I miei Video clips furlans

Loading...

12 mar 2009

Benigni a Bruxelles

Ae fin dal spetacul le int aé sclopade cun tun aplauso che forsit nancje lui a nol si spietave. Al lave di une bande a chê âltre, al si fermave e al inchinave il cjâf scuâsit fint tai zenôis. Al someave ch'al si scusàs. Al é vêr che ducj a si spietavin di vê da ridi dal prinzipi ae fin e invesit, a mieze strade,come tal film "La vita é bella" al veve pôc a pôc gambiât di ton. Il scenografo a lu veve seguît e al veve gambiât lis lûs e il font al ere deventât rós vîf come il fuc dal infièr.
Lui, dopo un moment  di concentrazion al scomençave le recite dal quint cjant de divine comedie indulà che Francesca Polenta e Pauli Malatesta ai contin il lôr pecjât di amôr.
Là, nissun a se spietave.O savin che Dante, al veve 20 ains tal 1283 cuant ch'al à scrit
chiste part de divine comedie. 20 ains! Par fuarce che a chê etât aí a si puès ancjemó svignî di emozion e al é svignût. E par fuarce che Benigni, al voleve trasmetinus chiste emozion. Ma cemût îsal rivât? Dome cun le recite. Lis inflessions in te vôs, lis pausis, le declamazion, il ritmo ch'al acelerave o ralentave seont ce ch'al sintive.
Par chest, al scuignive cognossi dut il cjant a memorie e ce ben ch'a lu saveve! Ae fin, andé stât un atim di esitazion de bande dal public. Il timp di dîsisi ch'al podeve aplaudî
e di gleti jù le emozion ch'a vevin tal gargat e alore ducj impins a aplaudî come mats. Cualchidun cun lis lâgrimis tai vôi e no dome lis feminis. Ancje jó!


Un responsabile fiammingo gli aveva raccomandato di dire qualche parola in fiammingo e lui le ha dette. Naturalmente per farci ridere. Non troppo peró perché dice che é stato fatto dottore onoris causa dalla KUL università di Lovanio e... non puó troppo prenderli in giro. La cerimonia duró una giornata perché ogni discorso doveva essere tradotto in tre lingue prima di procedere al seguente...
Poi, sebbene tutto il teatro sia stato pieno zeppo di italiani ha continuato il suo spettacolo in francese. Ma il pubblico ha riso lo stesso fin dall'entrata sul palco fatta a mó di Vita é bella. Vi ricordate quando se ne và tra le guardie del campo facendo lo sciocco mentre suo figlio lo guarda per la buca da lettere? Cosí! Questo, l'ho capito dopo dove voleva arrivare. Quando a mezzo spettacolo ha cambiato tono per farci entrare nella divina commedia. Là, s'é preso un'aria da drammatico che ha lasciato tutti senza fiato. Ci portava all'inferno con Dante e Virgilio. Francesca Polenta e Paolo Malatesta ci raccontavano il perché con le parole di Dante che spesso non capisci ma dette cosí come lo ha recitato lui, capisci anche il perché Dante che all'epoca era solo ventenne, sviene dall'emozione.
Grande quest'ometto di 50 chili di nervi e d'intelligenza che puó far di noi quello che vuole e in qualsiasi lingua. Leggete l'articolo nel blog delle sue ammiratrici francesi.
Articolo correlato in Francese

Nessun commento: