati selezionati e tra il 13 e il 16 settembre, durante il salone della sedia vedremo cosa di bello hanno fatto. Io saró là il 13 e 14. Chi viene con me? Nessuno. Ok. Naturalmente se m'invitate ad andare a messa con voi non ci vengo:-)

Tu, tu turista

Post in italiano in fondo pagina
A
lore ducj in vacanze? Indulà laiso? So lais tal forest cirît di no fâsi rimarcâ come chei maleducâts descrits da chel polemist inglês dal Times on line. Lôr ch'a an il metro da plui di cent agns a no san capî che da nô a no si vedi ancjemó capît che prime di montâ in tun treno a si à di lassâ dismontâ chei ch'a son drenti. Le sô a no é une esagjerazion. L'an passât o ai vidût un roman ch'al si lamentave scandalizât che chel ch'al dismontave (Un turist) a i a dât un colp di spâle. A nol veve nancje rimarcât ch'a lui invesit lu impedive di dismontâ. Ce si varessial di fâ? Aromai il governo al và in vacanze e no podin fâ un sciopero par vê il dirit di dismontâ da un treno zence fâsi sburtâ par chei che an di montâ.
Daspó, chei che le democrazie a le cognossin a rivendicaressin subite il dirit di vê pôre di pierdi il treno e a fasaressin sciopero par vê il dirit di sburtâ. Tant al vâl spietâ che i nestris metros a vedin 100 agns.

° ° ° *

Allora tutti in vacanza? Dove andate? Se andate all'estero cercate di non farvi notare come i soliti maleducati italiani descritti sul Times dal polemista Matthew Parris. A Londra dove hanno il metro da più di cento anni non sanno capire che noi non abbimo ancora capito che bisogna lasciar scendere prima di salire o lasciar uscire prima di entrare. Non é una esagerazione, anzi: L'ho visto a Roma io stesso quel romano che si lamentava ad alta voce di quel turista che gli ha dato una spallata... Non aveva neanche notato che lo impediva di scendere!
Cosa si dovrebbe fare ? Ancora una legge che ti dà il diritto di scendere da un treno senza farti spingere? Troppo tardi. Il governo và in vacanza e non possiamo far un bel scioperino.
Eppoi, quelli che la democrazia la conoscono spunterebbero fuori subito con un controsciopero per rivendicare il diritto di aver paura di perdere il treno e dunque di aver il diritto di spingere.

Torna sù

03 ago 2008

Le code di cjaval / La coda di cavallo

Versione italiana più in giù
A Vala tu puedis domandâ ce ch'a tu ûls yê a sà simpri dîcji alc.
Cemût che i ragns a fasin lis telarinis, cemût ch'a si monç une vacje, tros litros di lat ch'a si puès vê, trop ch'al coste un etar di teren in Ucraine, cemût ch'a si dîs polente in rumen, trop ch'a coste le luanie al marcjât, ansit, a no tu âs nancje bisugne di domandâ, jê a cj'al dîs istès prime ch'a tu vedis di domandaial. Cussí o sai parcé ch'a và simpri cui bregons e ch'a cjape une medisine ch'a fâs vignî de Russie parcé che là a no covente ricetis e ch'a coste 5 vôltis di mancul che achi e cussí a no a mâl tes gjambis cul lis varicosis.
Jê a rit simpri, ancje cuant ch'a conte cemût ch'a sta mal o cuant che il gjat a i é colât dal tieç plan pe tiarce vôlte. O i dîs serio che par furtune a no sta al trentêsim e ch'a nol é colât trente vôltis... Ma jê a no capís e a tache a ridi come une mate mostrantmi fintramai il bort des sôs gingivis artificiâl e a mi a fat dûl di viodile ridi in larc e in lunc zence pôre di mostrâ che a à une dentiêre sot e sôre. Si parcé ch'a à a pene trentetrê agns e sa nol fos che a à ancje un cûl larc e plat come une bree a puedarès jessi ancje biele.
A son 6 agns ch'a é achenti dopo lassât il so cjocheton di ex e à vindût lis vacjis, lis gjalinis e il purcit, e a dât lis frutis a sô mâri e aé lade a cirî furtune.
Come ch'a cjacare il polac, il rus e il rumen, e a provât tar chei paîs dongje po so sûr ch'a ere zà achi a i a dite di no pierdi timp che achi a si vuadagne di plui e andé plen di lavôr.
Daspó, come ch'a no à pôre di lavorâ e ch'a é fuarte come une cjavale a fâs ogni dí un mistîr difarent. A nete in tun ristorant, a nete dal gno vissin, a và a lavorâ tai cjamps par chel orticoltôr, e và a piturâ le spaliêre di chel avocat, a fâs le spêse pai vecjos carampans e no sai tropis altris robis.Insome a no é mai stade cussí ben. Altri che lavorâ come une sclave e fâsi robâ i bêz dal so ex a sun di puigns.
-A propôsit, disse, vuê, disse, un marochin a i ere vignût daûr in tal metro ma jê a si é indacuarte dome cuant ch'a si preparave a dismontâ,ch'a à sintût che al sucedeve alc in te so borse e lu a becât prime ch'al puedi nascuindi il malop.
-Dami ce ch'a tu mi âs robât senó cji doi un puign ch'o ti lassi ai. A i a dite.
-Chel âltri al faseve il scandalizât seben ch'al veve ancjiemó il telefonin a pene robât in te man.Vala i a sfilât vie un puign in te mûse cun le diestre tant ch'a recuperave il so telefonin cun le ciampe. Chel âltri, umiliât al si ere alçât par difindisi ma i é rivât jù un colp di borse sul cjâf e chei âltris pasagjirs a si son intermitûts par ch'a nol si azardi a fâ di plui.
Al veve i miei dêts stampâts in ros in te mûse a mi disève Vala ridint come une mate tant ch'a mal contave.
-No sai ce ch'al mi é cjapât disse. Daspó mi à contât chê di un mês fa e chê di sîs mês fà. Robis da no crodi. I ai conseât di deventâ body guard par cualchidun e cun ducj i gay ch'andé, e cjatarà di sigûr un da difindi.
Ce bacon di femine! - Ancjemó cualchi ant e dopo a torne vie, disse.
A comprarà cualchi bestie, a si metarà a tirâ sù frute e verdure e a viarzarà un negozi di alimentârs. Lis sôs mulis ch'a son simpri primis a scuele a podaran lâ ae universitât e aé zà daûr a finî le cjase cui bêz ch'a mande vie ogni mês a sô mâri ch'a é zence pension.
A dîs euros a l'ore a rivarà di sigûr indulà ch'a à voe di rivâ massime ch'a lavore ancje 15 oris in dí e a si polse dome le domenie.I lavôrs ch'a fâs jê, nissun nol ûl fâiu e jê a no capís cemût ch'al puedi sucedi chê storie dai illegâi che chiste setemane e an fat cjacarâ i gjornâi.
In fat, un centenâr di illegâi africans e an decidût di fâ il sciopero da fan par otignî i documents par podê restâ. Un centenâr di lôr a vevin ocupât une glêsie e chei âltris a si erin rimpinâts in somp des grùs tai cantîrs par tirâ le atenzion des autoritâts...Un di lôr, un eroinomane cognossût al é ancje colât e a si é rot il vuès dal cûl. Le ûltime vôlte il governo al veve cedût. Chiste vôlte nol sà cedi parcé ch'a nondé governo.Al é in vacance.
Vala a rit e a mi mostre lis sôs gingivis arançon de sô dentiêre cjavaline prime di lâssint. O le cjali lâ vie di premure e o pensi ch'o podês viodile passâ in te webcam. Jê a é simpri ch'a trote contente e par fuarce, simpri cui cjavei leâts sul daûr ch'a i svualin al vint come le code di un cjaval.
Salut Jaio. Cemût statu?
Raymond, il gno vissin gay al rive par contâmi le sô ma o ai di scjariâ trente blocs di argile da dîs chilos e 6 sacs di gès di 40 chilos e al mi à fat fuí chê ch'a mi varès podût dâ un colp di man.E lui a nol puès, al à alc tal cûr, al scuen durmî cun le maschere di osigjeno parcé ch'al cole in apnee, al é masse stressât par vie ch'al vent pôc e che il so amîc al devente simpri plui violent e... O cjali ator. Ma no indêsal propit nissun par fâmilu scjampâ ?
°°° *

A Vala, puoi chiedere cosa vuoi, lei ha sempre una cosa da dirti:
Come i ragni fanno le loro tele, come si munge una mucca, quanti litri puoi avere al giorno, quanto costa un'ettaro di terreno in Ucraina, come si chiama la polenta in rumeno e ucraino, quanto costa la salsiccia al mercato, anzi, non occorre neanche chiederglielo, lei te lo dice prima. Cosí só il perché ha sempre i pantaloni perché ha le varici e che per non aver male si fà mandare una medicina dalla Russia che là non c'é bisogno di ricette e costano cinque volte meno.
Lei ride sempre, anche quando mi dice che sta male, che ha l'influenza o mal di testa o che il suo gatto gli é caduto dalla finestra dal terzo piano e per la terza volta. Gli dico serio che per fortuna non é caduto trenta volte dal trentesimo ma lei non capisce e si mette a ridere a squarciagola facendomi vedere l'orlo delle sue gingive false tanto da farmi pena. Si perché non ha che 33 anni e se non fosse che ha un culo largo e piatto come una tavola e una dentiera sotto e sopra potrebbe anche essere una bella donna.
Son sei anni che é da queste parti e dopo aver lasciato il suo ubriacone di ex, ha venduto le mucche, le galline, il maiale, ha messo le bambine da sua madre e se n'é andata a cercar fortuna altrove. Come parla il rumeno, il russo e il polacco, aveva provato prima nei paesi vicini ma sua sorella che era già qua gli ha detto di non perder tempo e di venir qua che si guadagna dieci volte di più e che il lavoro si cerca dieci volte di meno.
Da allora, siccome non ha paura di lavorare e che é forte come una cavalla il lavoro non le manca. Ogni giorno fà un mestiere differente. Oggi ha Incominciato le pulizie alle 6 del mattino in un ristorante, poi é andata dal mio vicino, adesso và a raccoglier fragole alla campagna per quel coltivatore fiammingo o poi andrà a dipingere la ringhiera delle scale da quel avvocato o a far la spesa per quella coppia di pensionati, o ...Insomma, lei non é mai stata cosí bene. Prima lavorava come una schiava mentre l'ex non faceva niente e gli prendeva tutti i soldi a suon di pugni per andare a bere.
A proposito di pugni, oggi, mi dice, un marocchino l'ha seguita mentre saliva sul tram e lei se n'é accorta solo quando si preparava a scendere e che l'ha sorpreso mentre tirava via la mano dalla sua borsa col suo telefonino.
- Ridammelo immediatamente sennó ti dó un pugno che ti lascio lí.
L'altro faceva lo scandalizzato come se non avesse fatto niente benché avesse ancora il suo telefonino in mano. Allora gli ho sfilato via un pugno sulla guancia mentre con l'altra mano gli ho ripreso il mio telefono.
L'umiliazione di farsi beccare e pestare da una donna forse era troppa ma quando s'é alzato darmi un pugno, dice Vala, gli ho dato un colpo con la borsa sulla testa e gli altri passeggeri sono intervenuti per dirgli che era meglio per lui di quietarsi mentre io sono scesa.
-Aveva le mie dita stampate in rosso sulla guancia, aggiunge Vala ridendo.
-Non so cosa m'é preso, gli ho sfilato via i colpi senza troppo riflettere. Poi m'ha raccontato che non era la prima volta. Che un mese fà un giovinetto e sei mesi fà un'altro e ...Insomma cose da non credere. Gli ho detto che forse potrebbe trovar lavoro come body guard per quegli uomini che non sanno più difendersi da soli e con tutti i gay che ci sono troverebbe di sicuro un lavoro più lucrativo.
Che pezzo di donna! Ancora qualche anno e poi tornerà a casa, dice. Comprerà qualche bestia per fare una produzione di latte, uova, polli. Coltiverà ortaggi, bacche e frutta. Aprirà un negozio di alimentari. Manderà le bambine all'università perché son sempre le prime a scuola e si occuperà di sua madre che é senza pensione e che per il momento si occupa di tutto con i soldi che le manda ogni mese La casa é già quasi finita.
A dieci euro all'ora e 15 ore al giorno arriverà di sicuro dove vuol arrivare. Sua sorella ha già finito la casa. E lei fà anche 15 ore al giorno e si riposa solo la domenica. I lavori che fà lei, nessuno vuole farli e lei non capisce come possa succedere quella storia degli illegali "sans papiers" che questa settimana hanno fatto parlare i giornali. In fatti, un centinaio d'emigrati africani e magrebini si sono messi a far lo sciopero della fame in una chiesa ed una 40ina si sono annidati sulle grú dei cantieri per attirare l'attenzione delle autorità. C'é anche uno di loro, eroinomane conosciuto, che é caduto e s'é rotto l'osso del culo. L'ultima volta che successe, il governo cedette al ricatto ed ebbero i documenti ma questa volta il governo non cederà perché non c'é. E andato in vacanza. Vala ride quasi spavalda se non sapesse che le gingive della sua dentiera cavallina mi fanno guardare altrove. La guardo andar via premurosa e se state attenti potreste scorgerla di tanto in tanto passare davanti alla webcam. Lei é sempre al trotto e per forza, i capelli legati sul dietro gli svolazzano al vento come una coda di cavallo.
- Salut Jaio, comment vas-tu? Raymond, il mio "gayo" vicino viene adesso a raccontarmi la sua ma ho 32 blocchi d'argilla da 10kg da scaricare con 6 sacchi di gesso da 40chili e m'ha fatto scappare quella che avrebbe potuto darmi una mano. E lui non puó, ha il cuore debole, deve dormire con la maschera d'ossigeno perché cade in apnea, é sempre stressato per via che vende poco e che il suo amico diventa violento e...Guardo in giro.Non c'é veramente nessuno che passi per farmelo scappare.

02 ago 2008

Banca di Cividale


Anti-Phishing Italia ha rilevato la diffusione di un e-mail truffa ai danni della Banca di Cividale. Ancora una volta l’intento dell’e-mail è quello di spingere la potenziale vittima a visitare l’apposito sito clone, raggiungibile cliccando il link presente nel falso messaggio, attraverso il quale possono essere sottratte le credenziali d’accesso (username e password) del conto corrente on-line dell’ignaro utente.Se ricevete un messaggio come quello sotto riportato, prestate la massima attenzione perché ad inviarlo non è stata la Banca di Cividale ma truffatori senza scrupoli pronti a rubare in pochi istanti i vostri risparmi.L’e-mail utilizzata:
Vêso sintût chê di chei trufadôrs ch'a vevin mitût sù un sito compagn des Puestis talianis e dopo plui di un ant a son stâts cjapâts? Lu ai a pene savût e o soi content ch'a sedi finide. Lant ator pal web a mi vevin cjapât di mire ancje mi seben ch'o no ai nissun cont in Italie stant al fat che lis bancjis a son miôr achi e, par 3 mês a mi mandavin messagjos par ch'o ledi sul lôr sito a contrôlâ il gno password e vie vie.
Naturalmenti o ai passât diretamenti il messagjo al ufici di Interpol. Cumó, a ven fûr chê di Cividât...No ai bêz nancje lí ma lôr a provin distès. Cjalant sul web, o ai vidût ch'a no son ancjemó stâts cjapâts ma a nol varès di stâ tant. So vês un cont in te bancje di Cividât e ch'a no su an ancjemó dite di stâ atents, viodêt di no colâ in te trapule. Bon WE.
Par ingrandî lis fotos fait un clic parsôre.
Fai clic per ingrandire le foto.
Torna sù

01 ago 2008

Gjoldi istès / Godere lo stesso



Duncje, o eri lí ponet sul divan cun le panse plene daûr a dîmi so vevi mangjât masse o durmît masse pôc.
Al mi ere restât un font di chel bon vin che normalmenti a si scree cuant ch'a si a voe di fâ biele figure cun tun invidât e par finî in bielece un Sauterne nol ere mâl. Il pesc o lu vevi rosolât benon e al ere tenar e crocant tal stes timp. O lu vevi acompagnât di une insalatine fate a la Orson Welles ch'o vevi schiribiçât di ài e di pevar par tirâle sù un tininin e meti in contrast cun le molece dal saracen ch'o vevi scuignût cuei in lès e cuinçâ dome cun tun tic di vueli parce ch'o no vevi in cjase ni spongje, ni formadi gratât.
Po ben, savêso cê? In tune setemane o ai smagrât di doi chilos. Chest, dome parcé ch'o ai cjapât le abitudin di no mangjâ da cene che frute o verdure. Alore, a misdí o mangji cemût ch'o ai voe e tant ch'o eri lí sodisfat a gjoldi ce ch'o vevi in te panse o ai ciapât il libri di Michel Montignac: Cemût smagrâ fasint pascj d'afârs.
Us lèi un paragrafo de pagjine 144: So bevês vin a digjun, l'alcol al và diretamenti tal sanc e al é metabolisât imediatamenti e trasformât in insuline e mitût da bande come lis materiis grassis par siervî in câs di bisugne. Esal il vuestri câs? Se invesit, l'alcol al incuintre aliments tal stomic, al é asorbît par lôr e al và tal cuarp plui ben planc. A si puès duncje dî ch'al é miôr di bevi vin il plui tart pussibil durant dai pascj e no bevi âghe cun lui. Infat, le âghe mascedade cul vin a puarte l'alcol tal sanc prime che le digjestion a scomenci e al é como sa si beves vin zence mangjâ. Cjapait duncje le abitudin di no bevi âghe mangjant ma di bevile enfre i pascj. Uf, Il timp di tradusi par talian e la mê digjestion a sarà finide.

Dunque, ero lí coricato sul divano con la pancia piena e stavo chiedendomi se avevo mangiato troppo o se avevo dormito poco. Avevo finito il pasto con un fondo di quelle bottiglie che stappi per far bella figura quando hai un invitato. Il pesce l'avevo rosolato per bene ed era soffice e croccante nello stesso tempo. Accompagnato con un'insalatina fatta alla Orson Welles ma schizzettata di aglio e pepe per tirala sù ed opponerla al sapore insipido e molle del saraceno
cotto in lesso e condito solo con olio perché non avevo in casa ne burro né formaggio gratuggiato. Ebbene sapete una cosa? In una settimana ho perso il cuscino d'amore che si era formato in tre chili di qua e di là della cintura. Tutto questo, seguendo il libro di Michel Montignac
che spiega che la sera, non si deve assolutamente mangiare pasti lordi da digerire ma solo roba leggera come frutta e verdura e possibilmente verso le 17,18 in modo che la digestione sia finita prima di andare adormire. Vi leggo un paragrafo dalla pag: 144:
Se bevete vino a digiuno, l'alcol và direttamente nel sangue ed é trasformato in insulina e messo in riserva come le materie grasse per servire in caso di necessità. Se invece l'alcol scende a stomaco pieno, é assobito dagli alimenti ed é metabolizzato poco a poco, con la digestione degli alimenti. Si puó dunque dire che più gli alimenti sono difficili da digerire e più l'alcol avrà bisogno di tempo per essere trasformato. Ber acqua durante il pasto, accellera l'assimilazione dell'alcol e non é per niente raccomandato. Anzi, più tardi si beve durante il pasto e meglio é. ...Ma dovevo assolutamente finire quella bottiglia:-)

Si dîs par dî / Si dice per dire

Lant in Friûl o ch'o dismonti a Vignesie o ch'o dismonti a Trevîs. Li o nolegji une machine e o voi sù ator pal Friûl. Par tornâ a cjapâ l'aereo, le gnot prime al é miôr so le passi dongje dal aeropuart e alore o voi da Renzo a Trevîs.
Pes anguilis nol é ch'o ledi mat ma le sô specialitât le ai zerçade d'istès e no ere mâl. Us dîs cussí no par faus lâ ma juste parce ch'o ai cjatât le so publicitât tal gno blog. Tar chiste publicitât A nol é ch'o vuadagni alc ma mi soi iscrit da Google par ringraziâlu de opurtunitât di dâmi un spazi gratuît pal blog. O vevi bielzà vidût ch'al meteve publicitâts ch'a no erin azecadis par nuie ma chiste vôlte a puedin siervî.

° ° ° *


Quando vado in Friuli, o scendo a Venezia o a Treviso con l'aereo. Poi noleggio una macchina per andare in giro per il Friuli. Per riprendere l'aereo mi conviene spesso di dormire vicino all'aeroporto la sera prima ed é alla locanda da Renzo che uso andare. Non che sia un fedele perché non sono fedele che ai miei princípi ma da Renzo sono stato contento. Non perché le anguille mi piaccino ma la sua specialità non era male. Dico cosí solo perché ho trovato nel mio blog una sua pubblicità messa da Google. Non é che guadagni soldi ma ho autorizzato Google senza che me lo chieda per ringraziarlo dell'opportunità che mi dà di avere uno spazio illimitato per questo blog. Non dico cosí perché ci andiate ma giusto per fare un post:-)