I miei Video clips furlans

Loading...

02 mar 2009

Bearzi, Bearzot, bearç, Bearzatti

Il Bearzi é una scuola di Udine e il nome Bearzot lo conoscete, no? Questi nomi friulani vengono dal "beàrç" , l'orto vicino a casa. Da lí, viene anche il nome Bearzatti di Francesco. Questo jazzman l'ho scoperto viaggiando per la Francia una notte che ascoltavo la radio. C'era un vero concerto dedicato a Tina Modotti dal titolo: Tinissima. Bisogna dire che da quando é morta nel 1942, per trent'anni, é stata ignorata e dimenticata ma la sua biografia ispira da un pó di tempo un sacco di artisti di ogni disciplina e non dico che non faró niente ma qua vi dovete prima trovare il CD di Bearzatti. Un vero capolovaroro. Una meraviglia. Una vera biografia musicale fatta col suo sassofono o il suo clarinetto e accompagnato divinamente da un quartetto molto compatto e coerente. Per il CD vedete qua..
Non rischiate niente perché il Bearzatti non é conosciuto in Friuli e questo, ve lo dico io da friulano: E un segno di qualità!     
- In concerto a Grenoble il 26 marzo
 -In concerto a Bergamo il 17 aprile
- In concerto a Udine: Vêso comprât il so CD? Alore nuje!
Altri 46 concerti qua:-)
Il Bearzi e il Bearzot o cognossês ma il Bearç e Bearzatti, cognossêso?
Il Bearç al sarès l'ort, le braide. Bearezatti al é un jazzman furlan ch'al à
fat cul so quartet dut un CD dedeât a Tina Modotti. Lu ai sintût ae radio tant ch'o lavi ator le gnot jù pe France e o ai da dî che ogni toc al é une vere meravee. Un capolavôr. Nissune smorfie. Al é dut bon. Une vere biografie musicâl sù le Modot. 
Cun tun nón cussí, Francesc Bearzàt a nol podeve che sei furlan e par no sei cognossût in Friûl, a nol podeve che sei un grant artist. Si, o disarês ch'o fâs l'ironic ma al é cussí, al é simpri stât cussí e tant ch'a no si gambie di mentalitât al sarà simpri compagn. Daspó, o vin chiste manie di viodi mâl e di stuart in tal sanc, tal DNA. Cjalait bielzà bearç ch'al devente pegjoratîf cun Bearzot e cun Bearzat. Cuissà ce sfuarçs par saltâ fûr di aí vé, chei doi!
Sa fossin nassûts in Toscane a si saressin forsit clamâts in tune maniêre plui ninine Bearzini o Bearzetti par no dî Bearzello o Bearzetto.
Ma nó, nuje, da nô, a si scuen scrivi cu le pale e il picon e dâ un colp a chel mone di Bearzot par ch'al rimi dome cun verzot e a di chel brut Bearzàt che s'al vès di rimâ cun alc, l'ort a nol sarès biel avonde. Dutcâs, se chiste manie di mandâ a cagâ ducj fin de nassite ch'a àn i furlans a continue, a no é colpe
mê. Us dîs che chest Bearzatti al é un grant artist ancje se lis brutis lenghis a disaràs ch'al  ven fûr dome dal conservatori di Udin:-)
 Faseit cumó ce ch'o voleis. Viodêt che tal so repertori andé ancje Mandi Friûl. Che chest al sedi premonitori parcé che in Friûl a nol tornarà plui. Dome le storie a nu lu disarà. Ma so vês bielzà il rimuars di no vê amancul sintût chest toc, ch'al é il plui biel, faseitlu subite, parce che s'al mûr doman, al mûr ancjemó un toc di Friûl e no varês fat nuje pe vuestre patrie.

2 commenti:

Done Bete ha detto...

Francesco Bearzotti ai vut mot di scoltalu tancju ains fà, par mert di Gino Comisso e dai fis Angelo e Francesco.

Jaio ha detto...

Ho, amancul une furlane a lu cognós!