I miei Video clips furlans

Loading...

07 gen 2009

L'imigrât clandestin / L'extracomunitario

Alore, chei ch'a crodin che stant di fûr a no san capî nuje di ce ch'al sucêt di drenti jó o varès voe di dî che di drenti al sucêt simpri mancul di ce ch'al puès sucedi di fûr.
In Italie, di sigûr, a saran aromai ce tancj comunitaris o extracomunitaris che achi da me e forsit o puedarès vê vût le stesse esperience stant in Friûl. Ah si? Viodêt vulatris.
Dîs ains indaûr o vevi cjapât sù un zovin rumen par lavorâ da me.A nol cognosseve nuje ma o ai vidût subite ch'al veve buine volontât e ancje un bon caratar par intindisi sêti cun me che cun chei âltris. Al é restât da me 4 ains. Daspó al é lât a lavorâ in Spagne, in France, in Inghiltere e fintramai 6 mês in Italie des bandis di Pescara.(Cuâl mamon talian puedaressial fâ tant?) 
Di tant in tant al mi mandave une cartuline. Doi mês fa, al é vignût a cjatâmi. Al jere deventât lui stès un paron ch'al dave lavôr a 30 operaris. Vuê al jere il dí di Nedâl pai ortodós come lui e al mi veve invidât a mangjâ.
Al jere sorprês di viodimi  e al mi à fintramai ringraziât di vê acetât il so invît. Jó o vevi voe di viodi cemût che da piçul emigrât clandestin al si jere fat un puèst tal sorêli e lui al voleve mostrâmi cemût ch'al jere rivât a meti in pratiche ce ch'al veve imparât da me. Jó o jeri sorprês parcé ch'o no i vevi insegnât nuie. O lu vevi juste tratât da amîc e no da operari.
Cussí o ai podût zerçâ le polente rumene ch'a si clame Mamaliga e ae gastronomie rumene massedade cun chê ucrainiane, russe e gjeorgiane par vie de 15ine di amîcs di ogni sorte ch'andere lí a mangjâ cun nô. Sa us plâs di bevi e mangjâ in companie come a mi, le esperience a valeve le pene. No crodarês ma da lôr, ancje sa son ortodós, a no an nissune pôre di stonâ cun lis regulis e us puès dome dî che 5 oris dopo, lis feminis e i omps a jerin ducj compagns: Le cinturie disfate e fintramai le butêghe viarte par fâ puèst ae panse ch'a no saveve plui dulà metisi. Inutil dîus che nissun al veve plui puèst par parâ jù ancje il dôlç.Enfre il vin puartât de France e chel de Austrie, chel de Spagne e chel da l'Italie ch'o vevi puartât jó, o ai podût salvâmi cun tun café fat ae turche e rivâ a cjase san e salf.
Jó o no sai ce che i nestris governos a stan fasint ma invesit di favoregjâ a sei tolerants cui estremiscj musulmans ch'a vegnin a fâ casin da nô al sarès miôr di zirâsi viers l'est e mandâ a cagâ i merecans e i inglês che an pôre che cun lôr l'Europe a deventi masse fuarte. 
Chestis considerazions fatis cun le panse plene, naturalmenti, a puedaressin gambiâ vie pe gnot so mi svèi cun tune sêt ma intant o soi convint che i slâfs a sêtin plui fradis di nô che cuicusêti.
 Cumó o varès di ricevi un invît par festegjâ il prin dal ant cinês e che diu nus vuardi so no torni cun le cinture viarte e so no piert i bregons pe strade. Intant us dîs Nadarovie!


Ho già avuto cualche sparatoria tra queste righe con dei compagni di blog per via degli zingari rumeni ma tra quello che dico per non fare come tutti e quello che faccio per far quello che mi piace c'é sempre una differenza. Fattostà che oggi, si festeggia il natale ortodosso. E chissenefrega? Infatti, se si conta che dalla preistoria in qua ci sono state duecentomila generazioni, chissà quanti dei e quante religioni differenti ci sono state...Perché le religioni attuali dovrebbero essere meglio o superiori? Lasciamo stare.
Invece di essere contro tutte le religioni, perché non festeggiarle tutte?
Dunque, ero invitato a pranzo da una famiglia di rumeni. Molti rumeni, hanno dei familiari ucraini e molti ucraini hanno dei familiari georgiani o russi e dunque avrei potuto incontrare a tavola anche Putin. Invece niente, solo gente semplice ma cordiale, generosa, calorosa e estremamente umana. La storia dovrei farla incominciare 10 anni fa quando raccolsi un rumeno clandestino sui 18 anni. Non conosceva niente di niente ma aveva una gran voglia di imparare,  un buon carattere per non prendersela né con me se ero troppo esigente né coi compagni gelosi. Lui era sempre daccordo e allora per le mostre o i recapiti lo portavo con me in tutti i paesi d'Europa. Ma dopo 4 anni, decise lostesso di andarsene per conto proprio e finí in Spagna, poi in Francia, poi in Italia, in Austria e finalmente due mesi fà é venuto a salutarmi e per chiedermi se avevo lavoro da dare a uno o due dei  trenta operai della sua ditta...(Chi, di tutti i mammoni italiani, potrebbe farne altrettanto?). 
Contento di poterlo aiutare di nuovo, abbiamo fatto qualche affare insieme e non é detto che non ne faremo ancora poiché, per fare un buon affare, l'affare dev'essere proficuo per ambedue le parti altrimenti si fa solo una volta, no?
 A pranzo con loro, ho dovuto tirar fuori dalla mia memoria tutto ció che sapevo in lingue slave e tra il vino di tutte le nazionalità e le specialità di tutti i paesi dell'est ho perso spesso il filo perché da loro, un pranzo dura al minimo cinque ore e quando si esce si rischia di perder i calzoni per strada perché dopo aver aperto la cinturia e lo zip della bottega per lasciare il ventre esprimere i rotondi sorrisi, il camminare diventa penoso.
Comunque, le grande tavolate mi sono sempre piaciute. La prossima sarà per l'anno nuovo ortodosso e poi quello cinese. Nel frattempo: Nasdarovie!

Nessun commento: