I miei Video clips furlans

Loading...

09 feb 2009

Poesie Furlane / Poesia friulana

Poesie di Nedâl / Poesia di Natale in friulano a questo link

L'insium di Agne Lene. Il sogno di zia Lena

Us lassi in so companie . Vi lascio in sua compagnia.

Coments /Commenti
 Cui enfre i vêrs e i fâls le ae dite plui juste?
Chi, tra i veri e i falsi commenti l'ha detta più giusta?


Bruno Pizzul: Le plui biele cjançon furlane ch'o vedi sintût da cuant ch'o soi in pension.
Furio Honsel: Agne Lene? Le cjançon ch'a mi rilasse di plui da cuant ch'o soi deventât sindic di Udin.
Radio Carnia: Non accettiamo canzoni etniche ma questa non si puó lasciar da parte.
Radio Friuli  : Ce spietistu di presentâle al concors premi Friûl?
Anonim cjargniel:Cji prei no sta a presentâla al Premi friûl ch'a é massa biela par sei selezionada.
Renzo Tondo : Ancje s'al scrîf in furlan, nol puedarès scrivi cussí sa nol fos cjargnel.
Ricc.Illy          : Mi é sembrato capire che lei ama Trieste. A quando la versione in triestino?
Contecurte  : Ch'a sedi une vere o une false agne, agne Lene a continue d'ispirâ l'autôr.
Il Furlanist: Sa tu puedarès netâ fûr un tinin cualchi alc, a sarès une cjançon perfete. 
Cîl Glaçât   : A gno gust, no é dal gjenar ch'al mi plâs di plui, ma é biele d'istès.
Chistian      : Biele e vonde.
Ninine          : Vonde Biele.
Furlan         : Ma satu che scuâsit a mi plasarès? Si, si.
Eco di Udin : Cun tune cjançon cussi o cji perdoni se a ti no cji van i singars.
Napoletane : Aó, gualió, ma tu sei napoletà!
Capucine     : Ho sempre pensato che sotto la poesia c'é un filo che porta alla filosofia.
Strassoldo: Congratulazions:Peccato che non sono più presidente per decidere chi sussidiare.
Un parroco  :Bella come una grande ave Maria. Basterebbe cambiare le parole!
Quincy Jones: Hey, black ass hole, this is a real gospel song. Why you didn't ask me an arrangment before?
Anonimo     : Cagon. S'a no tu le âs copiade di cualchi bande a é une biele cjançon.
Udin Ultras : Eh, ma tu tu sês chel di Fuarce Udin. Fuart! ...Ma masse flap pal gno gust.
Glauco Venier:Si, tutto si trova nella melodia.Se ho tempo ne faró una versione a modo mio.
Daniele     : Io non parlo il friulano ma lo capisco bene e la tua canzone mi tocca davvero quà.
CG del Coro FVG : La ghe mandi al nostro maestro che la metemo nel nostro repertorio.
IlGazzettino: Peccato che la canzone sia in friulano, potrebbe sfondare in Italia.
IlMessaggero: Nuova canzone friulana? Appuntamento come ogni primo martedí del mese nella rubrica friulana del Messaggero.
Il Piccolo  : Peccato che non ci sia una versione in triestino.Sembra a Vola colomba bianca vola.
Fulvio Romanin  : Po ben cusin, chisto vôlto tu la âs azecado!
Sindic di Prât: Siamo fieri che questa canzone sia dedicata a Agna Lena che come tutti sanno é di Prato Carnico.
Celine Dion : Elle à la même douceur mélancolique que Wanderful Day de Louis Armstrong. J'adore!
Charles Aznavour: Finalement il y a qualqu'un pour prendre la relève en France avec des vraies chansons.Mais il faut une version française.
Paul McCartney: How nice if you could made this song in the sixties!
Julio Iglesias: Me gusta mucho esto romanticismo, peró me gustaria màs de cantar la cancion sin los coros.
Ewa Jaworowska: Czescz, Dlaczego nié zrobisz tan piasenka po polsku?
Mila Da Ronco: Finalmente una canzone romantica legata alla tradizione friulana. Speriamo che serva d'esempio a molti altri.
Un cu le maùte : Mi pâr di vê zà sintût chiste vilote da cualchi bande. Ise une dal Zampa?
Bruno Furlan: Eh demier ma a no tu cji misfer mai! Meda a mi ch'o le fâs in cêsfran.
Un politic anonim : Di ce bande votistu tu? Ten cun me ch'o tegnarai cun te.
Drumer Gandhi : A tu sarâs un bon melodist ma pe baterie a tu varès dovût telefonâmi.
I Musicologi : In principio credevo fosse uno scherzo perché tutti gli strumenti sono in midi. Un musicista:Dovresti trovare dei musicisti per fare una versione con veri strumenti. Perché non la dai a Aldo Rossi? 
Un musicologo: La tua composizione é ottima ma l'ideale sarebbe di farla cantare da Dario Zampa o Aldo Rossi con gli arrangiamenti di Glauco Venier e i cori del FVG.
Done Bete: M'impensi di cuant ch'o eri piçule. O vevi une agne ch'a  someave spacade ae tô.
Gjino : A somee a un toc di operete. Ma ancje il video a nol é mâl.

 Zia Lena (Traduz. Mara Clocchiatti)
Se il sole si alza al mattino
La sua luce arriva prima da lei
E se oggi é uscita presto
Le ha fatto i capelli bianchi ancora più belli

Oggi é la festa di Zia Lena
Lo si sente nel suono delle campane
e nel campanaro che si dà da fare
per farle suonare meglio

Prima che il sole asciughi la rugiada
Zia Lena si mette in ginocchi
E mentre taglia il radicchio accovacciata
C'é qualcuno che suona e bussa al portone

Qualcuno gli ha mandato una cartolina
E quello sciocco di postino l'ha baciata
Veramente...Lei se n'era ben dimenticata
Ma adesso sà cosa deve fare.

