I miei Video clips furlans

Loading...

30 set 2008

Nethrone trono internauti




Al ere ore che cualchidun a lu fasès. O vevi vût le idee di fâ il gno bielzà 14 agns fa e o vevi cjatât un sponsor pront a finanziâ. Daspó il lavôr no lu vevin mai podût scomençâ. Chest achi al é american e al si puès inclinâ cemût ch'a si a voe fracant sun tun baton. Come dal dentist:-)
Nuie da dî. Al é perfet. So scomençais a vê mâl di schene, al sarès ore di fâus fâ un regâl. Al mi displâs dome ch'o no puès fasiusal jó parcé ch'al coste 1800$ e che nissun, al salon de Cjadree di Udin al vedi vût le idee di fâ alc di simil a un prêsit plui romanin...Oops cristian.
Moralitât: Sa tu âs une gnove idee, realizile subite prime ch'a deventi vecje e ch'a no cji interessi plui...E prime ch'a le fasi cualchidun âti:-)
*** °

Era ora che qualcuno lo facesse e questa ditta americana lo ha fatto. Modestamente, avevo avuto l'idea di farne uno quattordici anni fa ed avevo già trovato un cliente pronto a sponsorizzarlo ma per via del lavoro, suo e mio, non l'ho mai incominciato. Questo é veramente perfetto. Si inclina a volontà premendo un bottone. Come dal dentista:-)
Se incominciate ad aver mal di schiena, vuol dire che rimanete troppo tempo nella stessa posizione davanti al PC. Fatevelo regalare per 1800$ oppure aspettate che arrivi al salone della sedia di Udine sperando che non arrivi tra dieci anni.
Moralità: Se hai una nuova idea e che non la realizzi subito non la realizzi più perché quando nel tuo cervello s'é invecchiata non t'interessa più... Ma non ho ancora detto l'ultima parola...

Putin put out


Il ritratto di Putin sembra fatto ieri ma invece é stato fatto 400 anni fa da Giovan Battista Della Porta per il suo trattato di fisiognomonia nel quale mostrava la correlazione fra certi visi umani e gli animali. Il suo lavoro era poi stato ripreso dal pittore Le Brun cento anni dopo. Ho trovato per caso questa somiglianza molto curiosa e la condivido.

29 set 2008

Il gjat di agne Lene / Il gatto di zia Lena

-Vedi la versione in italiano sotto.
Daspó une gnot di lamentazions ch'o crodevi di vê insumiât, une domenie buinore da me agne Lene o ai vidût un tuiut sun tun arbul di là de strade. Alore o soi lâ vie cun le scjale, ma plui o cirivi di udâlu a vignî jù e plui lui al lave in sù.Siché par fâle finide lui ai cjapât pal copin e lu ai butât jù enfre il vosâ di Agne Lene ch'a rivave in chel moment e ch'a no ere dacuardi sul gno metodo speditîf. Naturalmenti jê tant ch'a cridave su di me a cjapave il tui tal grimp e il tui impaurît des sôs vosarîs al cirive di scjampâ.
E cussí, il tui, da piçul mone al é deventât grant e cumó sa tu i contis le storie dal arbul al fenç di no impensâsi o al si ufint come agne Lene sa tu rits des sgrifignadis che 'l tui i veve dât. No si disial tâl gjat e tâl parone como ch'a si dîs tâl mâri e tâl fie?
Cul so pêl rós come chel di un leon, par fuarce che cuant ch'al jès al si dà ariis di maço e al cjale ducj cun indifarence.
Chei âltris gjats a no si fidin di vignî a cavilâ cun lui ni i lôrs parons cun agne Lene ch'a pretint ch'a son lis gjatis ch'a si barufin cun lôr par cirî di sei favoridis dal so ros di gjat.
Baste viodilu traviersâ le strade cuant ch'a passe chê visine par menâ a spas i soi 5 cjans. Il prin al si bute diretamenti sul gjat come par muardilu ma al si ferme dut tun colp come mortificât. Il gjat al si volte a pene, a lu cjale cun disden dal bas in âlt tant che agne Lene a cjale dal âlt in bas le parone dai cjans e al continue di lâ indenant cun le stesse calme zence fâ atenzion al baiâ dai cjans al pivetâ des machinis, al cridâ de parone dai cjans o a agne Lene che a à simpri pôre che une dí al si fasedi cjapâ sot o parsôre da cualchidun e ch'al sà che ancje vuê a é lí cun le scove in man par fâ scjampâ chel mone di cjan ch'a nol capís mai nuje.
Di là de strade al si ferme come s'al ves voe di tornâ indaûr par provocâ il destin o fâ pôre a agne Lene ma di nascuindon al misure le distance e cun tune elegance indolent che dome lui al cognós, al salte sù su la mê machine, so soi aí, o su le prime ch'al cjate avonde nete par lâ a poiâ il so cûl di aristogjat e lassâ il stamp di cualchi talpe. Là sentât, al zire il cjâf come par mostrâ ducj i soi profîi e i soi vôi di lazaron, po al si distire come par mostrâ i muscui o lis ongulis, al sossède par mostrâ i dincj e finalmenti al si ripoe jù ae egiziane dopo vê dât une cjalade, une nulide e une esplorade di vorêlis tor ator.
Naturalmenti Agne Lene a i fâs notâ che chê çuite ch'al à a pene cjapât daûr de cjase a é bielzà aí daûr a lecâsi tal balcon di devant e lui al fâs finte di no viodi chei doi cjavuts ch'a spontin fûr de cîse e ch'a cirin di fâsi viodi.
Lui al al siare i vôi come par durmî tant che agne Lene a poe le scove e a siare le puarte par lâ a fâ le masarie ma a si viôt ben che s'al à i vôi scierâts al à lis vorêlis ch'a sbisíin ce ch'al sucêt ator. Ma nuje a lu fâs movi. I doi cjavuts a saltin fûr e si mostrin fint in te code. No sono dôs mulis? A si disarès ch'a son prontis par passâ il lôr prin esamp cun lui ma no san ce ch'a ur spiete e agne Lene ch'a spie dut pe bûse de sieradure a cîr di viodi ce ch'al sucêt.
A lui, lis mulutis ch'a cíulin par nuie e ch'a fasin tantis smorfis prime di lasâsi fâ a no i vadin masse. Lui al à lis sôs preferencis e ai plâs le gjate dal ecologjist o chê dal plevan. Chês sí ch'a son fricis, ve! Simpri prontis e simpri plenis. Par furtune i lôrs parons e an argoments cuintri la contracezion e avonde cognossints par plaçâ i tuis ch'a nassin. Dutcâs, se propit a insistaran, o a une o a chê âltre, o a dutis dôs, al cjaparà chês dôs friçutis par daûr e, como ch'a si devi, tant ch'a lis tegnarà fermis cun lis talpis di devant a i muardarà il copin par che no si zirin a fâ scherzos e prime ch'a vedin dite un bee o un miao a ur fasarà la sô rabit injection e mandi.
Daspó, se le lôr parone a lis puartarà dal veterinari a fâlis spadâ lui al fasarà como agne Lene, como l'ecologjist e como il plevan cun lis lôr paronis: A no lis cjalarà mai plui.
°°° *

Rosso, leonesco, indolente ma sempre pronto a saltar su una gatta che non faccia troppe smorfie, questo é il gatto di Zia Lena. L'avevo trovato che piagnucolava sù un albero una domenica mattina che stavo da lei.
Per non farmi graffiar troppo, l'avevo preso per la pelle del collo e buttato giù mentre zia Lena che accorreva mi sgridava come se l'avessi messo io sull'albero.
Per forza che il gatto adottó la zia anche se spaurito dalle sue grida contro di me la graffiava mentre cercava di tenerlo in braccio.
Adesso, il gattino é diventato grande e se gli racconti la storia dell'albero o non ti crede o si offende come zia Lena che pretende che i gatti non si fidano a baruffarsi con lui ma si baruffano con le gatte che vorrebbero tutte andar con lui.
Del resto, tale é la zia tale é la bestia, eccolo che attraversa la strada noncurante e solo un pó insolente mentre passa quella vicina per la passeggiata dei suoi 5 cani.Il primo cane che non ha mai il guinzaglio, appena vede il gatto si getta su di lui e come ogni volta prima di azzannarlo si blocca e torna indietro. Il gatto lo guarda con disprezzo dal basso in alto come zia Lena con la scopa in mano guarda dall'alto in basso la padrona dei cani. Lui, consapevole della sua superiorità continua il suo cammino senza curarsi dell'abbaiare dei cani, del suonar dei campanelli o clackson delle bici e delle macchine né delle paure di zia Lena che gli dice sempre che un giorno si farà prender sotto o sopra da una macchina.
Dall'altra parte della strada si ferma come se fosse indeciso sul continuare o sul tornare indietro per rifare la scena ma invece senza farsi vedere prende la misura e con un'eleganza tutta felina salta sul cofano della mia macchina se sono lí, o quella che gli capita se é abbastanza pulita per farci cualche impronta e posare il suo culetto di aristogatto.
La zia, gli fa notare che la gatta che lui s'é appena preso dietro casa, si sta già facendo vedere dalla finestra di fronte ma lui non ci fa caso. Si siede girando la testa a destra e a sinistra come per far vedere tutti i suoi profili ed i suoi occhi hollywoodiani e con un'indolenza tutta sua si stiracchia come per mostrare tutti i suoi muscoli e le sue unghie, sbadiglia sfacciatamente per mostrar tutti i denti e tutta la lingua e si accovaccia giù alla egiziana dopo aver dato un'ultima occhiata in giro, socchiude gli occhi, poi li chiude del tutto e drizza il naso e le orecchie per vedere se quelle due testoline che aveva visto spuntare dalla siepe si fanno avanti.
Infatti, zia Lena, posa la scopa e chiude la porta per andare a lavare i piatti ma invece guarda cosa succede dal buco della serratura e loro si fanno avanti. Adesso potrebbe vederle fino alla coda ma lui preferisce tenere gli occhi chiusi e far girar le orecchie comme un radar per confermare al suo naso quando saranno arrivate a portata di zampa.
Sa già che sono due nuove ragazzine. A lui le ragazzine che fanno tante smorfiette e tante storie prima di farsi acchiappare gli danno fastidio. Preferisce le adulte e specialmente la gatta dell'ecologista e quella del parroco che sono sempre pronte quando non sono incinta.
Quelle si che sono gatte! Per fortuna, i loro padroni hanno tante relazioni che non hanno mai difficoltâ per piazzar la prole ma, se le due ragazzine insisteranno, forse le prenderà anche quelle. Una alla volta e mai di più. Loro non se ne rendono neanche conto del pericolo che corrono quando lui fa finta di dormire sul cofano di una macchina.
Quando succederà sarà troppo tardi, lui sarà piombato giù, le avrà immobilizzate tenendole sotto di lui con le zampe anteriori e per impedirle di fare scherzi, con determinazione, terrà ferma la loro testa azzannandole per la pelle del collo mentre come i conigli fanno la loro iniezione lui farà la sua. Poi se il loro padrone le farà operare per non esser più in cinta, lui farà come il parroco, come l'ecologista e come zia Lena, non guarderà più ne le gatte né i loro padroni.

27 set 2008

Patti chiari e...



O ai fat un pat cui ragns i rains e i rais. Jó ju lâssi fâ sù le lôr telarine enfre i ramazs des plantis. ch'a son dongje dai balcons in cambio lôr a fermin dutis lis moscjis e i moscjins ch'a vuelin entrâ in cjamare o te cusine. Il modus vivendi, sa nol é un biel agreement al é simpri util par lôr e par me. Oramai o puès lassâ i balcons vierts. Semai une moscje o un moscjin al passe le frontiêre o le cjapi jó e o voi a puartâle a un dai rains. Va ben, cualchi vôlte a son cussí masse passûts che so ai copât le moscje dal dut lôr a no ur interesse plui e o scuen mangjâle jó:-) Daspó o scuen stâ atent che cul frêt ch'al scomence a fâ a no cjapin le corse par cori daûr aes moscjis e a vegnedin a fâmi lis telarins enfre lis gjambis tant ch'o duàr vie pe gnot:-)
Dutcâs al bisugne viodi cuant ch'a son plens di fan cemût ch'a corin subite a cjapâ le moscje par involuçâle cun doi trê zîrs te telarine par ch'a no riscji di scjampâ o ch'a no si movi masse tant ch'a tachin a ciuçâlê.
Il plasê di viodi un rai predatôr, ancje cussí piçul fa le fieste a une moscje al é di sigûr un plaserut di mone che vualtris forsit o no cognossês parcé ch'o sês abituâts cun Rai uno e Rai Vespa, Rai Mosca e Berlusca ma nissun a us impedís di stâ a cjalâ cemût che l' rai al suie e svuêide le so moscje in tune ore e so non vês avonde o cjapais il rain e o lu dais al vuestri canarin ch'a lu mangji cun tune becade, daspó da vêrs canàis tirâts sù cun Goldorak, o dais il canarin al gjat par ch'al zui come un mat par un'altre ore e, a pene ch'a lu varà mangjât o clamais il mastin de vissine par ch'al si gjoldi il gjat ch'al a simpri volût zerçâ e finalmenti o copais il cjan de vissine par vendicâ il gjat, il canarin, il rain e il moscjin e o lu puartais al ristorant cinês indulà ch'o no vês mai savût ce cjar ch'a us davin da mangjâ e cussí o fasês un pat cui cinês prime ch'a vedin chê di mangjâus ancje vuâltris nûts e crûts:-)
Infat, no si disial che i cinês a taule a mangjin di dut, mancul lis cjadreis e i pîts de taule? Daspó, cumó ch'a son daûr a fâ in Cine dut il made in Italy e il made dal rest dal mont, e an l'apetit simpri plui grant e al é mîor di doprâ le diplomazie e fâ un pat di non beligerance. Hé, patti chiari e...Tant che dure!
°°° *
Ho fatto un patto coi ragni. Li lascio vivere in pace tra i rami delle piante che sono sul terrazzo e loro mi bloccano tutte le mosche e le zanzare che avrebbero voglia di oltrepassare il confine per entrare dalla finestra in camera o in cucina. Il modus vivendi, anzi l'agreement, il patto funziona. Devo solo far attenzione che col freddo che sta arrivando i ragni rimangano di fuori con le loro mosche e non vengano a farmi le loro ragnatele tra le gambe mentre dormo. Anzi, per farmi ben capire, se una mosca entra in casa, la prendo subito e la porto ai ragni. E vero che qualche volta i ragni sono dei mangia pane a ufo e se porto loro una mosca che non si muove più, loro non la vogliono e me la devo mangiare io.
Peró, bisogna vedere lo spettacolo di un ragnaccio che corre verso la sua preda e in men che non si dica, te l'imprigiona girandola nella ragnatela prima di incominciare a svuotarla viva. Forse questo piccolo piacere d'ingenuo voi non lo conoscete perché siete forse abituati alle emozioni Rai Uno, Rai Vespa, Rai Mosca e Berlusca ma nessuno vi impedisce di provare.
Poi, se l'emozione col ragno non vi basta, date il ragno al vostro canarino e il canarino al vostro gatto che poi offrirete finalmente al mastino della vicina in modo da poter ammazzare il cane per vendicare il gatto, il canarino, il ragno e portare il cane a quel ristorante cinese dove non avete mai saputo che carne avete mangiato per la comunione di vostra figlia. Là poi fate un patto di non belligeranza...Prima che ai cinesi non venga voglia di mangiarvi voi poiché da quando fanno in Cina tutto il made in Italy e il made nel resto del mondo hanno l'appetito sempre più grande.

23 set 2008

Il poleâr dal pît / L'alluce valgo

Ogni femine e à le sô maniêre par mostrâ le sô feminitât. O ben tal cjaminâ o ben tal vistî o tal cjacarâ, a rivin simpri adore a conquistâ cualchidun e oramai disin ancje cualchidune o amancul a plasêsi a lôr stessis.
Nô omps, biâts, un nuje nus fâs lâ sù di zîrs e o vin ducj ricuarts ch'a deventin ideis fissis ficjadis tal cjâf come un claut e ch'o tirín fûr pe butêghe ogni vôlte ch'a si à un moment da butâ vie.
Po ben, nol é che un pît di mule al mi vedi mai marcât par fâ un fetiç ma che âltre dí o ai cjatât un grum ninín chel da mê vissine. A voleve mastrânus lis fotos ch'a veve fat in vacance in Messico. Inutil dî che dal Messico a no si viodeve nuje di nuje ma dome jê cun jê su le spiagje sentande cussí, sentade culà, poiade jù, sgrufuiade là e simpri, ma simpri cun tun pît tal sandul o platât sot dal savalon e chel âltri biel in viste par mostrâ ce ben ch'al stave cul rest des gjambis. Al mi someave bielzà evident che le sô naturalece a ere un tic masse civetôse ma cjacarant a mi diseve ch'a veve mâl tal pît plui di prime.
Ma o i domandi: Prime di cê, e cê pît, chel ch'a nascuindeve? E alore a si é indacuarte ch'a scuignive dînus ce ch'a nus veve tignût platât da 6 mês e ch'a si ere fate operâ dal poleâr valgo dal pît. Ma dome in tun pît, apont. Chel ch'a mostrave simpri dapardut. Viodin se l'ant ch'al ven nus mostrarà i doi pîts savint che ancje se operade e à ancjemó plui mâl di prime ma, cui puedial impedî lis feminis di fâsi mâl par fâsi plui bielis? Forsit chel di chest blog.

°°° *

Ogni donna ha il suo modo per mostrare la sua femminità. Sia nel camminare, sia nel vestire, nel parlare, nel muoversi e, anche le sportive che oggi diventano anche più muscolose degli uomini riescono a sedurre qualcuno e diciamolo pure alle volte qualcuna ed in ogni modo a piacere a se stesse.
Noi uomini, poverini, un niente ci fa andar su di giri ed abbiamo tutti i nostri fantasmi nati dai ricordi che poi diventano idee fissate in testa come un chiodo che cerchiamo di tirar fuori dalla bottega ogni volta che abbiamo un momento da buttar via.
Non ho mai trovato un piede di donna tanto interessante da farne un feticcio ma il piede della mia vicina vale qualche linea. L'altro giorno ci mostrava le foto delle sue vacanze in Messico. Naturalmente del Messico non si vedeva niente di niente ma solo lei di lei seduta sulla spiaggia,impiedi, appoggiata, distesa su tutti i lati come si fa per cuocere una bistecca in una padella.
Sola cosa strana dopo la dodicesima foto, l'ostensione evidente di mostrar solo un piede come se fosse l'unico modo di mostrar le gambe. Questa naturale ostensione mi pareva già una civetteria femminile ma parlandogliene mi disse che aveva male nel piede più di prima.
Ma chiedo : Prima di che, e quale piede, quello nascosto?
Cosí ha dovuto dire quello che teneva nascosto per sei mesi: Si era fatta operare dell'alluce valgo. Ma appunto, solo in un piede. Quello che mostrava dappertutto. Ho trovato questa "coquetterie" molto carina. Adesso vediamo se sapendo che ha ancora più male di prima si farà operare l'altro piede.Appuntamento all'anno prossimo al ritorno delle sue vacanze. Chi mai puó impedire una donna di farsi male per farsi belle? Forse quello di questo blog. Il bello é che prima nessuno lo sapeva del suo alluce valgo e adesso lo sanno tutti:-)

