I miei Video clips furlans

Loading...

30 ott 2008

O ce biel cjisciel a Udin

L'assaggino / La cerce

Ancje s'al é il puest plui cognossût dal Friûl, so lais sul cjisciel, o sarês sorprês di viodi trope pôcje int ch'andé lassù. 
Ch'al sedi il fat ch'a no si puès lâ sù che a pît? 
Ch'al sedi il fat che Udin, vidût da l'âlt a nol é cuisà cê? 
Il cjisciel in fat al é un museu scuadrât como une caserme e ch'al tire pôcje int al di fûr dai fruts des scuelis. Cualchi vôlte andé cualchi atrazion. Cumó che i baracons de place prin di mai, a laràn fûr di Udin, a nol restarà che un puest calm como ch'al é simpri stât.Se amancul e varessin mitût i baracons a lassù a nol varès stât mâl par animâ il lùc.
Altris gjenerazions di zovins a laran a lassú par fâ un zîr cun le pueme po e laran cun le femine e cui fruts e finalmentri di lâ cui nevôts e di lâ da pensionâts. E ogni vôlte, come ducj, e laran a bevi in te fontanute in somp de ribe.
Ma il cjisciel al é deventât famôs pe cjançon che ducj e cognossin a memorie amancul pe prime strofe. Une vilote. Tipiche vilote indulà che lis peraulis a son stadis fatis da no si sà cui como ch'a si faseve prime pes cjançons popolârs. Ches fat al nus mene a notâ che bielzà in te prime strofe le finâl a no é simpri compagne. Cuanchidun al finís disint O ce biele zoventût e âltris disint, no si cjate in nissun lùc.
Daspó, chês âltris strofis a somein lâ a passóns par lôr cont zence vê veramenti nuje a ce fâ cun le prime strofe o enfre di lôr. Siché, sa si varès di voltâle in tune âltre lenghe a cualchidun a no si puedarès spiegâ il parcé che un al tache a vantâ un cjisciel e po al si met a cjacarâ dai cjargniei cun le pipe in te sachete ch'a vegnin jù de Cjargne cence un fregul di tabac. Ma di indulà puedino vignî i cjargniei se no de Cjargne?
Alore, jó che cjargniel o soi stât ma che il tabac a nol mi é mai mancjât tant ch'o ai fumât, come ducj i furlans o soi leât al Friûl par no sai cê di atavic e chiste cjançon o eri fintramai obleât di cjantâle cul plevan ch'al nus menave ator in coriere da zovins. Le cjançon a mi é restade tal cjâf. Al mi fâs dome dûl di sintîle cjantâ par ducj i grancj coros furlans in te stesse maniêre. No dome par vie che lis corâls furlanis a son simpri stampadis par cjantâ messis e che i arangjaments a son fats ducj in te stesse maniêre ma soredut parcé che lis peraulis a no an nissun sens. Infat, ce sens aial di fâ un coro di trente coriscj sapientamentri orchestrât da un maestri ch'al mene i braz e le bachete par doprâ peraulis zence sens?
Dutcâs, o vevi chê di fâ le mê version e no vevi voe di fâle zence dâi un tic dal gno tabac. Par me, le melodie a é masse romantiche par no doprâle fint insomp cun peraulis ch'a restin sul sogjet. 
O partis dal fat che le vilote furlane a ere simpri stade doprade in te stesse maniêre. In tune compagnie, un al intonave le cjançon magari inventant lis peraulis parcé che le version ch'al veve sintût prime a no i lave o nol veve voe di ripeti simpri chê o ben al s'impensave de melodie ma no des peraulis. Al cjantave le prime linie e chei âltris a ripetevin in coro. Le melodie sempliç a podeve siervî a di ducj e cuissà tropis ridadis o boins moments ch'a son nassûts condividûts enfre di lôr e ch'a no son mai lâts fûr di une serade in tun paisut spierdût dal Friûl o de Cjargne. In chê vôlte, a nol ere como cumó indulà che dut al é fat par meti in valôr l'individuâlism. 
Duncje o ai cjapât le prime strofe e le ai fate finî in tune âltre manière par podê continuâ a stâ sul cjisciel zence lâ ator pal Friûl di bant. In font, o ai rispietât le tradizion ch'a ere chê di cjapâ une melodie popolâr e zontâ altris peraulis a secont dal puèst o dal gust di chei ch'a vevin voe di cjantâ zence dismenteâ un tic d'ironie. Vuê, chest al si dopre par fâ i soccer songs, ven a stâ i cjants di vuere doprâts tai stadios durant lis partidis di balon.

Lis peraulis


O ce biel o ce biel cjistiel a Udin (x2)
O ce biel cjisciel a Udin o ce biel di lâ lassù (x2)
E lâ sù a lâ sù cun tune pueme (x2)
E lâ sù cun tune pueme ti ven voe di fâ l'amôr (x2)
Se lâ sù, sù pe ribe a ti cji strache (x2)
Andé chê agute frescje 'te fontane cuintri il mûr (x2)

16 ott 2008

Udine fossilizzata dissal Grillo


Cê ch'al fâs ridi i furlans
-Udin al é fossilizât, dissal Grillo, daspó ch'al contave che par miezore al a scuignût cjacarâ di bessôl tal mieç dal "solitUdin" desertic.
E jù a ridi i 3500 furlans dal Carnera!
So lu varès dite jó nissun al varès fat un bê. Como simpri, le nestre furlanitât a é plui vere s'a jès de bocje dai forèscj. Ma vino propit di ridi sardonicamenti cuant che invesit a si varès di vaî? Daspó, al dîs Grillo che Udine al si dîs Udin, che vigile al si dîs vigil ma che mone al reste compagn. E jù ancjemó 3500 ridadis tant che Carnera al si zire e rizire in te sô tombe!
S'al vès dite che mone a si dîs frice al varès fat ridi cun plui plasê ma vino veramenti bisugne de veretât par viodi trop mones ch'a si é? Nô o ridin d'istès!
Ridi sardonic par no vaî disperât?
- La prime presentazion de Patrie, che o vin fat a Sant Denêl, mi à pardabon sodisfat, dissal Christian tal so blog. Achi nissun al rideve. Ni chei 6 sentâts par cjacarâ, ni chei 15 sentâts di chê âltre bande.Robe masse serie e nissun Grillo par contâ 'ne monade.
Cuâl sarae le prossime ridade? Chê dal funerâl dal ûltin furlan?
Se invesit di sei furiôs o sin juste Fùrios o no varin di spietâ masse...Gri, Gri, ven fûr di aí !

7 ott 2008

Furlan di mâri / Di madre friulana


Lant pal mont a no si piert dome l'italianitât a si piert ancje le voe di jessi talians.
Lis tentazions a son masse grandis par sei dome talian o dome furlan parcé che le societât indulà ch'a si vîf nus aspire drenti come in tune plêre e plui a si viaze e plui a si gambie di opinion. Cussí, vignint fûr de stesse famee, doi fradis ch'a son lâts a finî in tun paîs difarent , cuant ch'a si ricjatin a son deventâts stranîrs un cun l'altri. Se po e an mitût sù famee al é ancjemó piês. I fruts a son boins di cjalâsi ancje di stuart.
Jó cun gno fradi in France e me sûr in Piemont al é come sa si vignís di trê fameis difarentis.
L'unic furlan ch'al reste o soi jó ma o soi dome furlan di mâri. Di pâri o no lu sai. Pal gno aniversari forsit o lu savarai ma o soi furlan di mâri. Insome o soi un Pasolin in miniature e par chel o mi sint plui fradi cun lui che cun gno fradi e me sûr. Ansit, Fracait achi sot e on savarês di plui. Mandi, us lâsi cun tune ûltime riduçade sperant che dut al ledi ben par vuâltris.


Girovagando per il mondo, non si perde solo l'italianità, si perde perfino la voglia di essere italiani. Voglio dire che le tentazioni sono troppo grandi par rimanere solo italiano o solo della tua regione perché la società dove vivi ti aspira dentro come in un vortice e più si viaggia e più si cambia di opinione. Cosí, due fratelli che sono emigrati in due paesi differenti, quando si ritrovano sono come due stranieri. Se poi si sono sposati é ancora peggio. Io che ho un fratello nel sud della Francia e una sorella in piemonte ho sempre l'impressione che usciamo da tre famiglie diverse.
L'unico friulano che rimane, sono io benché sono solo di madre friulana. Di padre non lo so. Per il mio compleanno forse lo sapró ma come Pasolini, sono di madre friulana e per questo mi sento più fratello con lui che con mio fratelllo e sorella. Anzi, se guardate il video, ne saprete di più. Mandi, vi lascio con un sorriso sperando che tutto vada bene per voi.

Post correlati: Il fradi di Pasolini/Il fratello di Pasolini

Altre lezioni di friulano : http://it.youtube.com/watch?v=5POzRbPqk-o&feature=related

http://fr.youtube.com/watch?v=Iw8Ra1xKVMs&feature=related

Un grand bonjour à tous les français qui passent par ici:-)

6 ott 2008

Lenghis simpatichis e antipatichis / Lingue OK e KO


Il Janez, al conte tal so ûltim post un esempli ch'al puès nassi vis-à-vis di une situazion e invesit de tolerance ch'al puès nassi in te stesse situazion se i personagjos a son difarents e al spiêghe cemût ch'a son lis reazions dai austriacs sa sintin cjacarâ in francês o in turc (Pal francês a cjatin simpatic e pal turc a cjatin antipatic).In tes Flandris, ch'a sarès dome le regjon al nord di Bruxelles a mancul di un km di cjase mê, invesit, nissun al varès le simpatie parcé che an un complès talmenti smisurât pal lôr dialet olandês ch'a volaressin che ducj a lu cjacarassin.
Al bisugne ancje dî che par plui di un siecul le lôr lenghe a é stade vilipendiade e tolete pal cûl sêti dai olandês lôr stès, che dai todescs e soredut dai francês.
Tai agns 70, un italo- francês ch'al si clamave Colucci ma che in francês al si ere fat Coluche,al é deventât popolâr inventâtant ogni dí une blague belge (Barzelete). Tal stès timp, Jacques Brel, ch'al declarave di sei fiamingo ancje s'al cjantave par francês, al veve fat une cjançon par toliu pal cûl (Les Flamandes) e , nuje da fâ, ancje il lôr plui grant poete Emile Verhaeren, o il scritôr Michel de Ghelderode e an dut scrit par francês. Duncje us domandarês alore parcé ch'o stoi achi a scrivi par furlan rôbis ch'a no interessin a nissun furlan cuant ch'o puedarès scrivilis in amancul trê âltris lenghis. O mal domandi ancje jó:-)
Achi sot i miei Udinasi fats par poni i ocjâi e dâ un messagjo ch'a mostrin sule lenghe e ch'o us ai bielzà mostrâts un ant fà ma o crôt che par tirâ la metât de atenzion de metât di un furlan, mostrâ il cûl a nol sarès immó avonde:-) Alé op, ridín ch'al fâs ben.


Janez, racconta nel suo ultimo post un esempio sulla reazione degli austriaci vis-à-vis della gente che sentono parlare in francese o in turco. Per i francesi, la reazione é simpatica, invece per i turchi é antipatica. Questo dipende dai protagonisti, naturalmente, perché se le stesse situazioni si presentassero nelle Fiandre, sia il francese che il turco sarebbero respinti con disprezzo...E siamo nel bel mezzo dell'Europa!
Bisogna peró che dica che i fiamminghi sono spesso stati vilipendiati e presi in giro dai loro vicini per via della lingua che adoperano e perfino dagli olandesi stessi.
Un italo francese che si faceva chiamare Coluche invece di Colucci é diventato il più popolare degli umoristi facendosi una specialità: Le barzellette belghe (Les blagues belges) In verità, descriveva le tipiche stupidità che noi attribuiamo spesso a Pierino. Altri esempi, perfino Jacques Brel che si pretendeva fiammingo anche se si esprimeva solo in francese fece una canzone (Les Flamandes) che prendeva in giro le donne fiamminghe ed il poeta più conosciuto Emile Verhaeren come lo scrittore più popolare fiammingo scrivevano esclusivamente in francese. Dunque, forse vi chiedete che cazzo faccio qua a scrivere in friulano allorché potrei scrivere in almeno tre altre lingue. Me lo domando anch'io:-)

Blestemis / Bestemmie

Forsit, sui 8 agns,Gjerman Moscon como me, al é stât butât par tiare da une muinie che montade su di lui a lu a emplât di sberlis parce ch'a crodeve ch'al vés blestemât e... D'in chê dí, al a scomençât a blestemâ par vendicâsi des berlis ch'al veve cjapât di bant...
Jó invesit o ai vût plui furtune di lui, o soi lât a stâ fûr da l'Italie e tant ch'o cjacari un'altre lenghe nancje no sai plui ce ch'a son. Une des rôbis ch'a si piert subite lant pal mont a é chê manie ch'a si à in Italie di meti le religjon in ben o in mâl, in dut ce ch'a si fâs e ce ch'a si dîs. Par contagjon o par necesitât, cjacarant un'âltre lenghe a si piert, sêti le voe di lâ a messe che tal stès timp le manie di blestemâ, tant al é vêr che lis blestemis dai talians ch'o cognós di fûr, a lis doprin dome par talian parcé che in chês âltris lenghis a somearèssin strambis, stupidis e cence sens come che lâ a messe al somearès ingjenuo stant al fat che le glêsie a no à nissun podê politic o economic come in Italie.
Daspó, se un a nol crôt in diu parcé passaressial il timp a ufindi cualchidun ch'a nol esist e che dutcâs a nol é responsabil de sô stupide nervositât? Se amancul al insultàs Allah o budda a si puedarès ancje capî:-)
A part i spagnûi cui lôrs oribils cago un dios e i francês cui lôrs plui distints nom de dieu o i merecans cui lôrs gjentîls oh my god, nissun a nol và plui in là che i talians cun lis blestemis e a si contentin di dî cualchi peraulate. Un colmo sa si pense che i stranîrs a considerin le lenghe taliane come le plui armoniche ch'a sêti e che Carlo Quint al diseve che lui le doprave il talian par cjacarâ a es feminis come ch'al doprave il todesc par cjacarâ ai cjavai e a nol à mai dite ch'al doprave il furlan dome par toli pal cûl i triestins:-)
Achi il Gjerman al fâs il todesc ma nus mostre une rôbe tipiche taliane che sa fâs ridi tal inprin parcé ch'a si crôt ch'a i sedi scjampade, a si capís subite ch'a nol sà dî une peraule zence trai un porco e al piert subite in considerazion.Cussí al si svilís. Al anule dutis lis cualitâts ch'al puès fa crodi di vê sint un personagjo public...




Forse, come me, Germano Mosconi da piccolo é stato buttato giù per terra da una suora che credeva di averlo sentito bestemmiare e dopo esser stato accavallato da lei per impedirlo di muoversi, s'é fatto rimpire di pugni e di sberle. Ed é forse da quella volta che ha incominciato a bestemmiare come un carettiere coi cavalli per dimenticare le sberle che aveva preso per niente.
Io invece ho avuto più fortuna. Sono andato all'estero e finché parleró un'altra lingua le bestemmie non só cosa siano. Infatti, uscendo dall'Italia, automaticamente si perde la mania di misciare in bene o in male la religione in tutto quello che si dice o si fa e per forza, se non si bestemmia più, non si và neanche più in chiesa tant'é vero che gli italiani che conosco, di fuori, semmai bestemmiano ancora lo fanno solo in Italiano. Un colmo per uno straniero che considera la nostra lingua una lingua piena di armonici suoni fatta come diceva Carlo Quinto per parlare alle donne come il tedesco lo considerava per parlare ai cavalli!
A parte gli spagnoli con i loro orrendi me cago un dios, i francesi con i loro aristocratici nom de dieu o gl'inglesi con i loro gentili oh my god, nessuno và cosí in là con le omprecazioni come si fa in Italia.
Qua Germano Mosconi fa il tedesco illustrandoci bene come siano le cose. In principio forse noi ridiamo pensando che gli sia scappato un'imprecazione poi si capisce che non sà dire una parola senza aggiungere una bestemmia e più il videografo accatasta i casi e più il personaggio si svilisce e perde il valore che crede di avere essendo un personaggio pubblico.

3 ott 2008

Banche rotte / Bancjis rotis

O spieti ch'a vegni fûr cualchi bancje taliane in dificultât. A stan masse cidins par sei onescj come Berluscon. Intant o mi soi cjapât un biel spachet cun le bancje Fortis ch'a ere le plui grande bancje dal Belgjo e une fra lis 20 plui grandis dal mont. Bancje ch'a veve dute lis plui grandis industriis e sciorons come clients ma ancje puars gnôgnos come me ch'a zùin a fâ i sciors. Par furtune che trê governos a si son mitûts le man tal tacuin e il Belgjo, le Olande e il Lusemburc e an pompât drenti 11 miliarts di euros prime di decidi di nazionalizâ le bancje!
Secont ce che il ministro Tremonti al diseve in avost, a nondé nissun tesaurut e lis cassis a son vueitis. O mi domandi alore cemût che Berluscon al olse dî che nissun talian al pierdarà un sôl euro stant al fat ch'al é piês di Clinton quant ch'al zurave, le man sul cûr, ch'a nol veve fat nissun sès cun chê femine (La Levinsky)
°°° *

Aspetto che escano le banche italiane in difficoltà.C'é troppo silenzio e troppo Berlusconi perché sotto non ci sia niente. Intanto una pauretta me la sono presa con la banca Fortis Bank che prima si chiamava la società generale di Banca ed era la più grande banca del Belgio. Banca che aveva tutte le più grandi industrie e ricconi come clienti ma anche poverelli come me che giocano a fare il ricco. Per fortuna che tre governi, il Belgio, l'Olanda ed il Lussemburgo, per paura di una caduta generale, hanno deciso subito di prender le cose in mano mettendoci dentro 11 miliardi prima di dividerla in tre e di nazionalizzarla.
Secondo ció che il ministro Tremonti diceva in Agosto, non c'é nessun tesoretto nascosto e le casse del tesoro sono vuote. Mi chiedo allora come Berlusconi puó essere cosí sicuro quando dice che i risparmiatori italiani non perderanno neanche un soldo. Sembra a Clinton quando affermava con la mano sul cuore: Non ho mai fatto sesso con quella donna (La Lewinsky)

2 ott 2008

Santo subito !

Tra le cose più tipiche che uno straniero nota in Italia, é la religione che si trova ogni giorno nei media. Non c'é dí che un prete o un vescovo, il papa o iddio lui stesso non venga a far cucù in una pagina o uno schermo dei media italiani.Chi non si ricorda dello slogan lanciato alla morte del papa? Santo subito, e perché no anche Bush? Infondo é riuscito a far credere in dio a tutti gli americani per poter fare una guerra santa raddoppiando in 8 anni, il debito pubblico americano che era già il più alto del mondo.
Ma noi, che abbiamo un dio italiano, non siamo come gli americani. Che sia ingenuità, fanciullagine? Superstizione, Scaramanzia? Abitudine? Propaganda? Senso di colpevolezza? In ogni caso, neanche i media polacacchi in un paese dove si dice che ci siano i matti di dio, non ho visto cose simili. Altro che gli arabi!
Si direbbe che in Italia non si possa far niente senza avere la benedizione della chiesa. Come se non ci si fidasse di noi stessi e che bisognasse sempre chiedere aiuto, soccorso a qualcuno. L'Ultima l'ho trovata qua accanto nel post del Furlan, che rispetto, dove parla della festa dei nonni e che incomincia cosí :Signôr o ti ringraziin di dut chel che o vin vût, ti domandìn di fânus invecjâ cun dignitât, cun serenitât e...(Signore, ti ringraziamo di tutto quello che abbiamo avuto, ti chiediamo di farci invecchiare con dignità, con serenità, e...)Forse non ne ho l'aria ma da piccolo il mio gioco preferito era di imitare un prete a celebrar messe...Perció spero mi scuserete se vi ho offeso.