Coglie i più bei fiori, ne fa un mazzetto
E se ne và verso il cimitero
Per la sua festa lei celebra l'anniversario
Della sua gente, di suo marito, da qualche tempo

Anche se non torna per la merenda
Noi l'aspetteremo in casa fino a cena
Come fossimo rondini sotto il tetto
 Festeggeremo nostra zia Lena


La zia Lena esiste veramente. E quella zia remota che tutti hanno nel loro cuore. Qualche volta é la zia del vicino o la zia di una zia e non proprio la sorella dei propri genitori. Se poi lo fosse, si chiamerebbe zia anche per loro. Si diventa zia come si diventa madrina o padrino.
Spesso, é la stessa cosa. I padrini sono quelli che alla prima comunione ti offrono il tuo primo orologio e poi spariscono nel nulla mentre lei rimane zia per tutta la tua vita e perfino per i tuoi amici che non hanno mai avuto nessuna zia. Con lei, quello che ti dice tua madre lo capisci meglio. Anzi, incominci a capire anche quello che ti dicevano i nonni. Del resto, se tuo padre non ti dice niente é perché sà che te lo dice la zia. Lei parla solo in friulano carnico ma riesce a farsi capire anche se tu sei nato all'estero. Anche se tu diventi nonno o nonna, la zia rimane sempre quella e sarà per sempre La zia di tutti i friulani. Tu invecchi ma lei no.
Avrà qualche ruga in più e qualche acciacco ogni mattino ma sarà ancora lei che t'inviterà a ballare il giorno del tuo anniversario e del suo. Quel giorno, non lo mancare.

La mia zia Lena, é nata scrivendo questo blog. Non che l'abbia inventata, é una vera zia che c'era in mé e che ho trascurato per anni senza rendermi conto della sua presenza.
Per questo, per scusarmi con lei, non potevo far a meno di dedicarle anche una canzone.
Glielà faró ascoltare per il suo prossimo anniversario. E una canzone da cantare
 come si faceva una volta tra amici per condividere un momento di poesia, di emozione, di tenerezza senza altro bisogno che la propria voce che aggiunta a quella di tutti i cugini e amici riuniti per l'occasione, sarà di sicuro la più bella canzone per tutti i friulani per i quali tornare da Zia Lena é sinonimo di tornare a casa, tornare in Friuli.

Agne Lene

Se 'l soreli al si jeve di buinore
Al bat prime le sô lûs aí di jei
E se vuê a é vignude fûr adore
A i fat i cjavei blancs ancje plui biei

Vuê al é il dí de fieste d'agne Lene
E a si lu sint tal son da lis cjampanis
A si viôt che 'l cjampanâr si dà la pene
E cussí lis fâs sunâ plui bielis

 Prime che 'l sorêli al sùi le rosade
Agne Lene a si met in genoglons
Tant ch'a tae sù 'l lidric insgrufuiade
Andé un ch'al sune e tuche tal puarton


Andé chei che i àn mandât 'ne cartuline
E chel mone di puestin le à bussade
Veramenti si ere ben dismenteade
Ma cumó a sà ce ch'a à di fâ, di fâ...

A fâs sù 'n macèt di rôsis di chês bielis
E a s'invie al simiteri daurman
Pe so fiest jê a fâ l'aniversari
De sô int, dal so om, da cualchi ant

Ancje se jê no ven dongje pe marinde
Nô le spietarín aí fin sôrecene
Come ch'a si fòs sisilis sot de linde
O festegjarin nestr'agne Lene.

Altris contis / Altri racconti su Agne Lene


5 commenti:

Anonimo ha detto...

Jaio, io vevi dôs agnis vedranis, sôr di miò nonu, Marie e Rusine che, ormai vecjs, erin vignudis a vivi in Friûl ma a erin originaris di Trevîs. Le agne Marie, pa le me prime cumunion, ere vignude da Treivîs fin a Palazôl in biciclete par partami une curunute e atris regaluz. Chel ca mi fas ancjemò comovi a lè il ricuard di un mazulinut di viulutis ca veve cjapat sù tal siò zardin.
Quant che cun miò pari e me mari lavin a cjatalis, "li ziis Mariis" (i davin un nom coletîf!), a mì e me sôr a nus racomandavin simpri di no vè vanitâz. No dôs, invezi, lavin simpri a voltà un spilut che lôr a tignivin parsore di una minsulute, zirât viars il bas. A mi disevin che il miò nom, Giovanna, a l'ere chel di une sante da le nostre famee ... cuissà ... magari a sarà stade le Beade Giovanna Maria Bonomo, nade a Asiago il 15 avost dal 1606, cusì come che a Asiago ere nade le mè bisnone Angelica. Grazie, Jaio, pa le bieleze dai ricuarz che tu mi as regalât.

Anonimo ha detto...

il post parsore lu ai scrit iò, Done Bete, Mandi

Anonimo ha detto...

che belle immagini della zia Lena...
mandi Jaio :-)
capucine

Anonimo ha detto...

biele, bielissime,bra^f

Jaio Furlanâr ha detto...

GRaziis Done Bete.O soi un grum leât ai ricuarts ancje jó e par chel o cîr di creâ storiutis cun lôr.

Grazie Capucine, ho cercato di mettere insieme qualche ricordo per farne un personaggio.