TOP

22 set 2008

El muezzin di Acuilee / Il muezzin di Aquileia


I concerts in tes glêsiis a deventin simpri plui frequents.Dutcâs, A Acuilee, sabide o eri tai prins bancs par assisti al concert cun grande orchestre e grancj coros di Marian dal Friûl anunçât come Concert pai Agnui. Naturalmenti, dopo il concert sù Edith Piaf in tune glêsie di Bruxelles, o eri pront a dutis lis pusibilitâts massime che il compositôr Karl Jenkins al é un inglês.Infat, al à mitût drentri dut ce ch'al podeve par fâ une sorte di messe miscliçade di classic e di pop dedicade ae pâs. Naturalmentri, da bon inglês zence complès, cualchi provocazion al é rivât a ficjale e, le plui strambe, a ere chê dal muezzin che dal âlt de scjalinade dal altâr al intonave le sô cantilene come ch'al fos stât in somp dal tor di une moschee disint che Allâh al ere il plui grant e ch'a nondere altri diu al di fûr di lui e vie vie.
Dut chest, cun le benedizion dal plevan locâl e des personalitâts ch'a vevin il lôr puèst riservât dongje dal gno in tune glêsie di doi mil agns.
In tal non de tolerance, o sin boins di fâ di dut e o mi spiêti sot pôc che 'l pape , s'a nol à vût ancjemó l'idee di fâ une messe sù le Tor Eifel tant ch'al ere a Parigji al puedarès forsit vê l'idee di invidâ Bin Laden ae messe di Pasche a San Piêri par dânus dopo le benedizion une maledizion urbi et orbi e che Diu lu svuarbi sa nol varà succès.
Si, ma cemût erial chel concert?
Par une vôlte al mi é plasût che i coros a no giravin simpri ator di chê manie ch'andé in Friûl di cjantâ cualsiasei rôbe cun le salse litugjiche come se dut al vès di plasê ai vescui e i plevans. I coros inglês e an simpri vût alc di speciâl ancje cuant che lis vôs a van a l'unisón e tar chiste messe sinfoniche a zuiavin di spès a nascuindon cui violins.Par une vôlte o ai podût crodi che se varessin cjantât La Ligrie a no varès someât a un Chirie Eleison. Daspó, i doi e cualchi vôlte ancje trê percusioniscj a vevin un dai plui biêi rôi de orchestre che menade cun gjentilèce dal maestri Fabio Pettarín a rivave distès insomp dai crescendos cun tune tonade sbarade cul tamburon tant da fâ cjapâ un spachet al gno vissin indurmidît sot di un pianissimo.
Insome, jenfri il so ronflâ e il gno fuinâ cui vôi e lis vorêlis, saltant fûr de basiliche a nol mi restave plui che lâ a durmî a Grado e naturalmenti, cul vint ch'al faseve sdarnâ le sarecinesche dal balcon e il sorêli ch'al mi svuarbave il dí dopo al ere come se il concert al tiràs a dalunc doi dîs invesit di dôs oris ma o ai voe di ricuardâmi dome de gulizion cjapade sul ôr dal mâr ch'al vignive a studâ le sô rabie aromai studade sule sbrume dal gno capucin.
*** °
S
e il papa, più o meno benedetto, non ha avuto l'idea di fare una messa sulla torre Eifel mentre era a Parigi in WE, forse par Pasqua ci farà la sorpresa di invitare Bin Laden a farci una predica a san Pietro con tanto di benedizione et maledizione urbi et orbi dall'alto della finestra che dà sulla piazza.
Dico cosí perché sabato ero a un concerto particolare nella basilica di Aquileia che secondo quanto mi diceva prima del concerto il mio vicino é l'unica basilica ad avere muri che incominciano 300 anni prima di cristo, che continuano 300 anni dopo per arrivare nel medio evo e poi lí, sul mio stesso banco, due mila anni dopo con lui che si fa svegliare di soprasalto da una tuonata portentosa data dal percussionista in cima ad un crescendo che con l'orchestra condotta da Fabio Pettarin interpretava un'opera dell'inglese Karl Jenkins appoggiata dai cori di Mariano del Friuli. Dico cosí per dire.
Ognuno puó fare in chiesa cosa vuole da quando nelle chiese si puó ormai far di tutto.
Infatti ho visto anche un concerto dedicato a Edith Piaf in una chiesa di Bruxelles.
Comunque, tolleranza! Comprensione! Ma mi chiedo fine a che punto si debba ancora andare. Alle volte ho l'impressione che per esibire la nostra tolleranza si dimentichi di chieder rispetto per la nostra cultura. Da nuovo ateo ho lo stesso ricevuto un insegnamento religioso, hé, in Italia chi ci scappa?
L'esempio di Jenkins mi dovrebbe allora far piacere ma mi é del tutto indifferente. Infatti per la pace o per sua scielta personale, Jenkins ha anche introdotto dei testi presi qua e là nella letteratura o nell'attualità ma il più interessante é il testo che qua,un vero muezzin apparso in cima alle scale che vanno all'altare, doveva declamare in arabo come se si trovasse in cima al minareto di una moschea: Allah é il più grande ed é il solo e unico dio, venite a pregare, ecc. ecc...
Al ché, il parroco di Aquileia e tutti gli invitati assieme al pubblico hanno applauso scrosciatamente alla fine del concerto mentre io mi muovevo a prender foto mosse dall'emozione per metterle qua prima che un chierico africano venisse a dirmi che non si puó come il giorno prima in una chiesa di Venezia mentre fotografavo un quadro di Tiepolo.
Ma com'era quel concerto? Per una volta ho potuto credere che i cori friulani potrebbero riuscire a cantare La Ligrie senza che sembri sempre a un Chirie Eleison anche se per poter introdurre qualcosa di nuovo nel campo della musica classica si debba andare in chiesa per ascoltare un muezzin.

19 set 2008

La bora



As sîs di buinore o saltavi fûr dal ascensôr e o cjati in vuardian dal albergo fresc come une rôse in te rosade ch'al mi cjale sorprês. - O voi a fâ un zîr, o dîs.
-Si, si, chel vada che ghe xe una arieta veramente ecezionale de fora.
La puarte a ere bielzà viarte ma o ai sintût il vint tai vuès dome di che âltre bande de strade.
Se le sô ariute ecezionâl a no ere la Bore cuissà ce ch'a é cuant ch'a é.
***
Alle sei del mattino scendo dall'ascensore e vedo il guardiano notturno fresco come una rosa che mi guarda sorpreso.- Vado a fare un giro, dico.
-Vada vada che oggi di fuori c'é un'arietta veramente eccezzionale.
La porta era già aperta ma ho sentito il vento trafiggermi solo di là della strada. Se l'aria eccezzionale non era la Bora chissà comé quando c'é.

18 set 2008

Bon compleàn / Happy birthday


Alore pal gno complean la mê dite mi à regalât un gnûf computer Dell di 3 mil francs. Il paron, al jere assent par vie ch'al ere in Friûl e no ai podût ringraziâlu. Pecjât, o vevi bielzà preparât il discors par disi la mê gratitudin ma da un'âltre bande, o sospiêti il paron di sei lât in viaç a pueste par no dâmi le ocasion par sei imbarazât:-)
* * *
Allora, per il mio compleanno la mia ditta mi ha regalato un nuovo Dell a 3000€. Il padrone era assente per viaggio d'affari e non ho potuto ringraziarlo. Peccato. Avevo già preparato il discorso di ringraziamento ma da un'altro canto, sospetto il padrone di essersene andato in viaggio a posta per non darmi l'occasione di essere imbarazzato:-)

L'ultime Lune / L'ultima Luna

Masse crot par viergi le puarte, mi soi poiât sul so vêri par incuadrâ le lune prime ch'a s'inledi viers il cricâ dal dí.
***
Troppo nudo dentro e troppo freddo fuori per aprire la finestra. Allora mi sono appoggiato sul suo vetro per inquadrar la luna prima che fuggisse via nell'alba.
Hotel Miramare Trieste 15.09

10 set 2008

L'altece dal Atomium / L'altezza dell'atomium

videoAe fin dal estât o passavi par aí e come ducj o varès vût chê di paiâ 25€ pe une ûltime emozion e butâmi jù dai cent e doi metros dal Atomium ma come simpri cualchidun a mi à fermât: Le lungje file di spiete. Nol mi é mai plasût stâ in file.

Fine estate passavo di lí e come tutti mi sarei pagato un'ultima emozione a 25€ per buttarmi giù dai 102m dell'Atomium ma, come sempre, cualcuno m'ha fermato: La lunga fila di attesa. Non ho mai amato stare in fila.

09 set 2008

Le blave di Mortean / Il mais di Mortegliano


In Friûl la presince de blave aé segnalade bielzà tal 1620 e la tradizion de polente a é forsit plui fuarte che tal rest da l'Itale. A son in cors selezions par caraterizâ e meliorâ le materie prime: La Blave. Fint cumó, chê plui cognossude a é la Blave di Mortean ch'a sarès une farine otignude cun tune varietât autoctone di blave coltivade in tal stès comun ma ancje le blave di Levrôns a somee ch'a no sedi mâl.Dutcâs, Blave di Mortean vuê al é deventât un marchio cun dut il regolament dai marchios. La Blave di Mortean al é ancje il non di un ristorant di Mortean ch'o visitarai chest WE. Se le setemane ch'a ven o no mi sintîs al volarà dî ch'o varai mangjât masse. (Psst: Stait atents ch'a no us vegni un colp cun le musiche di sotfont:-)

Corelât/Correlato a :

http://furlanar.blogspot.com/2008/01/i-pris-i-cusins-e-lis-srs-de-polente.html
http://furlanar.blogspot.com/2008/01/polentadis.html
http://furlanar.blogspot.com/2007/12/men-de-fin-dal-ant.html

°°° *

In Friuli , dove la presenza del mais è ricordata dal 1620, la tradizione della polenta, é forse più viva che altrove. , e sono in corso selezioni per migliorare e caratterizzare la materia prima: La "blave" (il mais), come la chiamano i friulani .La migliore "blave" sarebbe la Blave di Mortean, farina da polenta ottenuta da varietà autoctone di mais coltivato nel Comune di Martegliano, e la "Blave di Levrôns", ottenuta da mais coltivato nei territori del comune di Leproso. "Blave di Mortean" è oggi un marchio che garantisce la rispondenza della coltivazione e della lavorazione del mais ai contenuti di uno specifico regolamento. La blave di Mortean é anche un ristorante che mette in valore questa gialla farina anche se nel video la seconda mescolatrice non miscia nel senso indicato dalla prima. (Psst: Attenti a non stramazzare con la musica in sottofondo:-)

08 set 2008

Fogolârs furlans

I fogolârs furlans a no son plui ce ch'a erin( Ma sono stâts veramenti trop?) Chel di Bruxelles al è doi agns ch'a nol fâs plui nuie e sí che in te polentade anuâl andere ben tresinte personis. Rârs chei ch'a cjacaravin par furlan. Dome cualchi vecjo ch'al massedave il so furlan cul francês o l'olandês e magari ancje cul talian. O pensavi ae difarence ch'andé cun le diaspore armeniane. Lôr a son como i ebreos.
A pene che un emigrât al rive, a lu cjapin sù e lu udin a cjatâsi un apartament, un lavôr...
L'ûltim esempli ch'o ai vût di une copie ch'o cognos, a mi an dite che a pene arivâts a vevi un apartament bielzà mobiliât cun lis ofiertis ricevudis. A vevin fintramai il telefonin. Chiste soliedaritât si ve ch'a é esemplâr. Da nô, al scuen vignî un taremot par ch'a si svêi il sens furlan.
° ° ° *
I fogolârs friulani sarebbero dei centri d'incontro e di promozione della cultura friulana che in certi casi potrebbero anche servire per aiutare i nuovi arrivati. Ci sono fogolârs a Roma, a Milano, nelle grandi città d'Europa, del Canada e del sud america.Negli USA, si direbbe che
questo non succede. Forse perché la cultura americana é talmente assorbente che si cerca subito di essere americani per non attirar l'attenzione. Altra cosa é invece per gli ebbrei e gli armeniani. Gli ebbrei, si sà, perché dura cosí da 2000 anni, ma gli armeniani? L'ultimo esempio mi viene da una coppia che conosco. Mi hanno detto che arrivando, avevano già un appartamento ammobiliato e perfino il telefonino già col numero di telefono.Tutto donato dagli armeni sul posto. Siccome per essere ebbreo mi sembra difficile , mi piacerebbe almeno essere armeno ma sono solo friulano e perció, come tutti, risveglieró il mio spirito etnico solo se c'é un terremoto.

05 set 2008

Porcariis / Porcherie

Nô furlans o puedín dî ch'o sin enfre i plui grants purcitârs dal mont cul prossut di San Denêl ch'a si spedís fintramai in Cine. In Cine? Justamenti, vé achi une biele purcitarie fate da un pitôr belga Wim Delvoy che sarà esponude ae mostre dal art contemporanee di Shanghai. I purcits a saran vendûts come un cuâdri e duncje ancjemó plui cjar ch'a san Denêl. Le piel a sarà incurnisade come une opare d'art cuant ch'a saran muarts.
Col nostro prosciutto di san Daniele, siamo tra i più grandi esperti in porcherie del mondo e cioé quelli che riescono a vendere la carne di suino più cara di tutti ma ecco che un pittore belga Wim Delwoy s'é messo in testa di innalzare i porci allo stato d'opera d'arte. Per far ció é andato in Cina, come tutti perché costa meno caro e che tutto é possibile, per tatuare una nuova collezione di porci scielti nei migliori porcili. Saranno poi esposti alla mostra d'arte contemporanea di Shanghai.

04 set 2008

I fioristi d'oggi

108 foto - Ingrandisci con un clic
I padiglioni delle fiere si trovano di fronte all'Atomium . Allora via alla mostra annuale . Ogni anno, i paesi partecipanti scielgono il migliore dei loro artisti in un concorso e li mandano al concorso europeo che l'anno scorso era a Birmingam e quest'anno a Bruxelles.
http://www.federfiori.it/fioristi.php La Federfiori aveva scielto Ilaria Rangoni di Venezia. Non so se ha fatto bene perché era la migliore d'Italia o se ha fatto male perché era la peggiore dei partecipanti europei. Guardate voi. M'é piaciuta l'idea della slovena con i suoi passi sospesi nell'aria sopra la sua aiuola e in genere ho trovato che i partecipanti dell'est non erano male per niente come la Polonia e la Russia. Dei belgi e olandesi mi aspettavo di più ma sono sempre nei migliori. Mentre l'Inghilterra e l'Italia parevano povere di idee, di fantasia o di mestiere, mi sono consolato con la Norvegia e una pizza di fiori che ho trovato al secondo piano nei vasi per caso dei fioristi belgi tutti molto professionali. L'Italia che si chiama anche giardino del mondo é molto indietro in questo campo. Che sia perché il mercato dei fiori é sopratutto diretto verso le chiese e pochissimo verso il piacere di offrire?

02 set 2008

A taule / A tavola

In te mostre de decorazion floreal une sezion a ere fate par mostrâ cualchi taule preparade cun gust dai partecipants. So cirîs ideis pes grandis ocasions, cjalait lis fotos.
°°°
Nella mostra Florex c'era una sezione dedicata alla decorazione dei tavoli. Se cercate idee per le grandi occasioni guardate le foto.

Regâl / Regalo



Jar ae mostre europeane de decoazion floreâl o ai cjatât plen di ideis. Chiste a sarès le butilie da mandâ in tune cassete via Interflora. Se il regâl ch'o vês da fâ a nol é di mandâ di che altre bande dal mont, o comprais une butilie e le acompagnàis cun cualchi rôse magari di chês ch'o vês cjatât il WE tal stès puèst indulà che a jê a i ere tant plasût.
* * *
Ieri alla mostra europea della decorazione floreale ho trovato un sacco di belle cose tra le quali l'idea di mandare una bottiglia vestita di fiori. Se il regalo che dovete fare non dev'essere mandato dall'altra parte del mondo, potete comperare una bottiglia e presentarla coi vostri fiori appena colti il WE magari nello stesso posto dove l'avete conosciuta:-)