Enfre lis rôbis tipichis ch'a caraterizin i medias talians e ch'a no si cjate squasit mai in tai medias europeans, a é le religjon. A nondé dí che un prêdi o un vescuf o il diu lui stès a nol vegnedi a fâ cucù in tune pagjine o in tun schermo e da cuant che il web al funzione, ancje su lis pagjinis dai sitos. Sant Subite, a disevin i medias une dí (Erial a proposit di Bush?:-)
Ise ingenuitât? Ise abitudin? Ise propagande? Ise superstizion? Scaramanzie? Isal veramenti parcé che 'l talian a nol sà fâ cence? Dutcâs, nancje i medias in Polonie indulà ch'a son i mats di diu e che lis glêsiis a son ancjemó dutis plenis le domenie, no ai vidût chistis rôbis. Altri che i arabos!
Al si disarès propit che da nô a no si puès fâ nuje cence le benedizion de glêsie.Come sa no si si fidàs di sé stés e ch'al bisugnàs ogni vôlte domandâ ajûts di cualchi bande par sei plui sigûrs. Le ûltime o le ai cjatade achi a diestre tal post dal furlan, ch'o rispiêti, indulà ch'al cjacare sù le fieste dai nônos e al cite une poesie. Par furtune ch'o sin lontans dai ains 50 indulà che al bisugnave ancjemó il permès dal plevan par fâ une sâgre o par fâ un bal. E dî che da piçul, il gno zùc al ere chel di zujâ a fâ il plevan...
Scusait duncje so us ai ofindût.
Credulitât esasperade?

1 ott 2008

Friuli nel mondo

Forsit par mostrâ cemût ch'a si a da fâ a chei che an pôre di fevelâ furlan, il president Santuz,a une domande par talian , al ripuint in furlinglês (Furlan e inglês miscliçâts)! Pardonin il stîl di chest biât Sant ancje s'al fâs ridi o al fâs pene parcé che al somee plui a sior analfabet o puar sclerotic che a un a un sior president e cjalin puitost il sito di Friuli nel mondo, sito, al mi pâr, sussidiât par tignîsi peât cui fogolârs furlans tal mont e difondi le culture e le lenghe furlane! Il sito, nuie da dî, al é avonde ben fat da Paolo Pevere. Al mi displâs dome che lis fotos a vedin simpri chê arie amatoriâl e ch'a nol sedi simpri azornât (Notizie dal Friuli). Daspó, come chi mi lamentavi ancje cule Filologjiche, al e scrit plui par talian che par furlan.
Pal rest o ai sgarfât une pagjine indulà ch'a si puès cjatâ, par inglês, ducj i furlans che an une imprêse tal mont e ch'a passin tal sito e se o cirîs ben o cjatais ancje le mê, ma îsal chest un vantaç? Da doi agns in cà, nissun furlan al à vût bisugne di me:-) Segno che forsite come furlanâr o no soi ben viodût in inglês o che chêst gjornâl al é mâl leiût par no di nuie let tout court che in inglês al ûl dî alcaltri.
Addendum: Il Santuz al é stât finalmentri "demissionât" no pe so incompetence ma pes sôs malversazions. Viodêt achi.
Per i non friulani, metto questo videoclip tratto da una intervista della Tradinvest di Udine, come una pubblicità per l'Ente Friuli nel mondo ma che sembra più a una critica per l'immagine in stile vecchiotto che l'ente vuol dare di sè malgrado gli sforzi del webmaster per dare un'idea più moderna attraverso il sito.
L'ente, che ha più di 50 anni, é, sussidiata dalla regione per mantenere i contatti fra i differenti fogolârs friulani nel mondo e la diffusione della cultura e la lingua friulana che oddio, si fa quasi esclusivamente in italiano:-). Quello che trovo più innovativo peró é la pagina Made by Furlans, che elenca gratuitamente tutte le ditte del mondo che hanno un imprenditore friulano e che...passano nel sito.Ma quanti passano? Si potrebbe chiederlo.In ogni caso, dopo due anni, la mia ditta non ha mai ricevuto un'eco da questo sito.
 Stessa cosa per sapere quanti veri fogolârs ci sono e quanti sono i veri membri perché, se vedessero di cosa si tratta, di sicuro non ne sarebbero fieri e lascierebbero perdere questo Friuli nel mondo e questo mondo friulano. Sarebbe comunque interessante se si scoprisse che i sussidi non servono che a dare un impiego fittizio a della gente che non é neanche qualificata e che come questo, sembra a un vecchio rimasto al punto di partenza di 50 anni fa allorché, di sicuro i sussidi sono aumentati di anno in anno.