I miei Video clips furlans

Loading...

15 mar 2009

Royal Boch

Royal Boch a é stade creade tal 1841 e no é le prime vôlte ch'a fâs faliment.Ancje jê, chiste vôlte a é lade jù definitivamenti.
O soi stât a visitâ le fabriche di ceramichis jar. Al si varès dite che da cuant che le fabriche a é stade fate sù, a é restade tâ e cuâl tal mieç  di un terèn abandonât e che nissun al à mai sblancjât i mûrs o netât fûr il curtîl. Lis colezions di ceramichis compagn: A somein ch'a sêtin simpri chês da plui di 50 agns. Par fuarce che a veve di colâ. Cemût resisti ae concurince?
Drenti e fûr, lis bandiêris dai sindacâts no svintulin parcé il vint a nol sofle par mostrâ le sconfite. Une fotografe, par fâsi un tininin di publicitât e à cjatât une idee:
Fotografâ ogni operari e fâ un manifest da esponi tor ator. A la Louvière, un grum di talians de tiarce generazion no son rivâts a fâ le lôr imprêse come Franco Dragone e a pierdin il puèst.

Royal Boch é una fabbrica di stoviglie creata nel 1843. S'era guadagnata una fama internazionale con le sue ceramiche di qualità ma purtroppo di pessimo gusto e che sia per la crisi o per via della concorrenza, l'azienda é caduta in fallimento. Morte tua vita mea, no? Cosí, come tutti, via a vedere cosa c'é da comperare a basso prezzo. Bene, credetemi: Niente di niente.  M'é spiaciuto di vedere quanto la ditta fosse mal tenuta. Si direbbe una ditta abbandonata da cento anni in un terreno incolto e invece, fino a qualche settimana fà c'erano ancora 50 operai tra i quali molti italiani figli o nipoti dei minatori emigrati a La Louviere dopo la guerra.
Tristezza e desolazione nel vedere le bandiere dei sindacati che sembravano indicare la sconfitta ed anche la scielta macabra di una fotografa di mostrare uno per una tutti gli operai e operaie che perdono il posto. Il sole, diceva Charles Aznavour, rende la miseria meno insopportabile, ma io credo che sia ancora peggio.

Nessun commento: